La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Una casa per il Diritto allo Studio Residenze universitarie: qualità a confronto 2° forum Europeo del Diritto allo Studio Universitario Giuseppe Catalano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Una casa per il Diritto allo Studio Residenze universitarie: qualità a confronto 2° forum Europeo del Diritto allo Studio Universitario Giuseppe Catalano."— Transcript della presentazione:

1 Una casa per il Diritto allo Studio Residenze universitarie: qualità a confronto 2° forum Europeo del Diritto allo Studio Universitario Giuseppe Catalano Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Via Lambruschini, 4b, Milano

2 Agenda 1.Il contesto 2.La legge 14 novembre 2000, n Levoluzione dei posti letto 4.Gli standard qualitativi 5.Quale capacità gestionale? 2

3 1.Il contesto Le politiche per il diritto allo studio universitario (DSU) hanno assunto una rilevanza strategica per gli atenei; è necessario fornire agli studenti capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi (art. 34 della Costituzione) e, più in generale, a tutti gli studenti, adeguati supporti finanziari; la voce che assorbe la maggior parte delle risorse degli studenti è relativa ai costi per lalloggio; in Italia il sistema residenziale universitario risulta tradizionalmente sottodimensionato. 3

4 1.Il contesto Per tale ragione sono state avviate un serie di iniziative volte a: 1.garantire un posto letto al maggior numero possibile di studenti e docenti; 2.potenziare e diversificare i servizi residenziali offerti attraverso nuovi standard qualitativi finalizzati a: rispettare le scelte di vita di ciascun studente e docente, offrendo opzioni abitative differenziate (residenze, collegi, appartamenti, ecc.); fornire a studenti e docenti non solo un posto in cui alloggiare, ma un ambiente in cui poter vivere. 4

5 2.La legge 14 novembre 2000, 338 Il quadro normativo: primo bando 02 D.M , n. 116 Procedure e modalità per la presentazione dei progetti e per lerogazione dei finanziamenti Legge 23 dicembre 2000, n. 388 Legge finanziaria 2001 Legge 14 novembre 2000, n. 338 Disposizioni in materia di alloggi e residenze per studenti universitari D.M , n. 118 Standard minimi dimensionali e qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici D.M , n. 65 Modello ARSU Allegato A Standard minimi qualitativi Allegato B Linee guida relativi ai parametri tecnici ed economici 5

6 2.La legge 14 novembre 2000, 338 Il quadro normativo: secondo bando 04 D.M , n. 42 Procedure e modalità per la presentazione dei progetti e per lerogazione dei finanziamenti Legge 23 dicembre 2000, n. 388 Legge finanziaria 2001 Legge 14 novembre 2000, n. 338 Disposizioni in materia di alloggi e residenze per studenti universitari D.M , n. 43 Standard minimi dimensionali e qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici D.M , n. 71 Modello ARSU Allegato A Standard minimi qualitativi Allegato B Linee guida relativi ai parametri tecnici ed economici 6

7 2.La legge 14 novembre 2000, Numero totale di interventi Importo totale di cofinanziamento I bando Numero totale di interventi Importo totale di cofinanziamento II bando I finanziamenti: primo e secondo bando 7

8 2.La legge 14 novembre 2000, 338 I Italia posti alloggio p.a p.a. Nuovi p.a. Messi a norma p.a p.a. Nuovi p.a. Messi a norma I bando II bando I bandoII bandoPrima della 338/00Conclusione In soli 10 anni Gli effetti: primo e secondo bando 8

9 3. Levoluzione dei posti letto I posti alloggio dal 2001 al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al Δ Nord % Centro % Sud e isole % TOTALE % Fonte: M.I.U.R.

10 3. Levoluzione dei posti letto 10 Regioni e province autonome posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al Δ provincia Bolzano % provincia Trento % Emilia Romagna % Friuli Venezia Giulia % Liguria % Lombardia % Piemonte % Veneto % NORD % I posti alloggio dal 2001 al 2008

11 3. Levoluzione dei posti letto 11 Regioni e province autonome posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al Δ Abruzzo % Lazio % Marche % Toscana % Umbria % CENTRO % I posti alloggio dal 2001 al 2008

12 3. Levoluzione dei posti letto 12 Regioni e province autonome posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al posti alloggio al Δ Basilicata % Calabria % Campania % Puglia % Sardegna % SUD E ISOLE % I posti alloggio dal 2001 al 2008

13 Aree funzionali 4. Gli standard qualitativi AREA FUNZIONALESPAZI MINIMI PREVISTI AF1Funzione residenziale16 mq/p.l. per i posti alloggio riservati a studenti capaci, meritevoli e privi di mezzi 18 mq/p.l. per quelli non riservati AF2Servizi culturali e didattici1,6 mq/studente AF3Servizi ricreativi1,2 mq/studente AF4Servizi di supporto1,2 mq/studente AF5Servizi gestionali e amministrativi 0,8 mq/studente Accesso e distribuzioneSuperficie < 35% del totale delle superfici delle aree precedenti Aree di parcheggio auto e servizi tecnologici Misura minima determinata dalle normative vigenti 13

