La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2 2.1 Le competenze 2.1.1. LE COMPETENZE: dalle discipline alle competenze I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in un processo europeo finalizzato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2 2.1 Le competenze 2.1.1. LE COMPETENZE: dalle discipline alle competenze I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in un processo europeo finalizzato."— Transcript della presentazione:

1 2 2.1 Le competenze 2.1.1

2 LE COMPETENZE: dalle discipline alle competenze I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in un processo europeo finalizzato a promuovere la mobilità delle risorse umane, anche grazie alla trasparenza e confrontabilità dei titoli di studio, in linea con il riferimento condiviso del Quadro europeo dei titoli e delle qualifiche European qualification framework * 2 * Documento UE - Descrittori dei livelli del quadro europeo delle qualifiche EQF (All. 3) 2.1.2

3 MODELLO PER DISCIPLINE Per ogni singola disciplina si costruisce un percorso che inizia dal primo anno e prosegue fino al quinto anno MODELLO PER COMPETENZE Definizione dei risultati di apprendimento alla fine del percorso quinquennale Descrizione dei risultati di apprendimento in termini di Competenze Abilità Conoscenze Definizione delle abilità e conoscenze secondo un percorsoTOP DOWN LE COMPETENZE: un confronto 2.1.3

4 4 LE COMPETENZE: I risultati di apprendimento QUINTO ANNO SECONDO BIENNIO PRIMO BIENNIO 2.1.4

5 5 I LIVELLI DI RIFERIMENTO DELLEQF LICENZA BIENNIO QUALIFICA DIPLOMA Sc. Media LE COMPETENZE: il quadro europeo delle competenze (EQF) European Qualification Framework (All. 3) 2.1.5

6 6 LE COMPETENZE: il quadro europeo delle competenze (EQF) CompetenzeAbilitàConoscenzeDiscipline nel EQF la competenza è descritta in termini di RESPONSABILITÀ e AUTONOMIA. nel EQF abilità sono descritte come COGNITIVE (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e PRATICHE (che implicano la destrezza manuale e l'uso di metodi, materiali, attrezzature e strumenti) nel EQF le conoscenze sono descritte come TEORICHE e/o PRATICHE Documento Miur: Griglia di collegamento per la connesione tra competenze-abilità-conoscenze (All. 4) 2.1.6

7 LE COMPETENZE: coordinate Per la trasparenza nazionale ed europea dei percorsi è necessario Condividere un glossario Promuovere nelle istituzioni scolastiche e formative una didattica per competenze

8 LE COMPETENZE: glossario NellEQF è stata data la definizione di competenze condivisa a livello europeo: Competenze indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e /o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale ; Le competenze sono descritte in termini di responsabilità ed autonomia

9 LE COMPETENZE: dai risultati di apprendimento alle competenze Il quadro europeo delle qualifiche e dei titoli indica i risultati di apprendimento relativi ai diversi livelli, lutilizzazione dei risultati di apprendimento nei diversi contesti operativi consente di esprimere le competenze dei singoli 9 Documento Confao: Sperimentazione dellinnalzamento dellobbligo scolastico al biennio della secondaria di secondo grado. Griglia di progetto (All. 5) - Pag. 3 – Nota Prof. Gaetano Domenici 2.1.9

10 10 LE COMPETENZE: lo sviluppo dei nuovi percorsi Curricolo orizzontale = Realizza la trasversalità dellapprendimento attraverso limpostazione per competenze e la connessione con le esigenze emergenti dal territorio Curricolo verticale = Larea di istruzione generale si sviluppa nel primo biennio accentuando gradualmente, nel secondo biennio e nel quinto anno, la relazione con le specificità di indirizzo = Larea di indirizzo si sviluppa con la stessa logica partendo dai risultati di apprendimento previsti alla fine del percorso quinquennale

11 LE COMPETENZE: promozioni e implicazioni nel curricolo orizzontale Integrare ed armonizzare larea delle competenze comuni con quelle di indirizzo, puntando sulle conoscenze di snodo, che rappresentano un ponte naturale tra i due ambiti, e sulle competenze di cittadinanza Attuare una didattica impostata secondo la logica della ricerca – azione che collega listituzione scolastica al territorio e fornisce, se è opportuno, gli strumenti per definire i percorsi opzionali funzionali alle esigenze delle risorse umane e del territorio

12 LE COMPETENZE: la coerenza verticale sostiene la continuità ed il raccordo curriculare tra le scuole secondarie di primo e secondo grado le esperienze interdisciplinari sono finalizzate a trovare interconnessioni e raccordi fra le indispensabili conoscenze disciplinari e a formulare in modo adeguato i problemi complessi posti dalla condizione umana nel mondo odierno e dallo stesso sapere

