La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il medico competente La sorveglianza sanitaria Dottor Fabio Filippi 05/06/2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il medico competente La sorveglianza sanitaria Dottor Fabio Filippi 05/06/2012."— Transcript della presentazione:

1

2 Il medico competente La sorveglianza sanitaria Dottor Fabio Filippi 05/06/2012

3 INTRODUZIONE CODICE ICOH – OBIETTIVI DELLA MEDICINA DEL LAVORO proteggere e promuovere la salute dei lavoratori sostenere ed incrementare le loro capacità lavorative istituire e mantenere un ambiente di lavoro salubre e sicuro per tutti promuovere ladattamento del lavoro alle capacità dei lavoratori, tenendo in dovuto conto il loro stato di salute..... sulla base del principio di equità, gli aiutare i lavoratori sia ad OML dovranno aiutare i lavoratori sia ad ottenere che a mantenere il loro posto di lavoro, nonostante eventuali problemi di salute o handicap.

4 INTRODUZIONE Sorveglianza sanitaria Definizione di SORVEGLIANZA Definizione lessicale lazione di sorvegliare, vigilare, tenere sotto controllo persone o cose, seguire con attenzione qualcosa che interessa particolarmente (Vocabolario della Lingua Italiana Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Traccani) seguire attentamente gli aspetti, gli sviluppi di una situazione, di un fenomeno (Grande Dizionario Italiano di Aldo Gabrielli), seguire con attenzione l'evolversi di un fenomeno (Dizionario della Lingua Italiana Sabatini Coletti).

5 INTRODUZIONE Sorveglianza sanitaria Definizione di SORVEGLIANZA Definizione giuridica (D.Lgs. 81/2008, Art. 2, lettera m) «sorveglianza sanitaria»: insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa;

6 Aspetti generali Il tema della sorveglianza sanitaria costituisce uno degli aspetti maggiormente innovativi della riforma della normativa sulla salute e sicurezza sul posto di lavoro. Il D.Lgs. 9 aprile 2008 numero 81 ( così come coordinato dalla Legge 7 luglio numero 88 e dal D.Lgs. 3 agosto 2009 numero 106) ha trattato a fondo la materia, con lobiettivo di superare le insufficienze e le criticità della normativa pre-esistente. In particolare il decreto correttivo rimanda ad una successiva ridefinizione da parte della Conferenza Stato-Regioni procedure e strumenti tecnici che in fase di prima applicazione avevano presentato ancora forti criticità. Il ruolo del medico competente allinterno del sistema della prevenzione aziendale risulta ora accresciuto, soprattutto in base ad un maggior coinvolgimento nel processo di valutazione dei rischi (Cap. III, Sez. A).

7 Aspetti generali Il ruolo del medico competente allinterno dellazienda va inteso oggi in modo ampio, principalmente come supporto al datore di lavoro e a tutto il sistema destinato alla valutazione dei rischi e alla messa a punto della strategia preventiva più adeguata allinterno dellazienda. Lobiettivo finale del suo intervento sul singolo lavoratore consiste nella ottimizzazione del rapporto tra il lavoratore stesso e la sua mansione (e i suoi contenuti), attraverso azioni sulla idoneità (limitando e vietando compiti e operazioni ritenuti dannosi) e/o sulla mansione (adattandola alle caratteristiche del lavoratore).

8 Aspetti generali La sorveglianza sanitaria costituisce una delle misure di prevenzione per i lavoratori che sono esposti a rischi per la salute, cioè ad agenti di natura chimica, fisica, ergonomica o biologica suscettibili di provocare una malattia da lavoro dopo periodi più o meno lunghi di esposizione (Cap. VII). Per le attività lavorative che espongono a questi agenti di rischio le norme specifiche stabiliscono dei limiti di esposizione che non devono essere superati. Il rispetto di tali valori limite non costituisce tuttavia una garanzia assoluta che tuteli tutti i lavoratori esposti, in quanto è diversa la suscettibilità individuale in relazione a differenze di genere, di età, delle caratteristiche genetiche e alla presenza coesistenza di eventuali patologie extralavorative.

9 Aspetti generali a livello individuale La sorveglianza sanitaria ha quindi lo scopo di verificare le condizioni di salute di ciascun lavoratore in relazione ai possibili effetti dovuti allesposizione lavorativa, così da adottare particolari misure di prevenzione a livello individuale. a livello collettivo Nel contempo, a livello collettivo, la sorveglianza sanitaria consente di osservare gli effetti sulla salute di gruppi omogenei di lavoratori esposti agli stessi rischi, permettendo così di valutare lefficacia delle misure di prevenzione adottate.

10 Aspetti generali In base allArt. 41, comma 1, lobbligo della sorveglianza sanitaria ricorre in tutti i casi in cui è esplicitamente prevista dalle norme specifiche sui singoli rischi: 1.Movimentazione manuale dei carichi (Titolo VI, at. 168) 2.Videoterminali (Titolo VII, art. 176) 3.Rumore (Titolo VIII, art. 185 e196) 4.Vibrazioni (Titolo VIII, art. 185 e 204) 5.Campi elettromagnetici (Titolo VIII, art. 185 e 211) 6.Radiazioni ottiche artificiali (titolo VIII, art. 185 e 218) 7.Agenti chimici (Titolo IX, art. 229) 8.Agenti cancerogeni (Titolo IX, art. 242) 9.Amianto (Titolo IX, art. 259) 10.Agenti biologici (Titolo X, art. 279)

11 Aspetti generali Oltre ai suddetti casi, lobbligo della sorveglianza sanitaria è previsto da disposizioni normative che non sono state ricomprese nel D.Lgs. 81/2008, ma che rimangono comunque vigenti: 1.Lavoro nei cassoni ad aria compressa (D.P.R. 321/1956) 2.Cave, miniere, industrie di trivellazione ed estrattive (D.P.R. 128/1959 e D.Lgs. 324/1996) 3.Silice libera cristallina (D.P.R. 1124/1965) 4.Radiazioni ionizzanti (D.Lgs. 230/1995) – La sorveglianza sanitaria dei lavoratori suscettibili di esposizione a radiazioni ionizzanti classificati in Categoria A (radiazioni più elevate) deve essere effettuata da un medico autorizzato, cioè un medico competente iscritto in un apposito elenco nominativo presso la Direzione Generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, a seguito di verifica delle competenze tecniche e professionali nella materia specifica 5.Lavoro a bordo di navi passeggeri, mercantili e da pesca (D.Lgs. 271/1999) 6.Lavoro notturno (D.Lgs. 66/2003)

12 Aspetti generali Inoltre la sorveglianza sanitaria è obbligatoria ai fini della verifica di assenza di condizioni di alcol-dipendenza o di assunzione di sostanze psicotrope e stupefacenti nelle attività lavorative che comportano un elevato rischio di infortuni sul lavoro per la sicurezza, lincolumità o la salute di terzi – Lart. 41, comma 4, richiama esplicitamente questo aspetto che è disciplinato da norme specifiche su alcol (L. 125/2021) e Provvedimento 16 marzo 2006 della Conferenza Stato-Regioni e su tossicodipendenze (D.P.R. 309/1990, Intesa del 30 ottobre 2007 e Provvedimento del 18 settembre 2008 della stessa Conferenza). Il D.Lgs 106/2009 prevede che tali norme tecniche siano rivisitate.

