La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CHIMICA ANALITICA I metodi immunometrici, sfruttando le caratteristiche uniche di selettività e di avidità del legame antigene-anticorpo, permettono lo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CHIMICA ANALITICA I metodi immunometrici, sfruttando le caratteristiche uniche di selettività e di avidità del legame antigene-anticorpo, permettono lo."— Transcript della presentazione:

1 CHIMICA ANALITICA I metodi immunometrici, sfruttando le caratteristiche uniche di selettività e di avidità del legame antigene-anticorpo, permettono lo sviluppo di metodi altamente specifici per la quantificazione dell’analita, anche in matrici complesse. METODI IMMUNOMETRICI (I) complesso antigene-anticorpo campione + anticorpo quantificazione del complesso antigene-anticorpo quantificazione del complesso antigene-anticorpo

2 CHIMICA ANALITICA L’avidità del legame antigene-anticorpo si misura con la costante di equilibrio (K eq ). Un anticorpo adatto per lo sviluppo di metodi immunometrici deve avere una K eq = M -1 Per confronto, si riportano le costanti di affinità di alcuni complessi tra uno ione metallico ed EDTA, un legante poliamminocarbossilico, che forma complessi chelati molto stabili con numerosi ioni metallici. EDTA: acido etilendiaminotetracetico K M-EDTA AgEDTA 3- CaEDTA 2- FeEDTA 2- HgEDTA M M M M -1 Complesso METODI IMMUNOMETRICI (II)

3 CHIMICA ANALITICA Caratteristiche fondamentali di un anticorpo sono l’affinità (misurata in termini chimico-fisici dalla costante di equilibrio K) e la specificità (capacità di riconoscere l’analita, distinguendolo da molecole a struttura simile). Gli anticorpi più comunemente utilizzati per lo sviluppo di metodi immunometrici sono le immunoglobuline G (IgG). La molecola, a forma di “Y”, è composta da due catene aminoacidiche leggere e due pesanti. CARATTERISTICHE DEGLI ANTICORPI (I) catena pesante catena leggera variabile costante legame Ag sito legame Ag sito

4 CHIMICA ANALITICA epitopo paratopo CDR antigene ponte disolfuro intracatena ponte disolfuro intercatena frammento Fab frammento Fc frammento Fab Catena H Catena L In dettaglio è mostrata la porzione Fab dell’anticorpo, con il sito di legame con l’antigene. Si può vedere come in questa porzione dell’anticorpo, perfettamente complementare all’antigene, siano presenti dei gruppi funzionali che stabiliscono numerose interazioni con l’antigene. CARATTERISTICHE DEGLI ANTICORPI (II)

5 CHIMICA ANALITICA INTERAZIONE ANTIGENE-ANTICORPO (I) L’interazione antigene-anticorpo interessa porzioni limitate delle due molecole. AntigeneAnticorpo

6 CHIMICA ANALITICA Un anticorpo specifico per l’analita si ottiene immunizzando un animale da laboratorio con l’analita stesso. L’analita è in grado di stimolare una risposta immunitaria, quindi la produzione di anticorpi solo se ha una massa relativamente elevata (PM > 1000 Da). In questo caso viene chiamato antigene. La regione di antigene che si trova in contatto diretto con l’anticorpo è detta epitopo o determinante antigenico. COME SI OTTIENE UN ANTICORPO L’antigene viene somministrato Dal siero dell’animale si possono purificare le IgG totali (ricche in IgG anti-antigene somministrato)

7 CHIMICA ANALITICA Poiché su un antigene sono presenti numerosi epitopi, mediante l’immunizzazione di un animale da laboratorio si ottiene un antisiero contenente una popolazione eterogenea di anticorpi, diretti verso i diversi epitopi dell’antigene e caratterizzati da diverse affinità. Questi anticorpi sono detti policlonali. È possibile ottenere anticorpi monoclonali, cioè una popolazione omogenea di anticorpi diretti verso un unico epitopo. Per questo occorre, dopo avere immunizzato il topo, isolare i diversi cloni di cellule B e testarli per individuare l’anticorpo migliore. Poiché le cellule B normalmente non crescono in coltura, esse devono essere fuse con cellule di mieloma per ottenere ibridomi in grado sia di crescere in coltura sia di produrre quantità illimitate di anticorpo. ANTICORPI POLICLONALI E MONOCLONALI (I)

8 CHIMICA ANALITICA Antisiero policlonaleAnticorpi monoclonali IBRIDOMA: mantiene la capacità della cellule della milza di produrre anticorpi, associata alla vitalità della cellule di mieloma. ANTICORPI POLICLONALI E MONOCLONALI (II)

