La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

02/04/121 LORDINAMENTO GIUDIZIARIO. DEFINIZIONI, CONTENUTI E FASI DI SVILUPPO NORMATIVO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "02/04/121 LORDINAMENTO GIUDIZIARIO. DEFINIZIONI, CONTENUTI E FASI DI SVILUPPO NORMATIVO."— Transcript della presentazione:

1 02/04/121 LORDINAMENTO GIUDIZIARIO. DEFINIZIONI, CONTENUTI E FASI DI SVILUPPO NORMATIVO

2 02/04/122 ORDINAMENTO GIUDIZIARIO «Insieme delle regole costitutive che governano lassetto ed il funzionamento dellordine giudiziario, definito quale complesso degli organi ai quali è affidato lesercizio della funzione giudiziaria» MAGISTRATURA ORDINARIA

3 02/04/123 In concreto… Complesso organico (?) di norme che regola: Lo STATUS dei magistrati LORGANIZZAZIONE degli uffici giudiziari AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA (CSM) E ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI RELATIVI ALLA GIUSTIZIA (MINISTRO)

4 02/04/124 FINALITA ESSENZIALE (COSTITUZIONE) Distogliere la magistratura da qualsiasi influenza perturbatrice della sua IMPARZIALITA ed INDIPENDENZA

5 02/04/125 a) Disciplina degli organi cui è affidata lamministrazione della giustizia ordinaria; b) Status giuridico dei magistrati; c) Costituzione e funzionamento del Consiglio Superiore della Magistratura

6 02/04/126 Il PERCHE dellordinamento giudiziario a) garantire lINDIPENDENZA del giudice attraverso corpo normativo separato e di b) armonizzare PROFESSIONALITA ed INDIPENDENZA dei magistrati per c) lESERCIZIO IMPARZIALE/EFFICACE DELLA FUNZIONE

7 02/04/127 Sviluppo storico-giuridico dellO.G. PRIMA FASE: Statuto Albertino Giudici-funzionari nominati dal Re R.d crea corpo di magistrati di carriera nominati dallesecutivo con indipendenza solo nominale Pubblici ministeri alle dipendenze del Ministro di Grazia e Giustizia

8 02/04/128 «la giustizia emana dal Re ed è amministrata in suo nome dai giudici che egli istituisce» (art. 68 Statuto Albertino) «linterpretazione della legge, in modo per tutti obbligatorio, spetta esclusivamente al potere legislativo» (art. 73 Statuto Albertino)

9 02/04/129 Leggi Orlando ( ): Maggiore indipendenza attraverso Istituzione del CSM e Principio dellINAMOVIBILITA della sede per i magistrati

10 02/04/1210 SECONDA FASE: Stato fascista Decreto GRANDI (1942) Indipendenza solo FORMALE: «non si può garantire una buona amministrazione della giustizia se non si lascia indipendente la giurisdizione nei suoi giudizi (…) questa indipendenza non importa che la giurisdizione costituisca un potere autonomo dello stato, dovendo anchessa informare la sua attività alle direttive generali segnate dal governo per lesercizio di ogni pubblica funzione, ma significa soltanto che la giurisdizione non deve subire influenze perturbatrici dei suoi giudizi»

11 02/04/1211 Espansione dei poteri del Ministro: - Sorveglianza sui magistrati; - Potere di nomina delle commissioni di esame per ammissione e progressione di carriera; - Designazione di membri del CSM; - Assegnazione di sedi e promozioni; - Collocamento fuori ruolo; - Passaggio di funzioni. CSM è organo consultivo del ministro

12 02/04/1212 Compressione dellautonomia dei magistrati: - Corpo di pubblici dipendenti con status professionale simile ai funzionari; - Ordine gerarchicamente organizzato con al vertice la Corte di Cassazione; - Controllo del governo attraverso la nomina degli uffici direttivi; - Progressione vincolata al giudizio dei superiori gerarchici (conformismo e indipendenza interna)

13 02/04/1213 Regio Decreto Legislativo 31 maggio 1946, n. 511 Guarentigie della magistratura Capo I - Della inamovibilità. 1. Disposizione generale. I magistrati non possono essere privati delle funzioni e dello stipendio, collocati in aspettativa, in disponibilità o a riposo, oppure essere destinati ad altra sede o ad altre funzioni, se non nei casi e nelle forme previsti dal presente decreto.

