La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 Vincent Van Gogh: Il Seminatore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 Vincent Van Gogh: Il Seminatore."— Transcript della presentazione:

1 RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 Vincent Van Gogh: Il Seminatore

2 CON D.G.R DEL LA REGIONE HA TRACCIATO GLI INDIRIZZI PRINCIPALI ED IL PERCORSO LUNGO IL QUALE HA SVILUPPATO LA METODOLOGIA DEL RIPARTO DELLE RISORSE FINANZIARIE TRA LE ASR PIEMONTESI, RIBADENDO CHE LA QUOTA CAPITARIA E LO STRUMENTO CHE ASSICURA LEROGAZIONE TERRITORALMENTE UNIFORME DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA, E CONFERMANDO I PRINCIPI GENERALI DI PROGRAMMAZIONE CHE, RIFERITI ALLANNO 2003, ERANO STATI ENUCLEATI NELLA D.G.R , DEL GENNAIO 03. FINANZIAMENTO DEL S.S.R. 2004

3 PER LANNO 2004 LA REGIONE HA RIPARTITO LA SOMMA COMPLESSIVA A DISPOSIZIONE NEI TRE LIVELLI ASSISTENZIALI: PREVENZIONE 5% PREVENZIONE 5% ASSISTENZA DISTRETTURALE TERRITORIALE 49% ASSISTENZA DISTRETTURALE TERRITORIALE 49% ASSISTENZA OSPEDALIERA 46% ASSISTENZA OSPEDALIERA 46% DETERMINANDO UNA QUOTA CAPITARIA DI 1.438,96 – DI CUI 1.333,15 DISTRIBUIBILI - 105,81 ACCANTONATI PER IL RIEQUILIBRIO - 42,28 DI ENTRATE PROPRIE – COSI SUDDIVISA:

4 DescrizioneQuota capitaria (euro) Dipartimento di prevenzione45,52 Medicina legale9,75 Screening oncologico3,52 Centro Prevenzione Oncologica0,61 Agenzia Regionale per lAmbiente (ARPA)11,76 Fondo riequilibrio0,80 Livello Ass. Prevenzione (Totale)71,95 PREVENZIONE

5 DescrizioneQuota capitaria (euro) Medicina di base89,27 Assistenza farmaceutica: 0 – 64 anni161,80 Assistenza farmaceutica: > 65 anni316,37 Assistenza specialistica: anni105,80 Assistenza specialistica: > 65 anni386,88 Assistenza specialistica in DEA16,92 Ass. programmata anziani: solo > 65 anni225,17 Attività programmate58,73 Altre attività territoriali72,83 Attività emergenza – urgenza 11819,97 Fondo riequilibrio41,88 Livello Ass. Distrettuale Territoriale (Totale)705,09 ATTIVITA DISTRETTUALI TERRITORIALI

6 DescrizioneQuota capitaria (euro) Ass. ospedaliera: 0-64 anni347,95 Ass. ospedaliera: > 65 anni1.319,52 Finanziamento DEA struttura41,06 Finanziamento percorso di laurea7,05 Fondo riequilibrio63,14 Livello Ass. ospedaliera (Totale)661,92 ATTIVITASANITARIE OSPEDALIERE

7 APPLICANDO TALI CRITERI, ALLASL 13 E STATA ATTRIBUITA UNA QUOTA COMPLESSIVA DI , PARI AD UNA QUOTA CAPITARIA PESATA DI 1.227,00 RIFERITA ALLA POPOLAZIONE AL , PRESA A RIFERIMENTO DALLA REGIONE PER IL FINANZIAMENTO ANNO 2004 ( ) CORRE LOBBLIGO DI EVIDENZIARE CHE IN REALTA LA POPOLAZIONE EFFETTIVA COME RISULTA DALLANAGRAFE DEI COMUNI DELLASL13 AL E SENSIBILMENTE SUPERIORE (CIRCA ABITANTI)

