La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I nuovi modelli di governance locale: I Sistemi turistici locali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I nuovi modelli di governance locale: I Sistemi turistici locali."— Transcript della presentazione:

1 I nuovi modelli di governance locale: I Sistemi turistici locali

2 Lesigenza di posizionarsi in un mercato turistico sempre più complesso (nuove modalità di produzione di beni e servizi, nuovi modelli culturali e di consumo, globalizzazione dei mercati..), ha aumentato la competizione tra territori, determinando lindividuazione di nuovi strumenti dazione e la scelta di forme organizzative innovative fondate sul coordinamento dei processi decisionali degli enti pubblici e delle imprese

3 Legge 135/2001 Prevede un nuovo strumento per lo sviluppo turistico locale SISTEMI TURISTICI LOCALI Contesti turistici omogenei o integrati, comprendenti ambiti territoriali appartenenti anche a regioni diverse, caratterizzati dallofferta integrata di beni cultural, ambientali e di attrazioni turistiche, comprendenti i prodotti tipici dellagricoltura e dellartigianato locale, o dalla presenza diffusa di imprese turistiche singole od associate

4 La legge introduce quindi un nuovo modello di governance dellofferta turistica esaltando la dimensione territoriale della stessa, prevedendo una forte integrazione delle diverse componenti del sistema ed in particolare tra gli attori pubblici e privati non solo nella fase della gestione, ma soprattutto in quella di elaborazione progettuale. La presenza di autorità pubbliche e private nei STL denota la volontà di aprire settori di azione pubblica ad interventi concorrenti e simultanei di attori che appartengono a livelli istituzionali differenti.

5 Il STL, che fonda la sua ragione sul principio del partenariato, basa la sua costituzione ed il suo funzionamento sul principio della corresponsabilizzazione ovvero lassociazione simultanea di diversi soggetti interdipendenti in un medesimo ambito di intervento per il perseguimento dello scopo comune che è lo sviluppo turistico del territorio di riferimento.

6 I STL presentano un elevato grado di innovatività rispetto alle politiche di sviluppo turistico precedenti: si prescinde infatti, per la loro previsione, dalla adesione a logiche di partizioni amministrative per fondare la loro legittimità sui caratteri propri degli ambiti territoriali prescelti, riconoscendo valore ai requisiti di omogeneità e di integrazione propri del territorio di riferimento.

7 Elemento di ulteriore interesse è labbandono di una visione settoriale del turismo e il contestuale superamento della separazione tra le politiche per il turismo e quelle per lo sviluppo locale (politiche per i beni culturali, per i beni ambientali, per le produzioni enogastronomiche, dellartigianato artistico, etc…) I STL vengono in tal modo a fondare la propria identità sui caratteri identificativi del territorio prescelto, che viene individuato sulla sua capacità di offrire un sistema articolato ed integrato di attrattive e servizi che possa contribuire alla costituzione del brand locale.

8 Il STL deve quindi qualificarsi come il progetto di sviluppo che deve integrare territori, soggetti e progetti strategici, e poiché ogni strategia comincia necessariamente con la messa a fuoco dellidentità, i STL devono partire da una riflessione su questo tema e non da un semplice protocollo di adesione ad un patto geografico-amministrativo.

9 PRIMA le singole Regioni individuavano direttamente gli ambiti turisticamente autonomaOGGI i STL si costituiscono per iniziativa autonoma degli enti territoriali e delle imprese. Il ruolo regionale è limitato al riconoscimento dei STL per favorire lintegrazione tra politiche del turismo e politiche di governo del territorio. (consolidamento di paradigmi organizzativi bottom-up) Differenze con il modello precedente di OTP locale

10 Una proposta turistica di successo non può venire in essere affiancando semplicemente realtà e territori limitrofi, non è una banale operazione di alleanza dei territori, ma fa leva su qualcosa di più profondo, ovvero lidentità locale che trasforma un insieme di località in un ambito turisticamente rilevante

11 TIMORI Creazione di un nuovo ed ulteriore soggetto nel panorama turistico locale, Presenza di sovrapposizioni di competenze o di accavallamento delle attività proposte Complicazione burocratica-amministrativa, Problemi funzionali rispetto alle Apt, qualificandosi quale soggetto aggiuntivo di unorganizzazione territoriale che si sovrappone allattività dei comuni, delle province, delle Comunità montane, dei Gal, dei patti territoriali.