9 CHIMICA ANALITICA CARATTERISTICHE DEGLI ANTICORPI MONOCLONALI VantaggiSvantaggi Caratteriestiche (affinità e specificità) note e costanti Potrebbero essere troppo specifici: (difficoltà nel legare forme diverse dell’antigene) Sono sufficienti piccole quantità di antigene, anche impuro, per la loro produzione Tecniche di produzione più sofisticate E’ possibile selezionare l’anticorpo con la specificità desiderata Non sempre reagiscono con la proteina A Può essere prodotto in quantità illimitata ed è semplice da purificare Non formano precipitato in seguito al legame con l’antigene Solitamente caratterizzati da elevata specificità Spesso caratterizzati da bassa affinità

10 CHIMICA ANALITICA Un aptene è una molecola rigida e di piccole dimensioni (PM compreso tra 80 e 1000 Da) che può stimolare la produzione di anticorpi SOLO se accoppiata ad una proteina “carrier”, che ne aumenta la massa complessiva. In questo caso, tuttavia, si ottiene una miscela di anticorpi, non tutti diretti contro l’aptene. Anche isolando un anticorpo monoclonale, è necessario accertare che l’anticorpo sia diretto proprio contro l’aptene. ANTIGENI ED APTENI anticorpi che riconoscono una parte di aptene ed una parte di braccio spaziatore anticorpi che riconoscono il carrier anticorpi che riconoscono l’aptene Sintesi derivato aptene braccio spaziatore aptene carrier +a) +

11 CHIMICA ANALITICA Esempio:produzione di un anticorpo anti-estradiolo. estradiolo C6 C16 C17 SPECIFICITA’ DEGLI ANTICORPI (II) estrioloestrone 3,8  1,2 % 5,6  2,0 % 48  8 % Reattività crociata 40  10 % 5,0  1,8 % 0,48  0,27 % estroneestriolo C6 C16 C17 Derivatizzazione La reattività crociata verso altri ormoni steroidei varia in funzione della posizione di derivatizzazione dell’aptene scelta per la sintesi dell’immunogeno.

12 CHIMICA ANALITICA Il legame tra antigene (An) ed anticorpo (Ab) può essere descritto dall’equilibrio: dove An-Ab è il complesso antigene-anticorpo, k a e k d sono le costanti di velocità di associazione e dissociazione del complesso e K eq è la costante di equilibrio del processo ed è una misura dell’affinità dell’anticorpo per l’antigene, cioè della forza del legame An-Ab. L’unità di misura per K eq è L mol -1. Anticorpi con K eq  L mol -1 sono adatti per lo sviluppo di metodi immunometrici. AbAn + An-Ab kaka kdkd K eq = [An-Ab] eq [An] eq [Ab] eq kaka kdkd = ASPETTI TERMODINAMICI INTERAZIONE ANTIGENE-ANTICORPO

13 CHIMICA ANALITICA TRACCIANTI (I) En + S EnS En + P L’interazione enzima-substrato si autorivela attraverso la formazione del prodotto o scomparsa del substrato che hanno proprietà chimiche diverse La formazione del complesso An-Ab non è sempre direttamente misurabile La reazione è difficilmente rivelabile se non sfruttando le diverse proprietà fisiche del complesso An-Ab rispetto ad An libero Per esempio: differenze di massa misurabili con biosensori piezoelettrici o diverse proprietà ottiche misurabili con il sistema Biacore E’ più pratico utilizzare un tracciante cioè un reattivo che, partecipando alla reazione An-Ab in opportune condizioni, ne permetta la rivelazione sensibile An + Ab An-Ab

14 CHIMICA ANALITICA TRACCIANTI (II) La formazione del complesso An-Ab viene solitamente misurata sfruttando un approccio indiretto, introducendo un tracciante, legato all’antigene o all’anticorpo, che partecipando alla reazione immunologica, la evidenzia con alta rivelabilità. 123 aggiunta reattivi reazione separazione libero legato analita tracciante Conc. analita Tracciante legato

15 CHIMICA ANALITICA Tra le molecole facilmente rivelabili si può utilizzare: un radioisotopo (radioimmunoassay, RIA) un enzima (enzyme immunoassay, EIA) un substrato enzimatico un coenzima o un inibitore enzimatico una molecola fluorescente o un quencher Il tracciante deve essere una molecola caratterizzata da un elevato rapporto segnale/massa. Questo permette di ottenere un segnale altamente rivelabile anche in presenza di piccole quantità di tracciante, quindi di fare avvenire la competizione in presenza di poche molecole, abbassando il limite di rivelazione del metodo. TRACCIANTI (III)

