La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE TRASFORMAZIONI DELLA SOCIETA’ ROMANA p. 188-189 L’espansione di Roma nel Mediterraneo ebbe molte CONSEGUENZE sulla società romana: 1. contatti con popolazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE TRASFORMAZIONI DELLA SOCIETA’ ROMANA p. 188-189 L’espansione di Roma nel Mediterraneo ebbe molte CONSEGUENZE sulla società romana: 1. contatti con popolazioni."— Transcript della presentazione:

1 LE TRASFORMAZIONI DELLA SOCIETA’ ROMANA p L’espansione di Roma nel Mediterraneo ebbe molte CONSEGUENZE sulla società romana: 1. contatti con popolazioni diverse: i Romani si confrontarono con nuove culture, in particolare quella greca, da cui appresero arte, letteratura, filosofia

2 Dai greci i romani impararono uno stile di vita più raffinato e comodo Molti aristocratici criticarono però queste nuove abitudini che allontanavano i romani dalla loro vita semplice 2. aumento del territorio e delle ricchezze, ma soprattutto per l’aristocrazia senatoria che si spartiva il bottino di guerra e le terre conquistate

3 Si formano grandi LATIFONDI: dal latino latus, ampio, e fundus, podere, quindi ampia proprietà terriera I piccoli proprietari, a cause delle guerre, erano stati lontani dai campi per anni e spesso, per i grandi debiti, si trovavano costretti a cedere le loro terre ai ricchi; divenivano così lavoratori a giornata, pagati pochissimo Aumentò il numero di nullatenenti e questo causò problemi per il reclutamento dell’esercito perché non erano in grado di comprarsi l’armatura

4 Era aumentato moltissimo il commercio degli schiavi, impiegati anche nella cura della casa e per l’istruzione dei figli dei cittadini romani. Lo schiavo non era considerato una persona vera, ma solo uno strumento di lavoro. Apparteneva completamente al padrone, poteva essere venduto o ucciso, ma anche liberato (e diveniva LIBERTO) I latifondisti preferivano gli schiavi ai braccianti liberi perché: – Costavano meno – Non dovevano svolgere il servizio militare

5 Molti braccianti si spostarono dalle campagne alle città: URBANESIMO. Si mantenevano con lavori occasionali, mettendosi al servizio dei ricchi o con le frumentazioni (distribuzioni gratuite di grano fatte dallo Stato) Si formò una nuova classe sociale, quella dei CAVALIERI (o ordine equestre), di origini modeste, ma ricchi: avevano accumulato ricchezze aprendo botteghe e con le forniture militari

6 Dal III secolo alcuni cavalieri ricevevano in appalto l'incarico di gestire le attività finanziarie e amministrative dell'impero. Gli appaltatori erano chiamati pubblicani e dovevano avere ingenti somme di denaro per assicurarsi l'appalto, poiché anticipavano allo stato le spese per i lavori o un acconto sulle tasse da riscuotere. Si trovarono spesso in contrasto Si creò una frattura nella società romana: da una parte gli aristocratici, dall’altra i cavalieri. Il conflitto tra i due gruppi aumentò soprattutto dopo il 218 a.C. quando ai senatori fu vietata qualsiasi attività economica tranne quella agricola. Il Senato, inoltre, controllava l’attività dei pubblicani


Scaricare ppt "LE TRASFORMAZIONI DELLA SOCIETA’ ROMANA p. 188-189 L’espansione di Roma nel Mediterraneo ebbe molte CONSEGUENZE sulla società romana: 1. contatti con popolazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google