La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL SISTEMA CLASSIFICATIVO RUG NELLESPERIENZA ITALIANA Specializzanda Dott.ssa Ivana RUFFO TARZIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. dANNUNZIO CHIETI SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL SISTEMA CLASSIFICATIVO RUG NELLESPERIENZA ITALIANA Specializzanda Dott.ssa Ivana RUFFO TARZIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. dANNUNZIO CHIETI SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 IL SISTEMA CLASSIFICATIVO RUG NELLESPERIENZA ITALIANA Specializzanda Dott.ssa Ivana RUFFO TARZIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. dANNUNZIO CHIETI SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA Direttore: Prof. Ferdinando Romano Relatore Prof. Ferdinando ROMANO Anno Accademico 2002/2003

2 IL SISTEMA CLASSIFICATIVO DEI RUGS Strumento di definizione del case-mix assistenziale delle strutture residenziali che opera attraverso la classificazione dei pazienti in gruppi a diverso assorbimento di risorse. Può essere utilizzato come sistema di riferimento per la remunerazione delle strutture residenziali.

3 PANORAMA ITALIANO DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI Disomogeneità - - nella distribuzione regionale delle strutture - nel tipo di assistenza prestata Carenza - - posti letto previsti: 6% soggetti età > 65 aa (2% RSA) pari a posti letto presenti: in case di riposo RSA

4 SISTEMA DI REMUNERAZIONE DELLE RSA Le residenze sanitarie extraospedaliere vengono remunerate a giornata di degenza, limitatamente alla sola componente di attività sanitaria. - - mancanza di equità nellaccesso alle cure - - mancanza di stimolo al miglioramento dellefficacia e della qualità - - difficoltà nella valutazione dellappropriatezza dellassistenza prestata

5 EFFETTI POSITIVI DELLINTRODUZIONE DI UN SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE DELLA COMPLESSITA ASSISTENZIALE Definizione livelli di accreditamento Determinazione standard assistenziali Monitoraggio piani di assistenza individuale Determinazione sistema remunerazione più equo Studi epidemiologici Valutazioni comparative Programmazione sanitaria ed economica

6 Sistemi di classificazione della complessità assistenziale nel post-acuto valutazione RUGCMARRCSSNAPARCSAGGIRSOSIA AdlXXXXXXX ContinenzaXXXXX Piaghe da decubito XXX ComunicazioneXXXXX Disturbi cognitivi XXX D.psico-affettiviXX D.comportamentXXXXX Patologie attiveXXXXX Lavoro infermieristico XXXXX Terapie intensiveXXXX RiabilitazioneXX Aspetti socio- economici X135 N.items Tempo di compilazione Calcolo dello staff XXXXX Software gestionale XXX

7 Nascita e sviluppo del sistema RUG Viene sviluppato negli USA da Fries e Cooney negli anni ottanta Versione RUG III adottata per il finanziamento delle Nursing Home di molti Stati degli USA dal 1994 Disponibile in 2 versioni: - 44 gruppi - 34 gruppi

8 IL SISTEMA RUG E BASATO SU UNA SCHEDA CON 109 ITEMS CHE INDAGA LE CONDIZIONI CLINICHE E LAUTONOMIA FUNZIONALE DEI PAZIENTI. VENGONO IDENTIFICATI 44 GRUPPI A DIVERSA COMPLESSITA ASSISTENZIALE SUDDIVISI IN 7 RAGGRUPPAMENTI PRINCIPALI.