16 CHIMICA ANALITICA SCELTA DEL TRACCIANTE (I) Amplificazione enzimatica: 1 molecola di enzima 1000 molecole di prodotto Aumenta con: - attività enzimatica - rivelabilità del prodotto - amplificazione ciclica Chemiluminescenza Analita—Enzima Substrato Prodotto Spettrofotometria Fluorescenza Analita— 125 I emissione  1 disintegrazione/sec molecole (10 6 ) Analita—Chemilum. Reaz. chimica I c h I c aumenta con:  CL (resa quantica) f (rapporto molecole chemilum/analita) I c = f c  CL Analita—Fluoroforo I 0 h I f h ’ I f aumenta con: I 0 (intensità del raggio di eccitazione)  (coefficiente di estinzione) c (concentrazione) I f = I 0   F cd

17 CHIMICA ANALITICA Il tracciante deve essere presente nel tubo ad una massa estremamente bassa ( g) e facilmente rivelabile TRACCIANTE: LIMITE DI RIVELAZIONE SCELTA DEL TRACCIANTE (II) – ChemiluminescenzaMolecola chemiluminescente – FluorescenzaMolecola fluorescente – Amplificazione ciclica enzimatica – Fluorescenza – Bio-chemiluminescenza – AssorbanzaEnzima 0.1 – 10 x ≈ dpm 125 I MASSA (moli/tubo) SEGNALETRACCIANTE

18 CHIMICA ANALITICA Gli enzimi sono macromolecole biologiche di natura proteica, con gruppi funzionali sui quali hanno luogo scambi o trasformazioni di sostanze Svolgono una funzione di catalizzatori (biologici), cioè accelerano le reazioni chimiche o fanno avvenire reazioni che altrimenti non avrebbero luogo Sono caratterizzati da: -altissima specificità -elevato potere catalitico ENZIMI E + S ES E + P

19 CHIMICA ANALITICA COFATTORI ENZIMATICI L’attività di alcuni enzimi dipende soltanto dalla struttura proteica, mentre altri richiedono anche uno o più componenti non proteici, chiamati cofattori Il cofattore può essere: -uno ione metallico -una molecola organica chiamata coenzima

20 CHIMICA ANALITICA UNITÀ DI MISURA Un enzima può essere misurato in termini di concentrazione come qualunque altra proteina Da un punto di vista analitico interessa invece la misura dell’attività catalitica (o attività enzimatica) L’attività enzimatica si esprime in Unità Internazionali (U.I.) Una unità di attività enzimatica è definita come la quantità di enzima in grado di catalizzare la trasformazione di una micromole di substrato in condizioni standardizzate

21 CHIMICA ANALITICA EFFETTO DEL pH sull’attività enzimatica Il profilo a campana è il più comune 6810 tripsina 6810 colinesterasi 468 papaina 246 pepsina pH attività enzimatica relativa

22 CHIMICA ANALITICA EFFETTO DELLA TEMPERATURA sull’attività enzimatica Gli enzimi hanno diversa stabilità termica La parte discendente della curva è dovuta alla denaturazione termica T (°C) attività enzimatica relativa

23 CHIMICA ANALITICA METODI DI MISURA La possibilità di “vedere” una reazione enzimatica è legata al fatto che i substrati e i prodotti hanno proprietà chimico-fisiche diverse Tali proprietà devono poter essere misurabili I metodi di rivelazione più comuni in enzimologia sono: –spettrofotometrici –spettrofluorimetrici

24 CHIMICA ANALITICA Perché è vantaggioso utilizzare un enzima come marcatore per la sintesi di un tracciante? L’attività catalitica dell’enzima permette di amplificare il segnale analitico (un solo enzima genera moltissime molecole di prodotto). Il limite di rivelazione del metodo è quindi significativamente inferiore rispetto ai metodi basati sull’uso di substrati enzimatici o molecole fluorescenti o chemiluminescenti come marcatori. E S La molecola di substrato utilizzata come marcatore produce una sola molecola di prodotto per ogni molecola di tracciante L’enzima utilizzato come marcatore produce molte molecole di prodotto per ogni molecola di tracciante METODI IMMUNOENZIMATICI (EIA) (I)

25 CHIMICA ANALITICA Un enzima ideale per lo sviluppo di un EIA deve essere: sufficientemente stabile nel tempo nelle condizioni di conservazione sufficientemente attivo dopo la coniugazione con l’antigene o l’anticorpo e nelle condizioni sperimentali di esecuzione dell’EIA. METODI IMMUNOENZIMATICI (EIA) (III) Un parametro estremamamente importante è l’attività specifica dell’enzima (attività per unità di peso dell’enzima), che generalmente si esprime in unità per mg (U/mg).