13 Aspetti generali Ulteriori obblighi di sorveglianza sanitaria possono essere stabiliti dalla Commissione Consultiva Permanente per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro istituita dallarticolo 6 del testo Unico.

14 Nomina del medico competente In tutte queste circostanze il datore di lavoro deve nominare il medico competente sia ai fini della sorveglianza sanitaria sia ai fini della valutazione dei rischi Articolo 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente a)nominare il medico competente per leffettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal presente decreto legislativo.... Omissis... g) inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiedere al medico competente losservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto; g-bis) nei casi di sorveglianza sanitaria di cui allarticolo 41, comunicare tempestivamente al medico competente la cessazione del rapporto di lavoro;

15 medico competente SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 38 Titoli e requisiti del medico competente 1. Per svolgere le funzioni di medico competente è necessario possedere uno dei seguenti titoli o requisiti: a) specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica; b) docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro; c) autorizzazione di cui allarticolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277; d) specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale; d-bis) con esclusivo riferimento al ruolo dei sanitari delle Forze Armate, compresa lArma dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, svolgimento di attività di medico nel settore del lavoro per almeno quattro anni.

16 medico competente SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 38 Titoli e requisiti del medico competente 2. I medici in possesso dei titoli di cui al comma 1, lettera d), sono tenuti a frequentare appositi percorsi formativi universitari da definire con apposito decreto del Ministero dellUniversità e della ricerca di concerto con il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali. I soggetti di cui al precedente periodo i quali, alla data di entrata in vigore del presente decreto, svolgano le attività di medico competente o dimostrino di avere svolto tali attività per almeno un anno nellarco dei tre anni anteriori allentrata in vigore del presente decreto legislativo, sono abilitati a svolgere le medesime funzioni. A tal fine sono tenuti a produrre alla Regione attestazione del datore di lavoro comprovante lespletamento di tale attività.

17 medico competente SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 38 Titoli e requisiti del medico competente 3. Per lo svolgimento delle funzioni di medico competente è altresì necessario partecipare al programma di educazione continua in medicina ai sensi del decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229, e successive modificazioni e integrazioni, a partire dal programma triennale successivo allentrata in vigore del presente decreto legislativo. I crediti previsti dal programma triennale dovranno essere conseguiti nella misura non inferiore al 70 per cento del totale nella disciplina medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro. 4. I medici in possesso dei titoli e dei requisiti di cui al presente articolo sono iscritti nellelenco dei medici competenti istituito presso il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

18 medico competente SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 39 Svolgimento dellattività di medico competente 1. Lattività di medico competente è svolta secondo i principi della medicina del lavoro e del codice etico della Commissione internazionale di salute occupazionale (ICOH). 2. Il medico competente svolge la propria opera in qualità di: a) dipendente o collaboratore di una struttura esterna pubblica o privata, convenzionata con limprenditore; b) libero professionista; c) dipendente del datore di lavoro. 3. Il dipendente di una struttura pubblica, assegnato agli uffici che svolgono attività di vigilanza, non può prestare, ad alcun titolo e in alcuna parte del territorio nazionale, attività di medico competente. 4. Il datore di lavoro assicura al medico competente le condizioni necessarie per lo svolgimento di tutti i suoi compiti garantendone lautonomia. 5. Il medico competente può avvalersi, per accertamenti diagnostici, della collaborazione di medici specialisti scelti in accordo con il datore di lavoro che ne sopporta gli oneri. 6. Nei casi di aziende con più unità produttive, nei casi di gruppi dimprese nonché qualora la valutazione dei rischi ne evidenzi la necessità, il datore di lavoro può nominare più medici competenti individuando tra essi un medico con funzioni di coordinamento.

19 Sorveglianza sanitaria SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 41 Sorveglianza sanitaria 1. La sorveglianza sanitaria è effettuata dal medico competente: a) nei casi previsti dalla normativa vigente, dalle indicazioni fornite dalla Commissione consultiva di cui allarticolo 6; b) qualora il lavoratore ne faccia richiesta e la stessa sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi lavorativi. 3. Le visite mediche di cui al comma 2 non possono essere effettuate: a) ABROGATA; b) per accertare stati di gravidanza; c) negli altri casi vietati dalla normativa vigente.

20 Sorveglianza sanitaria SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 41 Sorveglianza sanitaria La sorveglianza sanitaria comprende: 2. La sorveglianza sanitaria comprende: visita medica preventiva a) visita medica preventiva intesa a constatare lassenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica (finalizzata ad accertare lassenza di controindicazioni alla mansione specifica) visita medica periodica b) visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica (finalizzata a verificare il permanere delle condizioni di idoneità alla mansione specifica) periodicità La periodicità di tali accertamenti, qualora non prevista dalla relativa normativa, viene stabilita, di norma, in una volta lanno. Tale periodicità può assumere cadenza diversa, stabilita dal medico competente in funzione della valutazione del rischio. Lorgano di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza sanitaria differenti rispetto a quelli indicati dal medico competente; /

21 Sorveglianza sanitaria SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 41 Sorveglianza sanitaria visita medica su richiesta del lavoratore c) visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dellattività lavorativa svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica; visita medica in occasione del cambio della mansione d) visita medica in occasione del cambio della mansione onde verificare lidoneità alla mansione specifica; visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro e) visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla normativa vigente (allo scopo di fornire al lavoratore le indicazioni utili a proseguire il controllo del suo stato di salute dopo la fine dellesposizione, per una diagnosi precoce di eventuali effetti tardivi) visita medica preventiva in fase preassuntiva e-bis) visita medica preventiva in fase preassuntiva; visita medica precedente alla ripresa del lavoro e-ter) visita medica precedente alla ripresa del lavoro, a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore ai sessanta giorni continuativi, al fine di verificare lidoneità alla mansione. 2-bis. Le visite mediche preventive possono essere svolte in fase preassuntiva, su scelta del datore di lavoro, dal medico competente o dai dipartimenti di prevenzione delle ASL. La scelta dei dipartimenti di prevenzione non è incompatibile con le disposizioni dellarticolo 39, comma 3, del presente decreto.

22 Sorveglianza sanitaria SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 41 Sorveglianza sanitaria 4. Le visite mediche di cui al comma 2, a cura e spese del datore di lavoro, comprendono gli esami clinici e biologici e indagini diagnostiche mirati al rischio ritenuti necessari dal medico competente. Nei casi ed alle condizioni previste dallordinamento, le visite di cui al comma 2, lettere a), b), d), e- bis) e e-ter) sono altresì finalizzate alla verifica di assenza di condizioni di alcol dipendenza e di assunzione di sostanze psicotrope e stupefacenti. 4-bis. Entro il 31 dicembre 2009 (!!! ???), con accordo in Conferenza Stato-Regioni, adottato previa consultazione delle parti sociali, vengono rivisitate le condizioni e le modalità per laccertamento della tossicodipendenza e della alcol dipendenza.