8 IL SI E TENUTA A TORINO UNA RIUNIONE DI QUADRANTE ALLA PRESENZA DEL DIRETTORE REGIONALE, PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DI RIEQUILIBRIO DEL QUADRANTE 2, PARI A 55 MILIONI DI EURO. LA SOMMA MESSA A DISPOSIZIONE DALLA REGIONE NON ERA SUFFICIENTE ALLE ESIGENZE DELLE ASL DEL QUADRANTE. DATO IL CRITERIO REGIONALE DI ASSICURARE A TUTTE LE AZIENDE ALMENO LA COPERTURA DEI COSTI SOSTENUTI NELLANNO 2003, IL FONDO DI RIEQUILIBRIO E STATO COSI RIPARTITO: ASL11 DI VERCELLI 27 milioni di euro ASL11 DI VERCELLI 27 milioni di euro ASO DI NOVARA 7 milioni di euro ASO DI NOVARA 7 milioni di euro ASL14 VCO 21 milioni di euro ASL14 VCO 21 milioni di euro

9 LACCORDO DI QUADRANTE E STATO FIRMATO CON LE SEGUENTI PRECISAZIONI: I costi non riportano gli effetti derivanti dalla sottoscrizione del nuovo contratto collettivo della dirigenza Le previsione relative alla spesa farmaceutica confermano i valori 2003 LASO di Novara indirizzerà le proprie azioni al mantenimento – sotto il profilo quantitativo dei casi trattati – dellattività 2003, al recupero della mobilità passiva di quadrante, allaumento della complessità dei casi trattati e, conseguentemente, allincremento del peso medio dei DRG Le ASl si impegnano, con la collaborazione dellASO di Novara, ad un coordinamento per la miglior gestione dei percorsi al fine di ottimizzare le spese di mobilità e a dare alla Regione elementi per un appropriata definizione dei rapporti contrattuali con gli erogatori di prestazioni sanitarie

10 Il valore della mobilità indicato tra i costi è determinato sulla base delle prestazioni 2003 valorizzate a tariffa 2004 LASO di Novara dichiara che eventuali ricavi rispetto al 2003, derivanti da attività a beneficio di cittadini extra-quadrante, determinerà una contestuale riduzione del fondo di riequilibrio ad essa retribuito per pari importo ALLA LUCE DI QUANTO SOPRA ESPOSTO, LA QUOTA CAPITARIA PER LE ASL DEL QUADRANTE 2, COMPRENSIVA DI FONDO DI RIEQUILIBRIO, IN RIFERIMENTO ALLA POPOLAZIONE AL , E RISULTATADI: ALLA LUCE DI QUANTO SOPRA ESPOSTO, LA QUOTA CAPITARIA PER LE ASL DEL QUADRANTE 2, COMPRENSIVA DI FONDO DI RIEQUILIBRIO, IN RIFERIMENTO ALLA POPOLAZIONE AL , E RISULTATA DI: ASL ASL ASL ASL ASL ASL ASL ASL

11 DATI RICAVI e COSTI ANNO 2004 DESUNTI DAL PRECONSUNTIVO ECONOMICO 2004 AL Claud Monet: Ninfee

12 RICAVI IN MIGLIAIA DI EURO

13 COSTI

14 SINTESI dei COSTI

15 Relativamente ai costi dellanno 2004 si deve sottolineare che la Regione Piemonte, con nota prot.6237/28/28.5 del , ha proceduto alladeguamento delle tariffe delle strutture pubbliche, nella misura del 5% per lattività di ricovero e del 27% per lattività specialistica ambulatoriale, con effetto dal Questo provvedimento è stato particolarmente oneroso per lASL 13, per la presenza nel proprio territorio di una ASO a livello nazionale universitario, che svolge anche funzioni di Ospedale di base per parte del territorio dellASL 13, a differenza delle altre AASSLL del quadrante e genera costi territoriali sensibilmente superiori in diversi settori (farmaceutica, assistenza integrativa, ecc.)