26 CHIMICA ANALITICA Vantaggi relativi all’uso di enzimi: sono facilmente reperibili in forma pura, relativamente economici e stabili; sono disponibili numerose metodiche semplici ed automatizzabili per la misura dell’attività enzimatica; una molecola di enzima può produrre moltissime molecole di prodotto; è possibile ottenere la modulazione dell’attività enzimatica in seguito al legame con l’anticorpo, permettendo lo sviluppo di EIA omogenei. Svantaggi relativi all’uso di enzimi: l’attività enzimatica può variare in funzione della temperatura o della presenza di interferenti; la coniugazione chimica dell’enzima può ridurne l’attività specifica; si può avere rumore di fondo dovuto alla presenza di enzima nel campione. METODI IMMUNOENZIMATICI (EIA) (IV)

27 CHIMICA ANALITICA L’attività enzimatica viene misurata valutando la velocità della reazione enzimatica in condizioni di eccesso di substrato. Si può scegliere di misurare la velocità di scomparsa del substrato o quella di comparsa del prodotto. Il secondo metodo è preferibile poiché la misura è più accurata (ad es. da 0 a 1% per la comparsa del prodotto, da 100% a 99% per la scomparsa del substrato), soprattutto considerando che occorre lavorare in condizioni di eccesso di substrato. La misura del prodotto della reazione enzimatica è proporzionale alla concentrazione dell’enzima se: - l’andamento della reazione è lineare nel tempo - l’attività enzimatica è proporzionale alla quantità assoluta dienzima. MISURA DELL’ATTIVITA’ ENZIMATICA (I)

28 CHIMICA ANALITICA La misura dell’attività enzimatica viene comunemente effettuata utilizzando un substrato che viene trasformato dall’enzima in prodotto colorato, il quale viene poi misurato tramite spettrofotometria. L’uso di substrati fluorescenti o chemiluminescenti permette di ridurre il limite di rivelazione del metodo. TRACCIANTI ENZIMATICI Chemiluminescenza 2-naphthyl-  -D- galactopyranoside Fluorimetria4-metilumbelliferone Spettrofotometria2-nitrofenolo  -galattosidasi ChemiluminescenzaAMPPD Fluorimetria4-metilumbelliferone-fosfato Spettrofotometria4-nitrofenilfosfatoFosfatasi alcalina ChemiluminescenzaH 2 O 2 /luminolo SpettrofotometriaH 2 O 2 /cromogenoPerossidasi METODOLOGIA ANALITICA SISTEMA DI RIVELAZIONE ENZIMA

29 CHIMICA ANALITICA ENZIMA SUBSTRATO PRODOTTO L’enzima trasforma il substrato incolore in un prodotto colorato, cioè capace di assorbire la luce nel visibile. P0P0 P b c A SPETTROFOTOMETRIA (I) 0 P P T  bc T 1 logA 

30 CHIMICA ANALITICA ENZIMA SUBSTRATO PRODOTTO          o-fenilendiammina2,3-diamminofenazina (DAP) arancio max =492 nm perossidasi H2O2H2O2 SPETTROFOTOMETRIA (II)

31 CHIMICA ANALITICA Il rendimento quantico di fluorescenza molecolare  è il rapporto tra il numero di molecole che emettono la fluorescenza ed il numero totale di molecole eccitate (o il rapporto tra fotoni emessi e fotoni assorbiti): dove Rf è la velocità di rilassamento fluorescente e Rr è la velocità di rilassamento non-radiativo. ENZIMA SUBSTRATO PRODOTTO L’enzima trasforma il substrato non fluorescente in un prodotto fluorescente. La fluorescenza è un processo di emissione in cui le molecole sono eccitate dall’assorbimento di una radiazione elettromagnetica. Le specie eccitate, successivamente, ritornano allo stato fondamentale emettendo l’energia in eccesso sotto forma di fotoni. FLUORESCENZA (I)

32 CHIMICA ANALITICA       Assorbimento molecolare l 1 l 5 Energia l 1 ’ l 5 ’   Conversione interna Rilassamento vibrazionale   Fluorescenza   Diagramma energetico parziale di una specie molecolare ipotetica (diagramma di Jablonski) FLUORESCENZA (II)

