La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tra pubblico e privato: Le basi del sistema misto Il dibattito dopo la IIa guerra mondiale (1945-1950)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tra pubblico e privato: Le basi del sistema misto Il dibattito dopo la IIa guerra mondiale (1945-1950)"— Transcript della presentazione:

1 Tra pubblico e privato: Le basi del sistema misto Il dibattito dopo la IIa guerra mondiale ( )

2 Il futuro dellindustria pubblica: liquidare o conservare lIRI Il punto di vista dei liberali: la politica di Luigi Einaudi La politica sociale della Democrazia Cristiana e leconomia mista: coniugare la funzione dellintervento pubblico rispettando la libertà individuale (anche quella dimpresa, naturalmente …): Ezio Vanoni, Pasquale Saraceno e Sergio Paronetto Risolvere il dualismo geografico…

3 Leredità della guerra La ristrutturazione dellindustria meccanica La creazione di Finmeccanica e del FIM La funzione sociale dellindustria pubblica a Genova, Napoli e Trieste Una scelta coerente in uneconomia internazionale non del tutto liberalizzata e nelletà della golden age (prezzi del petrolio e delle materie prime bassi, cooperazione internazionale)

4 Il dualismo geografico Le occupazioni di terra al Sud tra il 1949 e il 1950 Il separatismo siciliano Linsufficienza dei decreti Gullo Disoccupazione al 50% degli addetti in alcune zone della Puglia e del 33/37% in Calabria e Basilicata In condizioni di povertà metà dei coltivatori diretti del Sud (6% al Nord), 78% dei mezzadri e dei coloni (contro 7% del Nord e 14% Italia centrale) Il 18 aprile 1948 le sinistre avevano aumentato i propri suffragi al Sud Il laurismo

5 La politica di intervento 1949: il terzo tempo sociale, cresce linfluenza dei giovani economisti della DC (Fanfani, La Pira e Dossetti) Un ampio dibattito nella DC tra moderati e cattolici sociali produce una serie di progetti organici tra cui: 1949 Legge Tupini per il finanziamento delle oo.pp. nei comuni 1949 piano Fanfani per le case ai lavoratori La separazione fra industria pubblica e privata: 1950 ministero senza portafogli per il coordinamento dellindustria pubblica (1953 nuovo ministero delle Partecipazioni Statali)

6 La politica di intervento 1950 istituzione della Cassa per il Mezzogiorno 1950 Riforma agraria progetto La Malfa per la riorganizzazione delle partecipazioni economiche pubbliche 1953 creazione dellENI (Ente Nazionale Idrocarburi) Il piano del lavoro della CGIL di Di Vittorio (Breglia, Steve, Sylos Labini, Fuà)

7 La riforma agraria Tre spezzoni approvati tra maggio e dicembre 1950: -legge per la Sila -Legge stralcio in varie regioni -Legge per la Sicilia Esproprio e distribuzione di ettari (60% al sud) a assegnatari, capifamiglia contadini con pagamenti rateali in 30 anni

8 La riforma agraria I limiti: -riduzione delle dimensioni per opposizioni interne alla DC Dimensioni troppo modeste dei poderi (6-8 ettari) Agricoltura di sussistenza Assistenza tecnica e finanziaria limitata Insufficienza della produttività Anacronismo della riforma: internazionalizzazione degli scambi (la nascita del MEC e la concorrenza delle agricolture comunitarie) La ripresa dellemigrazione

9 La Cassa per il Mezzogiorno Idea di ente autonomo sul modello della Tennessee Valley Authority roosveltiana per accedere ai finanziamenti della banca mondiale e altre istituzioni internazionali Teorie di Gunnar Myrdal per sviluppare aree arretrate: allestire infrastrutture e opere pubbliche (strade, ferrovie, centrali elettriche e acquedotti) per incentivare la crescita economica mediante attività produttiva nel Sud (come Fortunato, Nitti, Beneduce, Menichella e Saraceno)

10 La Cassa per il Mezzogiorno Sarebbe stato necessario collegare crescita del capitale fisso sociale a unazione che promuovesse investimenti industriali a fecondità immediata Modifica solo qualche anno dopo: 1953 nuovi incentivi su impulso di Pasquale Saraceno, non solo investimenti in oo.pp. e agricoltura, ma anche industria Eccessiva fiducia negli investimenti dellindustria privata (ma anche quella pubblica è prudente: lIRI e il caso dellautostrada Napoli - Reggio Calabria) Gli investimenti pubblici in infrastrutture, piuttosto che unindustria autoctona, favorirono la crescita del mercato interno delle imprese del Nord. Entro il 1959 il sud assorbirà, grazie allincremento della capacità di spesa, il 70% delle esportazioni nette del Nord Ovest

11 La Cassa per il Mezzogiorno Tuttavia gli investimenti pubblici accrebbero il livello del reddito e dei consumi Si tentò di coniugare gli investimenti in infrastrutture con quelli volti a elevare il progresso civile e sociale (scuole, ospedali, servizi di interesse collettivo, istruzione professionale) La cassa divenne presto un ente politicizzato, strettamente dipendente, nelle scelte e nelle attività, dalle alterne direttive delle coalizioni governative Il peso delle correnti nella DC (lo stabilimento Fiat di Cassino) Nel Sud la politica sociale indebolisce la DC a favore dei partiti alla sua destra (PDUM e MSI)

12 Un case study: le acciaierie di Cogne La questione dei confini nel dopoguerra Le regioni a statuto speciale La costituzione e il ritardo dellavvio del processo di costituzione delle regioni La Cogne: nasce nelle condizioni eccezionali della Ia guerra mondiale Dopo la crisi dell Ansaldo passa allo Stato Negli anni Trenta la commissione per la ristrutturazione dellindustria siderurgica riteneva che lo stabilimento dovesse essere chiuso…

13


Scaricare ppt "Tra pubblico e privato: Le basi del sistema misto Il dibattito dopo la IIa guerra mondiale (1945-1950)"

Presentazioni simili


Annunci Google