La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Con la collaborazione di ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI SEZIONE DI ROMA LA REPUBBLICA SIAMO NOI La Costituzione nella vita e la vita nella Costituzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Con la collaborazione di ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI SEZIONE DI ROMA LA REPUBBLICA SIAMO NOI La Costituzione nella vita e la vita nella Costituzione."— Transcript della presentazione:

1 con la collaborazione di ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI SEZIONE DI ROMA LA REPUBBLICA SIAMO NOI La Costituzione nella vita e la vita nella Costituzione Pomezia 11 Gennaio 2011 La lotta di Liberazione e la nascita dellItalia repubblicana Liceo Blaise Pascal

2 Perché questi incontri La Costituzione è la carta che definisce forma e struttura della nostra società, ne indica le aspirazioni e i valori fondamentali, ne stabilisce le regole e ne descrive il carattere Parliamo di noi, del nostro passato e del nostro futuro alla perenne ricerca di un equilibrio tra persona e sovranità. Aforismi indiani La terra non ci è data in eredità dai nostri genitori ma in prestito dai nostri figli Quando lultimo albero sarà stato abbattuto, lultimo fiume avvelenato, lultimo pesce pescato, vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.

3 Legalità conformità alle prescrizioni della legge Giustizia la virtù rappresentata dalla volontà di riconoscere e rispettare il diritto di ognuno mediante lattribuzione di quanto gli è dovuto secondo la ragione e la legge Giustizia Sociale Il fine assegnato alla politica sociale ed economica di garantire leguaglianza dei diritti di tutti i cittadini, la libera esplicitazione della loro personalità Sovranità elementi costitutivi

4 Sovranità nello Stato Moderno concezione giusnaturalistica e contrattualistica elaborata da Hobbes ( ) a Rousseau ( ) il politico non è inteso come un ordine immutabile che discende dallalto, ma è visto come una costruzione artificiale che si crea dal basso, ad opera di un libero accordo tra gli esseri umani. Perché esista una società organizzata, occorre che vi sia allorigine il progetto liberamente e razionalmente perseguito dagli individui di porre fine alla condizione prepolitica dello Stato di natura e di procedere alla formazione delle istituzioni civili, di modo che i diritti di ciascuno siano salvaguardati da un assetto di leggi positive. Lo Stato diviene il prodotto di una contrattazione volontaria, non ha altra forma di legittimazione allinfuori del consenso dei singoli e trova il suo limite nella finalità per la quale è stato fondato, che è quella di proteggere le libertà di tutti i cittadini. le leggi di natura sono quindi i precetti di un'etica razionale della reciprocità, ed il contratto rappresenta la garanzia del loro rispetto.

5 tra il Seicento e letà dei diritti Rapporti tra sovrani improntati al do ut des secondo un principio di reciprocità valido anche per regolare violazioni Popoli oggetto del dominio dei sovrani Individui non contano salvo comestranieri potenziali beneficiari di norme tra Sovrani Unici individui riconosciuti come il Male sono i PIRATI

6 Giustizia nelletà dei diritti un contenuto in continua evoluzione Kant Da Metafisica dei costumi (1797) Luomo considerato nel sistema della natura […] è un essere di importanza mediocre ed ha un valore modesto […]. Ma considerato come persona […], luomo è al di sopra di qualunque prezzo. Perché da questo punto di vista […], egli non può essere considerato come un mezzo per i fini altrui, o anche per i propri fini, ma come un fine in se stesso, e cioè egli possiede una dignità (un valore interiore assoluto) mediante cui costringe tutte le altre creature ragionevoli al rispetto della sua persona e può misurarsi con ciascuna di esse e considerarsi eguale ad esse. Applicazione pratica: Il caso del nano

7 Libertà e Giustizia da I.Kant, Metafisica dei costumi, (1797) Il Diritto (nel senso dellordinamento giuridico di uno Stato) esprime « le condizioni alle quali la volontà di ognuno può accordarsi con la volontà di ogni altro secondo una legge universale di libertà » «Se la giustizia scompare, non ha più alcun valore che vivano uomini sulla terra.»

