La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L'ICE AL FIANCO DELLE IMPRESE ITALIANE IN TUNISIA ICE TUNISI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L'ICE AL FIANCO DELLE IMPRESE ITALIANE IN TUNISIA ICE TUNISI."— Transcript della presentazione:

1 L'ICE AL FIANCO DELLE IMPRESE ITALIANE IN TUNISIA ICE TUNISI

2 DATI IMPORT-EXPORT TUNISIA-ITALIA 2006

3 TOTALE BENI IMPORTATI MONDO/TUNISIA ( in MTND )

4 ESPORTAZIONI TUNISINE VERSO LITALIA : (VALORE : in DINARI TUNISINI) 1 DT. : 0, SALDO 06/05 VAR. % 06/05 TOTALE ,6 Agroalimentare ,7 Energia & Lubrificanti ,06 Miner. Fosf. & Derivati ,9 Tessile & Abb ,8 Ind. Mecc. & Elettriche ,9 Altre Ind. Manifatturiere Fonte : elaborazione ICE su dati INS ,2

5 TOTALE BENI ESPORTATI TUNISIA – MONDO (in MTND)

6 BILANCIA COMMERCIALE DELLA TUNISIA CON LITALIA ED ALCUNI TRA I PRINCIPALI CONCORRENTI DELLUNIONE EUROPEA (in DT) IMPORTAZIONIESPORTAZIONISALDO TOTALE GENERALE TOTALE DA UNIONE EUROPEA ITALIA FRANCIA GERMANIA SPAGNA BELGIO REGNO UNITO PAESI BASSI FONTE INS

7 BILANCIA COMMERCIALE DELLA TUNISIA CON LITALIA ED ALCUNI TRA I PRINCIPALI CONCORRENTI DELLUNIONE EUROPEA (in DT)

8 GRADO DI APERTURA DEL PAESE: TAPPE NORMATIVE E DATI STATISTICI POSITIVI Accordo di Associazione con UE firmato il 17 luglio 1995 (abbattimento delle barriere tariffarie dal ) 2004: normativa sulla semplificazione doganale coerente con il processo di smantellamento tariffario previsto dallaccordo di associazione maggio 2005: legge che consente agli investitori stranieri di acquistare terreni ed edifici industriali e terreni ed edifici destinati ad attività economiche di carattere turistico Le esportazioni in Tunisia rappresentano il 30% del PIL Le importazioni sono pari 40% del PIL Interscambio con paesi UE è uguale all80% del totale Gli IDE coprono i 4/5 del deficit delle partite correnti Gli investimenti stranieri sono il 10% di quelli totali, generano 34% delle esportazioni e creano 1/6 degli impieghi

9 COSTO DEI FATTORI DI PRODUZIONE (1 Dinaro = 0,6 Euro) Costo del lavoro- S.M.I.G. = circa 200/ al mese TND S.M.A.G= CIRCA 6,509 / al giorno TND (7,164 /giorno per operai qualificati) Salari medi dei quadri : 1000 – 1200/ al mese Direttore tecnico e Ingegnere qualificato 800 –1200/ al mese Ingegnere e Tecnico specializzato / al mese Contabile di 1° livello / al mese Aiuto contabile Contributi Sociali: 24% (di cui 17% a carico del datore di lavoro) Contributi Fiscali : 30-35% (di cui 3% a carico del datore di lavoro) Elettricita, Acqua, gas tutti hanno costi piu bassi che in Europa. Materie prime: Prodotti sul mercato locale soltanto i fosfati, per il resto i prezzi sono quelli del mercato internazionale da cui sono importate.

