La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Storia della filosofia antica. Storia della filosofia Antica I Luoghi Definizione Problemi e PartizioniProblemi e Partizioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Storia della filosofia antica. Storia della filosofia Antica I Luoghi Definizione Problemi e PartizioniProblemi e Partizioni."— Transcript della presentazione:

1 Storia della filosofia antica

2 Storia della filosofia Antica I Luoghi Definizione Problemi e PartizioniProblemi e Partizioni

3 La vera filosofia è il volgere l'anima da un giorno tenebroso a un giorno vero Platone

4

5 Definizioni di Filosofia Origine Meraviglia Incredulità Osservazione disinteressataOsservazione disinteressata Ridere Farmaco Terapia Ricerca Filosofia e verità Filosofia e pregiudizi

6 Una prima definizione di Filosofia è la ricerca libera, autonoma e razionale dei fondamenti e principi che regolano i vari aspetti della realtà. Nasce dallesigenza degli uomini di interrogarsi sulla propria condizione e sul senso della propria esistenza. E uninterrogazione continua rivolta a se e agli altri Filosofia, dal greco philéin = amare e sophìa = sapienza, quindi amore per la sapienza

7 E proprio del filosofo di esser pieno di meraviglia; né altro Platone cominciamento ha il filosofare che questo Platone Infatti gli uomini hanno preso dalla meraviglia lo spunto per filosofare. Chi è nellincertezza e nella meraviglia crede di essere nellignoranza, è invece evidente che solo da Aristotele questa situazione che nasce il vero sapereAristotele Ladulto è abituato a tutto e di nulla prova stupore, il bambino prova meraviglia per ogni cosa. Filosofo è colui che sceglie di Gaarder non abituarsi maiGaarder Filosofia come stupore e curiosità

8 La filosofia come incredulità Diderot Il primo passo verso la filosofia è lincredulità Diderot Dormienti sono coloro che fanno e dicono e pensano, ciò che gli altri fanno, dicono e pensano. Filosofo è colui che vive da sveglio e fa e dice e pensa ciò che la sua ragione gli comanda. Eraclito Schiavi i dormienti, libero solo il filosofo Eraclito

9 Filosofia come osservazione disinteressata Alle feste di Olimpia alcuni vanno per affari, altri per partecipare alle gare, altri per divertirsi, alcuni soltanto per vedere ciò che Pitagora avvienePitagora Mentre Talete osservava le stelle e guardava in alto cadde in un pozzo. Si racconta che una servetta Tracia labbia preso in giro dicendogli che lui, Talete, si preoccupava di conoscere le cose del cielo e non saccorgeva di quello che aveva sotto i piedi.

10 Filosofia come farmaco La filosofia è un farmaco che cura le paure umane, mostrando come a) gli dèi non si curano del mondo; b) la morte non va temuta, perchè quando c'è lei non ci siamo noi e quando ci siamo noi non c'è lei; c) non si deve aver paura del dolore, perchè se é intenso é breve, se é lungo non é intenso; d) la facile raggiungibilità della felicità, che consiste nel piacere. (Epicuro)

11 Filosofia come terapia del linguaggio La filosofia non è una dottrina ma una attività. Un'opera filosofica consiste essenzialmente in delucidazioni. Frutto della filosofia non sono 'proposizioni filosofiche' bensì il chiarificarsi delle proposizioni. La filosofia deve rendere chiare e delimitare con precisione le idee che altrimenti sarebbero, per così dire, torbide e confuse. (Wittgenstein, "Tractatus logico-philosophicus")

12 Filosofia è ridere Democrito, dimentico di tutto, a cominciare da se stesso, rimane desto giorno e notte, trovando in tutte le cose, piccole e grandi, altrettanti motivi di ilarità, e ritenendo che la vita intera non è nulla. Uno si sposa, un altro si dedica al commercio, questi parla dinanzi al popolo, quello esercita un comando, o si fa eleggere, o si ammala, o viene ferito, oppure muore: Democrito ride di tutto! Pascal Burlarsi della filosofia è veramente filosofarePascal

13 La Filosofia vs pregiudizi La filosofia è una critica dei pregiudizi. (Dewey, "Esperienza e natura") Ogni vero filosofo è un maestro o compagno di ricerca, la cui voce ci giunge affievolita attraverso il tempo, ma può avere per noi, per i problemi che ora ci occupano, un'importanza decisiva. (Abbagnano, Prefazione alla "Storia della filosofia")