33 CHIMICA ANALITICA Con il termine chemiluminescenza si indica il fenomeno di conversione di energia chimica in radiazione luminosa, di lunghezza d'onda variabile dall'ultravioletto all'infrarosso comprendendo tutto il campo del visibile. La specie “Intermedio” deve essere molto ricca di energia, in modo da potersi decomporre formando almeno un prodotto in uno stato eccitato. Siccome le reazioni di ossidazione con l'ossigeno molecolare sono molto esoergoniche, esse sono fra le reazioni chemiluminescenti più comuni. CHEMILUMINESCENZA (I) ReagentiIntermedio [ Prodotti ]* Prodotti + h stadio 1stadio 2 stadio 3

34 CHIMICA ANALITICA L'efficienza di un processo di chemiluminescenza,  CL, è definita dalla relazione:  CL = fotoni emessi molecole reagenti Se  Int = resa dello stadio 1 (formazione dell'Intermedio),  SE = resa dello stadio 2 (formazione dei Prodotti nello stato eccitato)  Em = resa quantica dello stadio 3 (emissione di fotoni) l' efficienza del processo di chemiluminescenza è:  CL =  Int  SE  Em Poiché la resa di ciascuno stadio del processo é minore di 1, la resa quantica dell'intero processo di chemiluminescenza é sicuramente minore di 1. I valori di resa quantica dei più comuni processi di chemiluminescenza in genere non superano il valore 0,01. CHEMILUMINESCENZA (II)

35 CHIMICA ANALITICA COMPETITIVI NON COMPETITIVI Eterogenei Omogenei Eterogenei Omogenei METODI IMMUNOMETRICI

36 CHIMICA ANALITICA I metodi immunometrici possono essere classificati in: segnale log concentrazione analita Competitivi (a modulazione di attività, AM). Si basano sulla modulazione del segnale analitico dovuta alla competizione tra le molecole di analita e quelle del tracciante per un numero limitato di siti anticorpali. Il segnale analitico diminuisce all’aumentare della concentrazione di analita presente nel campione, la curva dose-risposta ha forma sigmoidale. segnale concentrazione analita Non competitivi (ad amplificazione di attività, AA), tutto l’analita presente nel campione viene catturato dall’anticorpo in eccesso e rivelato. Il segnale analitico è direttamente proporzionale alla concentrazione di analita nel campione, la curva dose-risposta è lineare. CLASSIFICAZIONE DEI METODI IMMUNOMETRICI (I)

37 CHIMICA ANALITICA I metodi immunometrici possono essere distinti in: Eterogenei (su fase solida). Il metodo di rivelazione non permette di distinguere tra tracciante legato all’anticorpo e tracciante libero. Questi metodi necessitano di una separazione della frazione libera da quella legata prima della misura, quindi prevedono l’immobilizzazione di un componente (antigene o anticorpo) su una fase solida; in alternativa si può procedere mediante precipitazione del complesso antigene-anticorpo utilizzando glicole polietilenico o un secondo anticorpo in eccesso. Omogenei. Il legame del tracciante all’anticorpo ne modula (aumenta o riduce) l’attività. Questi metodi non necessitano della separazione della frazione libera da quella legata e quindi sono eseguiti in fase liquida. CLASSIFICAZIONE DEI METODI IMMUNOMETRICI (II)

38 CHIMICA ANALITICA CARATTERISTICHE DEI METODI OMOGENEI ED ETEROGENEI CLASSIFICAZIONE DEI METODI IMMUNOMETRICI (III) Metodi eterogenei Poco sensibile all’interferenza della matrice del campione Molto sensibile all’interferenza della matrice del campione Ampio ambito dinamico del metodo Ambito dinamico del metodo inferiore Bassi limiti di rivelazione Limiti di rivelazione più elevati Difficili da automatizzare Possono essere automatizzati facilmente Esecuzione del metodo più complicata Esecuzione semplice e rapida Metodi omogenei

39 CHIMICA ANALITICA IMMOBILIZZAZIONE DELL’ANTICORPO SU FASE SOLIDA (I) Fisica (adsorbimento)Chimica Biotina-avidinaProteina AAnticorpo IgG anti- coniglio (Fc specifico) da capra IgG anti- analita da coniglio METODI ETEROGENEI (I)