13 2 2.2 Il Laboratorio per le competenze 2.2.1

14 14 IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: lapproccio sistemico Un sistema complesso va compreso nel suo insieme attraverso un approccio sistemico Il laboratorio è qualificato dalla dimensione progettuale è qualificato dalla dimensione progettuale è finalizzato alla elaborazione di un percorso di apprendimento è finalizzato alla elaborazione di un percorso di apprendimento è fondato sul principio della ricerca-azione è fondato sul principio della ricerca-azione è articolato in unità di apprendimento strutturate in funzione degli obiettivi del progetto è articolato in unità di apprendimento strutturate in funzione degli obiettivi del progetto 2.2.2

15 15 IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: gli obiettivi SVILUPPARE ATTITUDINI MENTALI RIVOLTE ALLA SOLUZIONE DI PROBLEMI ED ALLA VALUTAZIONE DI ESPERIENZE DI PROCESSO SUPERARE LA TRADIZIONALE LOGICA DELLOPERARE CONNESSO ALLA SEMPLICE APPLICAZIONE REALIZZARE UNA NUOVA CULTURA DELLAPPRENDIMENTO, CON IL POTENZIAMENTO DELLA DIDATTICA MOTIVAZIONALE PRODURRE UN ORGANIZZAZIONE DELL APPRENDIMENTO ORIENTATA ALLA VALORIZZAZIONE DELLE CAPACITA DI AUTOSVILUPPO E DI AUTODIAGNOSI DELLO STUDENTE 2.2.3

16 16 Il macro percorso è tracciato dalle competenze indicate a conclusione del percorso quinquennale Lacquisizione delle competenze è sostenuta dalla progettazione congiunta dei docenti che definiscono la programmazione didattica ed educativa ed i connessi esiti di apprendimento La definizione degli obiettivi formativi è connessa anche al contesto in cui la classe opera ed alle esigenze formative degli allievi IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: costruire il percorso 2.2.4

17 17 IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: costruire il percorso In relazione al profilo culturale, educativo, professionale dellallievo previsto a conclusione del secondo ciclo nei diversi indirizzi si riconoscono i risultati di apprendimento alla fine del quinquennio presentati nella mappa delle competenze si definiscono i contenuti (abilità, conoscenze) necessari per quegli esiti formativi si connettono ai quadri disciplinari previsti dal riordino del sistema dellistruzione per quellindirizzo / articolazione 2.2.5

18 18 Concreta esperienza – 1° fase Riflessione osservazione – 2° fase Concettualizzazione – 3° fase Sperimentazione applicazione – 4° fase IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: learning by doing 2.2.6

19 19 DALL OSSERVAZIONE ALLESPERIENZA CONCRETA I DOCENTI - sono impegnati nella proposta di attivita laboratoriali di progettazione in contesti formali e non formali, e nella produzione di documentazione anche multimediale GLI ALLIEVI - sono coinvolti in unesplorazione attiva delle esperienze e della documentazione che le testimonia - apprendono a riconoscere le competenze previste come obiettivo finale ed il percorso che realizzeranno per conseguirle In questa fase si fa riferimento, principalmente, alle seguenti competenze di cittadinanza: COMUNICARE, INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI, COLLABORARE E PARTECIPARE IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 1^ fase - Stimolo/Motivazione 2.2.7

20 20 Motivazione degli studenti Collegamenti funzionali con gli stake holders ed il tessuto socio economico del territorio Attivitadi ricerca per la soluzione di problemi Coinvolgimento di più assi culturali IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 1^ fase - Stimolo/Motivazione 2.2.8

21 21 IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 1^ fase - Stimolo/Motivazione Proporre esperienze nelle quali lallievo affronti situazioni reali e si impegni nella soluzione dei problemi che emergono utilizzando conoscenze ed abilità integrate che superano il sapere disciplinare. Affrontando i problemi, lallievo: - riconosce le proprie motivazioni - attiva un processo di apprendimento autonomo e responsabile - aumenta lautostima - sviluppa le competenze sia di base che finalizzate La soluzione del problema diviene unopportunità di orientamento e di crescita 2.2.9