14 Unità ambientali 4. Gli standard qualitativi UNITÀ AMBIENTALI CARATTERISTICHEUNITÀ AMBIENTALI CARATTERISTICHE AF1CameraSingola (min. 11 mq) o al massimo doppia (min. 18 mq) AF4Lavanderia/stireria AF1Servizio igienico Individuale o almeno ogni 3 posti letto (min. 3 mq) AF4Parcheggio biciclette Il 50% in luogo sicuro e protetto AF1Angolo cottura Oppure cucina-pranzo ogni 20 posti letto AF4Servizi igienici AF2Sala/e studioCon almeno il 30% delle postazioni dotate di attrezzature informatiche AF5Ufficio direttore e ufficio portiere AF2Aula riunioniCapienza max 20 postiAF5Archivio AF2BibliotecaCapienza max 20 postiAF5Guardaroba AF3Sala videoAF5Deposito biancheria AF3Sala musicaMagazzino AF3Sala internetCapienza max 20 postiIngresso e percorsi 14

15 5. Quale capacità gestionale? La gestione delle residenze Universitarie. Analisi dei modelli organizzativi e dei costi di gestione. Unanalisi comparata tra: 1.ESU di Padova; 2.Opera Universitaria di Trento; 3.Politecnico di Milano; 4.Università L.Bocconi. 15

16 5. Quale capacità gestionale? I modelli di servizio 1.Eterogeneità nei modelli di offerta allinterno delle residenze di uno stesso ente 2.Eterogeneità di modelli di offerta tra enti Necessità di trovare una classificazione e categorizzazione dei servizi così da permettere lanalisi incrociata Modello servizio Sistema costi Modello gestionale 16

17 5. Quale capacità gestionale? I modelli di servizio: la classificazione delle strutture 17

18 5. Quale capacità gestionale? I modelli di servizio: le funzioni di servizio Servizi di property Servizi di facility Servizi di accoglienza I servizi alberghieri: cambio biancheria pulizia mensile della camera pulizia settimanale degli spazi comuni Lavanderia ; il servizio di custodia e sorveglianza la gestione delle forniture le manutenzioni ordinarie gestione del verde edile Impiantistica la Selezione e lassegnazione alloggio Le funzioni di controllo sulla effettiva erogazione dei servizi e sugli interventi manutentivi la determinazione delle tariffe la gestione dei flussi finanziari la gestione e sviluppo dei sistemi informativi la gestione dei contenziosi organizzazione delle attività sportive organizzazione delle attività culturali organizzazione delle attività ludiche / ricreative servizio di consulenza psicologica altre attività di supporto allinserimento dello studente nel contesto accademico e urbano 18

19 5. Quale capacità gestionale? I modelli di gestione: uno schema interpretativo Livello di esternalizzazione dei servizi Durata del rapporto contrattuale tra proprietario/conduttore e gestore Gestione diretta pura Funzione di pianificazione e controllo PD TR BO PM Outsourcing servizi Gestione diretta Costruzione e gestione Fondo immobiliare Global service PM = Politecnico di Milano PD = ESU di Padova TR= Opera Universitaria di Trento BO = Università L. Bocconi di Milano 19

20 5. Quale capacità gestionale? I costi: gli obiettivi della rilevazione 1. Confronto dei sistemi di rilevazione delle variabili economico finanziarie (è possibile effettuare un confronto omogeneo delle grandezze economiche?) proporre e testare una metodologia che consenta di definire un costo unitario per i servizi residenziali universitari (costo per posto alloggio) Attraverso il benchmarking delle organizzazioni partecipanti 2. Confronto dellarticolazione del sistema di controllo (ci può essere unarticolazione condivisibile?) 3. Confronto dellorganizzazione delle strutture di controllo (ci può essere unorganizzazione condivisibile?) 20

21 5. Quale capacità gestionale? I costi: alcune criticità metodologiche Contabilità finanziaria ESU Padova Opera Universitaria di Trento Politecnico di Milano Contabilità generale ed analitica (economico patrimoniale) ESU Padova Opera Universitaria di Trento Università Bocconi 21

22 5. Quale capacità gestionale? I costi:il metodo ABC Il modello dei costi Il modello delle attività Il calcolo del costo per processo e per attività elementare Ribaltamento di alcuni costi in base a criteri di proporzionalità (es. per i costi di gestione del personale: numero persone funzione residenze/ numero persone ente/numero posti letto) Ribaltamento di alcuni costi in base allindividuazione di driver specifici concordati tra i partecipanti Il riparto del tempo del personale dedicato alle diverse attività 22

23 5. Quale capacità gestionale? I costi:il metodo ABC Quali possibili indicatori costo annuo posto letto disponibile costo unitario posto letto occupato tasso di occupazione perdita per mancata occupazione Costo/n. effettivo posti letto Costo/(n. posti letto * mesi utilizzo/12) Trento (Costo/n. posti letto)/mesi utilizzo*12) Politecnico costo giorno posto letto disponibile (costo posto letto-ricavo posto letto)* tasso di non occupazione 23


Scaricare ppt "Una casa per il Diritto allo Studio Residenze universitarie: qualità a confronto 2° forum Europeo del Diritto allo Studio Universitario Giuseppe Catalano."

Presentazioni simili


Annunci Google