40 CHIMICA ANALITICA IMMOBILIZZAZIONE DELL’ANTICORPO SU FASE SOLIDA (II) ADSORBIMENTO FISICO Fisica (adsorbimento) L’adsorbimento passivo dell’anticorpo sulla fase solida avviene mediante interazioni idrofobiche. Il processo è influenzato da: pH (deve essere vicino al punto isoelettrico dell’anticorpo, in modo che la carica elettrica della molecola tenda a zero); forza ionica (la presenza di sali, che neutralizzano le cariche elettriche, favorisce le interazioni idrofobiche); temperatura (l’aumento della temperatura favorisce la diffusione, quindi rende il processo più rapido); tempo (in genere qualche ora è sufficiente, a temperatura ambiente); concentrazione proteica (se è troppo elevata si formano strati proteici multipli, con conseguente ridotta capacità legante e stabilità, se è troppo bassa si osservano interazioni aspecifiche dell’antigene con la fase solida, le quali tuttavia possono essere note- volmente ridotte saturando la superficie libera del tubo con una proteina (BSA) o un polimero (PVP). METODI ETEROGENEI (II)

41 CHIMICA ANALITICA IMMOBILIZZAZIONE DELL’ANTICORPO SU FASE SOLIDA (III) MEDIANTE ANTICORPO Anticorpi di cattura Fc specifici Gli anticorpi anti-analita sono orientati in maniera ottimale per legare l’antigene Anticorpi di cattura Fab specifici Gli anticorpi anti-analita non sono in grado di legare l’antigene METODI ETEROGENEI (III)

42 CHIMICA ANALITICA Competizione tra analita (Ag) presente nel campione e una quantità fissa di tracciante (Ag* marcato) per legarsi ad una quantità fissa e limitante di anticorpo (Ab) [Ag*] = costante [Ab] = costante[Ab] < [Ag] + [Ag*] Ag + Ab  Ab-AgAg* + Ab  Ab-Ag* Eterogenei: separazione fisica tra Ag* e Ab-Ag* Omogenei: nessuna separazione tra Ag* e Ab-Ag* Competitivi METODI IMMUNOMETRICI

43 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale Fase solida Anticorpo immobilizzato Antigene Tracciante Enzima Substrato enzimatico ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (I)

44 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (II) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI

45 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (III) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI

46 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (IV) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI

47 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (V) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI

48 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (VI) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI

49 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (VII) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI

50 CHIMICA ANALITICA METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (VIII) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) DIRETTI

51 CHIMICA ANALITICA Analita libero Analita immobilizzato Anticorpo anti-analita E Anticorpo anti-IgG marcato METODI COMPETITIVI ETEROGENEI (IX) ELISA (Enzyme-Linked Immunosorbent Assay) INDIRETTI

52 CHIMICA ANALITICA Metodi EMIT sono stati sviluppati utilizzando traccianti enzimatici che, in seguito al legame con l’anticorpo, mostravano una variazione (aumento riduzione) della propria attività catalitica. I primi metodi EMIT sono stati sviluppati utilizzando l’enzima lisozima come tracciante, ma successivamente l’enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi NAD dipendente (G6PD) è stato ampiamente utilizzato, grazie alla sua maggior capacità di modulare la propria attività catalitica in seguito all’interazione con l’anticorpo. METODI COMPETITIVI OMOGENEI (I) EMIT (Enzyme-Multiplied Immunoassay Technique) (I)

53 CHIMICA ANALITICA S S P Il tracciante in soluzione è attivo Diventa inattivo dopo legame con l’anticorpo Il segnale aumenta all’aumentare della concentrazione di analita. Sono stati proposti due sistemi. conc. analita attività enzimatica METODI COMPETITIVI OMOGENEI (I) EMIT (Enzyme-Multiplied Immunoassay Technique) (II) 1° sistema:

54 CHIMICA ANALITICA S S P conc. analita attività enzimatica METODI COMPETITIVI OMOGENEI (I) EMIT (Enzyme-Multiplied Immunoassay Technique) (III) Il tracciante in soluzione è inattivo Diventa attivo dopo legame con l’anticorpo Il segnale diminuisce all’aumentare della concentrazione di analita. 2° sistema:

55 CHIMICA ANALITICA S S P1 P2 In presenza di piccole quantità di analita, il tracciante interagisce con l’enzima immobilizzato sull’anticorpo, che trasforma P1 in un prodotto misurabile (P2). S S P1 Q In presenza di elevate quantità di analita, il tracciante, che non si lega all’anticorpo, interagisce con un enzima in soluzione che trasforma P1 in un prodotto non misurabile (Q). Questo riduce il segnale di fondo. L’analita compete con il tracciante per i siti anticorpali. L’anticorpo è coniugato ad un enzima. METODI COMPETITIVI OMOGENEI (III) ECIA (Enzyme Channeling Immuno Assay)

56 CHIMICA ANALITICA segnale log concentrazione analita Per i metodi competitivi, il segnale diminuisce all’aumentare della concentrazione di analita. segnale concentrazione analita PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DEI METODI COMPETITIVI (II)