16 RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 RISULTANZE DI BILANCIO ANNO euro

17 I fattori più significativi che hanno determinato il disavanzo al di ,00 sono i seguenti: ,00 differenza retta anno 2003 in favore di Case di Cura accreditate per accreditamento ( ,54 per quelle presenti sul territorio dellASL 13 e 9.578,46 per quelle del restante territorio regionale) ,67 differenza retta anno 2004 in favore di Case di Cura accreditate per accreditamento ( ,67 per le strutture presenti sul territorio dellASL 13 e ,00 per quelle del restante territorio regionale) ,00maggior produzione effettuata dalle Case di Cura private rispetto alla D.G.R. n del per i cittadini dellASL 13 con tariffe pre-accreditamento ,04 per aggiornamento nomenclatore tariffario regionale per prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale erogabili dal S.S.R. ed estese anche dal in favore di strutture sanitarie private accreditate e/o provvisoriamente accreditate per D.G.R. n del

18 ,96incremento spesa farmaceutica convenzionata rispetto allanno ,73Costo della produzione erogata in più agli assistiti dellA.S.L. 13 dai seguenti Enti del S.S.N.: ,44 ASO di Novara ,29 altre ASO ,00 Presidi Ex Art legge 833/ ,00 altre Regioni

19 ASSISTENZA OSPEDALIERA DEGENZA Fabbisogno Anno 2004, al netto entrate proprie e contributi vincolati, , di cui:

20 PREVENZIONE Fabbisogno Anno 2004, al netto entrate proprie e contributi vincolati, , di cui:

21 Assistenza Sanitaria Territoriale Fabbisogno Anno 2004, al netto delle entrate proprie e contributi vincolati, , di cui:

22 LA PRODUZIONE L Vincent Van Gogh: Olive Grove I

23 ACCESSI DEA E PRONTO SOCCORSO PRESIDI ASL 13

24 RICOVERI PRESSO P.O. ASL 13

25 RICOVERI PER RESIDENTI in strutture regionali ed extra regionali ANNO 2004 – Valore in migliaia di euro

26 TASSO DI OSPEDALIZZAZIONE RESIDENTI A.S.L. in strutture regionali ed extra regionali ( in strutture regionali ed extra regionali (prevedendo la mobilità extraregionale 2004 pari al 2003)

27 ATTIVITA CASE DI CURA PRIVATE (n. casi) Per residenti ASL 13

28 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE dei PP.OO.RR. A.S.L. 13

29 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE Distretti A.S.L. 13

30 SPECIALISTICA PER RESIDENTI in strutture regionali ed extra regionali Valore anno 2004 in migliaia di euro

31 MOBILITA REGIONALE Degenza (n. casi)

32 MOBILITA REGIONALE Specialistica (n. casi)

33 MOBILITA EXTRAREGIONALE n. casi (prevedendo per la mobilità passiva il 2004 pari al 2003 )

34 MOBILITA PASSIVA EXTRAREGIONALE n. di casi dei quattro D.R.G. più significativi

35 AZIONI EFFETTUATE NEL 2004 Vincent Van Gogh: contadino che semina

36 Nel corso del 2004 si è consolidata lattenzione nei confronti della popolazione anziana sia migliorando lofferta dei servizi già in essere che attivandone di nuovi: Messa a regime con pieno utilizzo degli Ospedali di Comunità (n. 5 complessivi), coinvolgendo i M.M.G. nella gestione, per un numero complessivo di n. 34 posti letto, e attivazione di n.10 letti destinati al post-ricovero;

37 Incremento di n. 14 posti di sollievo, ripartiti nei diversi distretti secondo le rispettive esigenze, anche al fine di migliorare la gestione delle dimissioni protette sia dagli Ospedali dellASL13 che dallASO di Novara, ivi compresi anche n. 4 posti letto di sollievo per Alzheimer; incremento di n. 54 posti letto per anziani non autosufficienti nelle RSA e RAF distribuiti equamente sul territorio, con particolare attenzione ai distretti con tempi di attesa particolarmente lunghi;

38 Per quanto riguarda lapplicazione della DGR n del 3/8/04, la Direzione Generale ha affrontato in diverse riunioni, sia con la Rappresentanza della Conferenza dei Sindaci che con gli Enti Gestori lapplicazione della citata D.G.R., e nellincontro conclusivo del 22 dicembre 2004 (deliberazione n del ) prevedendo, sostanzialmente, interventi tesi al mantenimento dellanziano il più a lungo possibile al proprio domicilio (65% della somma a disposizione) e riservando il restante 35% allincremento della residenzialità. Questo finanziamento dà una risposta alle persone in appresso indicate sino al INTERVENTI FINALIZZATI ALLABBATTIMENTO DELLE LISTE DATTESA

39 Nello specifico: Anziani in lista dattesa al Numero anziani già inseriti alla data del Anziani in lista dattesa al in attesa di risposta al Di cui: Numero anziani aventi diritto al contributo economico a sostegno della domiciliarità 221 Numero anziani assistiti dal Servizio Cure Domiciliari 34 Numero anziani inseriti nei nuovi posti attivati44 Tutte le persone in lista di attesa al hanno avuto una risposta ad esclusione di quelle che non avevano più titolo a beneficiarne

40 Cure Domiciliari Le Cure Domiciliari sono un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative e socio-assistenziali integrate, erogate al domicilio del paziente in alternativa al ricovero ospedaliero.