23 Sorveglianza sanitaria SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 41 Sorveglianza sanitaria giudizi relativi alla mansione specifica 6. Il medico competente, sulla base delle risultanze delle visite mediche di cui al comma 2, esprime uno dei seguenti giudizi relativi alla mansione specifica: a) idoneità; b) idoneità parziale, temporanea o permanente, con prescrizioni o limitazioni; c) inidoneità temporanea; d) inidoneità permanente. 6-bis. Nei casi di cui alle lettere a), b), c) e d) del comma 6 il medico competente esprime il proprio giudizio per iscritto dando copia del giudizio medesimo al lavoratore e al datore di lavoro. 7. Nel caso di espressione del giudizio di inidoneità temporanea vanno precisati i limiti temporali di validità.

24 Sorveglianza sanitaria SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 41 Sorveglianza sanitaria 9. Avverso i giudizi del medico competente ivi compresi quelli formulati in fase pre-assuntiva è ammesso ricorso, entro trenta giorni dalla data di comunicazione del giudizio medesimo, allorgano di vigilanza territorialmente competente che dispone, dopo eventuali ulteriori accertamenti, la conferma, la modifica o la revoca del giudizio stesso

25 Sorveglianza sanitaria SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA Articolo 42 Provvedimenti in caso di inidoneità alla mansione specifica 1. Il datore di lavoro, anche in considerazione di quanto disposto dalla legge 12 marzo 1999, n. 68, in relazione ai giudizi di cui allarticolo 41, comma 6, attua le misure indicate dal medico competente e qualora le stesse prevedano uninidoneità alla mansione specifica adibisce il lavoratore, ove possibile, a mansioni equivalenti o, in difetto, a mansioni inferiori pur garantendo il trattamento corrispondente alle mansioni di provenienza.

26 Sorveglianza sanitaria Tutte le tipologie di visita possono essere integrate da accertamenti diagnostici mirati ai rischi ritenuti necessari dal medico competente ed eseguiti a cura e a spese del datore di lavoro A tal fine il medico competente adotta specifici protocolli sanitari tenendo conto degli indirizzi scientifici più avanzati, riportandoli nelle cartelle sanitarie e di rischio del lavoratore Nel caso di esposizione ad agenti chimici per i quali è fissato un valore limite biologico, il protocollo diagnostico deve comprendere esami di monitoraggio biologico

27 Sorveglianza sanitaria Provvedimenti in caso di inidoneità alla mansione specifica Alla luce delle suddette disposizioni, si deve rilevare che lobbligo di assegnazione a mansione diversa, ove possibile, sia generalmente incombente in capo al datore di lavoro a prescindere dalla tipologia contrattuale (assunzione a tempo indeterminato o determinato) con cui il lavoratore è stato assunto. La disposizione si traduce nellobbligo per il datore di lavoro, una volta accertata la inidoneità alla mansione specifica del lavoratore, di valutare tenendo conto delle condizioni oggettive della sua organizzazione e soggettive derivanti dalla preparazione e dalla formazione del lavoratore, la possibilità di assegnarlo ad altra mansione, equivalente o inferiore Secondo lorientamento dominante della Giurisprudenza, la disposizione va interpretata come una sintesi tra diritto alla ricollocazione del lavoratore e la libertà di iniziativa economica del datore di lavoro (Art. 41 della Costituzione Civile), in virtù del quale adibire a diversa mansione il lavoratore è il frutto di una valutazione di concreta fattibilità, in relazione alla struttura organizzativa aziendale

28 Sorveglianza sanitaria Provvedimenti in caso di inidoneità alla mansione specifica licenziamento per giustificato motivo necessita infatti anche la prova della impossibilità di reimpiego dello stesso lavoratore nellambito della organizzazione aziendale. Ai fini della configurabilità di un legittimo licenziamento per giustificato motivo, non è sufficiente la inidoneità del lavoratore ad effettuare la propria mansione, necessita infatti anche la prova della impossibilità di reimpiego dello stesso lavoratore nellambito della organizzazione aziendale. Onere della prova che incombe sul datore di lavoro Onere della prova che incombe sul datore di lavoro. Lipotesi risolutoria del contratto di lavoro è configurabile solo nel caso di inidoneità permanente alla mansione e non temporanea, in quanto in questo seconda ipotesi, il giudizio espresso sul lavoratore può trasformarsi nel tempo sia in senso di una inidoneità permanente ma anche nel senso opposto, nel ripristino della piena idoneità.

29 Sorveglianza sanitaria obblighi dei lavoratori I lavoratori hanno lobbligo di sottoporsi alle visite mediche ed agli accertamenti sanitari comunque disposti dal medico competente (Art. 20, Comma 2, lettera i e il contributo che segue) Tale obbligo non riguarda le vaccinazioni non previste da norme speciali (Art. 279, comma 2 lettera a)

30 Sorveglianza sanitaria obblighi dei lavoratori Per quanto attiene alla possibilità di licenziare il lavoratore che rifiuti si sottoporsi alle visite e che non sia possibile adibire ad altre mansioni, occorre ricordare come la Giurisprudenza abbia più volte sottolineato come un rifiuto del dipendente a sottoporsi alle visite costituirebbe una grave ingerenza nelloperato del datore di lavoro, ove paralizzasse lesercizio del potere disciplinare comportando una limitazione della punibilità del lavoratore stesso. Verrebbe così a crearsi una situazione in cui un lavoratore può assumere decisioni su se stesso in tema di sicurezza. Tale situazione è stata ripetutamente dichiarata inammissibile dalla Corte di Cassazione, in quanto trasformerebbe la posizione di garanzia del datore di lavoro in una ingiustificata responsabilità oggettiva.

31 Sorveglianza sanitaria obblighi dei lavoratori A fronte di un rifiuto del dipendente a sottoporsi alle visite, il datore di lavoro dovrà pertanto procedere a progressive ed efficaci sanzioni disciplinari (nel rispetto delle norme in materia di sanzioni disciplinari dettate dallo Statuto dei Lavoratori) al fine di convincere il lavoratore a cambiare idea. Se tali sanzioni non raggiungono lo scopo, il datore di lavoro potrà ricorrere al licenziamento, sempre che ricorra un giustificato motivo e una giusta causa, in quanto la non idoneità non nasce da una oggettiva condizione di salute del lavoratore, bensì da una soggettiva volontà di non collaborazione alla tutela di un bene costituzionalmente protetto come quello della salute e dal venir meno agli obblighi previsti dagli articoli 2104 (Diligenza del prestatore di lavoro) e 2106 (sanzioni disciplinari) del Codice Civile. Analogo ragionamento deve essere fatto nel caso in cui il lavoratore rifiuti di sottoporsi a esami clinici.