10 LE PROBLEMATICHE DELLINTERSCAMBIO: LE BARRIERE NON TARIFFARIE (studio di ICE Tunisi) 1) Il problema della Licenza d`Importazione La lista è lunga è non cè obbligo di motivazione nè termini di scadenza per la risposta da parte dellAmministrazione locale. 2) Il problema del prezzo di riferimento Le dogane per ogni prodotto hanno un prezzo di riferimento sul quale calcolare lonere doganale e spesso è alto e fuori dai parametri internazionali. 3) Il problema del Certificato di Origine Il vantaggio legato allo smantellamento tariffario con lUE, può essere applicato solo in caso di rilascio di un certificato di origine UE del prodotto che riguarda tutte le sue componenti 4) Il problema del Controllo Tecnico Recentemente la lista dei prodotti sottoposti a questi controlli è stata quadruplicata 5) Il problema dei prodotti vietati all`importazione Generalmente prodotti di largo consumo (mobili, televisori, video e altri apparecchi elettronici) 6) Il problema dei prodotti agroalimentari Sono richiesti una serie di certificati 7) Il problema dell`etichettatura È richiesta una etichettatura di origine su tutti gli imballaggi dei prodotti importati 8) Il problema della burocrazia doganale

11 PRINCIPALI SETTORI CON OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO SETTORE BANCARIO La debolezza del settore bancario, con forti oneri di prestiti non-performing e una super offerta di banche, è stata identificata come uno dei maggiori problemi delleconomia tunisina, per cui si dovrebbe procedere ad una riforma che preveda una serie di fusioni bancarie e la vendita di più assetti bancari pubblici. GRANDE DISTRIBUZIONE (10% del totale) In termini di mercato la Grande Distribuzione dovrà essere strutturata in tre poli, il primo capeggiato da Promodes (ipermercato Carrefour e supermercato Champion) e il secondo da Casino (ipermercato Geant e catena di Monoprix) già esistenti. Il terzo polo dovrà, secondo le previsioni, essere condotto, anche questo, da un compratore straniero che acquisirà la catena dei Magasin General (che rappresenta più del 30% del mercato) di cui lo Stato ha intenzione di cedere il 76,3% che detiene attualmente. NUOVE TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE +18% annuo negli ultimi tre anni, finanziamenti internazionali concentrati su questo settore e parchi tecnologici creati recentemente AGROALIMENTARE Il X° Piano di Sviluppo economico e sociale ha previsto importanti opere e investimenti per 5000 MDT. Lobiettivo è lautosufficienza. Particolare attenzione è riservata allagricoltura biologica. EDILIZIA: Gli Emirati Arabi Uniti si appresterebbero ad effettuare investimenti in Tunisia per un ammontare di 14 miliardi di USD su 5 anni in una prima tranche e di circa 20 miliardi di USD in una seconda tranche. Gli investiemnti programmati prevedono la costruzione alle porte di Tunisi di un quartiere futuristico ispirato alla città di Dubai, con un nuovo porto da diporto, aree di servizio e commerciali, nonchè ampliamenti nella zona del Lago di Tunisi, allestimento della città sportiva del Kram e della zona turistica de Hergla (nei pressi di Enfidha a circa 100 km a sud di Tunisi).

12 PRINCIPALI INVESTIMENTI ITALIANI DI SUCCESSO IN TUNISIA BENETTON Ha recentemente presentato un ulteriore progetto di investimento nella zona di Monastir riguardante il finissaggio per un valore totale di 22 milioni di euro. Attualmente ha già più di 100 operatori che fanno la sub-traitance e dà lavoro a 7000 persone. Di recente ha aperto propri punti vendita diretti. ELDO, GRUPPO MIROGLIO, GRUPPO MARZOTTO, CUCIRINI CALATRASI (650 ettari, joint-venture per la produzione di vino) JAL GROUP Numero 2 mondiale e 1° in Europa per le calzature di sicurezza, realizzano 90% della produzione attraverso EVOL GROUP TUNISIE COLACEM Ha acquistato il cementificio CAT ed ha ivestito circa 100 milioni di euro FONDERIE FRATELLI MORA hanno acquistato la Sofomeca, poi riacquistata dal gruppo italianoSAFAS (operazione da 2,5 milioni di euro) ENI, AGIP, SNAM PROGETTI (energia) FIAT AUTO, FIAT IVECO (trasporti) TODINI, ANSALDO, CARTA ISNARDO (grandi lavori) ALITALIA, MESSINA, TARROS, GRIMALDI, BONGIORNO, SIRIO etc. (trasporti)

