La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Di Roberta Foti e Giulia Trovato. Mare e terra,terra e mare Cucina autoctona Ulivo,vite e grano:sacra triade Legata ai miti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Di Roberta Foti e Giulia Trovato. Mare e terra,terra e mare Cucina autoctona Ulivo,vite e grano:sacra triade Legata ai miti."— Transcript della presentazione:

1 Di Roberta Foti e Giulia Trovato

2 Mare e terra,terra e mare Cucina autoctona Ulivo,vite e grano:sacra triade Legata ai miti

3

4 Menta Apprezzata per le sue qualità terapeutiche ed aromatizzanti Le spose, per essere gradite agli sposi, ne intrecciavano i fusti fioriti ed odorosi nelle corone nuziali I Latini vietavano il consumo di menta ai soldati, perché se resi schiavi del suo potere afrodisiaco avrebbero preferito impegnarsi nelle battaglie amorose anziché in quelle con il nemico Apicio la usava per insaporire piatti rustici e campagnoli

5

6 CIPOLLA Secondo Artemidoro, se un ammalato sognava di farne una scorpacciata significava che sarebbe guarito Da Plinio a Dioscoride ne sono lodate le virtù curative: mangiarle con sale e pane a colazione aiutava a proteggersi dalle malattie del freddo, bere linfuso preparato con cipolle crude mandava via i vermi, cotte sotto cenere e mangiate con mele e zucchero giovavano agli asmatici e a chi aveva la tosse

7

8 Ippocrate e lalimentazione Molti cibi sono dannosi per le vie biliari (formaggi invecchiati, vini densi, carne troppo salata);altri hanno un effetto benefico sullorganismo (la carota e il sedano sono diuretici, alcune verdure sono rinfrescanti, il vino rosso è astringente, lidromele fa bene alla gola)

9 Galeno e lalimentazione Consigliava unalimentazione ricca di vegetali, pesce ed olio come condimento, perché salutari per lorganismo

10 Alimentazione nellIliade Gli eroi mangiavano carne arrostita (capretti, agnelli e manzo) e venivano consumate anche pagnotte servite in larghe ceste Bevevano vino rosso, molto denso, che veniva diluito Di formaggio parla poco: era consumato soprattutto quello di capra. Elemento molto importante era lolio Quasi assenti il pesce, consumato solo in situazioni di emergenza, frutta e verdure.

11

12 Alimentazione nellOdissea Alimentazione molto più variata Alla coltivazione del grano e dellorzo si affianca lorticoltura Consumazione di verdure e insalate Oltre alla brace, compaiono altri modi per cucinare le pietanze

13

14 Alimenti maggiormente consumati Pane(72 nomi di pani: allo zafferano, al finocchio, al rosmarino, alloliva, allanice, ai capperi, alla cipolla) Pesce(pesce al cartoccio: cuocere dei filetti di sarda avvolti in foglie fico) Lolio doliva:alimento principe di Creta Frutta(mele, pere, uva, melegrane, fichi, datteri e noci) Bevande (vino, the a base di erbe, idromele:miscela di acqua e miele) Kykeón,tipicamente consumato dai contadini (mistura di farina dorzo ed acqua, aromatizzata con la menta o il timo) Carne consumata soprattutto dai ricchi Le classi meno abbienti facevano ampio uso di legumi, soprattutto lenticchie, sottoforma di zuppe, per il loro alto contenuto proteico Apprezzati i sapori forti e lagrodolce Grande uso di spezie:cartamo, cardi, coriandolo e cumino; tra i condimenti si utilizzava la maggiorana, la menta, la mirra, il pepe, il silfio e il timo.