32 Sorveglianza sanitaria obblighi dei lavoratori Del resto, se è vero che lespletamento della sorveglianza sanitaria è un obbligo incombente in capo al datore di lavoro, è altrettanto vero che, ai sensi dellarticolo 20 del D.Lgs. 81/2008, ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro su cui ricadono gli effetti delle sue azioni od omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. Il comma 2, lettera a), della suddetta disposizione precede in particolare che i lavoratori debbano contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, alladempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

33 Sorveglianza sanitaria obblighi dei lavoratori Questa tesi è avvalorata dalla possibilità di una sanzione penale prevista dal legislatore a carico del lavoratore che non si sottoponga al controllo. LArt. 59 del D.Lgs. 81/2008 prevede espressamente che i lavoratori sono puniti con larresto fino a un mese o con lammenda da 200 a 660 euro per la violazione dellarticolo 20 Comma 2 Lettera i), cioè nel caso che il lavoratore violi lobbligo di sottoporsi ai controlli sanitari previsti dalla normativa vigente o comunque disposti dal medico competente.

34 Sorveglianza sanitaria In tema di visite a richiesta, di visite pre-assuntive e di visite alla ripresa del lavoro dopo unassenza per motivi si salute superiore a 60 giorni i decreti legislativi 81/200/ e 106/2009 hanno introdotto rilevanti novità rispetto alla normativa previgente

35 Sorveglianza sanitaria visita a richiesta del lavoratore Già il D.Lgs. 626 del 1994 prevedeva la visita a richiesta del lavoratore a condizione che tale richiesta fosse correlata ai rischi lavorativi, per quanto in una formulazione abbastanza confusa, che aveva dato luogo ad interpretazioni della Giurisprudenza di difficile attuazione nella pratica sanitaria dazienda. La visita medica a richiesta viene effettuata nei confronti di qualsiasi lavoratore, che sia o meno sottoposto a controlli sanitari preventivi e periodici La nuova formulazione è decisamente più ampia e apparentemente priva di incertezze. La visita medica a richiesta viene effettuata nei confronti di qualsiasi lavoratore, che sia o meno sottoposto a controlli sanitari preventivi e periodici. Tale visita può essere richiesta da unalterazione dello stato di salute del lavoratore che si sospetti possa essere indotta dallattività lavorativa svolta, come anche da una condizione patologica di certa origine extralavorativa, che tuttavia rappresenti una controindicazione allespletamento della mansione specifica. In ogni caso il medico competente è chiamato a valutare la compatibilità dello stato di salute del lavoratore con lattività lavorativa e ad esprimere il giudizio di idoneità.

36 Sorveglianza sanitaria visita a richiesta del lavoratore È così evidente come in tal modo venga affidata al medico competente la responsabilità di molte situazioni precedentemente ritenute di pertinenza esclusiva di enti pubblici o di istituti specializzati di diritto pubblico, ai sensi dellarticolo 5 della Legge 300 del In particolare in riferimento alle visite effettuate per patologie non professionali, per rischi non normati, per inabilità alla mansione, in tutti i casi in cui sia lo stesso lavoratore a richiedere laccertamento.

37 Sorveglianza sanitaria visita alla ripresa del lavoro Una visita di idoneità alla ripresa del lavoro, dopo unassenza per motivi di salute superiore a 60 giorni è prevista in maniera esplicita dal D.Lgs. n. 106 del 2009 e deve essere eseguita anche se non è il lavoratore a richiederla.

38 Sorveglianza sanitaria visita in fase pre-assuntiva visite preventive in fase pre-assuntiva Sempre il D.Lgs. correttivo n.106 del 2009 cancella il divieto per il medico competente di eseguire le visite preventive in fase pre-assuntiva. Nei casi in cui vige lobbligo di sorveglianza sanitaria il datore di lavoro ha la facoltà di scegliere se far eseguire tale visita (dal cui esito dipenderà lassunzione o meno del lavoratore) dal medico competente.

39 Sorveglianza sanitaria In tema di giudizio di idoneità A conclusione della visita medica il medico competente formula un giudizio di idoneità alla mansione specifica alla quale il lavoratore è o dovrà essere adibito, tenendo conto non solo delle condizioni di salute del lavoratore, ma anche prendendo in considerazione il costo energetico, lo stress psicologico e il possibile rischio intrinseco. In base allesito degli accertamenti effettuati il giudizio può essere di idoneità piena, di idoneità parziale (temporanea o permanente – con prescrizioni o limitazioni) o di inidoneità (temporanea o permanente). Nei casi di idoneità parziale e/o inidoneità temporanea devono essere specificati i limiti temporali di validità.

40 GIUDIZIO DI IDONEITà Il giudizio di idoneità deve sempre essere comunicato per iscritto sia al lavoratore che al datore di lavoro anche in caso di idoneità piena (Art. 41 comma 8). Spetta al datore di lavoro vigilare affinché i lavoratori non siano adibiti alle mansioni per cui è prevista la sorveglianza sanitaria senza il relativo giudizio di idoneità (Art. 18 Comma 1 lettera b). Il datore di lavoro è tenuto ad attuare le prescrizioni indicate dal medico competente e, nel caso di idoneità parziale e/o inidoneità alla mansione specifica (temporanea o permanente) deve destinare, per quanto possibile, il lavoratore ad altra mansione compatibile con il suo stato di salute (Art. 42).

41 GIUDIZIO DI IDONEITà Avverso qualsiasi tipo di giudizio espresso dal medico competente è ammesso il ricorso allorgano di vigilanza, cioè allAzienda Sanitaria Locale territorialmente competente sul luogo di lavoro (Art. 41 Comma 4), che può: confermareconfermare modificaremodificare revocarerevocare il giudizio. Viene quindi definitivamente chiarita la possibilità di presentare ricorso anche nel caso di giudizi di idoneità piena. Lorgano di vigilanza si configura come una sede di seconda istanza a cui è sempre possibile rivolgersi.

42 GIUDIZIO DI IDONEITà Nel complesso le nuove disposizioni mirano ad eliminare la ridondanza tra medico competente e organismi di cui allArt. 5 della Legge 300 del 1970, legittimando sempre il giudizio del medico competente e assicurando la tutela del lavoratore attraverso listituto del ricorso.

43 GIUDIZIO DI IDONEITà Di fronte ad un giudizio di idoneità con limitazioni il medico competente esprime un parere di compatibilità specifica e mette in gioco la propria competenza per favorire quel processo di integrazione positiva del lavoratore affetto da patologia allinterno dellazienda In tal senso valuta adeguatamente i lavoratori con deficit nelle loro capacità lavorative residue per inserirle nel posto adatto, attraverso lanalisi dei posti di lavoro, di forme di sostegno, di azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti. Il datore di lavoro non può chiedere al lavoratore giudicato idoneo con limitazioni una prestazione non compatibile con le sue minorazioni e nellaffidare i compiti al lavoratore tiene conto delle capacità e delle condizioni dello stesso in rapporto alla sua salute e sicurezza, concordemente con quanto concerne il limite della sua idoneità O ttimizzare l utilizzo delle residue capacità lavorative del lavoratore con idoneità condizionata nel contesto aziendale consente allimpresa di utilizzare al meglio la forza lavoro e al lavoratore di trarre maggior soddisfazione dal lavoro svolto aiutandolo a sentirsi normale

44 GIUDIZI DI IDONEITà difficili Nonostante la Medicina del Lavoro debba promuovere e mantenere il più alto grado di benessere fisico, mentale e sociale del lavoratore e nonostante che il lavoro deve essere adattato alluomo e non viceversa, nonostante i miglioramenti delle condizioni di lavoro da un punto di vista igienico ed ergonomico che aprono un la possibilità di un migliore inserimento lavorativo dei soggetti portatori di patologia, i giudizi di idoneità possono portare alla discriminazione di soggetti invalidi per quanto riguarda il diritto al lavoro

45 GIUDIZIO DI IDONEITà di un lavoratore disabile Di fronte ad un lavoratore disabile, egli stesso può chiedere che venga accertata la compatibilità delle mansioni a lui affidate con il proprio stato di salute indipendentemente dalla presenza di rischi normati. Nelle medesime ipotesi il datore di lavoro può chiedere che vengano accertate le condizioni di salute del disabile per verificare se, a causa delle sue minorazioni, possa continuare ad essere utilizzato presso l'azienda. Il rapporto di lavoro può essere risolto nel caso in cui, anche attuando i possibili adattamenti dell'organizzazione del lavoro, si accerti la definitiva impossibilità di inserire il disabile all'interno dell'azienda.