41 In unottica di integrazione tra Servizi Sanitari e Servizi Socio Assistenziali (gestiti dai Comuni o dai vari Enti) lASL 13 ha provveduto a dare attuazione alProtocollo di intesa per il riconoscimento agli Enti Gestori dei servizi socio-assistenziali e/o ai Comuni, della quota delle prestazioni socio sanitarie domiciliari ai sensi della D.G.R. n del , a decorrere dal 1° Prevedendo che le prestazioni di assistenza siano: 100% a carico dellAsl nella fase di alta complessità assistenziale 50% a carico dellAsl e 50% a carico dellutente/Ente Gestore/Comune nella fase di lungoassistenza. I casi sono valutati dalle Commissioni UVG

42 Casi valutati dalle Commissioni UVG nellanno 2004 DISTRETTIORDINARILUNGOASSISTENZA Arona Borgomanero Galliate Novara

43 E iniziato dal 16 febbraio 2004 nei Distretti di Novara e Galliate il servizio delle cure domiciliari ai malati terminali, inserito allinterno del Servizio di Cure Domiciliari dellAzienda Sanitaria. Lattivazione fa seguito alla Convenzione firmata il tra lASL 13 e lAzienda Ospedaliera, la Sezione Provinciale della Lega Italiana per la lotta contro i Tumori, il Consorzio per i Servizi Socio Assistenziali Ovest Ticino e CISA 24, il Comune di Novara ed i Medici di Medicina Generale (medici di famiglia) dei Distretti di Novara e Galliate. Servizio di Assistenza Domiciliare oncologica

44 TEMPI DATTESA La D.G.R. n del fornisce indicazioni VINCOLANTI sullapplicazione del sistema delle priorità cliniche e sulla corretta gestione delle liste, quale strumento per migliorare la qualità e lappropriatezza dellintervento sanitario. In particolare, per lattività specialistica ambulatoriale, separa le liste dai attesa tra prime visite e controlli, basandosi su criteri di priorità clinica, oltre che cronologici:

45 Per le prime visite/Primi accertamenti diagnostici Classe 1= entro 48 ore (assicurata dai PP.OO. presenti nel territorio dellASL 13) Classe 2= entro 15 gg Classe 3= entro 30 gg – prime visite Classe 3= entro 60 gg – primi accertamenti diagnostici Dal mese di novembre 2004 è stata elaborata una procedura, con la quale – tra laltro – i Tempi di attesa aziendali e regionali sono pubblicati sul sito aziendale.

46 Media Tempi di Attesa 2° sem Visite SpecialisticheASL13 + CCASL13Case di Cura Visita Allergologica39,88 gg55,63 gg8,40 gg Visita Cardiologica17,10 gg22,49 gg2,72 gg Visita di Chirurgia Generale6,20 gg7,75 gg3,10 gg Vistita Dermatologica10,02 gg7,33 gg16,75 gg Visita Endocrinologica43,29 gg56,61 gg3,33 gg Visita Neurologica17,75 gg18,61 gg15,08 gg Visita Oculistica18,43 gg20,02 gg12,83 gg Visita Ondontostomatologica49,53 gg Visita Ortopedica-Traumatologica54,04 gg68,66 gg10,17 gg Visita Ostetrica-Ginecologica11,41 gg12,14 gg8,83 gg Visita Otorinolaringoiatrica12,18 gg14,39 gg4,42 gg Visita Pneumologica7,67 gg7,54 gg7,92 gg