9 Aree di valutazione ed items della scheda Rug SEZIONEDESCRIZIONEITEMS SEZIONE B Stato cognitivo3 SEZIONE C Comunicazione1 SEZIONE E Umore e comportamento26 SEZIONE G Autonomia7 SEZIONE H Continenza2 SEZIONE I Diagnosi di malattia8 SEZIONE J Condizioni cliniche7 SEZIONE K Stato nutrizionale5 SEZIONE M Condizioni della cute20 SEZIONE N Attività1 SEZIONE O Farmaci1 SEZIONE P Trattamenti e terapie speciali25 SEZIONE T Sezione supplementare3 Totale 109

10 Attribuzione del paziente ai raggruppamenti principali 1.REHABILITATION 2.EXTENSIVE SPECIAL CARE 3.SPECIAL CARE 4.CLINICALLY COMPLEX 5.COGNITIVE IMPAIRMENT 6.BEHAVIOUR PROBLEMS 7.REDUCED PHYSICAL FUNCTIONS

11 44 GRUPPI

12 VALIDAZIONE DEL SISTEMA RUG IN ITALIA progetto di ricerca finalizzata del 1996 Obiettivo: verificare la trasferibilità del sistema Rug alle strutture residenziali italiane di assistenza a lungo termine Campione: 1000 soggetti età >50 aa, privi di malattie psichiatriche, residenti in 11 strutture residenziali ubicate in diverse regioni (Lazio, Marche, Toscana, Veneto) Requisiti strutture residenziali: -degenza media >25 gg -standard minimi definiti di personale -sistema di contabilità analitica -disponibilità del personale a registrare i tempi di assistenza

13 Risultati del progetto di validazione - Classificazione dei pazienti residenti nei 44 gruppi RUG - Determinazione dei tempi normalizzati di assistenza totale e specifica per ogni classe Rug - Definizione di indici di assistenza per gruppo e del case-mix assistenziale - Definizione dello standard di personale - 61% della varianza del consumo di risorse umane globali spiegata dai Rug - Marcate differenze dellassistenza erogata a stessi gruppi di pazienti in strutture diverse, con proporzionale differenziazione tra i diversi gruppi della stessa struttura

14 II PROGETTO DI RICERCA FINALIZZATA SULLA APPLICAZIONE DEI RUG Analisi delle problematiche connesse allintroduzione dei RUGs come sistema di remunerazione per le residenze sanitarie del Sistema Sanitario Italiano. Obiettivi intermedi: - Sviluppo software gestione - Definizione di indicatori per la verifica della qualità di compilazione delle schede Rug - Definizione di indicatori per la verifica della qualità delle prestazioni erogate - Redazione di un manuale di accreditamento - Definizione di un sistema tariffario basato sui costi standard delle centri campione

15 II PROGETTO DI RICERCA FINALIZZATA SULLAPPLICAZIONE DEI RUG Obiettivi finali: Sperimentazione del sistema di remunerazione basato sul case-mix rilevato dai Rug con rilevazione continua dei costi di produzione e revisione del sistema tariffario provvisorio (270gg) Verifiche occasionali sui carichi di lavoro aggiuntivi Verifiche occasionali sugli standard di assistenza Monitoraggio del coefficiente di incremento dellindice di case-mix per ciascuna struttura con definizione di valori soglia

16 Classi di accreditamento modello 1 TipologiaMacro-gruppi RUG Pazienti ammessiMin. medi assistenza Peso medioTariffa media Unità SpecialiExtensive special care Special care Tutti Fino al 20% 347,921,640213,02 RSASpecial care Clinically complex Impairment cognition Behaviour problems Reduced Physical func. Fino al 20% Tutti Fino al 20% 212,320,998112,78 Residenze protetteImpairment cognition Behaviour problems Reduced physical func. Fino al20% Tutti 154,600,72976,23

17 Classi di accreditamento modello 2 TipologiaMacro-gruppi RUGPazienti ammessi in. medi assistenza Peso medioMTariffa media Unità specialiExtensive special care Special care Tutti Fino al 20% 347,921,640213,02 Lungo degenzaSpecial care Clinically complex Tutti 274,571,294157,68 RSASpecial care Clinically complex Impairment cognition Behaviour problems Reduced Physical func. Fino al 20% Tutti Fino al 20% 212,320,998112,78 Residenze protette Impairment cognition Behaviour problems Reduced physical func. Fino al 20% Tutti 0,000,0000,00

