La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Docente: Prof.ssa Silvia Fossati Lucidi a cura di Silvia Fossati Ciclo vendite e crediti verso clienti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Docente: Prof.ssa Silvia Fossati Lucidi a cura di Silvia Fossati Ciclo vendite e crediti verso clienti."— Transcript della presentazione:

1 Docente: Prof.ssa Silvia Fossati Lucidi a cura di Silvia Fossati Ciclo vendite e crediti verso clienti

2 Crediti - Definizione I crediti rappresentano il diritto di esigere ammontari di denaro ad una data di scadenza determinata da clienti (gestione caratteristica), da controparti correlate (controllanti, controllate, collegate e consociate) o da altri (dipendenti, erario, ecc.).

3 Rilevazione (PPCC n. 15) Condizioni per poter iscrivere un credito in bilancio: 4Crediti verso clienti: I relativi ricavi devono essere maturati (competenza economica delloperazione effettuata). Il processo produttivo dei beni o dei servizi deve essere ultimato. Lo scambio deve essere avvenuto (passaggio di proprietà). 4Altri crediti: Esistenza del titolo al credito basato su criteri giuridici.

4 Classificazione 4I crediti vanno esposti al netto delle rettifiche di valore. 4Il fondo svalutazione crediti, posta rettificativa dellattivo, va esposta a diminuzione del valore dei crediti. 4Nella nota integrativa devono essere esposti i valori lordi e netti dei crediti.

5 Classificazione 4Gli acconti a fornitori, rappresentando diritti ad una cessione di beni e non ad un corrispettivo in denaro, non devono essere esposti fra i crediti, bensì, a seconda della loro origine, nelle voci B.I.6 (immobilizzazioni immateriali: immobilizzazioni in corso ed acconti), B.II.5 (immobilizzazioni materiali: immobilizzazioni in corso ed acconti), C.I.5 (attivo circolante: rimanenze/acconti).

6 Classificazione 4La classificazione dei crediti tra le immobilizzazioni finanziarie o tra lattivo circolante non dipende dalla scadenza del credito, ma dalla natura dello stesso rispetto allattività ordinaria dellimpresa. 4Per entrambe le categorie, la legge prevede che debbano essere evidenziati i crediti esigibili entro dodici mesi e quelli esigibili oltre dodici mesi. 4Esempio: unimpresa commerciale che ha sia un credito finanziario sia un credito commerciale deve classificare il credito finanziario tra le immobilizzazioni finanziarie ed il credito commerciale nellattivo circolante, indipendentemente dalla scadenza di ognuno.

7 Valutazione 4Rettifiche per perdite ragionevolmente prevedibili, inerenti ai crediti esposti in bilancio ed a quelli ceduti a terzi per i quali esiste ancora unobbligazione di regresso, in ossequio ai principi della COMPETENZA e della PRUDENZA (Documento n. 15 P.C. del C.N.D.C. e R.).

8 Valutazione Perdite ragionevolmente prevedibili (presunte): Per inesigibilità già manifestatesi alla redazione del bilancio con riferimento a singoli crediti (svalutazione specifica). Per inesigibilità non ancora manifestatesi, ma che per esperienza è già intrinseca nel complesso dei crediti esposti in bilancio (svalutazione generica).

9 Valutazione Determinate sulla base di: Analisi dei singoli crediti Esperienza storica delle perdite su crediti Indici di anzianità globale dei crediti Condizioni economiche generali e di settore

10 Valutazione - Riserva specifica E la valutazione delle posizioni critiche già note al momento della redazione del bilancio, quali: debitori falliti; debitori al legale; debitori presso recuperatori; debitori irreperibili; ecc.

11 Valutazione - Riserva specifica La metodologia di valutazione da adottare deve considerare aspetti quali: il numero delle posizioni da analizzare; il saldo medio di credito; leventuale presenza di key items; la possibilità di stratificare le posizioni oggetto di esame in classi omogenee (es. situazione legale, aree territoriali, canali di vendita, ecc.).

12 Valutazione - Riserva generica La valutazione del rischio di inesigibilità non ancora manifestatosi, ma intrinseco nel monte crediti, è determinata in base ai seguenti elementi: 4esperienza storica delle perdite su crediti; indici di anzianità globale dei crediti; condizioni economiche generali di settore e di rischio paese.

13 Contenuto nota integrativa - (art del C.C.) Criteri applicati per la valutazione dei crediti (inclusi quelli in valuta estera) e per le rettifiche di valore. I movimenti dei crediti che costituiscono immobilizzazioni finanziarie, specificando, per ciascuna voce: 4costo; 4svalutazioni; 4incrementi; 4riclassifiche; 4decrementi.

14 Contenuto nota integrativa - (art del C.C.) 4Analisi variazioni dei crediti. 4Ammontare dei crediti esigibili oltre cinque anni. 4Se significativa, la ripartizione dei ricavi delle vendite e delle prestazioni secondo categorie di attività e secondo aree geografiche.

15 Contenuto della nota integrativa Altre informazioni richieste da (PPCC n. 15) 4Informazioni sui crediti verso parti correlate (richieste anche dallart del c.c. relativo alla relazione sulla gestione), con evidenza anche dei ricavi realizzati nel corso dellesercizio. 4Tasso di interesse e scadenze crediti incassabili oltre lanno. 4Tasso di attualizzazione utilizzato. 4Ammontare crediti ceduti per i quali permane lazione di regresso. 4Concentrazione di crediti. 4Crediti in valuta.

