La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bioetica e deontologia professionale Bioetica e deontologia professionale R. Ferrante Ricon. Credit. Corso di laurea tsrm a.a. 2009/2010 R. Ferrante Ricon.

Copie: 1
Bioetica e deontologia professionale Bioetica e deontologia professionale R. Ferrante Ricon. Credit. Corso di laurea tsrm a.a. 2007/2008 R. Ferrante Ricon.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bioetica e deontologia professionale Bioetica e deontologia professionale R. Ferrante Ricon. Credit. Corso di laurea tsrm a.a. 2009/2010 R. Ferrante Ricon."— Transcript della presentazione:

1 Bioetica e deontologia professionale Bioetica e deontologia professionale R. Ferrante Ricon. Credit. Corso di laurea tsrm a.a. 2009/2010 R. Ferrante Ricon. Credit. Corso di laurea tsrm a.a. 2009/

2 AllUniversità non si va solo per imparare qualcosa che possa essere riconvertito in mestiere ma anche per chiedere ciò che da sempre è la specialità della casa : LA CULTURA, un bene cui si può accedere sempre, meglio ancora se nella seconda o terza età ! ( Raffaello Masci ) A TUTTI I COLLEGHI TSRM

3 BIOETICA BIOSETHOS Scienza che studia la liceità degli interventi delluomo sulla vita in generale W.T. REICH : La Bioetica è lo studio sistematico della condotta umana nellarea della scienza della vita e della salute, quando tale condotta viene esaminata dalla luce dei valori e dei principi morali. Encyclopedia of Bioetics- N Y

4 la conoscenza su come utilizzare la conoscenza per il bene sociale (V.R.Potter, Bioethics: Bridge to the future, Prentice-Hall, Englewood Cliffs, 1971,1); quella parte della filosofia morale che considera la liceità o meno degli interventi sulla vita delluomo e, particolarmente, gli interventi connessi con la pratica e lo sviluppo delle scienze mediche e biologiche (E. Sgreccia, Bioetica, Vita e Pensiero, Milano 1986, 43); BIOETICA

5 "la bioetica nasce spontaneamente dalle preoccupazioni di pazienti, medici e infermieri" (H. T. Engelhardt, Manuale di Bioetica, Il Saggiatore, Milano 1991, p. 14); "campo e occasione di un dibattito pubblico, che esplicitamente si propone di sottrarre alla esclusiva gestione degli esperti temi che sono di interesse comune". (Bioetica, a cura di A. Di Meo e C. Mancina, Laterza, Bari 1989, Prefazione). BIOETICA

6 Che cosè la Bioetica? DEFINIZIONE RIVISITATA ED AMPLIATA DA REICH Lo studio sistematico delle dimensioni morali - inclusa la visione morale, la condotta e le politiche - delle scienze, della vita e della salute, utilizzando varie metodologie etiche e con un impostazione interdisciplinare (W.T. Reich )

7 Che cosè la Bioetica? ULTERIORI DEFINIZIONI OPERATIVE Un ponte fra scienze naturali e comportamenti umani Sopravvivenza della specie umana Aumento della qualità della vita (D.Callahan ) La bioetica è una branca delletica applicata, cioè una riflessione sullapplicazione delle varie teorie etiche alla medicina ed alla biologia per indagarne la coerenza e la sostenibilità (J.L. Vincent )

8 LE FRONTIERE DELLA SCIENZA 1986 Viene ideato ed inizia il progetto Genoma Umano 1990 Primo trapianto di geni in pazienti in Europa ed USA 1991 Primo test genetico negli embrioni (USA) 1993 Clonato un embrione umano che si sviluppa per diversi giorni 1996 Primo trapianto xenobiotico 1997 Viene clonata la pecora Dolly. Lo stesso anno vengono clonati anche dei topi Coltivazione di embrioni da cellule pluripotenti. In Corea viene clonato un uomo.

9 LEGISLAZIONE Italia Divieto assoluto di clonazione umana anche a scopo terapeutico Comitato Nazionale Bioetica Commissione Europea (1993) (2000) Non brevettabilità delluomo Divieto clonazione umana o di sue parti di qualsiasi tipo Convenzione di Oviedo (1997)

10 Clonazione

11 Aree Tematiche BiotecnologieClonazione EmbrioneEtica Ambientale Fecondazione Artificiale Ingegneria Genetica Rapporto Operatore- Paziente Eutanasia Trapianti dorgano Progetto Genoma BIOETICA

12 BIOETICA TUTTO QUELLO CHE E TECNICAMENTE POSSIBILE È ANCHE ETICAMENTE LECITO?TUTTO QUELLO CHE E TECNICAMENTE POSSIBILE È ANCHE ETICAMENTE LECITO?

