La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.apel-pediatri.it Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Presidente Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.apel-pediatri.it Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Presidente Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli."— Transcript della presentazione:

1 Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Presidente Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri Liguri Vice Presidente dellOrdine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri Liguri Aspetti deontologici delle vaccinazioni

2 La Società odierna ha bisogno di valori etici e morali. Gli Ordini dei Medici sono i garanti della qualità delle prestazioni professionali dei medici a tutela della salute dei cittadini

3 Uno dei principali valori del Giuramento professionale e del Codice Deontologico è rappresentato dalla attenzione verso la persona che è al centro della nostra attività professionale

4 Superamento del concetto paternalistico del Medico e sostituzione dellautorità con la autorevolezza To cure To care

5 Aspetti deontologici delle vaccinazioni IL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA E UN CORPUS DI REGOLE DI AUTODISCIPLINA PREDETERMINATE DALLA PROFESSIONE, VINCOLANTE PER GLI ISCRITTI ALLORDINE CHE A QUELLE NORME DEVONO QUINDI ADEGUARE LA LORO CONDOTTA

6 1.OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2.COMPITI E DOVERI GENERALI DEL MEDICO 3.RAPPORTI CON I CITTADINI 4.RAPPORTI CON I COLLEGHI 5.RAPPORTI CON I TERZI (es. altre professioni sanitarie) 6.RAPPORTI CON IL SSN E CON ENTI PUBBL. E PRIVATI SI SUDDIVIDE IN:

7 Art. 3 - Doveri del medico - Dovere del medico è la tutela della vita, della salute fisica e psichica dell'Uomo e il sollievo dalla sofferenza nel rispetto della libertà e della dignità della persona umana, senza discriminazioni di età, di sesso, di razza, di religione, di nazionalità, di condizione sociale, di ideologia, in tempo di pace come in tempo di guerra, quali che siano le condizioni istituzionali o sociali nelle quali opera. La salute è intesa nell'accezione più ampia del termine, come condizione cioè di benessere fisico e psichico della persona.

8 Art. 5 - Esercizio dell'attività professionale - Il medico nellesercizio della professione deve attenersi alle conoscenze scientifiche e ispirarsi ai valori etici fondamentali, assumendo come principio il rispetto della vita, della salute fisica e psichica, della libertà e della dignità della persona; non deve soggiacere a interessi, imposizioni e suggestioni di qualsiasi natura. Il medico deve denunciare all'Ordine ogni iniziativa tendente a imporgli comportamenti non conformi alla deontologia professionale, da qualunque parte essa provenga.

9 Art. 12 Prescrizione e trattamento terapeutico Le prescrizioni e i trattamenti devono essere ispirati ad aggiornate e sperimentate acquisizioni scientifiche anche al fine delluso appropriato delle risorse, sempre perseguendo il beneficio del paziente.

10 Art Scoperte scientifiche - Il medico non deve divulgare notizie al pubblico su innovazioni in campo sanitario se non ancora accreditate dalla comunità scientifica, al fine di non suscitare infondate attese e illusorie speranze.

11 Volume dell'informazione: oltre due milioni di articoli sono pubblicati annualmente in più di riviste, con un ritmo di espansione annuo del 6-7%.

12 Art Informazione sanitaria - Linformazione sanitaria non può assumere le caratteristiche della pubblicità commerciale. Per consentire ai cittadini una scelta libera e consapevole tra strutture, servizi e professionisti è indispensabile che linformazione, con qualsiasi mezzo diffusa, non sia arbitraria e discrezionale, ma utile, veritiera, certificata con dati oggettivi e controllabili e previo nulla osta rilasciato per iscritto dal Consiglio dellOrdine provinciale competente per territorio sulla base di principi di indirizzo e di coordinamento della Federazione Nazionale.

13 Art Informazione al cittadino - Il medico deve fornire al paziente la più idonea informazione sulla diagnosi, sulla prognosi, sulle prospettive e le eventuali alternative diagnostico- terapeutiche e sulle prevedibili conseguenze delle scelte operate; il medico nellinformarlo dovrà tenere conto delle sue capacità di comprensione, al fine di promuoverne la massima adesione alle proposte diagnostico-terapeutiche. Ogni ulteriore richiesta di informazione da parte del paziente deve essere soddisfatta. Il medico deve, altresì, soddisfare le richieste di informazione del cittadino in tema di prevenzione.

14 Art Acquisizione del consenso - Il medico non deve intraprendere attività diagnostica e/o terapeutica senza lacquisizione del consenso informato del paziente. Il consenso, espresso in forma scritta nei casi previsti dalla legge e nei casi in cui per la particolarità delle prestazioni diagnostiche e/o terapeutiche o per le possibili conseguenze delle stesse sulla integrità fisica si renda opportuna una manifestazione in equivoca della volontà della persona, è integrativo e non sostitutivo del processo informativo di cui all'art. 30.

15 CAPO III Doveri del medico verso i minori, gli anziani e i disabili Art Assistenza - Il medico deve contribuire a proteggere il minore…..Il medico deve adoperarsi, in qualsiasi circostanza, perché il minore possa fruire di quanto necessario a un armonico sviluppo psico-fisico e affinché allo stesso, all'anziano e al disabile siano garantite qualità e dignità di vita,……………………………………………………….

16 To cure To care Ruolo del Pediatra

17 Per far crescere bene i nostri piccoli dobbiamo fare delle scelte noi (genitori e Medici curanti) per loro con una relazione ed un Rapporto aperto tra famiglia, medico e di quanto ci possono fornire le conoscenze attuali

18 Dobbiamo aver cura del loro accrescimeto fornendogli il GIUSTO cibo. Cercando di prevenire le malattie e tutte le cause esterne POTENZIALMENTE FATALI: PREVENZIONE INCIDENTI VACCINI

19 Fino a quando saranno in grado di camminare con le proprie gambe e a procurarsi ciò di cui necessitano

20 Dovremo cercare di evitargli I pericoli prevedibili e e PREVENIBILI della vita

21 Fino alletà adulta (anche se Continueranno ad aver bisogno di noi, e noi di loro)

22 Cercando di non scoraggiargi di fronte a qualche imprevisto

23

24

25

26

27 Art Pratiche non convenzionali - Denuncia di abusivismo - La potestà di scelta di pratiche non convenzionali nel rispetto del decoro e della dignità della professione si esprime nell'esclusivo ambito della diretta e non delegabile responsabilità professionale, fermo restando, comunque, che qualsiasi terapia non convenzionale non deve sottrarre il cittadino a specifici trattamenti di comprovata efficacia e richiede l'acquisizione del consenso.


Scaricare ppt "Www.apel-pediatri.it Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Presidente Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli."

Presentazioni simili


Annunci Google