14 02/04/1214 Sezione II - Della disciplina dei magistrati. 17. Disposizione generale. I magistrati non possono essere sottoposti a sanzioni disciplinari se non nei casi e nelle forme previsti dal presente decreto. 18. Responsabilità disciplinare dei magistrati. Il magistrato che manchi ai suoi doveri, o tenga in ufficio o fuori una condotta tale, che lo renda immeritevole della fiducia e della considerazione di cui deve godere, o che comprometta il prestigio dell'ordine giudiziario, è soggetto a sanzioni disciplinari secondo le disposizioni degli articoli seguenti ABROGATI DAL DECRETO LEGISLATIVO 109/2006

15 02/04/1215 TERZA FASE: Costituzione Repubblicana (1948) Titolo IV Costituzione (artt ). Rinvio VII Disposizione transitoria e finale: «Fino a quando non sia emanata la nuova legge sullordinamento giudiziario in conformità con la Costituzione, continuano a osservarsi le norme dellordinamento vigente»

16 02/04/1216 Esplicito giudizio di NON CONFORMITA alla Costituzione Per evitare vuoto legislativo cè una sospensione dellillegittimità, MA… Il Decreto Grandi può essere oggetto di una questione di costituzionalità?

17 02/04/1217 Secondo la Corte costituzionale (sent. 156/63): «in qualunque modo debba essere interpretata questa disposizione transitoria, riflettente lesigenza di evitare carenze nellorganizzazione giudiziaria in attesa della revisione, alla stregua della Costituzione,(…) è comunque chiaro che, una volta avvenuta la revisione pur parziale dellordinamento giudiziario preesistente, le norme conservate non possono sfuggire al sindacato di costituzionalità»

18 02/04/1218 Attuazione costituzionale: missione (in)compiuta? Stratificazione successiva e dis-organica di leggi attuative dei principi costituzionali: Legge 195/58 istituisce il CSM (indipendenza istituzionale); Leggi Breganze (570/66) e Breganzone (831/73) su progressione di carriera (da gradi a funzioni, da concorso a valutazioni); Legge 66/63 (donne in magistratura) Giurisprudenza della Corte costituzionale (108/94 su qualità morali indiscusse)

19 02/04/1219 Verso una legislazione organica: la riforma Castelli Legge delega 150/2005 per una riforma dellordinamento giudiziario I decreti legislativi dattuazione: - Istituzione della Scuola superiore della magistratura (n. 26/2006); - Riorganizzazione dellufficio del PM; - Illeciti disciplinari (n. 109/2006); - Accesso, progressione economica e di funzione (n. 160/2006).

20 02/04/1220 La sospensione della riforma La legge 269/2006 : Sospensione dellefficacia nonché modifiche di disposizioni in tema di ordinamento giudiziario

21 02/04/1221 MA… rinvio effettivo o sospensione parziale? - RINVIO fino al 31 luglio 2007 dellefficacia del d. lgs. in materia di accesso e progressione; - SILENZIO rispetto al d. lgs. istitutivo della scuola superiore; - MODIFICA i decreti su PM e illeciti disciplinari

22 02/04/1222 La riforma della riforma: la legge Mastella Legge n. 111 del 2007 di Riforma dellordinamento giudiziario: NO riforma organica ma NOVELLAZIONE STRATIFICAZIONE NORMATIVA In vigore il Decreto Grandi come modificato e i decreti attuativi di riforma Castelli!

23 02/04/1223 RISCHIO «congerie sempre più disordinata di leggi fabbricate a getto continuo, per le quali accade come per la carta moneta, che quanto più lo Stato ne stampa, tanto costano meno» (Calamandrei, Governo e magistratura, 1921) NECESSITA DI UN CODICE DELLO.G.?


Scaricare ppt "02/04/121 LORDINAMENTO GIUDIZIARIO. DEFINIZIONI, CONTENUTI E FASI DI SVILUPPO NORMATIVO."

Presentazioni simili


Annunci Google