La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI OPERATORI SANITARI In base ai decreti sulla sicurezza le figure coinvolte nel controllo del rischio biologico sono: il datore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI OPERATORI SANITARI In base ai decreti sulla sicurezza le figure coinvolte nel controllo del rischio biologico sono: il datore."— Transcript della presentazione:

1

2 IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI OPERATORI SANITARI In base ai decreti sulla sicurezza le figure coinvolte nel controllo del rischio biologico sono: il datore di lavoro (in genere il Direttore Generale) con funzione di responsabile civile e penale della struttura tenuto allosservazione delle misure generali di tutela; Il servizio di prevenzione e protezione con scopo di individuare i fattori di rischio e di elaborare misure di sicurezza; il medico competente che si attiva per le misure di tutela della salute; i dirigenti (primari) e i preposti (caposala, dirigenti di I livello ecc...) con compiti settoriali in particolare di vigilanza; il rappresentante per la sicurezza dei lavoratori generalmente reperito tra le rappresentanze sindacali.

3

4

5

6 MOLTIPLICAZIONE INTENZIONALE

7 moltiplicazione intenzionale dei microrganismi in laboratorio di microbiologia maggior rischio tutti i campioni biologici vanno considerati potenzialmente infetti

8 ALTA CONCENTRAZIONE DI CAMPIONI

9 TIPOLOGIA DELLE INDAGINI

10 COMUNITÀNOSOCOMIALE Prevalenza HBV 1-2%2% Prevalenza HCV3% variabile Prevalenza HIV0,1%1%

11 OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA – MILANO RICERCA SIEROLOGICA PER HCV: Dializzati 20% Dializzati 20% Emofilici90% Emofilici90% Epatopatici60% Epatopatici60% Donatori 5 Donatori 5

12 Carica virale e infezione Rischio di infezione HBV /ml 30% HCV 10 6 /ml 3% HIV dipendente dalla malattia 3

13 SOPRAVVIVENZA AMBIENTALE DEI MICRORGANISMI

14 HIV: TEMPERATURE DI INATTIVAZIONE TTEMPOINATTIVAZIONE 37° 5-10 SEC. 95% ( INFETTIVITà ) 56°30100% 121°15100% 170°15100%

15 SOPRAVVIVENZA HIV A BASSA T TTEMPO +4° 1 SETTIMANA -20° 4-6 MESI -80°ANNI

16 SOPRAVVIVENZA AMBIENTALE HIV TEMPOINATTIVAZIONE ACQUA CLORATA % AEROSOLS-- SUPERFICI1-2 99% (INFETTIVITÀ)

17 DIFFERENTI VIE DI VIE DIPENETRAZIONE

18 VIA TRANSCUTANEA MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Puntura accidentale, oggetti taglienti, vetri rotti… MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Puntura accidentale, oggetti taglienti, vetri rotti… MICROORGANISMI COINVOLTI: HBV, HCV, HIV, malaria TBC, Leptospira, Toxoplasma, Brucella, ecc... MICROORGANISMI COINVOLTI: HBV, HCV, HIV, malaria TBC, Leptospira, Toxoplasma, Brucella, ecc...

19 VIA TRANSMUCOSA MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Schizzi MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Schizzi MICROORGANISMI COINVOLTI: HBV, HCB, HIV, meningite, Brucella, ecc... MICROORGANISMI COINVOLTI: HBV, HCB, HIV, meningite, Brucella, ecc...

20 MAGLIANO E.,IPPOLITO G., PURO V., PETROSILLO N., MICHELONI G. Simultaneous infection with HIV and Hepatitis C virus following Occupational Conjunctival Blood Exposure Journal of American Medical Association 280, 28, 1998

21 VIA CUTANEA MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Contatto cute non integra (eczema) MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Contatto cute non integra (eczema) MICROORGANISMI COINVOLTI: HIV, HCV, Brucella ecc... MICROORGANISMI COINVOLTI: HIV, HCV, Brucella ecc...