46 GIUDIZIO DI IDONEITà di un lavoratore disabile UN CORRETTO APPROCCIO VALUTATIVO DEVE NECESSARIAMENTE FONDARSI SUI SEGUENTI CRITERI UN CORRETTO APPROCCIO VALUTATIVO DEVE NECESSARIAMENTE FONDARSI SUI SEGUENTI CRITERI: DIAGNOSI CLINICA CERTA ED ACCURATA DIAGNOSI CLINICA CERTA ED ACCURATA, SOPRATTUTTO NEI TERMINI DELLA INFERMITA, ESAMINANDO LA SUA EVENTUALE EMENDABILITA TERAPEUTICA E LA SUA POTENZIALE EVOLUTIVITA. INQUADRAMENTO DELLA MENOMAZIONE RAPPORTANDOLA ALLATTIVITA LAVORATIVA INQUADRAMENTO DELLA MENOMAZIONE RAPPORTANDOLA ALLATTIVITA LAVORATIVA ED ALLEVENTUALE USURA VERIFICANDO CONTEMPORANEAMENTE IL REQUISITO DELLA SUA PERMANENZA, QUALE STATO SOMATO-PSCICHICO DUREVOLE SENZA PREVISIONE DI CAMBIAMENTO A BREVE SCADENZA. Vale il principio per cui è indispensabile valutare la capacità complessiva individuale residua, in quanto conta non tanto quanto si è perso, ma, soprattutto, quel che è residuato al fine di consentire il recupero e di attribuire al singolo caso la valenza assistenziale che gli compete nella prospettiva di una sua idonea integrazione lavorativa

47 GIUDIZIO DI IDONEITà di un lavoratore disabile IN ALTRI TERMINI: IL PUNTO DI PARTENZA E COSTITUITO DALLA MENOMAZIONE DELLA INTEGRITA PSICO-FISICA CHE RAPPRESENTA LELEMENTO VALUTATIVO FONDAMENTALE. IL PUNTO DI ARRIVO: IL DISABILE DEVE ESSERE DEFINITO NON SOLO PER LA CAPACITA FUNZIONALE PERDUTA, MA ANCHE E SOPRATTUTTO PER LA SUA CAPACITA FUNZIONALE RESIDUA AL FINE DI CONSENTIRE IL SUO RECUPERO ED IL SUO POSSIBILE COLLOCAMENTO LAVORATIVO IN MANSIONE CONGRUE AL SUO STATO E del tutto evidente che una precisa quantificazione medico-legale di una menomazione rappresenta la fase preliminare per lapprezzamento di un eventuale danno.

48 GIUDIZIO DI IDONEITà di un lavoratore disabile IL REQUISITO DELLA PERMANENZA QUALE STATO SOMATO-PSCICHICO DUREVOLE SENZA PREVISIONE DI CAMBIAMENTO A BREVE SCADENZA E IL MECCANISMO DELLA RIVEDIBILITA ALCUNE PATOLOGIE, BENCHE A BREVE SCADENZA NON PRESENTANO GENERALMENTE VARIAZIONI SIGNIFICATIVE SUL PIANO CLINICO TALI DA DETERMINARE VARIAZIONI DEL GRADO DI INVALIDITA, IN TEMPI PIU LUNGHI, POSSONO INVECE PRESENTARE SOSTANZIALI MUTAMENTI, SIA IN SENSO POSITIVO, GRAZIE ALLA LORO EMENDABILITA TERAPEUTICA, CHE IN SENSO NEGATIVO, PER LA LORO NATURALE EVOLUZIONE, TALI DA DETERMINARE, AI GRADI ESTREMI DI VARIABILITA, UNA CONDIZIONE DI INABILITA ASSOLUTA A QUALSIASI LAVORO O, AL CONTRARIO, LA PERDITA DELLO STATO DI INVALIDITA IN QUANTO LINCIDENZA FUNZIONALE SULLA CAPACITA LAVORATIVA NON RAGGIUNGE PIU LA MISURA RICHIESTA DAL DISPOSTO LEGISLATIVO

49 Obblighi del medico competente CAPO III GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SEZIONE I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 25 Obblighi del medico competente 1. Il medico competente: a) collabora con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, anche ai fini della programmazione, ove necessario, della sorveglianza sanitaria, alla predisposizione della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico- fisica dei lavoratori, allattività di formazione e informazione nei confronti dei lavoratori, per la parte di competenza, e alla organizzazione del servizio di primo soccorso considerando i particolari tipi di lavorazione ed esposizione e le peculiari modalità organizzative del lavoro. Collabora inoltre alla attuazione e valorizzazione di programmi volontari di promozione della salute, secondo i principi della responsabilità sociale; b) programma ed effettua la sorveglianza sanitaria di cui allarticolo 41 attraverso protocolli sanitari definiti in funzione dei rischi specifici e tenendo in considerazione gli indirizzi scientifici più avanzati;

50 Obblighi del medico competente CAPO III GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SEZIONE I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 25 Obblighi del medico competente c) istituisce, aggiorna e custodisce, sotto la propria responsabilità, una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Tale cartella è conservata con salvaguardia del segreto professionale e, salvo il tempo strettamente necessario per lesecuzione della sorveglianza sanitaria e la trascrizione dei relativi risultati, presso il luogo di custodia concordato al momento della nomina del medico competente; d) consegna al datore di lavoro, alla cessazione dellincarico, la documentazione sanitaria in suo possesso, nel rispetto delle disposizioni di cui al decreto legislativo del 30 giugno 2003 n. 196, e con salvaguardia del segreto professionale;

51 Obblighi del medico competente CAPO III GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SEZIONE I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 25 Obblighi del medico competente e) consegna al lavoratore, alla cessazione del rapporto di lavoro, copia della cartella sanitaria e di rischio, e gli fornisce le informazioni necessarie relative alla conservazione della medesima. Loriginale della cartella sanitaria e di rischio va conservata, nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, da parte del datore di lavoro, per almeno dieci anni, salvo il diverso termine previsto da altre disposizioni del presente decreto; f) ABROGATA; g) fornisce informazioni ai lavoratori sul significato della sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione della attività che comporta lesposizione a tali agenti. Fornisce altresì, a richiesta, informazioni analoghe ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;