13 COMITATO DI BIOETICA Nascita: in USA nel 1972, Canada 1976 e Italia 1990 FUNZIONI: -Culturale -Educativa -Consultiva -Di controllo

14 O.M.S. Salute per tutti nel ventunesimo secolo ATTO SANITARIO – ATTO INTEGRATO La salute ha attualmente una dimensione fortemente transculturale in riferimento alle popolazioni ma anche in riferimento alla reale interazione fra campo della sanità e gli altri campi dellagire umano (famiglia, scuola, lavoro, ecc…)

15 ETICA = ETHOS Comportamenti dell uomo dal punto di vista del bene e del male EZIOLOGIA Costume Carattere

16 ETICA Letica non è conoscenza nuova o recente I Filosofi Greci studiano lEtica Esiste da sempre, da quanto esiste lUomo COMPORTAMENTO ma ancheMODOdi essere UOMONon solo il COMPORTAMENTO ma anche il MODO di essere UOMO

17 ETICA

18

19 ETICA DESCRITTIVANORMATIVA Descrive i Valori che orientano lUomo Quale dovrebbe essere il COMPORTAMENTO in relazione a determinati VALORI LETICA è la riflessione in base alla quale ogni LETICA è la riflessione in base alla quale ogni persona si interroga sul proprio comportamento persona si interroga sul proprio comportamento per valutare se ciò che fa corrisponde a ciò che per valutare se ciò che fa corrisponde a ciò che dovrebbe fare, a ciò che è giusto fare. dovrebbe fare, a ciò che è giusto fare.

20 ETICA Laica Religiosa Essere Persone etiche è un dovere di fedeltà allessere persone umane indipendentemente dalle scelte personali. ETICA della Persona dellOperatore Etica della quotidianità riguarda tutti gli Operatori dellambito Socio- Sanitario. Codice Deontologico

21 Scopo dellEtica LINDIVIDUOSOCIETA La conoscenza delle regole che devono presiedere i rapporti tra LINDIVIDUO e la SOCIETA, affinché luno e laltra possano convivere nel rispetto reciproco.

22 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELLUOMO Costituzione degli Stati Uniti dAmerica (1787); Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino (1789), che precedettero la Rivoluzione Francese; Approvazione della dichiarazione universale dei diritti delluomo dellAssemblea ONU il 10 dicembre 1948.

23 DOCUMENTI SUCCESSIVI Dichiarazione dei diritti del fanciullo (1959); Carta sociale europea (1965); Convenzione internazionale sulleliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale (1965); Dichiarazione sulleliminazione della discriminazione nei confronti della donna (1967); Dichiarazione dei diritti del malato (1973).

24 Carta dei servizi pubblici sanitari 19 Maggio 1995, Consiglio dei Ministri Uguaglianza Imparzialità Continuità Diritto di scelta Partecipazione Efficienza ed efficacia

25 COSTITUZIONE ITALIANA Art.2: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili delluomo, come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede ladempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Art. 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali …

26 PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA BIOETICA Principio di non maleficienza; Principio di autonomia; Principio di beneficienza; Principio di giustizia.

27 PROFESSIONE TSRM Principio della giusta causa (appropriatezza); Principio dellottimizzazione; Principio della limitazione delle dosi. Raccomandazione ICRP n. 29 D. Lgs. 187/2000

28 DEONTOLOGIA Scienza che studia linsieme dei doveri e delle regole di un gruppo professionale LOGOSDEON +

29 DIMENSIONE ETICA LEGGE MORALE NATURALE COSCIENZA LIBERTA

30 COSCIENZA CONOSCENZA RIFLESSIONE CRITICA SULLESPERIENZA CONFRONTO CON ALTRE PERSONE

31 ETICA E PROFESSIONE Qualunque professione (…) è innanzitutto lattuazione di un principio morale, ladempimento delluniversale vocazione delluomo a realizzarsi attraverso un lavoro che diviene (…) cardine di tutte le virtù. Il lavoro professionale occupa, in questa prospettiva, un posto centrale sia nel raggiungimento della massima promozione umana che nello sviluppo della società. Dal volume Etica Professioni Virtù di Pelàez M. (Ed. Ares Milano, 1995)

32 ETICA E PROFESSIONE Doveri nei confronti di: - LAzienda - Colleghi ed altri professionisti -Persone assistite - Studenti

33 ETICA E DEONTOLOGIA 2 - Principi etici del Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Il TSRM è il professionista che: 2.1 pone la persona al centro di tutte le attività sanitarie; 2.2 eroga un servizio alla persona – omissis – 2.3 riconosce che la persona non è destinataria passiva – omissis-

34 2.10 nellesercizio della professione valuta ed agisce sulla base di evidenze scientifiche; verifica costantemente le proprie modalità operative e contribuisce alla definizione e allaggiornamento di linee guida, protocolli o procedure oltre che dei manuali della qualità partecipa alla determinazione della politica professionale e sanitaria e si adopera per il miglioramento della sua specifica realtà lavorativa. ETICA E DEONTOLOGIA