22 VIA AEREA (INALAZIONE) VIA AEREA (INALAZIONE) MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Aerosol, Centrifugazione, Liofilizzazione, apertura provette, APERTURA COLTURE MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Aerosol, Centrifugazione, Liofilizzazione, apertura provette, APERTURA COLTURE MICROORGANISMI COINVOLTI: Brucella, TBC, Rickettsieae, Chlamydia, Coronavirus, antrace, aspergillo, HCV, ecc... MICROORGANISMI COINVOLTI: Brucella, TBC, Rickettsieae, Chlamydia, Coronavirus, antrace, aspergillo, HCV, ecc...

23 INGESTIONE MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Contatto mano- bocca, mangiare, bere, ecc MODALITÀ DI ESPOSIZIONE: Contatto mano- bocca, mangiare, bere, ecc MICROORGANISMI COINVOLTI: Salmonella, Shigella, Brucella, HAV, ecc... MICROORGANISMI COINVOLTI: Salmonella, Shigella, Brucella, HAV, ecc...

24

25

26 Infezioni occupazionali da HIV in Operatori Sanitari al dicembre Fonte; Health Protection Agency, March 2005 Categoria professionaleN.di casiIncidenza % sul totale Infermieri5552 Laboratoristi44 Medici non chirurghi1413 Prelevatori1817 Chirurghi11 Altre categorie/non specificato 1413 Esistono ulteriori 238 casi di infezione occupazionale da HIV in Operatori Sanitari, senza sieroconversione documentata

27 % Percutaneous exposures to HIV 18 hospitals, year

28 % Housekeeper MD Nurse Midwife Technician Percutaneous exposures per 100 full-time equivalent, by job category and area - SIROH, Italy Puro et al, Infect Control Hosp Epidemiol 2001; 22: GM general medicine MS medical specialty GS general surgery SS surgical specialty ID infectious disease ICU intensive care D dialysis L laboratory O other

29 SIROH: Modalità di Esposizione (esposizione segnalate gennaio1994-Dicembre 2004) Esposizioni percutanee :64,2% punture accidentali con ago Esposizioni mucocutanee:50,7% da contaminazione congiuntivale

30 SIROH: Esposizioni per categoria professionale Catagoria professionale PercutaneeMucocutanee Infermieri58.00%56.66% Medici16.99%14.41% Ausuliari/add pulizie9.55%7.74% Tecnici laboratorio2.24%4.45% Ostetriche0.95%2.25% Personale in formazione9.16%9.10% Altri3.12%5.38%

31 SIROH: Distribuzione per stato sierologico della fonte Stato sierologico della fonte PercutaneeMucocutanee n. casi% % Paziente negativo (HIV-HCV-HBV) Non testato Non identificabile Paziente positivo (HIV-HCV-HBV) Totale

32 Healthcare personnel with documented and possible occupationally acquired AIDS/HIV infection, by occupation, as of December 2002 Occupation Documented Possible Nurse2435 Laboratory worker, clinical1617 Physician, nonsurgical612 Laboratory technician, nonclinical3- Housekeeper/maintenance worker 2 13 Technician, surgical22 Embalmer/morgue technician12 Health aide/attendant115 Respiratory therapist12 Technician, dialysis13 Dental worker, including dentist-6 Emergency medical technician/paramedic-12 Physician, surgical-6 Other technician/therapist -9 Other healthcare occupation-4 Total57138

33 PROTOCOLLO DOPO ESPOSIZIONE Attuare le misure di decontaminazione - Attuare le misure di decontaminazione - Avvisare il preposto alla sicurezza o il laureato responsabile - Avviarsi al P.S. per la procedura di denuncia e conseguente visita specialistica - Attivare il medico competente - Test sulla fonte di infezione HIV HCVHBValtri


Scaricare ppt "IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI OPERATORI SANITARI In base ai decreti sulla sicurezza le figure coinvolte nel controllo del rischio biologico sono: il datore."

Presentazioni simili


Annunci Google