57 CHIMICA ANALITICA B/B 0 log concentrazione analita La concentrazione dell’analita nel campione viene determinata per interpolazione su una curva-dose risposta prodotta in parallelo utilizzando degli standard. La curva viene prodotta rappresentando B/B 0 (rapporto tra segnale dello standard a concentrazione x e segnale ottenuto a dose zero di analita) in funzione del logaritmo della concentrazione di analita. B 0 è il segnale ottenuto in assenza di analita, cioè rappresenta il legame massimo del tracciante alla fase solida. B è il segnale a concentrazione x di analita (solo una frazione di tracciante è legato alla fase solida). B/B 0 rappresenta quindi la frazione di tracciante che è stato spiazzato in presenza della concentrazione x di analita ed è compreso tra 0 e 1. INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI (I)

58 CHIMICA ANALITICA Si utilizza un notevole eccesso di immunoreattivo in modo da ottenere il massimo segnale dall’analita. Per la legge di massa la velocità di formazione del complesso antigene-anticorpo è proporzionale alla concentrazione dei reattivi. Ciò implica che anche a bassissima concentrazione di analita un’alta frazione reagirà con l’anticorpo in eccesso. Segnale Concentrazione analita La curva dose-risposta ha un andamento lineare ed il segnale è direttamente proporzionale alla con- centrazione di analita. METODI NON COMPETITIVI

59 CHIMICA ANALITICA Reazione dell’analita (Ag) presente nel campione con un eccesso di anticorpo di cattura (Ab) e, successivamente, con un eccesso di tracciante (anticorpo di rivelazione marcato, Ab*) [Ab] > [Ag][Ab*] > [Ag] L’analita deve essere una molecola relativamente grande, con almeno due determinanti antigenici Eterogenei: separazione fisica tra Ab* e Ag-Ab* Omogenei: nessuna separazione tra Ab* e Ag-Ab* Non Competitivi di Tipo “Sandwich” METODI IMMUNOMETRICI

60 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale Fase solida Anticorpo di cattura immobilizzato Antigene Tracciante Enzima Substrato enzimatico Anticorpo di rivelazione METODI NON COMPETITIVI ETEROGENEI (SANDWICH) (I)

61 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI NON COMPETITIVI ETEROGENEI (SANDWICH) (II)

62 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI NON COMPETITIVI ETEROGENEI (SANDWICH) (III)

63 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI NON COMPETITIVI ETEROGENEI (SANDWICH) (IV)

64 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI NON COMPETITIVI ETEROGENEI (SANDWICH) (V)

65 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI NON COMPETITIVI ETEROGENEI (SANDWICH) (VI)

66 CHIMICA ANALITICA Aggiunta del campione Aggiunta del tracciante Incubazione Lavaggio Aggiunta del substrato Misura del segnale METODI NON COMPETITIVI ETEROGENEI (SANDWICH) (VII)

67 CHIMICA ANALITICA ETEROGENEI (SU FASE SOLIDA) METODI NON COMPETITIVI (SANDWICH)

68 CHIMICA ANALITICA Due anticorpi monoclonali diretti contro diversi epitopi dell’antigene vengono marcati con due enzimi scelti in modo che il prodotto della reazione catalizzata dal primo sia il substrato per il secondo (es. glucosio ossidasi e perossidasi). Solo quando i due anticorpi sono legati all’antigene gli enzimi sono sufficientemente vicini per ottenere quantità misurabili del prodotto finale. In alternativa si possono marcare i due anticorpi con due subunità dello stesso enzima, con un donatore ed un accettore di una coppia FRET (fluorescence resonance energy trasfer), ecc... substrato prodotto intermedio prodotto finale METODI NON COMPETITIVI OMOGENEI

69 CHIMICA ANALITICA Si utilizzano due enzimi vicinali, tali per cui uno produce il substrato per l’altro (es. glucosio ossidasi/perossidasi) L’attività del secondo enzima è misurabile solo quando i due Ab marcati reagiscono con Ag, avvicinando i siti attivi enzimatici AnalitaAb marcato 1Ab marcato 2 E1 E2 Aggiunta reattivi ReazioneMisura dell’attività enzimatica 2 E2 E1 E2 E1 E2 Aggiunta Substrato 1 E2 E1 E2 METODI NON COMPETITIVI OMOGENEI