13 ORGANISMI INTERNAZIONALI PER LA TUNISIA UNIONE EUROPEA Link Comm. EU Tunisia: Il Programma Meda ha erogato una media annua di 85 milioni di euro e il Meda II terminerà nel Questo Programma verrà sostituito dalla nuova politica di vicinato (European Neighbourhood Policy-ENP), che ha una previsione di spesa di 14,93 bilioni di euro per il periodo 2007 – I documenti di riferimento sono il Country Report e lAction Plan e la Tunisia è stato uno dei primi Paesi a concordare e presentare questi documenti. La novità è che per usufruire di questi finanziamenti è necessario fare accordi di partenariato con le imprese dei paesi beneficiari. WORLD BANK Piano di intervento 2005 – 2008 per una spesa totale di milioni di dollari BANCA AFRICANA DI SVILUPPO Link Progetti BAD Tunisia: Progetto (fase II) sulla qualità nellinsegnamento secondario Progetto sulla competitività nel settore privato Linea di credito alla Banca Nazionale Agricola (BNA) Programma sullo sviluppo agricolo integrato di Gabes, Gafsa e Kasserin BANCA DI SVILUPPO PER IL MEDITERRANEO In atto il dibattito su una sua possibile creazione (con sede a Tunisi). Dovrebbe prendere il posto del FEMIP (fondo euromediterraneo di investimento e partenariato) collocato allinetrno della BEI

14 FINANZIAMENTI ITALIANI PER LA TUNISIA LINEE DI CREDITO OPEN Si tratta di linee specifiche per ogni Paese, finanziate dalle banche italiane convenzionate con le banche estere di riferimento. Per ogni informazione è possibile consultare il sito web dellABI e contattare il Settore Crediti e Internazionalizzazione (tel. 06/ , FINANZIAMENTI SIMEST-M.C.I. COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Si tratta di finanziamenti erogati in Tunisia e rivolti alle imprese tunisine o italo-tunisine FONDO EURO-MED E finanziato dalle banche italiane e dalla Regione Lombardia. Per informazioni contattare la Promos.

15 LICE E IL SUO NETWORK NEL MONDO LIstituto è presente in 83 paesi nel mondo Con 111 unità operative E in Italia con 17 uffici per garantire alle imprese italiane un sostegno globale in Italia e allestero

16 LICE NEL MONDO EUROPA 43 presenze AFRICA 7 presenze AMERICA 19 presenze ASIA 38 presenze OCEANIA 4 presenze

17 LICE IN AFRICA Algeri – Il Cairo – Tripoli Casablanca – Dakar Johannesburg – Tunisi

18 LUFFICIO DELLIstituto per il Commercio Estero di TUNISI ANNO 2005 PERSONALE AD OGGI: 1° Direttrice, 2 trade analyst, 1° contabile/sistem-manager, 2 segretarie, 1 fattorino ICE TUNISI APRE I PROPRI UFFICI PER LA PRIMA VOLTA NEL 1972 IN AVENUE BOURGHIBA PRESSO lHOTEL AFRICA E SUCCESSIVAMENTE CAMBIA INDIRIZZO PER 2 VOLTE A GENNAIO 2005 SI TRASFERISCE ALLINTERNO DELLAMBASCIATA DITALIA A RUE de RUSSIE, 3 REALIZZANDO UNINTEGRAZIONE LOGISTICA, MA CONSERVANDO LA PROPRIA AUTONOMIA OPERATIVA, SIA PURE SOTTO IL COORDINAMENTO DEL CAPO MISSIONE OGGI UFFICIO E DIRETTTORE ICE SONO ACCREDITATI UFFICIALMENTE IN LISTA DIPLOMATICA PRESSO LE AUTORITA LOCALI, CON DIVERSI BENEFICI PER LE CASSE DELLO STATO E DI IMMAGINE, ANCHE SUL LAVORO SI BENEFICIA DI UNA COMUNICAZIONE ESTREMAMENTE AGEVOLATA. LICE SI OCCUPA DELLA PROMOZIONE DEL MADE IN ITALY E DELLASSISTENZA ALLE IMPRESE E LA SEZIONE COMMERCIALE DELLAMBASCIATA DEI RAPPORTI ISTITUZIONALI ENTRAMBI SONO COLLOCATI FISICAMENTE SULLO STESSO PIANO DELLEDIFICIO DELLAMBASCIATA, CHE E QUELLO DOVE SI TROVA ANCHE LUFFICIO DELLAMBASCIATORE

