La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa."— Transcript della presentazione:

1 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa

2 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Programma 1)Ripresa dei principali contenuti di Finanza dAzienda; 2)Alcune applicazioni allanalisi dei flussi di cassa; 3)La valutazione degli investimenti: una applicazione; Il calcolo del VAN e dellIRR; 4)Lanalisi della struttura finanziaria; 5)Le operazioni di finanza straordinaria; 6)Lapertura del capitale: Private Equity e Venture Capital; 7)Lapertura del capitale: Initial Public Offering (IPO); 8)La finanza di progetto.

3 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ La decisioni di investimento Per investimento si intende unoperazione di trasferimento di risorse nel tempo, caratterizzata dal prevalere di uscite monetarie nette in una prima fase, e di entrate monetarie nette nella seconda fase. Con investimento si intende una qualsiasi operazione di: -acquisto o rinnovo degli impianti o dei macchinari; -ampliamento o rinnovo della gamma dei prodotti e servizi; -potenziamento della capacità produttiva; -acquisizione di aziende; -razionalizzazione dei processi aziendali.

4 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il progetto di investimento Lanalisi dei progetti di investimento (capital budgeting analysis) è finalizzata ad individuare quali progetti intraprendere. A tal proposito è importante definire cosa si intende con il termine progetto: Il tipico progetto preso in esame in una analisi di capital budgeting ha le seguenti caratteristiche: -un investimento iniziale; -flussi di cassa distribuiti lungo un certo arco di tempo; -un valore di recupero finale; In generale, per progetto si intende ogni decisione finanziaria relativa allutilizzo delle limitate risorse a disposizione di unimpresa.

5 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Lanalisi degli investimenti: le fasi principali Le fasi da affrontare in una analisi di una decisioni di investimento sono: -la ricerca e la formulazione delle alternative più opportune secondo unottica strategica (lingresso in un nuovo settore o mercato); -valutazione delle alternative dal punto di vista produttivo, tecnico e commerciale; -valutazione dei progetti in base ai criteri economico – finanziari; -scelta dei progetti a più elevata redditività; È importante evidenziare come i diversi progetti possono essere classificati in base a diversi criteri. Il primo è il modo in cui i diversi progetti interagiscono fra di loro; quelli indipendenti possono essere analizzati separatamente. Esistono inoltre progetti che sono preliminari, complementari o alternativi ad altri.

6 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Le informazioni base per una corretta valutazione Al fine di operare una valutazione corretta ed una scelta adeguata tra le alternative di investimento, sono necessarie le seguenti informazioni: -capitale investito; -durata dellinvestimento; -costi e ricavi associati alloperazione di investimento; -flussi di cassa prodotti dallinvestimento; -valore residuo del capitale investito alla fine del periodo di investimento; -rischio delloperazione di investimento.

7 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Lanalisi economico – finanziaria degli investimenti Gli elementi rilevanti ai fini di una corretta analisi economico – finanziaria sono i seguenti: -il rischio, che è connesso ad ogni operazione di investimento, e rappresenta la misura di probabilità che non si incassi il denaro previsto; -il rendimento, che rappresenta il risultato dellinvestimento; -il tempo, dove si comprende sia il valore finanziario del tempo (costo del capitale), sia la distribuzione temporale dellutilità, cioè la preferenza nei confronti di beni disponibili nel presente; -la flessibilità, ovvero la possibilità di reinvestire i flussi intermedi in altre attività finanziarie; -la dimensione dei flussi di cassa in termini assoluti.

8 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Alcune rappresentazioni di investimenti Tempo Fc Tempo Fc Tempo Fc

9 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ I flussi di cassa di un investimento: caratteristiche I flussi di cassa rilevanti ai fini di una corretta analisi economico e finanziaria si presentano come flussi con le seguenti caratteristiche: -Monetari; -Al netto delle conseguenza fiscali; -Al lordo degli oneri finanziari; -Incrementali o differenziali (generati direttamente dallinvestimento).

10 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ I criteri di investimento I principali criteri di investimento usati dalle aziende sono: -Il Valore Attuale Netto – VAN (Net Present Value – NPV ); -Il Tasso Interno di Rendimento – TIR (Internal Rate of Return – IRR); -Il Tempo di Recupero (Payback Period); Degli altri criteri alternativi usati dalle aziende sono: -Indice di Profittabilità (Profitability Index); -Ritorno medio sul valore dellInvestimento iscritto a bilancio (average return on book value).

11 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il Valore Attuale Netto (VAN) Il Valore Attuale Netto di un progetto rappresenta lincremento netto di valore dellimpresa a seguito dellaccettazione del progetto. È dato dalla somma algebrica dei valori attuali di tutti i flussi di cassa (positivi e negativi), generati nella vita del progetto. Nel calcolo del VAN si procede nel modo seguente: -si prevedono i flussi di cassa futuri generati dal progetto di investimento per ciascun anno di esistenza del progetto stesso; -si determina il tasso di attualizzazione; -si scontano a tale tasso, e si sommano i flussi futuri, anno per anno; -si sommano algebricamente il Valore Attuale dei flussi futuri e linvestimento iniziale (cioè il flusso negativo in uscita che rappresenta lesborso effettuato per attuare il piano di investimento), ottenendo così il Valore Attuale Netto.

