La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il factoring. 2 Definizione Il factoring è una tecnica finanziaria basata sulla cessione, a un intermediario finanziario, dei crediti commerciali vantati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il factoring. 2 Definizione Il factoring è una tecnica finanziaria basata sulla cessione, a un intermediario finanziario, dei crediti commerciali vantati."— Transcript della presentazione:

1 Il factoring

2 2 Definizione Il factoring è una tecnica finanziaria basata sulla cessione, a un intermediario finanziario, dei crediti commerciali vantati da unimpresa. E un rapporto di carattere continuativo in cui: unimpresa effettua la cessione, secondo apposite forme giuridiche, di una parte significativa dei propri crediti commerciali a una banca o a un operatore specializzato, la società di factoring (factor); Il factor finanzia limpresa, attraverso il pagamento dei crediti stessi prima della relativa scadenza.

3 3 I rapporti Impresa cedente Debitore ceduto Factor cessionario Rapporto di fornitura CreditiPagamento del debito Notifica cessione Servizi e anticipazione crediti

4 4 Il prodotto Il factoring è un servizio gestionale limpresa delega allesterno la gestione dei crediti e dei debiti di fornitura (il factor affianca lazienda nelle funzioni contabili, amministrative e finanziarie di regolamento dei rapporti commerciali). Il factoring è unoperazione finanziaria copre i fabbisogni connessi alle politiche di credito mercantile dellimpresa. Il factoring è uno strumento di gestione del rischio di credito delle imprese: Nel factoring pro soluto il factor assume il rischio connesso allinsolvenza del debitore. Nel factoring pro solvendo il cedente risulta coinvolto nella sorte delloperazione potendo il factor rivalersi sul medesimo in caso di insolvenza del debitore.

5 5 Il prodotto (continua) Il factor, grazie alla tutela giuridica del rapporto (Legge 52/91) e al controllo sui crediti, in virtù della propria struttura organizzativa, permette uneffettiva riduzione del rischio delloperazione per il soggetto cedente rispetto a operazioni finanziari simili. La riduzione del rischio consegue dalle modalità di gestione del credito che prevedono rapporti diretti con il debitore ceduto da un esplicito e continuo controllo del suo rischio complessivo dal tipo di servizio che la società di factoring si impegna a prestare alla propria clientela.

6 6 Finanza La componente finanziaria si configura come uno smobilizzo anticipato di crediti commerciali consente allimpresa di accrescere il proprio livello di liquidità a fronte del costo finanziario da sostenere per lanticipo concesso. La natura commerciale del credito ceduto (con scadenze tipiche di 30 – 180 giorni) attribuisce al factoring la natura di strumento finanziario orientato a soddisfare fabbisogni finanziari di breve e brevissimo termine. E contemplata la possibilità di cedere crediti futuri. La natura prolungata e lesclusività della relazione consentono allintermediario di acquisire una conoscenza dellimpresa sufficiente per sostenere lincertezza relativa alle cessioni future.

7 7 Il prodotto (continua) FACTOR COMPONENTE SERVIZI GESTIONALE INFORMAZIONI SUI DEBITORI GESTIONE PORTAFOGLIO CREDITI CONTABILIZZAZIONE RISCOSSIONE RECUPERO SERVIZI ASSICURATIVII GARANZIA DA INSOLVENZA COMPONENTE FINANZIARIA ANTICIPAZIONE

8 8 Tipologie Le differenti tipologie di factoring si configurano in relazione al diverso accento posto, da ciascuna, sulle componenti fondamentali del prodotto quali: lamministrazione e controllo dei crediti; linformazione sui debitori; la razionalizzazione contabile della gestione commerciale; lo smobilizzo dei crediti; il recupero dei crediti.

9 9 Il full factoring Il factor acquista, su base continuativa, i crediti commerciali del cliente, provvede ad amministrarli e controllarli fino a scadenza, si occupa della riscossione e, se necessario, del contenzioso e del recupero. Cliente e il factor sono in continuo contatto e il debitore riceve periodicamente un estratto conto. Esso può essere variamente configurato e gli accordi possono modificarsi nel corso delloperazione, in relazione a circostanze esterne e/o a maturate condizioni di svolgimento del rapporto.

10 10 Altre forme Maturity factoring mantiene inalterate le componenti gestionale e assicurativa del servizio ma si astiene dal fornire supporto finanziario allimpresa. La disponibilità del credito commerciale, pertanto, non è ottenuta in via anticipata ma solo alla sua scadenza. Invoice discounting sviluppa la componente finanziaria legata allo smobilizzo anticipato del credito. Gli aspetti connessi alla gestione e alla riscossione dei crediti ceduti sono marginali o assenti.

11 11 La struttura tecnica Loperazione di factoring prevede sei fasi: valutazione dellimpresa cedente da parte del factor; individuazione dei crediti oggetto della cessione nellintero portafoglio; accertamento della regolarità dei crediti cedenti e dellassenza di controversie in corso tra le parti e/o di provvedimenti giudiziari a carico del debitore; cessione dei crediti seguita dallerogazione dellanticipo e dalla prestazione dei servizi da parte del factor; attività di incasso con subentro del factor nella relazione con il debitore; recupero crediti (eventuale) spettante o al creditore cedente (pro solvendo) o al factor (pro soluto).