12 Opportunità i STL sono occasione di razionalizzazione territoriale attraverso unattività di semplificazione dei ruoli propri dei molteplici enti turistici territoriali (uffici di informazione turistica, Apt, Pro-loco, etc.) Creazione di una sistema, prodotti, progetti, attori pubblici, imprese e servizi per la formulazione di un progetto di sviluppo dellofferta turistica

13 Opportunità Potenziamento del ruolo dei STL non a)attribuzione non delle tradizionali competenze in materia di promozione turistica, b)sensori del territorio e quindi soggetti in grado di progettare e qualificare lo sviluppo turistico locale attraverso la messa a sistema di interventi da parte di tutti i soggetti interessati alla crescita economica del territorio, diretti a realizzare, migliorare il prodotto ed eventualmente anche a promuoverlo e commercializzarlo. c)aggregare soggetti differenti non solo turistici

14 Opportunità una riforma radicale nella formulazione delle politiche di valorizzazione e sviluppo territoriale, pervenendo ad un modello che sperimenti politiche di più ampio respiro, quali quelle rivolte ai temi della qualità, della integrazione e messa in rete di interventi sul prodotto turistico; rinnovando e trasformando i termini del loro storico rapporto non più soggetti uniti da vincoli di subordinazione, ma partner di un progetto di sviluppo unico.sinergica attività tra enti locali e privati che, rinnovando e trasformando i termini del loro storico rapporto, individuano progetti intorno ai quali far convergere ed aggregare interessi differenti ma comuni e si qualificano non più soggetti uniti da vincoli di subordinazione, ma partner di un progetto di sviluppo unico. [

15 Opportunità nuovo rapporto tra enti locali (ruolo manageriale di pianficatori dello sviluppo locale), e tra questi e i privati, inserisce elementi di forte innovazione che possono creare nuovi prodotti, migliorare la qualità dei servizi nonché dei margini operativi

16 Difficoltà degli enti locali nello sviluppo dei sistemi turistici locali basso livello di consapevolezza interna sullimportanza del turismo quale fattore di sviluppo della comunità locale; limitato peso del turismo nella contrattazione politica locale; limitata esperienza nel turismo e carenza di dirigenti e quadri esperti nelle articolate competenze necessarie; esasperati campanilismi tra enti locali di una medesima area sistema; delega, spesso in bianco, attribuita agli enti strumentali del turismo; limitate risorse economiche da destinare al settore ;

17 Vantaggi un effettivo coordinamento tra gli attori istituzionali e i privati una collaborazione anche con altri attori pubblici competenti in settori strettamente collegati con quello turistico al fine di creare un sistema di servizi integrati utili allo sviluppo non solo del turismo ma anche delle produzioni regionali nel loro complesso

18 Vantaggi La doppia sinergia che si viene ad instaurare, tra enti locali e tra questi ed i privati garanzia di una gestione integrata non solo delle risorse turistiche primarie, ma anche dei prodotti tipici, agroalimentari, dellartigianato locale ed artistico, nonché delle specificità locali

19 Nuovo modello di governance I nuovi modelli di governance del sistema locale turistico, non saranno quindi di tipo solo pubblico o solo privato ma anche di tipo misto, ossia pubblico- privato

20 Nuovo modello di governance tre classiRifacendosi allapproccio reticolare e ricalcando i modelli di governance si possono distinguere tre classi di strumenti di politica per il turismo che possono essere codificate utilizzando il concetto di partnership: 1.la partnership pubblico/pubblico 1.la partnership pubblico/pubblico, quando più istituzioni pubbliche si accordano per sostenere iniziative a supporto del sistema turistico; 2.la partnership pubblico/privata 2.la partnership pubblico/privata quando organizzazioni pubbliche e istituzioni private si accordano per affrontare problemi o promuovere iniziative a favore del sistema locale,per la creazione di prodotti turistici, per lintegrazione di realtà territoriali al turismo

21 Nuovo modello di governance 3.partnership tra privati 3.partnership tra privati quando più soggetti privati si accordano per la creazione di consorzi, reti e collaborazioni più o meno formalmente strutturate per la valorizzazione di un determinato prodotto turistico, un territorio, un servizio specifico.

22 Nuovo modello di governance I STL risultano essere la sintesi tra due realtà interagenti tra di loro: a) le caratteristiche proprie del territorio di riferimento e linsieme delle relazioni a rete che uniscono tra di loro i soggetti della rete stessa e gli stessi con il territorio; b) un sistema di interessi e di attori strutturato, capace di presentarsi allesterno come soggetto collettivo attraverso forme di governance strategica


Scaricare ppt "I nuovi modelli di governance locale: I Sistemi turistici locali."

Presentazioni simili


Annunci Google