19 ATTIVITA PROMOZIONALE DI ICE TUNISI NEL 2007 ANNO gennaioSeminario Macchine per la lavorazione della plastica (in collaborazione con Assocomaplast) gennaioConvention ICE a Milano Rho 29 gennaio - 2 febbraio Missione di 4 operatori alla fiera Exposudhotel di Napoli 1-2 febbraioCorso di Formazione a Tunisi sulla qualità HCCP febbraioForum Economico del Mediterraneo a Palermo febbraio 2006Corso di formazione acquacultura a Cesenatico (7/8 giorni + visite, 4-5 persone) 5-8 Febbraio 2006Missione a Rimini di 5 operatori+ 1 rappresentante istituzionale al MIA (Mediterranean Seafood Exposition) febbraio 2006Missione di 5 tunisini alla BI-MU Mediterranea (Bari) marzo 2006Missione operatori tunisini a Fiera Sicurezza (Milano) Marzo 2006Promozione Simac 2006 aprilePunto Italia alla fiera dellImballaggio di Tunisi 9-10 maggioMissione a Tunisi della Camera di Commercio di Sassari settore mangimi per bestiame 2-5 maggioCorso di formazione acquacoltura a Cesenatico per 3 operatori maggio 2006Missione di 5 operatori al Xylexpo di Milano (produttori mobili)

20 ATTIVITA PROMOZIONALE DI ICE TUNISI NEL 2006 ANNO maggioMissione di operatori alla Fiera ACCADUEO (trattamento acque potabili e reflue) di Ferrara 6 giugnoCorso di formazione a Sousse sulla qualità nel settore alberghiero 7 giugnoCorso di formazione a Tunisi sulla qualità nel settore alberghiero giugnoMissione 2 buyers alla fiera araba di Mazzara del Vallo (pesca) luglioGruppo di lavoro tessile: incontro con le aziende italiane in Tunisia luglioCollaborazione per Iispezione sul progetto di distretto della moda a Cartagine settembreSeminario Nautica a Tunisi in collaborazione con la Camera di Commercio di Forlì settembreMissione di 2 operatori a Vicenza SAT Expo 9 novembreSeminario Assocomaplast a Monastir (accordo di settore) 3-5 dicembreMissione aziende Regione Lombardia a Tunisi 16 novembreMissione 4 operatori a EIMA (Bologna), macchine agricole 19/11/06 – 3/12/06Corso di formazione per tre hotel-manager (Rimini, Forum del Turismo nel Mediterraneo) gennaio 2007Forum Tunisia con Assindustria Vicenza

21 ANNO 2005 PRINCIPALI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE IMPRESE ITALIANE INFORMAZIONI DI PRIMO ORIENTAMENTO ELENCO DI NOMINATIVI DI IMPRESE TUNISINE RICERCA CLIENTI ASSISTENZA PERSONALIZZATA ELENCO DI PROFESSIONISTI LOCALI INFORMAZIONI RISERVATE SU OPERATORI LOCALI TENTATIVO DI RISOLUZIONE DI CONTROVERSIE GARE INTERNAZIONALI

22 ANNO 2005 ICE TUNISI 3, Rue de Russie 1000 TUNIS B.P 1344 – 1000 TUNIS R.P tel fax / / http//www.ice.it/estero/newtunisi/default2.htm


Scaricare ppt "L'ICE AL FIANCO DELLE IMPRESE ITALIANE IN TUNISIA ICE TUNISI."

Presentazioni simili


Annunci Google