La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Piccola storia di una grande Associazione Azione Cattolica Italiana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Piccola storia di una grande Associazione Azione Cattolica Italiana."— Transcript della presentazione:

1 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Piccola storia di una grande Associazione Azione Cattolica Italiana

2 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Il Concilio stesso deve ad alcuni laici, maturi e preparati dell'A.C. l'elaborazione del dettato del Vaticano II sulla natura e l'azione del laicato ecclesiale. Sono altrettanto preziose tutte le altre aggregazioni laicali, approvate e benedette dalla Chiesa, nessuna esclusa. Ogni gruppo o movimento è un dono dello Spirito Santo! Gli anni del Concilio - Decreto sui Laici Apostolicam Actuositatem

3 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Serve ancora lAzione Cattolica? Si !!! Papa: La Chiesa ha bisogno dellAC e del suo carisma e non può farne a meno 2004 Vescovi: Da essa è lecito attendersi che continui essere quella scuola di santità laicale che ha sempre garantito presenze qualificate di laici per il mondo e per la Chiesa. Gente:Cè chi ha bisogno di un luogo aperto e accogliente, dove si sperimenti una fraternità contemplativa e si guardi alla vita con gli occhi del Vangelo.

4 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Il rinnovamento conciliare e la selta religiosa Nel 1962 si apre il Concilio Vaticano II. Nel 1964 viene nominato Presidente della Giunta Centrale di AC Vittorio Bachelet, che, nel clima di rinnovamento conciliare, conduce l'Associazione a compiere la cosiddetta "scelta religiosa". Non il disimpegno dal piano temporale della vita cristiana ma la priorità dell'annuncio della Parola "in quanto capace di creare uomini nuovi e portatrice di una profonda carica di trasformazione della vita e della storia" Statuto del 69 ( )

5 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Quattro note caratteristiche dellAC Dopoconcilio Statuto del 69 Laicità (vocazione laicale) Collaborazione con la Gerarchia (servizio attento e reciproco ascolto) Organicità (non un movimento, ma un corpo organico) Ecclesialità (fine apostolico della Chiesa)

6 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Nuova organizzazione Uomini di AC Donne di AC Dopoconcilio Statuto del 69 Settore Adulti Settore Giovani ACR Gioventù maschile Gioventù femminile Sezioni minori MSAC, MLAC, (interni) FUCI, MEIC, MIEAC(esterni) CSI, (autonomi)

7 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Stagione dei progetti Anni 80 LAC rinnova il suo progetto formativo unitario e dei settori È una formazione che dà per scontata la fede e ne approfondisce le sue dimensioni: catechesi, spiritualità, ecclesialità, ambito culturale, sociopolitico… LACR, si dà un nuovo progetto, attento allIniziazione Cristiana dei ragazzi

8 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli UnAC troppo pastorale Anni 90 LAC identifica la scelta religiosa con scelta pastorale La conseguenza è lesaurirsi tutta allinterno delle parrocchie, non dialogando più con la realtà esterna Quando la pastorale si dà strumenti autonomi (uffici, altre aggregazioni…) comincia la crisi di spazi per lAC Per la sua maturità lAC si interroga e si sperimenta nel ridisegnare il volto missionario

9 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Un rinnovamento in atto, da interiorizzare 2003 Statuto rinnovato Diocesanità (localizzare lAC per renderla più fedele alla sua storia e alla sua geografia – Atto normativo) Missionarietà (far dialogare il vangelo con la vita, non dando più per scontata la fede, maturare un punto di vista cristiano sulle dimensioni della vita – nuovo progetto formativo) Unitarietà (non una composizione di settori ma unafraternità contemplativa) Democraticità (ricerca dellaltro sulla base di scelte condivise e flessibili)

10 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli PREMESSA Nel solco del rinnovamento associativo In ossequio al nuovo Statuto (art. 13,1) Per corrispondere alle attese dei nostri Vescovi Un testo corale e una lunga lavorazione Progetto formativo dellAzione Cattolica Italiana

