La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

D Lgs. 334/99 DM 9-08-00 Sistemi di Gestione della Sicurezza per le imprese a rischio di incidente rilevante 23 settembre 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "D Lgs. 334/99 DM 9-08-00 Sistemi di Gestione della Sicurezza per le imprese a rischio di incidente rilevante 23 settembre 2004."— Transcript della presentazione:

1 D Lgs. 334/99 DM Sistemi di Gestione della Sicurezza per le imprese a rischio di incidente rilevante 23 settembre 2004

2 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE POLITICA Art.2 1.Sottoscritta dal GESTORE 2.Riporta obiettivi di prevenzione e controllo degli incidenti rilevanti 3.Comprende limpegno al riesame periodico del SGS e degli obiettivi 4.Elaborata e definita dopo consultazione di RLS 5.Aggiornata ogni due anni

3 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE REQUISITI GENERALI Art. 3 1.Ruoli e responsabilità specificati 2.Organizzazione tecnica, amministrativa definita 3.Attività pianificate 4.Assegnazione risorse 5.Misura delle prestazioni

4 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Art. 6 1.struttura 2.leggi 3.documentazione 4.qualifica fornitori 5.formazione, informazione, addestramento 6.consultazione e comunicazione (RLS) 7.DPI (valutazione anche a seguito di incidente rilevante)

5 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI PERICOLI Art. 7 PER TUTTE LE FASI DI VITA DELLIMPIANTO Progettazione, modifiche, nuovi impianti Attività normali, avviamento, fermata, emergenza, disservizi o mancanza servizi, particolari condizioni ipotizzabili Durante manutenzioni, controllo o ispezioni Derivanti da attività di terzi, circostanti o da cause naturali Fermata definitiva, dismissione, smantellamento

6 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI PERICOLI Art. 7 LE PROCEDURE Includono valutazione in termini di probabilità e di gravità Fornire informazioni per la pianificazione territoriale (criteri di tollerabilità) Per nuove sostanze, processi, impianti

7 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI PERICOLI Art. 7 LA METODOLOGIA Prevede verifica dei risultati dopo interventi, migliorie, esperienze Prevede la revisione periodica per nuove conoscenze Prevede la revisione periodica dopo incidenti o quasi incidenti Prevede revisione almeno ogni cinque anni

8 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE CONTROLLO OPERATIVO Art. 8 1.Individuazione specifica delle attività correlate agli incidenti rilevanti 2.Documentazione (elenco sostanze, SS, processi, reazioni, set-point, planimetrie. Schemi, P&I, schemi, ecc) 3.Procedure (controllo documenti, attività di routine, straordinarie, occasionali: manutenzione, ispezioni, travasi, campionamenti, bonifiche, ecc., ) 4.Collegamenti delle procedure con lanalisi dei rischi (assicurazione affidabilità) 5.Sistema autorizzazione interventi 6.Gestione modifiche

9 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE PIANIFICAZIONE EMERGENZE Art. 10 Regole di comportamento, segnalazione emergenza, organizzazione, addetti allintervento, coordinatore, responsabilità, mezzi, attrezzature, dispositivi, ubicazione, simulazione, registrazioni, comunicazione Revisione ogni tre anni

10 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE CONTROLLO PRESTAZIONI Art. 11 Definizione indici Ispezioni periodiche di elementi critici (anche di terzi) Infortuni, incidenti, quasi incidenti, NC (rapporti e analisi) Scambio di informazioni interno e esterno Riunioni periodiche (riesame direzione allargato almeno a RSGS. RSPP, resp. aziendali,)

11 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE CONTROLLO PRESCRIZIONI A seguito presentazione del Rapporto di Sicurezza dovrebbe essere presente la risposta del Comitato di Valutazione Regionale (CVR) forse anche del Comitato Tecnico Regionale(CTR). In tal caso è necessario verificare lottemperanza alle prescrizioni emesse

12 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE SUGGERIMENTI i seguenti elementi possono indicare se il SGS è ben applicato: -interventi non di routine (es. manutenzioni, appalti) gestiti con permessi di lavoro -gestione delle modifiche -analisi degli incidenti e quasi incidenti

13 LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE SUGGERIMENTI i seguenti elementi devono essere approfonditi per le attività a pericolo di incidente rilevante: -Azioni di controllo indicate per la riduzione dei rischi -Obiettivi per riduzione rischi