12 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il Valore Attuale Netto: la formula Si consideri un progetto con un orizzonte temporale di 5 anni, dove nel primo anno si prevede lesborso iniziale, e nei successivi 4 si percepiscono flussi di cassa annuali. La formula del VAN risulta pertanto la seguente: dove: F t = flussi di cassa positivi F 0 = esborso iniziale r = tasso di attualizzazione La formula generale è:

13 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Criterio decisionale basato sul VAN Il Valore Attuale Netto indica, in termini assoluti, quale è il valore netto creato dallaccettazione del progetto. Il criterio da seguire per progetti indipendenti basato sul VAN è: -Se VAN > 0 accettare il progetto -Se VAN < 0 rifiutare il progetto Poiché nel calcolo del VAN si mantiene la corrispondenza fra il tipo di flusso di cassa da attualizzare ed il tasso di attualizzazione corrispondente, il criterio decisionale è semplice in quanto la soglia minima di rendimento è già incorporata nel calcolo del valore attuale netto. N.B. Un VAN > 0 implica che il progetto ha un rendimento superiore alla soglia minima.

14 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il VAN in regime di tassi di attualizzazione variabili Se assumiamo che il tasso di attualizzazione subisca variazioni nel corso del tempo (ipotesi realistica), è necessario inserire questa possibilità nella formula vista precedentemente. I calcoli del VAN tengono contro della struttura per scadenza dei tassi di interesse attesi e delle variazioni dei tassi stessi. La formula più generale è infatti la seguente:

15 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il Valore Attuale Netto: vantaggi e limiti Vantaggi: -i valori attuali netti possono essere sommati (proprietà additiva); -tiene in considerazione il valore finanziario del tempo; -considera sia i flussi di cassa futuri sia il costo del capitale (che è identificato con il tasso di attualizzazione). Svantaggi: -non è direttamente collegato allinvestimento iniziale; -non tiene conto della durata del progetto, sicché fra progetti alternativi di diversa durata (ceteris paribus), tende a favorire quelli con durata maggiore; -presuppone di operare in mercati perfetti (in cui il costo del capitale nelle operazioni di raccolta è pari al rendimento dello stesso nelle operazioni di impiego).

16 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Il Tasso Interno di Rendimento (TIR) Il Tasso Interno di Rendimento è quel particolare tasso di attualizzazione che rende identici i valori dei flussi positivi e negativi di un progetto. In altre parole, il TIR è quel tasso che azzera il VAN. Il TIR può anche essere visto come quel tasso massimo al quale prendere a prestito le risorse finanziarie per implementare il progetto, affinché permanga la sua convenienza economica. La formula del TIR è:

17 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Legame fra TIR e VAN Poiché, attualizzando i flussi di cassa al tasso interno di rendimento il VAN del progetto risulta zero, risulta evidente il legame fra TIR e VAN. VAN IRR = 18%

18 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Criterio decisionale basato sul TIR Uno dei vantaggi del TIR è che esso può essere utilizzato anche se non si conosce il tasso di attualizzazione. In realtà, senza conoscere il tasso di attualizzazione, è possibile calcolare il TIR, ma non lo si può utilizzare come criterio decisionale. Una volta calcolato il TIR, per decidere se intraprendere il progetto, è necessario confrontarlo con il tasso di attualizzazione. Il criterio decisionale per progetti indipendenti basato sul TIR è: - Se TIR > costo del capitale accettare il progetto - Se TIR < costo del capitale rifiutare il progetto

19 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Tasso Interno di Rendimento: avvertenze duso Fra i criteri decisionali basati sui flussi di cassa, il TIR è quello più utilizzato nelle analisi di investimento, poiché è relativamente semplice da calcolare e ben si adatta a logiche di tipo finanziario. Nella sua applicazione, quindi, bisogna tener presente che: -dal momento che il TIR è una misura percentuale di rendimento, tende a favorire la scelta di progetti di dimensione minore, sui quali è maggiormente probabile ottenere rendimenti percentuali elevati; -esistono delle situazioni in cui il TIR non può essere calcolato e, quindi, non può essere utilizzato come criterio decisionale. Tali situazioni sono riconducibili al caso in cui non vi è un investimento iniziale poiché viene fatto a più riprese durante la vita del progetto o, alternativamente, al caso in cui vi siano più TIR.

20 Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/ Molteplici TIR: perché esistono Dal punto di vista matematico, il TIR può essere considerato come la radice dellequazione del valore attuale per i flussi di cassa. Nei progetti di tipo tradizionale in cui, a seguito di un investimento iniziale (negativo) vi è una serie di flussi in entrata (positivi), si registra un cambiamento di segno nei flussi di cassa e, quindi, una sola radice ed un solo TIR; viceversa, nei progetti con più cambiamenti di segno, ad esempio due, possono esistere due radici, quindi due TIR. In generale se la struttura dei flussi di cassa è: …- ++++… un solo TIR possibilità di avere due TIR


Scaricare ppt "Università Carlo Cattaneo Castellanza 20/01/2014 La valutazione degli investimenti Corso di Finanza dImpresa."

Presentazioni simili


Annunci Google