La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Giovanni Bosco Direttore: Dr. Francesco QUARELLO SIMONA GREMO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Giovanni Bosco Direttore: Dr. Francesco QUARELLO SIMONA GREMO."— Transcript della presentazione:

1 Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Giovanni Bosco Direttore: Dr. Francesco QUARELLO SIMONA GREMO

2 E linserimento nell organismo di un individuo, detto Ricevente, nel quale un processo patologico ha definitivamente compromesso una funzione vitale, di un organo sano proveniente da un individuo detto Donatore, in grado di ripristinarla DEFINIZIONE TRAPIANTO

3 DONATORE RICEVENTE PREPARAZIONE DEL CANDIDATO AL TRAPIANTO DI RENE COMPATIBILITA

4

5 La fascia di etacompresa fra i 14 e 55 aa concide con i migliori risultati di sopravvivenza del rene. DONATORE

6 Lincidenza dei cosidetti donatori ideali e in costante diminuizione. I cosidetti donatori marginali sono in costante crescita.

7 Eta Anamnesi positiva per ipertensione,diabete e pregressa patologia cardiovascolare

8 Donatore Marginale Donatore anziano (Eta) Mai rischi zero Doppio TXBiopsia rene Clearance sec. Cockroft Gault Biopsia Prostatica Causa di morte Fattori Comorbidi

9 Nel trapianto in genere, ma in particolare nel caso del donatore marginale … Si deve prendere atto che si opera sempre in condizioni di rischio minimo, MAI in condizioni di rischio ZERO e questa condizione deve essere condivisa con il paziente in termini di consenso informato dettagliato

10 Score 1:lesione vasi < 20% Score 2:lesioni vasi 20%-50% Score 3:lesioni vasi > 50% Score tra4-6:doppio tx e cok tra Score 70 in pz >50 aa tx singolo Score 7 non utilizzato

11 Sufficiente compatibilita ABO e cross-match neg Numerosi vantaggi: > sopravvivenza < attesa programmazione < costi < rischio di trasmissione

12 Indicazioni: Controindicazioni: Rene policistici 2° Trapianto Vasi compromessi (asse iliaco-femorale) >50aa

13 Rene-Pancreas Rene-Fegato Rene-Cuore

14

15 ASSOLUTE Neoplasie in atto o non adeguatamente risolte Insufficienze di organi salvavita non sostituibili Gravi vasculopatie generalizzate Psicopatie non compatibili con unadeguata compliance

16 RELATIVE Eta maggiore di …… Fattori comorbidi(cardiovascolari,malattie complesse,gastroenterici,etc) Malattie renali ad elevata recidiva Obesita(BMI >30) Malformazioni maggiori delle vie urinarie Neoplasie in anamnesi

17

18 Richiesta del pz Valutazione del medico e infermiere Eta Condizioni fisiche e psico sociali

19 TX RENE-PANCREAS TX RENE-FEGATO TX RENE-PANCREAS TX RENE CANDIDATOCANDIDATO TX DA VIVENTE

20 S.Neoplasie S.Nefropatia originaria S. Polmonare S.epatico S.cardiovascolare S.Infettivologico S. cerebrale S.vascolare perif. S.urologico S. gastrointestinale Sfera psichica Rischio individuale

21 POSITIVOOCCULTE NON IDONEO MAMMOGRAFIA PAP-TEST PSA COLONSCOPIA RX TORACE VIS.PNEUMOLOGICA

22 INFEZIONI ATTIVE NO TX HIV MANTOUX PANORAMICA UROCULTURA RX TORACE IDONEITA VIS.NEFROLOGO DELLODONTOIATRA

23 Valutazione clinica del medico Biopsia renale

24 PNEUMOLOGO SPIROMETRIA AUTOCERTIFICAZIONE FUMO

25 ENZIMI EPATICI BONIFICA VALUTAZIONE ANAMNESTICA ETG ADDOME COMPLETO

26 ECOCARDIOGRAMMA ECG+ VIS.CARDIOLOGICA SCINTIGRAFIA MIOCARDICA CORONAROGRAFIA POSPOS NEGNEG L.A.T. BONIFICA

27 ECODOPPLER CAROTIDEO

28 ECODOPPLER AORTO-ILIACO RX ADDOME

29 UROCULTURA CISTOURETROGRAFIA MINZIONALE ESAME URINE BONIFICHE

30 Clisma opaco Gastroscopia Biopsia+ Helicobacter HB feci Terapia Bonifica

31 VISITA PSICOLOGICA Pz con storia di alcool o stupefacenti Pz con sindromi mentali organiche, psicosi o ritardi mentali Pz con ambivalenza del desiderio e del gradimento del tx,disordini della personalita