14 Filosofia e verità Il termine greco filosofo è stato forgiato in opposizione al termine sophòs. Esso sta a significare colui che ama la conoscenza. (...) Lessenza della filosofia sta infatti non nel possesso della verità, ma nella sua ricerca. Il suo maggior pericolo è quello di capovolgersi in dogmatismo, cioè in un sapere costituito da affermazioni compiute, definitive, esaustive semplicemente da tramandarsi. Filosofia significa in verità: essere in cammino. (Jaspers)

15 La Filosofia è ricerca Lo sappiano o no, tutti gli uomini hanno una filosofia. Certo, può ben darsi che nessuna delle nostre filosofie valga un gran che, ma la loro influenza sui nostri pensieri e sulle nostre azioni è grande e spesso incalcolabile. (Popper) La filosofia non mi sembra mai aver tanto buon gioco come quando combatte la nostra presunzione e vanità, quando riconosce in buona fede la sua incertezza, la sua debolezza e la sua ignoranza. (Michel de Montaigne, "Saggi") La filosofia è scienza della verità. (Aristotele, Met,II,1,993b)

16 I problemi della filosofia Metafisica Etica Gnoseologia Logica Politica Estetica Menù principale

17 I problemi della filosofia La domanda fondamentale Che cosè lessere = insieme delle cose che esistono qual è il senso dellaccadere delle cose? Si distingue in due aspetti principali teoretico: qual è la verità di questo accadere? Le cose sono come a noi sembrano o la verità del loro accadere è unaltra? Tale domanda si fonda sulla distinzione tra apparenza/verità; pratico: come porsi in salvo dallaccadere delle cose? E il problema quotidiano dellesistenza umana che deve continua- mente misurarsi con il problema della sopravvivenza

18 Metafisica Metà ta physikà: ciò che sta oltre i fenomeni È lo studio della realtà così come essa è veramente al di là delle apparenze naturali Domande che cosè lessere - la realtà? Perché cè qualcosa invece che nulla? Concetti chiave: immanente/trascendente: principio che spiega la realtà può essere posto o nella realtà stessa o al di sopra di essa apparenza/verità: ciò che appare ai nostri sensi contrapposto a come le cose sono in se stesse

19 Etica Definizione: da ethos, uso, comportamento. Si occupa di determinare a quali norme e valori debba conformarsi lagire umano. Il valore principale delletica è il bene Domande: Che cosa è bene? Cosa devo fare? Qual è il fine dellagire umano? In che senso unazione è buona? Che rapporto esiste tra il bene e la felicità? Concetti chiave etica prescrittiva/descrittiva: prescrive norme cui lazione deve adeguarsi, descrive i motivi che spingono ad agire; assolutismo/relativismo: i valori sono immutabili e universali, variano nelle diverse epoche e civiltà.

20 Gnoseologia Discorso intorno al conoscere, è lindagine sul sapere, il suo fondamento, la sua validità e la sua finalità Domande: Quali sono la fonte del conoscere e la sua origine? Che cosè la verità e quando la conoscenza è vera? Qual è il metodo del conoscere? Può luomo conoscere la verità? Concetti chiave: empirismo/razionalismo: la conoscenza deriva dai sensi o dalla ragione assolutismo/relativismo: vi è una sola verità o questa cambia a seconda delle persone e dei tempi? Fede/ragione: la verità è frutto di rivelazione divina p luomo la può raggiungere con la sola forza della propria ragione?

21 Logica Dal geco logos: discorso o ragione Studia il linguaggio e le procedure attraverso le quali si può effettuare la dimostrazione, non si occupa tanto della verità di una proposizione, quanto della sua correttezza formale, cioè della sua coerenza Concetti chiave: verità e coerenza necessità inferenza

22 Politica Termine che deriva da Pòlis, la città stato greca. Studia i problemi relativi allo stato, alle forme di governo, al potere e alla vita associata Domande quale fondamento ha il potere dello stato e la legittimità delle leggi? in cosa consiste la giustizia e e come deve essere la società giusta? qual è il limite della libertà del singolo? qual è il limite della libertà dello stato? Comè possibile conciliare linteresse privato e quello comunitario?

23 Estetica Definizione: studia il bello sia nella natura che nellarte e le sue varie forme Domande che cosè il bello? Esiste un bello oggettivo e universale o il bello è soggettivo? Esiste un rapporto tra bello, bene e vero? Qual è la funzione dellarte?


Scaricare ppt "Storia della filosofia antica. Storia della filosofia Antica I Luoghi Definizione Problemi e PartizioniProblemi e Partizioni."

Presentazioni simili


Annunci Google