70 CHIMICA ANALITICA La concentrazione dell’analita nel campione viene determinata per interpolazione su una curva-dose risposta prodotta in parallelo utilizzando degli standard. La curva viene prodotta rappresentando il segnale ottenuto per ciascun standard in funzione della concentrazione di analita nello standard. La curva ideale è lineare. In realtà la curva dose-risposta può presentare una curvatura a dosi basse di analita a causa di un legame aspecifico ed una curvatura a dosi alte a causa della saturazione dell’anticorpo di cattura o di rivelazione. Segnale Concentrazione analita Segnale Concentrazione analita aspecifico saturazione INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI

71 CHIMICA ANALITICA CARATTERISTICHE Più rapidi, particolarmente a basse concentrazioni di analita. L’utilizzo di anticorpi monoclonali migliora la specificità Specificità intrinseca superiore Limite di rivelazione più basso Amplificazione di attività (AA) (Metodi non competitivi) Modulazione di attività (MA) (Metodi competitivi) METODI COMPETITIVI E NON COMPETITIVI (MA E AA)

72 CHIMICA ANALITICA Log [Analita] Segnale analitico [Analita] Segnale analitico CompetitiviNon Competitivi METODI IMMUNOMETRICI

73 CHIMICA ANALITICA I metodi immunometrici sono soggetti ad interferenze, soprattutto per quanto riguarda la reazione immunologica e la rivelazione del segnale. Le cause più comuni sono: la presenza nel campione di molecole che danno reazione crociata con l’anticorpo o che interferiscono con la formazione del complesso antigene-anticorpo o che competono con l’anticorpo per il legame con l’antigene (es proteine del siero), ecc; la presenza nel campione di enzima endogeno (nel caso di EIA), di molecole colorate o fluorescenti (nel caso di rivelazione spettrofotometrica o fluorescente), ecc. Questo fenomeno può essere notevolmente ridotto adottando un metodo eterogeneo, grazie ai lavaggi effettuati prima della misura. INTERFERENZE NEI METODI IMMUNOMETRICI

74 CHIMICA ANALITICA Elevata specificità Basso limite di rivelazione Alta produttività analitica Possibilità di automazione Ag Ab* Ag* Ag Ag* Ab Ab* METODI IMMUNOMETRICI

75 CHIMICA ANALITICA Elevata specificità Basso limite di rivelazione Alta produttività analitica Possibilità di automazione Elevata specificità di riconoscimento tra Ag e Ab Campioni fluidi (siero, urina, latte) ANALISI DIRETTA Campioni solidi (carne, matrici vegetali) OMOGENEIZZAZIONE ESTRAZIONE ANALISI METODI IMMUNOMETRICI

76 CHIMICA ANALITICA Elevata specificità Basso limite di rivelazione Alta produttività analitica Possibilità di automazione Impiego di traccianti, cioè reattivi biospecifici con elevato rapporto segnale/massa Traccianti: Ag o Ab coniugati chimicamente con un marcatore (“label”)  Piccoli volumi di campione  Piccoli volumi di reagenti (riduzione dei costi)  Diagnosi precoce  Determinazione di sostanze in tracce METODI IMMUNOMETRICI

77 CHIMICA ANALITICA Isotopi radioattivi ( 125 I, 3 H) Molecole fluorescenti - fluorescenza convenzionale (fluoresceina, rodamina) - fluorescenza a risoluzione temporale (chelati di ioni lantanidi: Eu 3+, Tb 3+ ) - fluorescenza polarizzata (fluoresceina) Molecole chemiluminescenti (luminolo, esteri di acridinio) Enzimi (perossidasi, fosfatasi alcalina, b-galattosidasi) determinabili con substrati - cromogenici - fluorescenti - chemiluminescenti Marcatori METODI IMMUNOMETRICI

78 CHIMICA ANALITICA Elevata specificità Basso limite di rivelazione Alta produttività analitica Possibilità di automazione Impiego di piastre microtiter a 96 o 384 pozzetti Analisi di numerosi campioni nella stessa seduta analitica Rapidità di esecuzione (poche ore) Analisi di numerosi campioni per giorno METODI IMMUNOMETRICI

79 CHIMICA ANALITICA Elevata specificità Basso limite di rivelazione Alta produttività analitica Possibilità di automazione Disponibilità di dispensatori, lavatori, lettori ed elaboratori del segnale automatici Ottimizzazione delle fasi analitiche - errori precisione e accuratezza - tempi di esecuzione rapidità METODI IMMUNOMETRICI


Scaricare ppt "CHIMICA ANALITICA I metodi immunometrici, sfruttando le caratteristiche uniche di selettività e di avidità del legame antigene-anticorpo, permettono lo."

Presentazioni simili


Annunci Google