La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le modalità del processo risorgimentale e le loro conseguenze sulla società italiana (1815-1870) IRIS Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le modalità del processo risorgimentale e le loro conseguenze sulla società italiana (1815-1870) IRIS Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia."— Transcript della presentazione:

1 Le modalità del processo risorgimentale e le loro conseguenze sulla società italiana ( ) IRIS Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia Marina Medi – Milano 22 novembre 2010

2 Le interpretazioni del Risorgimento I giudizi sono stati molto diversi, influenzati dai problemi politico-ideologici del momento: 1)Critici: conquista sabauda, rivoluzione borghese fallita perché incapace di intrecciare la questione nazionale con quella sociale, rafforzamento di industriali e agrari contro le classi operaie e contadine (Oriani, Gobetti, Salvemini, Gramsci…) 2)Apologetici: capolavoro dei movimenti liberal-nazionali, religione della nazione che precorre il fascismo (Croce, Gentile, Volpe…) 3)Neo-materialisti: analisi puntuali delle trasformazioni economiche, sociali e istituzionali, disinteresse per quelle politico-ideologiche 4)Dibattito attuale: ripresa di studi anche sui protagonisti e i simboli nella costruzione dello stato-nazione (Riall, Ginsborg…) controstorie (Di Fiore…) studi comparativi su analoghi processi in Europa

3 La formazione dello stato-nazione Lunificazione politica dellItalia si realizza rapidamente tra il 59 e il 70 grazie a: –abili e fortunate manovre diplomatiche –lazione militare di volontari e dellesercito sabaudo –la pressione di unopinione pubblica nazional-patriottica Il risultato è un ampliamento territoriale del Regno di Sardegna che cambia nome, ma mantiene tutte le sue istituzioni. Non è un processo rivoluzionario di tipo politico o sociale. Non si fonda su un nuovo patto costituzionale. ( Molto dubbia lattendibilità dei plebisciti). I protagonisti del processo sono per lo più nobili e borghesi con motivazioni e posizioni politiche diverse tra loro e conflittuali, mentre le masse popolari restano passive o ostili.

4 e gli italiani? Il modo con cui si è svolto il processo risorgimentale per lindipendenza e lunità ha permesso di formare una comunità nazionale unita perché fondata su diritti riconosciuti e valori condivisi? Lidea di Italia preesistente è riuscita a diventare uno degli elementi di identità a livello personale e collettivo? Noi crediamo di no Vediamo perché

5 Lo scontro politico-ideologico Quattro progetti politicamente alternativi per unItalia indipendente: –repubblicano centralista (Mazzini) –repubblicano federalista (Cattaneo) –monarchico centralista (Cavour) –monarchico federalista (Gioberti) Due modelli della società: moderato e democratico –a volte con momenti di azione comune o almeno parallela –in genere fortemente conflittuali = Durante il processo: divisione e ostilità In chi perde: risentimento, delusione, estraneità

6 Lo scontro militare I conflitti armati hanno nemici diversi: - lAustria - i governi degli stati italiani legittimisti, compreso lo Stato pontificio - la Francia di Napoleone III - gli insurrezionalisti (mazziniani e altri democratici) - i briganti Gli scopi sono diversi, a seconda dei protagonisti: conquiste territoriali indipendenza dallo straniero Costituzione maggior giustizia sociale unificazione politica ed economica abolizione del potere temporale della Chiesa mantenimento dellordine sociale

7 Che cosa comporta questa diversità? Manca un nemico comune contro cui riconoscersi come fronte unito I rari momenti in cui cè alleanza sono subito seguiti da sconfessioni e rifiuti = Tra gli stessi vincitori del processo risorgimentale prevalgono sentimenti di sospetto e astio reciproco. Per molti anche di rancore e sconfitta

8 Ma il processo lascia anche molti vinti I sovrani legittimisti e chi è rimasto a loro fedele –per loro: esilio, prigionia, isolamento Il papa e la chiesa cattolica – perdita del potere temporale ed esproprio dei beni della Chiesa Le popolazioni contadine, specie del Sud –nessun beneficio, nessuna promessa mantenuta, –meno carità per la soppressione dei beni ecclesiastici, –nuove tasse, coscrizione, proprietari più esigenti, –governo estraneo, repressione armata

9 Il Risorgimento è stato una guerra civile? Ogni processo di unificazione nazionale è in qualche misura una guerra civile Tra il 1815 e il 1870 le azioni armate sono di italiani contro altri italiani: –lombardi e veneti nellesercito austriaco –eserciti degli stati legittimisti –insorti mazziniani e garibaldini –briganti = Inevitabile difficoltà per molti a identificarsi nella nuova realtà nazionale

10 Altri aspetti del processo ostacolano la formazione del senso dello stato Unificazione come conquista sabauda: –piemontesizzazione degli apparati statali –incameramento brutale del patrimonio degli stati vinti Gattopardismo: gruppi possidenti e di potere saltano sul carro dei vincitori per difendere i loro privilegi Appoggio chiesto alla mafia (conquista della Sicilia) e alla camorra (ordine a Napoli): inizio della collusione tra Stato e criminalità organizzata Corsa a trovare vantaggi personali nella fase di transizione. Poi lottizzazione clientelare del potere Interessi allesproprio del beni ecclesiastici: radicalizzazione dello scontro tra Stato e Chiesa Sistema elettorale censitario ristretto che esclude donne, poveri e analfabeti

11 Un processo incompiuto Nel Risorgimento lidea romantica di nazione (comunità di sangue, terra, cultura, storia, religione, destino) assume valenza di rivoluzione liberale contro il legittimismo convive con pratiche di internazionalismo per la libertà e lindipendenza di tutti i popoli oppressi non riesce però a concepire linclusione dei ceti sociali poveri e delle donne

12 Bibliografia Alberto Mario Banti, Il Risorgimento italiano, Laterza, Roma-Bari 2004 Alberto Mario Banti, Nel nome dellItalia, Laterza, Roma-Bari 2010 Eva Cecchinato, Camicie rosse, Laterza, Roma-Bari 2007 F.Della Peruta, Conservatori, liberali e democratici nel Risorgimento, Angeli, Milano, 1989 Gigi Di Fiore, Controstoria dellUnità dItalia, Rizzoli, Milano 2007 Alberto Mario Banti e Paul Ginsborg (a c. di), Storia dItalia. Annali 22. Il Risorgimento, Einaudi, Torino, 2007 Denis Mack Smith, Il Risorgimento italiano, Laterza Roma-Bari, nuova ed Lucy Riall, Il Risorgimento. Storia e interpretazioni, Donzelli, Roma 1997 Lucio Villari, Bella e perduta, Laterza, Roma-Bari, 2009 Giancarlo De Cataldo, I traditori, Einaudi, Torino, 2010


Scaricare ppt "Le modalità del processo risorgimentale e le loro conseguenze sulla società italiana (1815-1870) IRIS Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia."

Presentazioni simili


Annunci Google