18 Costruzione del sistema tariffario La tariffa iniziale viene determinata sulla base dei costi storici e dei dati rilevati nel campione Vi sono tre componenti di costi: - costi variabili di assistenza e consumi direttamente imputabili al paziente e dipendenti dal case-mix - costi semivariabili, parzialmente modificati dal case-mix - costi fissi, riferiti a servizi generali ed alberghieri puri, non modificati dal case-mix Lo sviluppo delle tariffe è stato condotto cercando di rispettare il corretto equilibrio tra le classi di costi, mantenendo una stretta aderenza con i costi effettivi rilevati nelle strutture. La tariffa standard viene aggiustata in base al case-mix rilevato dai Rug che opera come fattore di moltiplicazione

19 Composizione della tariffa standard Tariffa base (case-mix =1)Valore (euro)% Assistenza infermieristica/riabilitativa/ altra-case-mix 54,1149,84 Beni e servizi sanitari supplem. non terapeutici- case-mix 21,8920,16 Costi generali amministrativi e del capitale-non case-mix 32,5730,00 Totale tariffa108,57100,00 Da F. Grechi Regione Marche

20 BANCA DATI RUG 5450 PAZIENTI STUDIATI TRA GENNAIO 1998 E MARZO STRUTTURE IN 7 REGIONI (RSA E CASE PROTETTE) ETA MEDIA 82,5 ANNI 57,9% PAZIENTI GENERE FEMMINILE DEGENZA MEDIA 174 GIORNI INDICE MEDIO RUG = 1,098 56,4% RUG >1 43,6% RUG < 1 PRINCIPALI PROBLEMATICHE ASSISTENZIALI: >90% AUTONOMIA ->50% DISTURBI DELLUMORE >40% DISTURBI DELLA MEMORIA

21 Evoluzione del case-mix assistenziale nelle RSA High Care = RUG > 1.00 Low Care = RUG < 1.00 Da E:Brizioli

22 IMPLEMENTAZIONE DEL PROGETTO RUG NELLE REGIONI La terza fase del progetto è iniziata nel 2002 e coinvolge lAgenzia per i Servizi Sanitari Regionali oltre che diverse Regioni: Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto. Mira alla verifica della compliance del sistema e dei risultati su ampia scala.

23 PROBLEMATICHE E LIMITI DEL SISTEMA RUG Difformità normativa tra regioni con scarsa riproducibilità delle condizioni assistenziali Assenza di protocolli assistenziali Mancanza di integrazione con indicatori di qualità Verifica ed aggiornamento continuo dei pesi medi Necessità di ripetere la valutazione RUG ad intervalli definiti Necessità di attivare un sistema di controllo di eventuali comportamenti opportunistici Scarsa efficacia nella classificazione dei pazienti assegnati ai 14 gruppi della riabilitazione

24 CONCLUSIONI Lintroduzione del sistema RUG ha permesso di acquisire una serie di conoscenze sulle problematiche assistenziali delle strutture residenziali. Le esperienze sino ad oggi condotte mostrano lapplicabilità dello strumento RUG alle strutture residenziali per la classificazione del case-mix assistenziale e la definizione delle tariffe. Tuttavia lutilizzo sistematico del sistema deve essere preceduto da un adattamento alle realtà regionali mediante classi di accreditamento delle strutture residenziali e definizione di percorsi terapeutico- assistenziali. La costruzione dei pesi medi deve essere oggetto di continue verifiche. Infine è necessaria una integrazione del sistema con indicatori di qualità ed outcomes di salute e benessere


Scaricare ppt "IL SISTEMA CLASSIFICATIVO RUG NELLESPERIENZA ITALIANA Specializzanda Dott.ssa Ivana RUFFO TARZIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. dANNUNZIO CHIETI SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google