16 Principali obiettivi di revisione Esistenza (E) Corretta valutazione (V) Competenza delle operazioni che hanno generato i crediti (A) Corretta esposizione in bilancio (P) LINK 10 cliente 1 L lead 1999

17 Principali procedure di revisione 1. Analisi del sistema di controllo interno del ciclo vendite e relativi test of controls 2. Analisi di contenuto 3. Richiesta di conferma scritta 4. Revisione della valutazione dei crediti Link: 10 cliente 2: PR L

18 1. Analisi del Controllo interno del ciclo vendite Principali obiettivi di revisione Classi di transazioni 4Completezza, esistenza ed accuratezza delle vendite e degli incassi. 4Completezza ed accuratezza delle rettifiche di fatturazione per resi, sconti, abbuoni, ecc. 4Presentazione in bilancio.

19 1. Analisi del Controllo interno del ciclo vendite Principali obiettivi di revisione Saldi di bilancio Esistenza, completezza ed accuratezza dei crediti. Valutazione dei crediti. Titolarità dei crediti. Completezza dei debiti per note credito da emettere e per sconti, abbuoni e premi da accordare. Presentazione in bilancio.

20 1. Analisi del Controllo interno del ciclo vendite C, E ed A vendite ed incassi Si tratta di tipiche routine transactions, quindi: 4dobbiamo identificare e documentare i controlli specifici. I controlli specifici si suddividono in: -higher level controls (consuntivi); -lower level controls (preventivi).

21 1. Analisi del Controllo interno del ciclo vendite Esempi di higher level controls 4Preparazione e verifica sistematica da parte del management di riepiloghi periodici delle vendite per prodotto, per area geografica, per cliente, per agente, ecc. 4Verifica degli ordini di vendita inevasi. 4Riconciliazione del totale della fatturazione con le uscite di magazzino (CO.IN.). 4Esame e riconciliazione degli estratti conto bancari.

22 1. Analisi del Controllo interno del ciclo vendite Esempi di lower level controls 4Controlli di edit. 4Controlli matematici. 4Matching di documenti. 4Segregation of duties.

23 2. Analisi di contenuto - Esempi 4Analisi di serie storiche (trend analysis) Esame comparativo mensile o annuale vendite, incassi, crediti in sofferenza e resi rispetto al budget ed allesercizio precedente. 4Analisi indici (ratio analysis) - Margini lordi di vendita - Costi di vendita su vendite - Tasso di rotazione dei crediti - Saldo medio per cliente - Prezzo medio di vendita per prodotto

24 2. Analisi di contenuto - Esempi 4Analisi e calcoli di ragionevolezza - Quadratura saldo clienti: Saldo iniziale clienti + Vendite - Incassi - Note di credito = Saldo finale

25 3. Richiesta di conferma scritta 4La circolarizzazione è obbligatoriamente prevista dai principi di revisione emessi dai C.N.D.C. e R.). 1Definizione dellUnità di campionamento e della data di riferimento. 2Controllo delle risposte pervenute e delle eventuali riconciliazioni predisposte dalla società. 3Procedure alternative in caso di mancato ottenimento della conferma scritta. 4Procedure di roll-forward nel caso di circolarizzazione a data interinale. 5Verifica delle operazioni del periodo immediatamente successivo alla chiusura dellesercizio. LINK 10 cliente 3: memo cir. Clienti 10 cliente 4: circ clienti lead

26 4. Revisione della Valutazione dei crediti 4I crediti devono essere iscritti in bilancio secondo il presumibile valore di realizzazione. 4Aspetti particolari da verificare: a) Valutazione del rischio di inesigibilità. b) Valutazione dei crediti in valuta. c) Valutazione dei crediti a lungo termine (omissis).

27 a) Verifica svalutazione dei crediti per la copertura di rischi eventuali di inesigibilità 4Si tratta di accounting estimates; per questo obiettivo di revisione applichiamo principalmente analytical procedures ed altre procedure di validità (tests of details), la cui natura ed estensione dipendono ANCHE dal grado di affidabilità del controllo interno del cliente di questarea (es. procedure per la cessione dei fidi alla clientela e per il sollecito/recupero dei crediti). LINK 10 cliente 5 ageing LINK 10 cliente 6 svalutazione crediti

28 a) Verifica svalutazione dei crediti per la copertura dei rischi eventuali di inesigibilità Analytical procedures (esempi) 4Esame dellanzianità dei crediti mediante analisi dellageing. 4Analisi delle sofferenze sorte dopo la data del bilancio. 4Considerazioni sullesperienza del cliente per il recupero successivo dei crediti svalutati. 4Esame dei trend storici delle perdite su crediti in rapporto al fatturato di ciascun periodo. 4Discussione (inquiry) con il management delle previsioni di recupero dei crediti di dubbia esigibilità. 4Reperformance delle svalutazioni e degli accantonamenti effettuati ai fini fiscali. LINK 10 cliente 7 FSC

29 a) Verifica svalutazione dei crediti per la copertura dei rischi eventuali di inesigibilità Tests of details (esempi) 4Analisi degli eventuali incassi successivi. 4Richiesta di informazioni ai legali che seguono il recupero dei crediti in contenzioso ed analisi delle risposte. 4Ottenimento di informazioni dalle banche su eventuali effetti e ricevute bancarie insoluti. 4Esame delle garanzie ricevute.

30 b) Valutazione dei crediti in valuta (cenni) Individuazione dei crediti in valuta. Verifica della corretta iscrizione a bilancio in applicazione dei corretti principi contabili di riferimento


Scaricare ppt "Docente: Prof.ssa Silvia Fossati Lucidi a cura di Silvia Fossati Ciclo vendite e crediti verso clienti."

Presentazioni simili


Annunci Google