15

16 Garon Insaporitore assai pregiato di moltissimi piatti: dalla carne al pesce, dalla verdura alla frutta Menzionato dai poeti comici Cratino e Ferecrate(V sec a.C.) Dai tragici:Eschilo ci informa che questo si otteneva dai pesci, mentre Sofocle lo definisce ταριχηρς(salato) Platone lo qualifica con laggettivo σαπρς(putrido) Liquamen: liquido fatto con le parti di scarto del pesce, quali intestini, branchie e sangue macerati nel sale Si tratta di unauto-digestione del pesce operata dagli enzimi proteolitici presenti nelle interiora stesse. Greci: primi a produrlo Nome derivato probabilmente da un piccolo pesce detto garos

17 Un altro tipo di liquido pregiato, che chiamarono garon, è fatto con intestini di pesci e altre parti che di norma si dovrebbero buttare via, macerati nel sale, sicché quello diventi la feccia di cose in putrefazione. Questo garum era una volta ottenuto da un pesce, che i Greci chiamavano γρος, notando che bruciandone la testa con un suffumigio, si estraeva la placenta… Plinio il Vecchio,libro XXXI della Naturalis Historia

18 Specialità regionali ecc Brodo nero spartano:si faceva cuocendo un cinghiale nel sangue con laggiunta di olio e aceto Mandorle di Nasso In Magna Grecia ed in particolare a Taranto ogni mese si offrivano pubblici sacrifici e si mangiavano arrostite le carni delle vittime, ma anche gli altri giorni si imbandivano cene succulente Massimo del lusso e dello sfarzo in epoca ellenistica: si racconta che Alessandro Magno avesse una grande passione per le mele e che bevesse grandi quantità di vino puro fino allubriachezza; allestiva spesso banchetti molto costosi

19

20 Gli strumenti da cucina Vari e simili a quelli di oggi: per zuppe e torte ci si serviva di tortiere di bronzo, di pentole tipo padelle e del rhyton. Si mangiava con le mani:non si trovavano posate, ma coppe e kylikes, con le quali si beveva il vino. Per mescolare il vino contenuto nei crateri si utilizzava il ciato, un mestolo che i coppieri utilizzavano appeso al mignolo per misurare la diluizione del vino.

21

22 Formaggio Svolta nelle tecniche di produzione del formaggio e aumento della produzione Legato a un contesto sociale di basso rango (usato per completare la dieta delle classi più povere, come i contadini, che non potevano contare su altro sostentamento se non quello derivato dallagricoltura e dallallevamento) Aristotele nel suo trattato Storia degli animali dice che il latte veniva fatto coagulare con latice di fico e con fiori di cardo, o con il caglio ottenuto dallo stomaco di capretti o agnelli Citato da Omero che descrive in modo particolareggiato la mungitura delle pecore e la trasformazione del latte in formaggio

23 Il latte lasciato in secchi o boccali coagulava, prendeva forma in cesti intrecciati, canestri, dove si separava dalla parte liquida ed era pronto per essere consumato il giorno successivo Odissea,Omero

24

25 DOLCI Primi dolci nella storia greca:quelli offerti sugli altari degli dei Popana polyomphala alla Madre primigenia Ciambelle a forma di mezza luna erano offerte ad Artemide;quelle a forma di lira ad Apollo Aidola(impastati con miele e sesamo)consumati durante le festività di Dioniso Biscotti a forma di bue sugli altari di Zeus Poliade Itria,arcaiche crepes,cotte su piastre di bronzo(Miele, sesamo e farina) Plakountes:sottile sfoglie di pasta, condite in vario modo Nei banchetti dellepoca classica si sgranocchiavano dei dolcetti di solo miele e sesamo: i sisamithis

26

27 Ingredienti essenziali Miele: Famoso era quello prodotto sul monte Imetto, ritenuto il migliore del mondo. Spesso accompagnato dal sesamo ma anche dalle noci e dalle mandorle Semi di sesamo:decoravano una gran quantità di pani e di dolci Ricotta:fa la sua comparsa nei dolci dellepoca classica(Artemidoro riporta una ricetta a base di ricotta, i tetiromeni plakountes,calzoncini dolci) Vino(varie ricette:moustalevrìa,budino a base di mosto e farina consumato in autunno, durante la vendemmia. Sempre con il mosto non fermentato si faceva il vin cotto, usato per condire i dolci di pasta fritta come le tighanìtes

28


Scaricare ppt "Di Roberta Foti e Giulia Trovato. Mare e terra,terra e mare Cucina autoctona Ulivo,vite e grano:sacra triade Legata ai miti."

Presentazioni simili


Annunci Google