52 Obblighi del medico competente CAPO III GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SEZIONE I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 25 Obblighi del medico competente h) informa ogni lavoratore interessato dei risultati della sorveglianza sanitaria di cui allarticolo 41 e, a richiesta dello stesso, gli rilascia copia della documentazione sanitaria; i) comunica per iscritto, in occasione delle riunioni di cui allarticolo 35, al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione protezione dai rischi, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori; l) visita gli ambienti di lavoro almeno una volta allanno o a cadenza diversa che stabilisce in base alla valutazione dei rischi; lindicazione di una periodicità diversa dallannuale deve essere comunicata al datore di lavoro ai fini della sua annotazione nel documento di valutazione dei rischi;

53 Obblighi del medico competente CAPO III GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SEZIONE I MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 25 Obblighi del medico competente m) partecipa alla programmazione del controllo dellesposizione dei lavoratori i cui risultati gli sono forniti con tempestività ai fini della valutazione del rischio e della sorveglianza sanitaria; n) comunica, mediante autocertificazione, il possesso dei titoli e requisiti di cui allarticolo 38 al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

54 Cartella sanitaria e di rischio Il medico competente istituisce, aggiorna e custodisce, sotto la propria responsabilità, una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Tale cartella è conservata con salvaguardia del segreto professionale presso il luogo di custodia concordato tra datore di lavoro e medico competente. Il datore di lavoro conserva loriginale della cartella per almeno 10 anni.

55 La relazione sui risultati anonimi e collettivi I risultati della sorveglianza sanitaria costituiscono una preziosa fonte di informazioni per confermare lefficacia delle misure preventive adottate a seguito della valutazione dei rischi. La sorveglianza sanitaria va quindi oltre la verifica dellidoneità del singolo lavoratore e deve comprendere una valutazione epidemiologica delle risultanze in relazione ai rischi ed alle misure preventive adottate. A tal fine (Art. 25 Comma 1 Lettera i) il medico competente redige annualmente una relazione, elaborata statisticamente, che viene presentata al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione e protezione e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza in occasione della riunione periodica, illustrandone il significato.

56 La relazione sui risultati anonimi e collettivi Questo obbligo, previsto anche dalla normativa previgente, è reso ancor più cogente dal D-Lgs. 81/2008 che prevede che detta relazione: 1.deva essere scritta 2.deve consentire di trarre conclusioni utili ai fini della valutazione dei rischi e della definizione delle misure preventive adottate o da adottare

57 Comunicazione al s.s.n. Lart. 40 del D.Lgs. 81/2008 introduce lobbligo di comunicare annualmente al S.S.N. (Servizio Sanitario Nazionale) alcune informazioni relative ai dati sanitari dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria. In tal modo si intende acquisire in maniera sistematica al meno un primo nucleo di informazioni essenziali sullo stato di salute dei lavoratori e sul fenomeno delle malattie professionali (in genere sottostimato). Le informazioni da comunicare sono indicate nellAllegato 3 B. La definizione dei contenuti e delle modalità di trasmissione era demandata alluscita, entro il 31 dicembre 2009, di un successivo decreto attuativo. In assenza di tali indicazioni i suddetti obblighi di comunicazione non sussistono

58 IL FAMIGERATO ALLEGATO 3 B

59 medico competente Vediamo ora in dettaglio chi è il medico competente

60 LA FIGURA DEL MEDICO COMPETENTE NEL TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: UN COLLABORATORE INDISPENSABILE PER IL DATORE DI LAVORO

61 Chi è il medico competente Il medico competente è il medico incaricato della sorveglianza sanitaria dei lavoratori nei casi in cui ricorre tale obbligo È nominato dal datore di lavoro o dal dirigente (Art. 18 Comma 1 Lettera a) previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Art. 50 Comma 1 Lettera c) È una figura tecnica, scelta in maniera discrezionale dal datore di lavoro. Nello svolgimento delle sue funzioni è vincolato non solo dalle norme deontologiche della professione sanitaria, ma anche da norme specifiche che ne disciplinano in maniera puntuale ruolo e compiti. Sono norme penalmente sanzionate, che hanno il chiaro intendimento di rendere autonomo il medico dalle possibili ingerenze del datore di lavoro o di chiunque altro. Nel D.Lgs. 81/2008 vi è un esplicito richiamo al rispetto del codice etico della Commissione Internazionale di Salute Occupazionale (ICOH). Il datore di lavoro, per parte sua, deve verificare che il medico competente osservi gli obblighi a lui imposti (Art. 18 Comma 1 Lettera g), risultando quindi corresponsabile in caso di inadempienza. In ogni caso il datore di lavoro deve assicurare al medico le condizioni necessarie per lo svolgimento dei suoi compiti, garantendogli lautonomia.

62 I compiti del medico competente valutazione dei rischi Lattività del medico competente non si esaurisce con la sorveglianza sanitaria, egli è un consulente a pieno titolo del datore di lavoro, che collabora con il Servizio di Prevenzione e Protezione per la valutazione dei rischi e lattuazione delle misure di prevenzione con riguardo particolare ai rischi per la salute. Il D.Lgs. 106/2009 ha enfatizzato il ruolo del medico competente nel processo di valutazione dei rischi, introducendo una sanzione, prima non prevista, per il medico che non assicuri la collaborazione al datore di lavoro in questa fase. NOTA: Non è del tutto chiaro se la sua partecipazione alla valutazione dei rischi sia limitata alle sole situazioni in cui ricorre lobbligo della sorveglianza sanitaria.

63 I compiti del medico competente valutazione dei rischi Si deve riconoscere che tra le novità più salienti del decreto 81, integrato dal decreto 106/09, c'è proprio un diverso disegno della figura del medico competente. La figura del medico competente emerge dal nuovo testo sulla sicurezza con caratteristiche nuove rispetto al passato. La spia di questa volontà innovativa del legislatore sta proprio nella definizione che ne dà l'art. 2, lett. h), secondo cui il medico competente è la figura che, in possesso di uno dei titoli di cui all'art. 38, "collabora, secondo quanto previsto dall'art. 29 comma 1, con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto". È rilevante l'assoluta novità consistente nel definire il medico prima di tutto come collaboratore del datore di lavoro nel processo di valutazione dei rischi. CONTRIBUTO DEL DOTTOR BENIAMINO DEIDDA

64 I compiti del medico competente valutazione dei rischi Sembra dunque che il legislatore voglia valorizzare la funzione di consulente del datore di lavoro, soprattutto per ciò che riguarda il processo di valutazione dei rischi, piuttosto che la funzione tecnica del medico che provvede al rilascio dei giudizi di idoneità. Ci si sarebbe aspettati, coerentemente con la tradizionale costruzione in ordine alla responsabilità del collaboratore consulente del datore di lavoro che, per questa sua funzione di consulente, il medico competente non fosse esposto ad alcuna sanzione penale. E invece, e questa è la novità più dirompente, la norma contenuta nell'art. 58 del T.U. punisce il medico competente con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda da 400 a euro per la violazione dell'art. 25 comma 1 lett. a) con riferimento esplicito alla mancata collaborazione con il datore di lavoro nella valutazione dei rischi. È difficile capire a quale esigenza risponda questa scelta del legislatore. Si potrebbe superficialmente pensare che la sanzione debba servire a responsabilizzare maggiormente il medico nella fase della valutazione dei rischi. CONTRIBUTO DEL DOTTOR BENIAMINO DEIDDA