47 Media Tempi di Attesa 2° sem Prestazione DiagnosticheASL13 + CCASL13Case di Cura Colposcopia6,00 gg Ecocardigrafia27,78 gg49,32 gg6,24 gg Ecodoppler arti superiori-inferiori11,25 gg19,80 gg6,98 gg Ecodoppler TSA (Tronchi SovrAortici)22,59 gg44,33 gg6,28 gg Ecografia Addome14,78 gg21,46 gg8,11 gg EMG (Elettromiografia)72,36 gg175,83 gg20,63 gg EGDS (EsofagoGastroDuodenoScopia) 26,98 gg30,90 gg15,20 gg Mammografia13,29 gg15,67 gg10,91 gg RMN (risonanza magnetica) Colonna7,80 gg RMN (risonanza magnetica) Encefalo7,80 gg TAC Capo12,39 gg16,42 gg8,37 gg TAC Rachide8,77 gg9,17 gg8,37 gg TAC Torace12,48 gg16,42 gg8,53 gg

48 Media Tempi di Attesa 2° sem RRF (Recupero e Riabilitazione Funzionale) e Visite Fisiatriche ASL13 + CCASL13Case di Cura Inizio trattamento terapeutico riabilitativo - Disabil. 2 4,90 gg5,39 gg2,00 gg Inizio trattamento terapeutico riabilitativo - Disabil. 3 12,65 gg16,19 gg2,00 gg Inizio trattamento terapeutico riabilitativo - Disabil. 4 5,75 gg5,36 gg6,90 gg Inizio trattamento terapeutico riabilitativo - Disabil. 5 13,44 gg15,72 gg6,60 gg Inizio trattamento terapeutico riabilitativo - Disabil. 6 13,41 gg16,71 gg3,50 gg Prima Visita Prioritaria per pazienti Stabilizzati 21,98 gg23,42 gg16,92 gg Prima Visita Prioritaria per pazienti Post-acuti 6,01 gg5,93 gg6,50 gg

49 QUALITA: gestione ed organizzazione del processo di accreditamento istituzionale dellAzienda Nello scorso anno, il P.O. S. Rocco di Galliate è stato valutato dallARPA, Ente preposto alle ispezioni in materia di accreditamento, ottenendo un risultato positivo. Si prosegue ora il processo con i PP.OO. di Arona, Borgomanero, e con i quattro Distretti.

50 QUALITA: verifiche sull appropriatezza delle prestazioni erogate sia nellambito della nostra Azienda che nellambito delle Strutture Private insistenti sul Territorio

51 FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO ANNO 2004 Lattività di aggiornamento e di formazione è stata rivolta ai dipendenti della dirigenza medica, della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa e del comparto, nellambito di tre aree tematiche: Area Gestionale – Principi di comunicazione manageriale Area Relazionale – La comunicazione del personale con il paziente ed i suoi familiari – Strumenti e tecniche per migliorare le proprie capacità di comunicazione. Questo corso è stato organizzato, in associazione con ASL 14 e ASO – Novara, allo scopo di garantire a tutto il personale del comparto – ruolo sanitario – di conseguire i crediti ECM richiesti. Il corso – della durata di 32 ore – si è svolto in 17 edizioni, ed ha interessato circa 900 dipendenti, fornendo a ciascuno 26 crediti. Area Tecnico-Scientifica e Specialistica – Circa 60 corsi di formazione, riqualificazione, aggiornamento tecnico-professionale, indirizzati a operatori di diversi livelli e settori specialistici, in larga prevalenza accreditati, organizzati a livello aziendale, dipartimentale o di struttura.

52 Valutazione del gradimento Effettuata attraverso analisi di Customer Satisfaction nei Presidi Ospedalieri e sul Territorio, al fine di rilevare la qualità percepita dal cittadino-utente e di poter quindi indirizzare gli interventi di miglioramento. La valutazione del gradimento è anche uno degli obiettivi di budget assegnati alla Dirigenza.

53 SODDISFAZIONE DELLUTENZA

54 CARTA DEI SERVIZI SANITARI ASL 13 Settima Edizione Anno 2005 In ottemperanza al DPCM del 19 maggio 1995 è stato realizzato il documento pubblicato in versione cartacea e sul sito internet aziendale


Scaricare ppt "RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 RISULTANZE DI BILANCIO ANNO 2004 Vincent Van Gogh: Il Seminatore."

Presentazioni simili


Annunci Google