12 12 Lutilizzo del factoring Il ricorso al factoring incide in diversi modi sul funzionamento dellimpresa. INFLUENZA DEL FACTORING CONTABILITA POLITICA COMMERCIALE POLITICA FINANZIARIA STRUTTURA COSTI E ORGANIZZAZIONE

13 13 Chi Particolarmente adatte al factoring sono considerate: Le imprese di nuova o recente costruzione; Le imprese in fase di espansione e/o con componenti stagionali di attività; Imprese nelle quali la gestione del capitale circolante costituisce un aspetto strategico dellattività; Le imprese sane ma dotate di requisiti patrimoniali e finanziari inadeguati rispetto al giro daffari.

14 14 Lutilizzo del factoring (continua) A livello di singola impresa, il ciclo finanziario, delineato dallevoluzione del tasso di sviluppo del fatturato nel tempo, presenta più spazi di utilizzo del factoring. INTRODUZIONESVILUPPOMATURITA INGRESSO FACTORING INGRESSO ALTRI INTERMEDIARI CREDITIZI USCITA ALTRI INTERMEDIARI USCITA FACTORING RIDUCE LINTENSITA DI CAPITALE SEGUE LO SVILUPPO DELLIMPRESA SERVIZI GESTIONALI

15 15 Lutilizzo del factoring (continua) Leffettivo prezzo del factoring non può essere determinato semplicemente sommando le voci di spesa connesse alle prestazioni che cliente e factor hanno concordato in sede contrattuale. Gli elementi utili ai fini della valutazione di convenienza del ricorso al factoring sono rappresentati dal confronto: degli oneri del factoring; del costo per limpresa connesso alla gestione interna del portafoglio crediti; dei ritorni derivanti dalla destinazione dei flussi finanziari liberati attraverso lo smobilizzo dei crediti.

16 16 Le diverse tipologie (continua) Linternational factoring identifica contratti nei quali creditore cedente e debitore ceduto appartengono a paesi diversi. La collocazione estera del creditore o del debitore origina una serie di problemi connessi alla configurazione dei servizi offerti alla clientela, in considerazione dei maggiori rischi delloperazione, delladempimento degli obblighi valutari eventualmente imposti dalle normative nazionali, della diversità di trattamento giuridico in tema di trasferimento dei crediti, dei profili contabili e fiscali. Nellinternational factoring esiste una maggiore complessità delle procedure che il factor deve porre in essere per lo svolgimento del rapporto. Si prevede la presenza di quattro soggetti, rappresentati dalle due controparti, dal factor interno e da quello estero.

17 17 Le diverse tipologie (continua) CREDITORE NAZIONALE FACTOR NAZIONALE FACTOR ESTERO DEBITORE ESTERO CEDUTO RAPPORTO COMMERCIALE CREDITI TRASFERIMENTO FONDI E GARANZIE CREDITI PAGAMENTI ANTICIPAZIONI E GARANZIE

18 18 Le diverse tipologie (continua) Per attribuire unoperazione alla tipologia del factoring deve essere verificata la presenza delle condizioni, giuridiche e sostanziali, che consentono al factor di esercitare un adeguato controllo sui crediti ceduti presidiando la relazione con il debitore, in modo da conseguire effettivamente la riduzione dei rischi tipica del factoring. Qualora tali condizione siano assenti, o comunque deboli, loperazione tende ad allontanarsi dalla configurazione tipica del factoring, presentando caratteristiche e rischi assimilabili a quelli di un altro servizio finanziario.

19 19 Le diverse tipologie (continua) FACTORING INTERNAZIONALE CONFIRMINGFORFAITING CONTENUTO TIPICO DEL SERVIZIO GESTIONE DEI CREDITI SOVENTE COPERTURA DEL RISCHIO COMMERCIALE EVENTUALE ANTICIPAZIONE DEL CREDITO CEDUTO GESTIONE DEI CREDITI COPERTURA DEL RISCHIO COMMERCIALE (IN ALCUNI CASI ANCHE POLITICO E VALUTARIO) FINANZIAMENTO DEL VALORE DELLA FORNITURA SCONTO DI EFFETTI TOTALE COPERTURA DEI RISCHI COMMERCIALI, VALUTARI E POLITICI OGGETTO DELLA CESSIONE CREDITI ESIGIBILI SU PIAZZE ESTERE TITOLI RAPPRESENTATIVI DEL CREDITO (CAMBIALI TRATTE O PAGHERO) IMPORTO DEI CREDITI NON ESISTE UN IMPORTO MINIMO ELEVATONON ESISTE UN IMPORTO MINIMO SCADENZA DEI CREDITI MASSIMO 180 GIORNIDA 6 MESI A 5/10 ANNI3/5 ANNI INIZIATIVAESPORTATOREANCHE DELLIMPORTATOREESPORTATORE ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SI RICORRE QUASI SEMPRE A UN FACTOR CORRISPONDENTE NEL PAESE DELLIMPORTATORE NON SI RICORRE A UN CORRISPONDENTE ESTERO

20 20 Le diverse tipologie (continua) Lindicatore del livello di attività delle società di factoring più utilizzato è rappresentato dal turnover, che equivale al flusso lordo dei crediti ceduti dalla clientela alla società in un determinato intervallo di tempo (1 anno). Un altro aggregato frequentemente usato è loutstanding, vale a dire limporto dei crediti acquistati dal factor in essere a una determinata data.


Scaricare ppt "Il factoring. 2 Definizione Il factoring è una tecnica finanziaria basata sulla cessione, a un intermediario finanziario, dei crediti commerciali vantati."

Presentazioni simili


Annunci Google