65 I compiti del medico competente valutazione dei rischi Si tratta di una scelta legislativa assai rozza dal momento che si tratta di professionisti per i quali non dovrebbe essere necessaria la prospettazione della sanzione penale per ottenere prestazioni professionali qualificate. Il nuovo testo di legge finisce per colpire il medico competente per una responsabilità che non può essergli ragionevolmente attribuita. Infatti la gestione dell'intero processo di valutazione del rischio sfugge al medico competente, il quale non può prendere l'iniziativa di dare corso alla valutazione dei rischi prescindendo dal datore di lavoro, né può obbligare il datore di lavoro a consultarlo. Infatti la gestione dell'intero processo di valutazione del rischio sfugge al medico competente, il quale non può prendere l'iniziativa di dare corso alla valutazione dei rischi prescindendo dal datore di lavoro, né può obbligare il datore di lavoro a consultarlo. È vero però il contrario: che il datore di lavoro può "obbligare" il medico competente a partecipare alla valutazione dei rischi dal momento che egli ha in mano l'arma formidabile della minaccia di sostituirlo. Poiché nel nostro ordinamento vige il principio della personalità della responsabilità penale, ci si chiede quale obbligo proprio il medico competente abbia in materia di valutazione dei rischi che non è, come è noto, obbligo rivolto principalmente al medico competente, ma al datore di lavoro. Si può ragionevolmente aggiungere che qualche censura si potrebbe rivolgere invece al medico competente che rifiuti di partecipare alla valutazione dei rischi. CONTRIBUTO DEL DOTTOR BENIAMINO DEIDDA

66 I compiti del medico competente valutazione dei rischi Nella realtà manca al medico competente ogni potere di iniziativa ed ogni strumento giuridico per costringere il datore di lavoro a farlo partecipare al processo di valutazione. La logica (giuridica) sottesa a questa previsione vorrebbe che fosse il datore di lavoro a dover chiedere l'adempimento da parte del medico e ad essere sanzionato se la valutazione dei rischi non vede la partecipazione del medico competente (tanto più che, in mancanza di adempimento da parte del medico, egli può certamente procedere alla sua sostituzione). Si tratta di un sistema, fino ad ora profondamente rispettoso della diversità dei ruoli del committente e del consulente, che viene improvvisamente stravolto dall'introduzione di un'autonoma sanzione penale per il medico competente che 'non collabora'. Ma, come abbiamo dimostrato, non vi è nessuna ragione perché i compiti tipici del datore di lavoro si trasferiscano al consulente determinandone una qualche responsabilità. I consulenti proprio perche consulenti erano esonerati dalla responsabilità perché non si può trasferire sul consulte parte o tutto lobbligo cui è tenuto il datore di lavoro CONTRIBUTO DEL DOTTOR BENIAMINO DEIDDA

67 I compiti del medico competente valutazione dei rischi il medico competente è titolare di una duplice funzione Egli sta, per così dire, a cavallo tra la linea consultiva (quale consulente del datore di lavoro in materia di salute dei lavoratori) e la linea operativa (in quanto è chiamato a prestare la sua opera di medico, titolare di conoscenze scientifiche che pone al servizio dei lavoratori). Da questa doppia funzione dovrebbe in teoria discendere la responsabilità penale personale per quanto riguarda l'opera di medico ela responsabilità penale personale per quanto riguarda l'opera di medico e lirresponsabilità penale per quanto riguarda l'opera di consulente del datore di lavorolirresponsabilità penale per quanto riguarda l'opera di consulente del datore di lavoro CONTRIBUTO DEL DOTTOR BENIAMINO DEIDDA

68 I compiti del medico competente valutazione dei rischi Introdotta nella norma la sanzione penale per il medico competente non collaborazionista nella valutazione dei rischi Lobbligo della valutazione dei rischi spetta al datore di lavoroLobbligo della valutazione dei rischi spetta al datore di lavoro Lobbligo non è del medico competenteLobbligo non è del medico competente È compito del datore di lavoro avviare il processo di valutazione dei rischiÈ compito del datore di lavoro avviare il processo di valutazione dei rischi Il datore di lavoro può obbligare il medico competente a partecipare alla valutazione dei rischi, pena la revoca dellincaricoIl datore di lavoro può obbligare il medico competente a partecipare alla valutazione dei rischi, pena la revoca dellincarico Di fronte ad una eventuale inerzia del datore di lavoro al medico competente manca invece ogni potere di iniziativaDi fronte ad una eventuale inerzia del datore di lavoro al medico competente manca invece ogni potere di iniziativa È ingiusto in questi casi che sia attribuita la condotta omissiva al medico competenteÈ ingiusto in questi casi che sia attribuita la condotta omissiva al medico competente Non vi è nessuna ragione perché i compiti tipici del datore di lavoro si trasferiscano al consulente determinandone una qualche responsabilità Non si può trasferire sul consulte parte o tutto lobbligo cui è tenuto il datore di lavoroNon si può trasferire sul consulte parte o tutto lobbligo cui è tenuto il datore di lavoro La responsabilità del medico competente viene individuata solo in quei casi in cui il datore di lavoro lo abbia formalmente ed esplicitamente invitato e sollecitato a partecipare ed il medico si sia comunque sottratto allimpegnoLa responsabilità del medico competente viene individuata solo in quei casi in cui il datore di lavoro lo abbia formalmente ed esplicitamente invitato e sollecitato a partecipare ed il medico si sia comunque sottratto allimpegno PISA sentenza di condanna cha ha fatto discutere Riassumendo

69 Nomina del medico competente Una domanda che spesso ci si pone è: ai sensi delle disposizioni di cui al D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, il datore di lavoro è comunque obbligato a nominare un medico competente o è tenuto a farlo soltanto nel caso in cui sussiste lobbligo di sottoporre a sorveglianza sanitaria i propri lavoratori dipendenti ? Sullargomento necessita effettuare un approfondimento (contributo dellIng. Gherardo Porreca) I compiti del medico competente sono descritti nellart. 25 dello stesso decreto come obblighi, penalmente sanzionati. A seguito di una attenta lettura di tale articolo si osserva che la sorveglianza sanitaria è solo uno degli obblighi di questa figura professionale in quanto se ne possono individuare altri che con la sorveglianza sanitaria stessa non hanno nulla a che fare. Più precisamente l'art. 25 fissa sostanzialmente e chiaramente i settori di operatività del medico competente in azienda e li individua in una fase preliminare collaborativa e di consulenza medica ed in una fase successiva ed eventuale di sorveglianza sanitaria.

70 Nomina del medico competente Il primo obbligo/compito che l'art. 25 assegna al medico competente è quello della collaborazione con il datore di lavoro in base al quale il medico competente (Comma 1 Lettera a): collabora con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, anche ai fini della programmazione, ove necessario, della sorveglianza sanitaria,... Omissis... Con la lettera b) vengono poi affidate al medico competente le incombenze relative alla programmazione ed alla effettuazione della sorveglianza sanitaria, se necessaria, e quindi con le lettere dalla c) alla i) tutte le altre incombenze collegate alla sorveglianza sanitaria.