8 Giustizia nelletà dei doveri Doveri nei confronti dellAltro: esseri e cose da Roberta De Monticelli, La questione civile «Se giustezza in questo senso è lesatta misura del dovuto a un essere (per esempio la giusta altezza di una nota, la giusta misura di una lezione), la giustizia nel senso più profondo o specifico si ha quando lessere cui è dovuto il suo è un essere umano. Ma in tutti i casi giustizia è la norma di un dovuto, di un dovuto indipendente dal volere umano, e al quale il volere umano può non conformarsi, ma dovrebbe farlo: un dovere.» da S.Weil, La prima radice, (1943) «La nozione di obbligo sovrasta quella di diritto, che le è relativa e subordinata. Un diritto non è efficace di per sé, ma solo attraverso lobbligo cui corrisponde; ladempimento effettivo di un diritto non proviene da chi lo possiede, bensì dagli altri uomini che si riconoscono, nei suoi confronti, obbligati a qualcosa.»

9 Regole e Sovranità Le regole sono lobbligo di riconoscere il dovuto espresso dalle leggi vigenti. Questo «dover essere» proprio delle persone e delle cose esprime una esigenza ideale. Non tutte le esigenze ideali sono regole. Non tutte le regole sono esigenze ideali. Le esigenze ideali definiscono il campo di battaglia della politica. Articolo 3 È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

10 Aforismi indiani La terra non ci è data in eredità dai nostri genitori ma in prestito dai nostri figli Quando lultimo albero sarà stato abbattuto, lultimo fiume avvelenato, lultimo pesce pescato, vi accorgerete che non si può mangiare il denaro. La Costituzione è la carta che definisce forma e struttura della nostra società, ne indica le aspirazioni e i valori fondamentali, ne stabilisce le regole e ne descrive il carattere

11 Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni Eleanor Roosvelt Presidente Commissione Onu Dichiarazione universale dei diritti delluomo LA COSTITUZIONE E LA LEGGE DELLE LEGGI CHE DA UN QUADRO DI RIFERIMENTO PER RICERCARE SOLUZIONI ALLE SFIDE ATTUALI. NON ESISTONO SOLUZIONI CERTE PREDEFINITE. DEVONO ESSERE COMPATIBILI CON I PRINCIPI IN ESSA CONTENUTI Costituzione rigida per difendere ed impegnare

12 Borsa di Studio ANM Sezione di Roma Criteri di valutazione riferimento ai valori – principi della Costituzione non solo dal punto di vista formale (come enunciati di una istituzione che non verifica – controlla i risultati della loro applicazione - disapplicazione) ma anche dal punto di vista sostanziale per gli effetti che la loro applicazione o disapplicazione ha sulla vita delle persone e della comunità (di appartenenza di cui si condividono progetti, regole e destini) riferimento a fatti (sia del passato che di cronaca o anche inventati) di vita vissuta per analizzare comportamenti individuali e collettivi a sfondo sociale politico Creatività e originalità nella valutazione delle situazioni e delle soluzioni proponibili (non conformiste) in ambito costituzionale

13 Quali canzoni volete cantare? Don ChisciotteDon Chisciotte di F. Guccini Pane e coraggioPane e coraggio di Ivano Fossati ImagineImagine di John Lennon One LoveOne Love Bob Marley Get up Stand upGet up Stand up Bob Marley CyranoCyrano di Francesco Guccini Eppur soffiaEppur soffia Pierangelo Bertoli Il testamento di TitoIl testamento di Tito Fabrizio De Andrè La guerra di PieroLa guerra di Piero Fabrizio De Andrè


Scaricare ppt "Con la collaborazione di ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI SEZIONE DI ROMA LA REPUBBLICA SIAMO NOI La Costituzione nella vita e la vita nella Costituzione."

Presentazioni simili


Annunci Google