14 E LEMENTI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NEL S ISTEMA DI G ESTIONE S ICUREZZA LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE a.nel documento di Politica limpegno esplicito che lAlta Direzione intende perseguire nel campo della prevenzione e del controllo degli incidenti rilevanti. b.quali elementi della struttura del SGS rendono concreta la Politica di prevenzione degli incidenti rilevanti (attuazione di procedure di controllo in ogni fase di vita dellimpianto). c.quali sono gli standard e le norme tecniche aziendali per il controllo delle prestazioni (tra gli indicatori, anche i quasi incidenti). d.le modalità di pianificazione delladdestramento del personale coinvolto nelle attività rilevanti ai fini della sicurezza (compresa formazione sulle procedure operative).

15 E LEMENTI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NEL S ISTEMA DI G ESTIONE S ICUREZZA LA VERIFICA DEI SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA PER LE AZIENDE A PERICOLO DI INCIDENTE RILEVANTE e.collegamento fra il piano di miglioramento (obiettivi), il programma di addestramento e i piani di emergenza interna allanalisi dei rischi. f.nel piano di emergenza interno contenuto in modo specifico il riferimento alle situazioni incidentali collegate al manifestarsi di un incidente rilevante. g.chiare ed evidenti modalità per lautorizzazione e per il controllo delle attività degli appaltatori. h.aggiornamento periodico degli elementi del SGS, o in occasione di modifiche impiantistiche, di processo, di gestione, o in occasione di aggiornamento delle conoscenze o di nuove prescrizioni (tenendo presente le scadenze massime).

16 VERIFICHE ISPETTIVE (nuovo approccio) a)la conformità del rapporto di sicurezza alle relative previsioni normative, b)la rispondenza tra la situazione descritta nello stesso rapporto di sicurezza e la situazione in essere nello stabilimento in termini di qualità e quantità di sostanze pericolose presenti; c)le caratteristiche tecniche degli impianti e degli apprestamenti per fronteggiare le emergenze previste e programmi di formazione; d)la formazione e laddestramento del personale;

17 VERIFICHE ISPETTIVE (nuovo approccio) 3)Il GESTORE, però, non potrà più limitarsi a giustificare le decisioni tecniche, ma dovrà dimostrare ladeguatezza anche di quelle economiche, organizzative e gestionali (che finora sono rimaste di sua insindacabile pertinenza).

18 VERIFICHE ISPETTIVE (nuovo approccio) 4)Lorgano competente al controllo dovrà valutare caso per caso, se le predette decisioni del gestore, sono da considerarsi sufficienti o meno per prevenire incidenti rilevanti e minimizzare le conseguenze nella particolare situazione del territorio circostante. Inoltre dovrà a sua volta attrezzarsi per modificare alcuni aspetti del controllo (tradizionale) per affrontare questi nuovi problemi.

19 IDENTIFICAZIONE DEGLI ELEMENTI GESTIONALI CRITICI DEL SGS A) Il documento della Politica di Prevenzione degli incidenti rilevanti; B) I documenti che descrivono e sostanziano il Sistema di Gestione della Sicurezza; C) Gli eventuali verbali di precedenti verifiche ispettive; D) Gli atti e le prescrizioni derivanti dalleventuale conclusione dellIstruttoria Tecnica; E) La documentazione relativa alla valutazione dei rischi; F) Il Piano di Emergenza Esterno, o uno stralcio significativo dello stesso; G) Lesperienza storica propria dello stabilimento e di impianti e stabilimenti analoghi.

20 Punti critici SGS emersi dalle Ispezioni Verifica prestazioni di sicurezza (analisi indicatori e misure conseguenti); Effettiva autonomia responsabili della Sicurezza; Recupero ed utilizzo dellesperienza da incidenti occorsi (anche in impianti similari); Informazione ai responsabili e operatori in merito ai contenuti ed ai risultati delle analisi di sicurezza; Necessità di miglioramento dei PEI; Verifica interna del raggiungimento degli obiettivi di formazione e addestramento; Formazione e addestramento personale ditte terze.


Scaricare ppt "D Lgs. 334/99 DM 9-08-00 Sistemi di Gestione della Sicurezza per le imprese a rischio di incidente rilevante 23 settembre 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google