La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La gestione economica e il reddito Dipartimento di economia aziendale IPSSCT Ceci - Cupra Marittima 1999.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La gestione economica e il reddito Dipartimento di economia aziendale IPSSCT Ceci - Cupra Marittima 1999."— Transcript della presentazione:

1 La gestione economica e il reddito Dipartimento di economia aziendale IPSSCT Ceci - Cupra Marittima 1999

2 I costi e ricavi 1 Il costo è la spesa che lazienda sostiene per acquisire i fattori necessari alla sua attività. –La spesa è misurata con luscita di denaro o il debito che sorge verso il fornitore; –Attenzione! perché si usa il termine acquisire e non acquistare? Perché non tutti i fattori vengono acquistati in proprietà; alcuni vengono presi, come abbiamo già visto, in locazione (leasing). –I fattori produttivi, come ben sapete, sono i macchinari, i mobili, le merci, gli automezzi, i serivizi, ecc. Il ricavo è il compenso che spetta allazienda per la vendita dei beni e/o la prestazione di servizi –anche il ricavo, quindi, è misurato con un movimento di denaro, questa volta in entrata o il credito che sorge nei confronti di un cliente. –Rispetto alla definizione contenuta nel testo fate attenzione a e/o perché le aziende o vendono beni (da loro prodotti o acquistati per rivenderli) o offrono servizi (trasporti, finanziamenti, consulenze,ecc.).

3 La classificazione dei costi 2/1 Costi Pluriennali Fatt. Immateriali: costi dimpianto, diritti da., avviamento, brevetti, ecc. Fatt. materiali: terreni, fabbricati, automezzi, macchine dufficio, ecc. Costi relativi alle merci az. mercantili: merci az. industriali: materie prime, di consumo, sussidiarie, semilavorati, prodotti finiti. Costi relativi a beni di terzi affitto di fabbricati: fitti passivi locazione di fattori: canoni leasing Immobilizzazioni Merci fitti, leasing

4 La classificazione dei costi 2/2 Costi del lavoro Salari e stipendi (salari- operai / stipendi - impiegati) oneri sociali, TFR, 13^, 14^ ecc. Costi per servizi Spese di trasporto, consulenza, vigilanza, pubblicità, postali, energia, telefono, acqua, assicurazione, incasso, ecc. Costi finanziari Interessi passivi su: c/c bancari, mutui, sovvenzioni, debiti v/ fornitori, obbligazioni, ecc. Costi fiscali Imposte: sul reddito, di bollo, di registro, ICI, ICIAP, ecc; tasse: sugli autoveicoli, N.U., di bollo, ecc. Lavoro Servizi Interessi Imposte e tasse

5 Classificazione dei ricavi 3 Ricavi provenienti dalle vendite dei prodotti o merci Vendita delle merci da parte del negoziante Vendita dei prodotti finiti, sottoprodotti per lindustria Prestazioni di servizi (trasporto, consulenza, ecc.) Proventi vari fitti attivi, provvigioni, risarcimenti, ecc. Ricavi finanziari Interessi attivi su: c/c bancari, postali, titoli, mutui ed altri prestiti, su clienti, ecc. Ricavi derivanti dalla vendita di beni strumentali Vendita di: fabbricati, impianti, macchine, automezzi, brevetti, ecc. Vendite affitti interessi smobilizzi

6 Lequilibrio economico 4 Abbiamo visto che unazienda ha molte voci di costi e poche di ricavi. Lo scopo dellimprenditore è quello però di ottenere un utile che sia remunerativo del capitale investito del rischio di impresa Pertanto non è sufficiente che: ricavi siano > dei costi occorre che tale differenza sia soddisfacente Nel periodo amministrativo (esercizio) occorre che colui che investe denaro in unattività produttiva ottenga un reddito remunerativo che è dato da: stipendio direzionale + interessi di computo + profitto Lo stipendio direzionale remunera il tempo speso nel dirigere lazienda, Gli interessi di computo (ed anche i fitti figurativi) gli interessi e gli altri introiti percepiti in precedenza che ora non ha più perché il denaro e gli eventuali beni sono stati investiti nellazienda. Tali costi vengono chiamati oneri figurativi.

