La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL LABORATORIO Prof. Carmelo Piu. Impostazione teorica 1) Quadro di riferimento 2) Principi psicologici, pedagogici, didattici 3) Finalità ed obiettivi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL LABORATORIO Prof. Carmelo Piu. Impostazione teorica 1) Quadro di riferimento 2) Principi psicologici, pedagogici, didattici 3) Finalità ed obiettivi."— Transcript della presentazione:

1 IL LABORATORIO Prof. Carmelo Piu

2 Impostazione teorica 1) Quadro di riferimento 2) Principi psicologici, pedagogici, didattici 3) Finalità ed obiettivi 4) Tipologie

3 Impostazione operativa 1) Logica dei laboratori 2) Didattica dei laboratori 3) Tipologia dei laboratori 4) Organizzazione degli spazi

4 LABORATORIO Distinzione * Laboratori * Attività laboratoriale * Didattica laboratoriale

5 IL LABORATORIO Il laboratorio è Il laboratorio si fa uno spazio, attrezzato, in ragione di come diverso dallaula si svolge lattività Imparare facendo Agire e interagire Contesto dazione

6 IL LABORATORIO MONODISCIPLINARIMULTI – INTERDISCIPLINARI Aule specializzate: di lingue Aule polivalenti: laboratorio, di arte, di musica, di storia ambientale, teatrale, falegnameria, sartoria competenze disciplinari competenze trasversali metodo della disciplina integrazione dei saperi e dei metodi Luoghi di materiali, di strumenti, di tecniche ed attività

7 PRINCIPI EPISTEMOLOGICI FINALITÀ Pensiero plurale Vita di relazione

8 Natura psicologica intelligenza pratica Piagetintelligenza intuitiva intelligenza operativa senso-motorio preparatorio operativo – concreto/formale Il pensiero sviluppa operazioni concrete e astratte

9 Natura psicologica momento manipolativo Bruner momento immaginativo momento simbolico Ad ogni tipo di linguaggio corrisponde un correlato sviluppo di una specifica intelligenza

10 Natura psicologica * * Stile relazionale * Educano a un modo collaborativo di fare cultura * Privilegiano la discussione – la riflessione la criticità la collaborazione e cooperazione

11 Natura pedagogica Learning by doing Compresenza di: 1) istruzione 2) ricerca 3) creatività

12 Natura pedagogica Al monocognitivo la ricerca aggiunge il metacognitivo, ossia lacquisizione di metodologie interpretative, inquisitive euristiche

13 Natura didattica Modello sistemico-relazionista Didattica individualizzata personalizzata favorisce la dimensione metacognitiva

14 LA LOGICA METACONOSCENZE * sapere riflettere sulle conoscenze ** apprendistato cognitivo per imparare autonomamente

15 PREMESSA potenzialità e notevole carica innovativa rispetto alla formazione alle acquisizioni di conoscenze e di metodologie di indagine e di ricerca.

16 STRATEGIE E MODALITÀ centralità ed efficacia al percorso formativo interesse, motivazione, individualizzazione manipolazione conoscenze competenze metodologiche

17 IL LABORATORIO Spazio sapere fare agire

18 IL LABORATORIO Imparare ad imparare Padroneggiare gli strumenti di base orientamento/guidato teoriche didattiche gestionali

19 IL LABORATORIO Spazio-area - scontro/incontro tra + competenze tra + linguaggi tra + metodologie Sfida per le discipline che devono confrontarsi ed interagire

20 1° caratteristica Docente progettazioneideazione predisposizione organizzazione

21 1° caratteristica Allievo/Docente * realizzazione * discussione * riflessione * decisione

22 2° caratteristica multidisciplinarità sistemazione – ricostruzione – integrazione di conoscenze e metodologie

23 3° caratteristica obiettivo metacognitivo metodi di ricerca capacità organizzative

24 4° caratteristica obiettivi saperi (le conoscenze) saper fare (metaconoscenze) saper collegare (elementi, conoscenze, competenze)

25 5° caratteristica ALLIEVO protagonista procedura empirica ricercatore metodologia

26 MODALITÀ attività di ricerca In direzione di conoscenze, competenze (sinergicamente e dialetticamente funzionali)

27 MODALITÀ connessioni ed interazioni (tra i diversi saperi) collegamento funzionale (della conoscenza e della realtà) acquisizione conoscenze e competenze

28 LABORATORIO azione, interazione, relazione dimensioni, categorie che fanno dialogare (soggetti e oggetti di conoscenza)

29 processo di azione e di riflessione consapevolezza responsabilità percorso di autonomia LABORATORIO

30 valorizza il saper fare Richiede pluralità di azioni cognitive LABORATORIO


Scaricare ppt "IL LABORATORIO Prof. Carmelo Piu. Impostazione teorica 1) Quadro di riferimento 2) Principi psicologici, pedagogici, didattici 3) Finalità ed obiettivi."

Presentazioni simili


Annunci Google