La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

(323 a.C. – 31 a.C.). REGNO ELLENISTICO CAPITALISTIRPE AL POTERE MacedoniaPellaAntigonidi SiriaAntiochiaSeleucidi EgittoAlessandriaTolomei Pergamo e Rodi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "(323 a.C. – 31 a.C.). REGNO ELLENISTICO CAPITALISTIRPE AL POTERE MacedoniaPellaAntigonidi SiriaAntiochiaSeleucidi EgittoAlessandriaTolomei Pergamo e Rodi."— Transcript della presentazione:

1 (323 a.C. – 31 a.C.)

2 REGNO ELLENISTICO CAPITALISTIRPE AL POTERE MacedoniaPellaAntigonidi SiriaAntiochiaSeleucidi EgittoAlessandriaTolomei Pergamo e Rodi PergamoAttalidi Letà ellenistica si fa convenzionalmente iniziare con il 323 a.C., anno della morte di Alessandro Magno. Dopo la sua morte il suo impero venne suddiviso tra i vari pretendenti al trono, ovvero i suoi diadochi, in diversi regni. Ognuno di questi verrà negli anni governato dalle stirpi dei suddetti generali. Convenzionalmente, inoltre, letà ellenistica si conclude con la battaglia di Azio del 31 a.C. quando Antonio, alleato con Cleopatra, venne sconfitto da Ottaviano, lasciando che lultimo regno ellenistico venisse assorbito dallimpero romano.

3

4 Con lEllenismo si vennero a creare nuovi centri politici e culturali. Di questi, il più importante fu sicuramente Alessandria, e il motivo risiede soprattutto nella biblioteca situata in questa città. fu fondata da Tolomeo I Soter, primo sovrano del regno dEgitto in essa arrivavano rotoli da tutta la Grecia, e per la prima volta anche testi non greci (es. la Bibbia dei Settanta) intorno ai libri nacquero le attività di classificazione, copiatura e, soprattutto, la filologia, cioè una disciplina che studia i testi letterari al fine della ricostruzione della loro forma originaria attraverso l'analisi critica e comparativa delle fonti che li testimoniano i testi conservati testimoniano i cambiamenti avvenuti a livello letterario. La cultura adesso è controllata dal potere monarchico, chi scrive deve adeguarsi al pensiero di chi governa (conformismo culturale). Per questo motivo scompaiono generi che potrebbero criticare i sovrani come il teatro e loratoria, e i generi letterari molto spesso affrontano tematiche erudite o di evasione (in modo da non essere fastidiose per nessuno). era annessa ad unistituzione culturale dedicata alle muse, il Museo

5 Attività filologica (edizioni critiche dei testi classici) Attività esegetica (ypomnèmata) Scienze (astronomia, medicina, botanica, ecc.) Studi grammaticali Trattatistica Studi eruditi

6 Oltre alla cosiddetta cultura controllata, diverse novità sconvolsero la letteratura e la lingua greca nelletà ellenistica....vi fu un diverso utilizzo delle lingue in base ai generi letterari.. GENERI LINGUE PROSA Trattatistica, letteratura erudita,filologia filosofia e storiografia, Κοιν (cioè il nuovo dialetto comune a tutta la civiltà ellenistica, arricchito di barbarismi, diverse pronunce e neologismi) Trattatistica medica Dialetto ionico POESIA CoraleDialetto dorico EpicaLingua omerica MonodicaDialetto eolico..inoltre la figura di Callimaco di Cirene ci permette di analizzare nuovi aspetti della letteratura ellenistica, come linvenzione di altri generi,caratterizzati dalleziologia, che ha lo scopo di ricercare le origini (di usanze, miti, feste religiose, ecc.) EPILLIO, ovvero piccolo epos. Un breve componimento a carattere epico; spesso ha anche carattere erudito, in linea con lellenismo..o linnovazione di generi classici: GIAMBI. Il giambo viene più che altro rinnovato: la figura di Ipponatte, che scrisse giambi di invettive molto aspre, diviene un saggio che dispensa buoni consigli. INNI. Prima erano componimenti religiosi, invocazioni a un dio, sono adesso destinati alla lettura privata, sempre religiosi ma servono a raccontare miti quasi sconosciuti, acquisendo un carattere di erudizione

7 CIVILTÀ CLASSICACIVILTÀ ELLENISTICA Gli uomini sono liberi cittadini, in quanto il governo è retto da una democrazia Gli uomini sono sudditi, in quanto il governo è monarchico Non vi è una lingua comune a tutte le civiltà greche, bensì coesistono vari dialetti Vi è ununica lingua comune parlata: la Κοιν Vi sono varie città-stato, dette poleis, ognuna con un proprio governo e proprie leggi. Con Alessandro Magno, invece, vi sarà un unico grande Impero Vi sono tanti regni governati dalle stirpi dei diadochi di Alessandro Il centro della civiltà, della cultura e della religione è Atene. I centri più importanti sono Alessandria,Antiochia e Pergamo. Atene mantiene il primato per la filosofia e il teatro.

8 Il fenomeno dellEllenismo è stato spesso analizzato come una prima forma di globalizzazione. Infatti, come questo fenomeno totalmente attuale, lEllenismo fu: una progressiva conquista culturale da parte di una determinata civiltà nei confronti di altre unassimilazione di usanze, lingue, ideali e costumi, in maniera diversa di regione in regione in un certo senso, uno scambio reciproco, ovvero la cultura predominante venne a sua volta contaminata da quelle assoggettate (sincretismo).

9 PROGETTO REALIZZATO DA: Walter Fusto Andrea Paparo


Scaricare ppt "(323 a.C. – 31 a.C.). REGNO ELLENISTICO CAPITALISTIRPE AL POTERE MacedoniaPellaAntigonidi SiriaAntiochiaSeleucidi EgittoAlessandriaTolomei Pergamo e Rodi."

Presentazioni simili


Annunci Google