7 Esempi di convenienza di un investimento Un imprenditore investe 200.000 in unat- tività, lascia il lavoro presso unaltra azienda dove riceveva uno stipendio annuo di 40.000, utilizza un proprio capannone precedentemente affittato a 24.000 lanno. Sul denaro investito il rendimento era del 5%. Lutile finale risulta essere di 90.000. Utile................................. 90.000 stipendio dir. 40.000 fitti figurativi 24.000 Int. di comp. 14.000 78.000 PROFITTO............................. 12.000 LINVENSTIMENTO RISULTA CONVENIENTE A patto che si tenga conto Del rischio dimpresa Un imprenditore investe 200.000 in unattività, lascia il lavoro presso unaltra azienda dove riceveva uno stipendio annuo di 40.000 utilizza un proprio capannone precedentemente affittato a 24.000 lanno. Sul denaro investito il rendimento era del 5%. Lutile finale risulta essere di 50.000. Utile................................. 50.000 stipendio dir. 40.000 fitti figurativi. 24.000 Int. di comp. 14.000 78.000 PERDITA (economica)......... -28.000 LINVESTIMENTO NON RISULTA CONVENIENTE Limprenditore avrebbe avuto un reddito maggiore se non avesse fatto linvestimento.

8 R.O.E. (return on equity) 6 dato da: Utile di esercizio x 100 capitale proprio Un imprenditore investe 300.000 in una attività e a fine anno ottiene un utile di 60.000. Calcoliamo la convenienza econo- mica dellinvestimento nellipotesi che impie- gando in altro modo il proprio capitale (es. in banca) avrebbe un rendimento del 4%. 60.000 ROE = ---------------- x 100 = 20% 300.000 IL RISULTATO DELLINVESTIMENTO E SODDISFACENTE in quanto: 20% > del 5% 60.000 > di 12.000 (il risultato che avrebbe ottenuto se avesse scelto di impiegare il denaro in banca) Un imprenditore investe 300.000 in una attività e a fine anno ottiene un utile di 15.000. Calcoliamo la convenienza economica dellinvestimento nellipotesi che impiegando in altro modo il proprio capitale (es. in banca) avrebbe un rendimento del 4%. 15.000 ROE = ---------------- x 100 = 5% 300.000 IL RISULTATO DELLINVESTIMENTO E INSODDISFACENTE in quanto: 5% > del 4% 15.000 > di 12.000 Di poco e in misura tale che probabilmente non giustifica il rischio dimpresa

9 Le configurazioni di costo 7 La somma progressiva di tutti i costi che intervengono nella produzione viene chiamata configurazione di costo. Lanalisi di come si forma il costo totale serve per determinare a quale prezzo vendere le merci e quanto si guadagnerà per ogni unità prodotta. Prima di vedere un esempio occorre precisare il significato di: Costi diretti: il costo della pelle (materia prima) è riferibile direttamente alle scarpe prodotte es.: occorrono 3 dmq di un determinato pellame per fare una scarpa. Costi indiretti: lilluminazione dello stabilimento nel quale si producono scarpe in vari modelli, borse e cinte. Il costo non può essere imputato ad un determinato prodotto e quindi occorre usare un criterio per ripartirlo. Esempio: Materie prime + manodopera + altri costi diretti 150 + COSTO PRIMO Spese generali di produzione (amm. attrezzature, energia, mat. accessorie,ecc) - Valore stimato 20 + COSTO INDUSTRIALE Spese generali per gli impiegati, lufficio, la vendita, le imposte, postali, telefoniche, ecc. 12 + COSTO COMPLESSIVO quota di costi figurativi 5 = Totale costi...................................................... 187 + COSTO EC.-TECNICO Utile................................................................. 33 = Prezzo di vendita del prodotto........................ 220 PREZZO DI VENDITA


Scaricare ppt "La gestione economica e il reddito Dipartimento di economia aziendale IPSSCT Ceci - Cupra Marittima 1999."

Presentazioni simili


Annunci Google