32 PARATORMONE PARATIREIDECTOMIA OBESITA DIETA

33 RISCHI SE BMI > 30 Complicanze post –tx Cardiovascolari Decessi Infettivi Polmonari Anestesiologico Diabetico Minore sopravvivenza rene tx Ritardata cicatrizzazione ferita chirurgica

34

35

36 Per la tipizzazione necessaria per il CROSS-MATCH Nefrologi e ip del centro Paziente in dialisi Cronica che desidera sottoporsi al tx Centro trapianti Verifica di idoneita Nefrologo,chirurgo,urologo, psicologo,anestesista Centro di riferimento per la tipizzazione tessutale Immunologia dei tx

37 nefrologi e ip del centro dialisi Centro trapianti Verifica di idoneita nefrologo, chirurgo, psicologo, urologo,anaestesista,diabetologo Esecuzione esami Compilazione cartella Paziente in dialisi cronica che desidera sottoporsi al tx Paziente diabetico ambulatoriale 4 mesi 1 mese3 mesi 2 ½ anni 6 mesi TX

38 DA FARE FIRMARE AL PAZIENTE DOPO AVERGLI FORNITO TUTTE LE INFORMAZIONI DIALISI PRECAUZIONI DURATA TRAPIANTO COMPLICANZE TERAPIA IMMUNOSOPPRESSIVA POST- OPERATORIO PRE- OPERATORIO VITA SOCIALE

39 INSERIMENTO IN LISTA TRAPIANTI DURGENZA ESAURIMENTO ACCESSI VASCOLARI ATTESA IN LISTA ATTIVA MAGGIORE AI 7 ANNI BONIFICHE ETA MAGGIORE DI 70 ANNI BONUS IPERIMMUNI

40 CAUSA… ? Pz con lunga lista di attesa Pz che hanno trasfuso sacche con GR non filtrati Gravidanze Sensibilizzazione a precedenti trapianti COSA FARE NEL TX? scegliere un rene altamente compatibile Avere almeno 2 identita nellHLA- e 1 in B CHI SONO ? Pazienti con pannello anticorpale > 75%

41 INVIO CITOTOSSICI: Sieri necessari per la ricerca di anticorpiLinfocitotossici e per effettuare il cross-match (prova di compatibilita) pre-trapianto.

42 Aggiornamento clinico Collegamento con il centro tx sui cambiamenticlinici perche potrebbero determinare un fuori lista momentaneo. Controlli periodici ECG,Rx Torace Ecocardiogramma Mammografia,Pap-Test e Visita cardiol. e ginecologica

43 Trasfusioni Entro 15 gg dalla trasfusione inviare citotossici al centro Immunologia di riferimento Revisione Torino < a 55 aa ogni 5aa > a 55 aa ogni 2 aa

44 se manca volontà espressa si chiede il consenso Si valuta idoneità clinica degli organi e si invia provetta di sangue per tipizzazione al… Centro di Riferimento per la tipizzazione tessutale Immunologia dei Trapianti Tipizzazione del donatore HLA :A2,A21-B7,B35;DR4,DR5 In una Rianimazione Un ricoverato decede in morte cerebrale e viene segnalato come potenziale DONATORE SI Si attiva lequipe chirurgica per il prelievo CROSS-MATCH Si informa il centro tx

45 MEDICO DEL CENTRO TRAPIANTI CENTRO DI DIALISI CANDIDATI AL TRAPIANTO

46 CONTROLLI EMATOCHIMICI ESAMI STRUMENTALI VISITA CARDIOLOGICA SEDUTA DIALITICA (RAGGIUNGERE PESO IDEALE E K < 4) BLEEDING CONSEGNA CARTELLA CLINICA AL PAZIENTE ED INVIO AL CENTRO TX

47

48 GRUPPO SANGUIGNO ABO TIPIZZAZIONE HLA A-B-DR CROSS-MACH !

49 Io vivo, con la speranza che si avveri al più presto questo miracolo del trapianto sperando che vada tutto bene e che finisca al più presto questo calvario, per poter riprendere la vita più sereno se ciò non avvenisse meglio morire.

50


Scaricare ppt "Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Giovanni Bosco Direttore: Dr. Francesco QUARELLO SIMONA GREMO."

Presentazioni simili


Annunci Google