La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Lazione collettiva: distinzioni fondamentali Condotte di aggregato: mode, boom, manifestazioni di panico, tumulti Condotte di gruppo: fenomeni nei quali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Lazione collettiva: distinzioni fondamentali Condotte di aggregato: mode, boom, manifestazioni di panico, tumulti Condotte di gruppo: fenomeni nei quali."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Lazione collettiva: distinzioni fondamentali Condotte di aggregato: mode, boom, manifestazioni di panico, tumulti Condotte di gruppo: fenomeni nei quali i partecipanti sperimentano una variazione dello stato di sé e del proprio modo di rapportarsi agli altri = si forma un campo di solidarietà [Alberoni, 1981]

3 2 I movimenti sociali [Della Porta e Diani 1997] Il concetto di movimento sociale si riferisce a …reti di interazioni prevalentemente informali basate su … …credenze condivise e solidarietà che si mobilitano su … …tematiche conflittuali attraverso … … luso frequente di varie forme di protesta

4 3 Quattro approcci ai movimenti collettivi Movimenti e disfunzioni sociali (Smelser, 1963) Movimenti come Statu nascenti (Alberoni, 1981) Movimenti, conflitti di classe e transizioni politiche (Touraine, 1975) Movimenti e squilibri di potere (Tilly, 1978) Movimenti e limiti di compatibilità del sistema (Melucci, 1980)

5 4 Movimenti e disfunzioni sociali (Smelser, 1963) Approccio struttural-funzionalista (Parsons) Comportamento collettivo spontaneo come mutamento sociale … esso si verifica quando lazione sociale strutturata è sotto tensione e i mezzi che ne dominano la tensione sono inadeguati I protagonisti sono devianti

6 5 Movimenti come statu nascenti (Alberoni, 1981) Esistono due differenti stati del sociale: -statu nascenti e organizzazione sociale (Weber) -effervescenza collettiva e solidarietà (Durkheim) 1.Statu nascenti/Istituzione (vita quotidiana) 2.Nello Statu nascenti cè discontinuità … 3.Dallo Statu nascenti allIstituzione 4.I processi di civilizzazione culturale

7 6 Chi dà vita ai movimenti (Alberoni, 1981) Con il movimento (Statu nascenti) si rompono vecchie solidarietà e se ne formano di nuove Protagonisti: i membri delle classi sociali minacciate e quelli delle classi sociali in ascesa Si mobilitano coloro che sono alla periferia del centro (Melucci, 1977) Chi sperimenta una contraddizione fra unidentità collettiva esistente e i nuovi rapporti sociali imposti dal mutamento Hanno già esperienza di partecipazione, leaders e risorse organizzative, reti di comunicazione esistenti, più facilmente riconoscono interessi comuni

8 7 Movimenti, conflitti di classe e trannsazioni politiche (Touraine, 1975) Identità: lattore collettivo definisce se stesso; la distinzione si basa su un conflitto sociale Opposizione: il conflitto fa sorgere lavversario, formando la coscienza dellattore collettivo Totalità: il particolare e contingente sistema di azione storica in cui si trova il conflitto Il movimento nasce nella società, attraverso il conflitto, e induce la trasformazione della società stessa

9 8 Movimenti e squilibri di potere (Tilly, 1978) In tutte le società esiste uno squilibrio nella distribuzione del potere Nellinterazione sociale si sviluppano interessi Lorganizzazione dellazione crea la consapevolezza dellappartenenza ad unidentità comune Lorganizzazione mobilita le risorse per lazione collettiva Si manifesta la vulnerabilità alle nuove rivendicazioni (riequilibrio di potere)

10 9 Movimenti, identità e limiti di compatibilità del sistema (Melucci, 1977) Lidentità collettiva come processo relazionale (individuazione/identificazione) La formazione dellidentità collettiva attraverso la sperimentazione della contraddizione aspettative/realizzazioni Avversario, posta in gioco, limiti di compatibilità del sistema Linguaggi e codici propri del cambiamento

11 10 Tipi di movimenti collettivi (Melucci, 1977) Movimenti rivendicativi: imporre mutamenti in norme, ruoli, procedure di assegnazione delle risorse socio-econom. Movimenti politici: incidere sui canali della partecipazione politica e modificare i rapporti di forza Movimenti sociali: rompere i limiti di compatibilità del sistema, i rapporti sociali di produzione

12 11 Il postmaterialismo [Inglehart 1977] Alcune trasformazioni spiegano le nuove caratteristiche della partecipazione sviluppatesi a partire dagli anni sessanta: le richieste di mutamento sociale tendono ad avere una base sociale di classe media piuttosto che di classe operaia; la frattura basata sulletà diventa virtualmente importante come quella basata sulla classe sociale; i temi non-economici acquistano un maggior grado di salienza.

13 12 Hirschman [1970] Le reazioni dei cittadini alle scelte collettive, così come quelle dei consumatori allinterno di un mercato, possono passare attraverso diverse attitudini, riconducibili alle tre seguenti categorie exit (defezione) voice (protesta) loyalty (lealtà)

14 13 La tradizione civica in Italia [Putnam 1993] Capitale sociale Buon governo Le associazioni civili diffondono tra i partecipanti I sentimenti di cooperazione, solidarietà e impegno sociale Misure dellassociazionismo Distinzione tra regioni civiche e regioni non civiche La qualità della vita pubblica e il rendimento istituzionale sono potentemente influenzati dalle norme e dallimpegno pubblico


Scaricare ppt "1 Lazione collettiva: distinzioni fondamentali Condotte di aggregato: mode, boom, manifestazioni di panico, tumulti Condotte di gruppo: fenomeni nei quali."

Presentazioni simili


Annunci Google