22 22 IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 2^ fase - Riflessione I DOCENTI - orientano gli allievi nella ricerca degli elementi fondanti e delle fonti del progetto di apprendimento, e nella selezione degli strumenti in funzione del risultato da conseguire GLI ALLIEVI - riflettono sulla prima fase in relazione agli obiettivi da conseguire, - si confrontano e si rendono conto che devono acquisire gli strumenti per comprendere, essere consapevoli e divenire operativi, creando la premessa, per le fasi successive, di unacquisizione autonoma del sapere In questa fase si fa riferimento, principalmente, alle seguenti competenze di cittadinanza: RISOLVERE PROBLEMI, IMPARARE AD IMPARARE, COLLABORARE E PARTECIPARE, PROGETTARE, INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI

23 23 I DOCENTI – elaborano il piano operativo di applicazione degli strumenti organizzativi e didattici per la realizzazione del progetto di apprendimento impostato nella prima fase e validato nella seconda fase GLI ALLIEVI - lavorando per gruppi, acquisiscono i contenuti e li mettono in relazione con quanto hanno appreso nelle due fasi precedenti, identificando la soluzione che ritengono migliore in funzione degli obiettivi da conseguire nella quarta ed ultima fase In questa fase si fa riferimento, principalmente, alle seguenti competenze di cittadinanza: ACQUISIRE ED INTERPRETARE LINFORMAZIONE, COLLABORARE E PARTECIPARE, COMUNICARE, INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 3^ fase - Concettualizzazione

24 24 DECRETO LEGISLATIVO 19 FEBBRAIO 2004: : Le UdA... sono costituite dalla progettazione : A) uno o più obiettivi formativi tra loro integrati, A) di uno o più obiettivi formativi tra loro integrati, definiti anche con i loro standard di apprendimento, riferiti alle conoscenze e alle abilità coinvolte attività educative e didattiche unitarie, dei metodi, delle soluzioni organizzative B) delle attività educative e didattiche unitarie, dei metodi, delle soluzioni organizzative...necessarie per concretizzare gli obiettivi formativi... modalità con cui verificare sia i livelli delle conoscenze e delle abilitàcompetenze personali C) delle modalità con cui verificare sia i livelli delle conoscenze e delle abilità acquisite, sia se e quanto esse si sono trasformate in competenze personali di ciascuno IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 3^ fase - gli strumenti (Unità di apprendimento)

25 25 temi fondamentali individuazione dei temi fondamentali intorno ai quali organizzare lUdA competenze esiti di apprendimento riconoscimento delle competenze di riferimento e degli esiti di apprendimento attesi (abilità+conoscenze) contenuti disciplinari selezione dei contenuti disciplinari attinenti metodologie laboratoriali identificazione e condivisione delle metodologie laboratoriali applicabili strumentirisorse organizzazione degli strumenti e delle risorse tempiruoli distribuzione dei tempi e dei ruoli fra i docenti coinvolti orientamentoriorientamento definizione degli eventuali processi di orientamento – riorientamento verifica e valutazione predisposizione di prove coerenti di verifica e valutazione schema complessivo di struttura(CdClasse) formalizzazione dello schema complessivo di struttura dellUdA (CdClasse) presentazione dellUdA presentazione dellUdA agli allievi Documento Confao: Progettazione Unità di apprendimento: schema-esempio di scheda (All. 6) IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 3^ fase - gli strumenti (Unità di apprendimento)

26 26 I DOCENTI – avviano lapplicazione del progetto attraverso la messa in opera degli strumenti organizzativi e didattici per la realizzazione dei percorsi di apprendimento GLI ALLIEVI – avviano il loro percorso di apprendimento, attraverso la sperimentazione laboratoriale in contesti operativi reali o simulati, in funzione dellacquisizione delle competenze di asse culturale e di cittadinanza IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: Le fasi: 4^ fase - Applicazione

27 27 IL LABORATORIO PER LE COMPETENZE: la didattica laboratoriale Gli strumenti per promuovere lacquisizione di competenze: Apprendimento metacognitivo fondato sullesperienza e sulla riflessioneApprendimento metacognitivo fondato sullesperienza e sulla riflessione Apprendimento cooperativo (Cooperative Learning)Apprendimento cooperativo (Cooperative Learning) Apprendimento per problemi (Problem Solving)Apprendimento per problemi (Problem Solving) Giuochi di ruolo (Role Play)Giuochi di ruolo (Role Play) SimulazioneSimulazione Brain stormingBrain storming Etc Etc Strumenti per lapprendimento-Schede relative a: apprendimento cooperativo; apprendimento per problemi; giuochi di ruolo; simulazione; brain storming (All. 7)


Scaricare ppt "2 2.1 Le competenze 2.1.1. LE COMPETENZE: dalle discipline alle competenze I nuovi ordinamenti della secondaria si inquadrano in un processo europeo finalizzato."

Presentazioni simili


Annunci Google