11 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli UN PROGETTO FORMATIVO DI BASE PER LAC Che cosa non è un trattato pedagogico o catechetico sulleducazione cristiana in generale un prontuario esaustivo su come svolgere lattività educativa in AC un testo pensato per durare… sempre

12 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Come va inteso uno strumento di lavoro lidea di formazione, corredata con gli obiettivi, contenuti, metodo, stili educativi due piloni portanti: - le idealità del carisma dellAC - la realtà personale, socio-culturale, ecclesiale affidato alla creatività delle associazioni diocesane

13 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Perché proprio oggi un nuovo PF per fedeltà alla storia, al vangelo, alla Chiesa, davanti ai vorticosi cambiamenti in atto per la scomparsa degli automatismi sociali che assicuravano un diffuso senso di appartenenza religiosa perché il caso serio della nuova evangelizzazione interpella direttamente lAC

14 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli CHIAVI INTERPRETATIVE 1. Un profilo di laico cristiano maturo, per loggi Una fede pensata, che sa interpretare la vita Una laicità che è assumere la vita La paradossalità dellesistenza cristiana Un laico compagno di viaggio di tutti Dedicato alla Chiesa locale La secolarità come luogo teologico di santità

15 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli 2. Al centro la persona e la coscienza Connotazione personalista e cura di ognuno Un appello alla coscienza: interiorità, libertà, responsabilità, volontà… Attivare i dinamismi profondi della persona La coscienza luogo di unificazione della vita Credenti per scelta La dimensione relazionale della formazione

16 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli 3. Il paradigma cristocentrico Con lo sguardo fisso su Gesù Imparare Cristo, paradigma delluomo I diversi profili del mistero di Cristo: - il volto nascosto di Nazareth - il volto rivelatore del Padre - il volto amico delluomo - il volto sofferente del Golgota - il volto glorificato della Pasqua

17 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli 4. Lorientamento alla missione Dentro il cammino della Chiesa italiana: lurgenza della (nuova) evangelizzazione Una specifica tensione missionaria Laici per la missione, con la propria peculiarità: pensare la vita da cristiani Solo il discepolo può essere testimone

18 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli 5. Il valore formativo del carisma Nesso inscindibile tra formazione e identità associativa Il carisma dellAC: un dono da condividere Una nota sintetica: unesistenza cristiana fondata nellessenziale

19 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli CON UNIDEA DI FORMAZIONE Una formazione pensata Formazione come prendere forma Dentro un rapporto interpersonale A modello, il volto di Gesù

20 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli NEL CANTIERE DELLA FORMAZIONE Itinerari formativi Il dinamismo della vita cristiana: ricerca, attesa, stupore, coscienza del dono di Dio… Formazione ed età: i ragazzi, gli adolescenti, i giovani, gli adulti, gli anziani Uno strumento pedagogico: la Regola di vita

21 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Fra itinerario annuale… Il Vangelo dellanno e il cammino della comunità Le Settimane Le proposte locali, in una logica modulare … e itinerari per chi ricomincia a credere Gruppi di ricerca della fede Innesto graduale nel dinamismo della vita cristiana

22 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Ci vuole metodo La scelta dellesperienza Personalizzare il cammino formativo Alcuni criteri: essenzialità, gradualità, progressività, modularità Gli ambiti: la vita della comunità cristiana La vita associativa: limportanza strategica del gruppo, il servizio, il dialogo spirituale

23 Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Educatori allaltezza Tre figure: - gli educatori / gli animatori - i responsabili - gli assistenti La loro formazione: un modello di interazione fra teoria e pratica educativa, che si snoda su più piani


Scaricare ppt "Laboratorio diocesano della Formazione - AC Pozzuoli Piccola storia di una grande Associazione Azione Cattolica Italiana."

Presentazioni simili


Annunci Google