35 2.12 caratterizza il suo esercizio professionale in modo da garantire lerogazione di prestazioni sanitarie secondo la migliore scienza ed esperienza. A tal fine, individua come strumenti appropriati la formazione continua, la ricerca e il miglioramento continuo della qualità delle prestazioni sanitarie. Oltre che come discente e docente, partecipa attivamente alla formazione continua attraverso la promozione, la progettazione e la realizzazione di specifici percorsi formativi; ETICA E DEONTOLOGIA

36 MUTATE CONDIZIONI SOCIO- CULTURALI - Maggiori conoscenze del cittadino utente e più servizi offerti anche attraverso i mass- media (ad es.strutture sanitarie che fanno marketing per attrarre clienti) - Richiesta da parte dellutenza di professionalità e di servizi sanitari di qualità (ad es. con attenzione anche ai servizi alberghieri)- -Diversa concezione del concetto di salute

37 MUTATE CONDIZIONI SOCIO- CULTURALI -Popolazione sempre più multi-etnica e sempre più anziana, ( sempre meno genitori accompagnati dai figli e sempre più dalle badanti) -Forte immigrazione: dal 2006 si raddoppia la quota degli immigrati,circa Negli ultimi 5 anni in Italia gli studenti stranieri sono passati da 4620 a e rappresentano il 6,24% della popolazione scolastica ; prevedere costante inserimento di lavoratori qualificati extra-comunitari nel mondo sanitario pubblico e privato

38 Fonte: Repubblica del 25 aprile 2006 Così cambierà il Paese

39 Finanziamento del SSN italiano ( ) Circa 5,8 – 7% ca. del Pil ( ) Circa 7 – 8,5% ca del PIL ANNOLIREEURO mld77,532 mln mld80,500 mln mld90,000 mln mld93,000 mln mld96,040 mln mld99,082 mln mld102,285 mln

40 Impatto dei costi della tecnologia in medicina

41 Valutazione e diffusione delle tecnologie sanitarie Sociale Tecnica Identificazione delle tecnologie - T.A. Valutazione H.T.A. EticaSanitariaEconomica Dimostrata efficienza clinica Compatibilità e utilità tra finalità istituzionali e vincoli di risorse Autonomia professionale e ruolo dei professionisti

42 LE AZIONI SONO MORALMENTE GIUSTE NELLA MISURA IN CUI TENDONO A PRODURRE LA PIU GRANDE FELICITA PER IL PIU GRANDE NUMERO DI PERSONE

43 ESSERE AL SERVIZIO Ascoltare, incoraggiare, rispettare; Prestare attenzione, osservare, intuire, riconoscere; Mettere a proprio agio, informare, facilitare,familiarizzare; Aiutare, soddisfare le esigenze; Essere cortesi, disponibili,cordiali, gentili.

44 UMANIZZAZIONE DELLASSISTENZA INFORMARE PRESTARE ATTENZIONE RISPETTARE LA DIVERSITA CONTROLLARE LE EMOZIONI ESSERE AUTOREVOLI VALORIZZARE LA SOFFERENZA USARE LE TECNOLOGIE COME MEZZI ESSERE DISPONIBILI

45 CONCLUSIONI Di fronte alle molteplici e crescenti questioni etiche poste dalla società, dalla scienza e dalla tecnologia, tra le risposte proposte dai possibili orientamenti di riferimenti (etico, scientifico, religioso, normativo, professionale, culturale ed economico), opera le scelte com- portamentali che meglio tutelano e soddisfano la dignità, la libertà e i bisogni di salute della persona, salvaguardando comunque, per quanto gli è possibile, la produzione di unofferta sanitaria ispirata a principi di giustizia ed equità. Codice deontologico del TSRM (2004) 2.13

46

47 Art.32 Cost.Italiana La repubblica tutela la salute come diritto fondamentale dellindividuo e interesse della collettivita…. Art.1 Lg 833/78 La repubblica tutela la salute come diritto fondamentale dellindividuo e interesse della collettività,mediante il servizio sanitario nazionale

48 GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE! Riferimenti bibliografici: -Problemi di bioetica e deontologia medica – Società editrice universo; Autore: V. Tambone -Assistenza di base alla persona (Elementi per il tecnico di radiologia) – Mc Graw Hill; Autori: Arlene M.Adler, Richard Carlton -Etica e Deontologia – Mc Graw Hill; Autore: Antonia Peroni -Codice Deontologico del TSRM TEL. 0871/ CELL


Scaricare ppt "Bioetica e deontologia professionale Bioetica e deontologia professionale R. Ferrante Ricon. Credit. Corso di laurea tsrm a.a. 2009/2010 R. Ferrante Ricon."

Presentazioni simili


Annunci Google