71 Nomina del medico competente Larticolo 18 del Testo Unico inerente gli obblighi del datore di lavoro e dei dirigenti, daltro canto, se pure al comma 1 lettera a) indica che gli stessi devono nominare il medico competente per leffettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal Testo Unico, lasciando quindi pensare indirettamente, a seguito di una prima e non approfondita lettura, che la presenza del medico competente fosse necessaria soltanto nel caso di obbligatorietà della sorveglianza sanitaria, alla lettera g) dello stesso comma 1 indica però che il datore di lavoro e i dirigenti devono richiedere al medico competente losservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto e quindi, di conseguenza, losservanza anche di tutti gli obblighi riportati nellart. 25 compreso anche quello relativo alla collaborazione alla valutazione dei rischi. Quindi, a seguito di una lettura combinata dei due citati articoli 25 e 18 discende senza ombra per lo meno il dubbio che il primo intervento che il medico competente sia chiamato ad operare presso qualsiasi azienda è quello della collaborazione, quale consulente medico, nella valutazione dei rischi e nella gestione della sicurezza sul lavoro e che solo successivamente può essere nominato per la effettuazione della eventuale sorveglianza sanitaria.

72 Nomina del medico competente Ora si osserva che l'affermazione appena fatta sul ruolo che il medico competente deve rivestire nella organizzazione della sicurezza nei luoghi di lavoro, benché sembra essere la più logica e la più conforme all'esigenza di garantire le migliori condizioni per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, viene contrastata da una interpretazione, che per la verità si riscontra anche abbastanza diffusa, secondo la quale il medico competente debba essere invece nominato dal datore di lavoro soltanto nel caso in cui vi sia dellobbligo della sorveglianza sanitaria, convinzione che deriva un po' in verità dalla lettura di alcune espressioni, anche contraddittorie, presenti nel Testo Unico a partire dallart. 18 comma 1 lettera a) il quale, nellintrodurre lobbligo da parte del datore di lavoro di nominare il medico competente, indica letteralmente che Il datore di lavoro e i dirigenti, che organizzano e dirigono le stesse attività secondo le attribuzioni e competenze ad essi conferite, devono: a)nominare il medico competente per leffettuazione della sorveglianza sanitaria previsti dal presente decreto legislativo quando sarebbe stato più opportuno aggiungere e di tutti gli altri compiti previsti dal presente decreto legislativo cosi come poi è stato fatto del resto nel successivo punto g) dello stesso articolo.

73 Nomina del medico competente Non appare poi tanto coerente il legislatore con quanto appena detto in alcuni passaggi dello stesso Testo Unico come ad esempio nel medesimo articolo 18 al punto d) allorquando, nellintrodurre lobbligo da parte del datore di lavoro di fornire ai lavoratori i necessari ed idonei dispositivi di protezione individuale, precisa che ciò va fatto sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente, o allorquando con lart. 35, riferito allobbligo della riunione periodica, indica che alla riunione medesima, oltre che al datore di lavoro o ad un suo rappresentante, al RSPP ed al RLS, partecipa anche il medico competente ove nominato, lasciando così intendere con queste espressioni ("ove presente" e "ove nominato") che si possano verificare dei casi di attività lavorative in cui non sia necessaria la presenza del medico competente anche nella fase collaborativa riguardante la organizzazione della sicurezza nellazienda e che precede la fase della effettuazione della valutazione dei rischi.

74 Nomina del medico competente Con lart. 29, poi, riportante le modalità di effettuazione della valutazione dei rischi, il legislatore è arrivato addirittura a contraddirsi rispetto a quanto già indicato nellart. 25 dello stesso decreto legislativo in quanto al comma 1 dispone che Il datore di lavoro effettua la valutazione ed elabora il documento di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a), in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, nei casi di cui all'articolo 41, articolo che riguarda la sorveglianza sanitaria, lasciando intendere ancora una volta che la collaborazione del medico competente è richiesta solo nei casi in cui è obbligatoria appunto la sorveglianza sanitaria contrariamente a quanto già aveva esplicitamente indicato nellart. 25 citato con il quale il medico competente (lettera a) viene chiamato a collaborare con il datore di lavoro e con il RSPP alla valutazione dei rischi anche ai fini di programmare, ove necessario, la sorveglianza sanitaria medesima.

75 Nomina del medico competente Ed ancora analogamente il legislatore, con lart. 45 del Testo Unico riguardante il primo soccorso, richiede al datore di lavoro, tenendo conto della natura della attività svolta e delle dimensioni dellazienda o della unità produttiva, di prendere i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza sentito il medico competente ove nominato contrariamente a quando già indicato con il citato art. 25 che chiama invece il medico competente a collaborare con il datore di lavoro nella organizzazione proprio del servizio di primo soccorso, prendendo in considerazione i particolari tipi di lavorazione e di esposizione e le peculiari modalità organizzative del lavoro.

76 Nomina del medico competente mancanza di chiarezza che invece nella circostanza è assolutamente necessaria se si pensa che si ha a che fare con degli obblighi penalmente sanzionati in definitiva, che il medico competente andrebbe individuato prima della valutazione dei rischi e prima della individuazione dell'obbligo della sorveglianza sanitaria A parte quindi queste sviste e queste palesi contraddizioni che comunque ingenerano dei dubbi nel lettore e costituiscono una mancanza di chiarezza che invece nella circostanza è assolutamente necessaria se si pensa che si ha a che fare con degli obblighi penalmente sanzionati, una interpretazione logica porta a concludere che il medico competente, congiuntamente al responsabile del servizio di prevenzione e protezione, o dello stesso datore di lavoro, è tenuto, previa una visita preventiva in azienda per rendersi conto della organizzazione della stessa e delle problematiche legate ai luoghi di lavoro, a partecipare alla valutazione dei rischi per quanto di propria competenza ed a suggerire al datore di lavoro le misure da attuare in azienda per tutelare la salute e la integrità psico-fisica dei lavoratori, nonché a collaborare nella redazione del documento di valutazione dei rischi che, si rammenta, dovrà riportare il suo nominativo, quale medico competente che ha partecipato alla valutazione dei rischi e ciò a conferma, in definitiva, che il medico competente andrebbe individuato prima della valutazione dei rischi e prima della individuazione dell'obbligo della sorveglianza sanitaria.

77 Nomina del medico competente Non di meno gli estensori della norma, in via informale, si sono espressi indicando che la collaborazione del medico competente è richiesta solo nei casi in cui è obbligatoria la sorveglianza sanitaria. Daltra parte risulta difficile immaginare un rapporto di lavoro con lazienda che non necessiti della sorveglianza sanitaria.

78 I compiti del medico competente La sua attività inizia negli ambienti di lavoro che visita di norma una volta lanno. Il medico può comunque decidere una diversa periodicità, comunicandola al datore di lavoro che la annota nel documento di valutazione dei rischi. Non vi è più lobbligo, previsto dalla normativa previgente, di effettuare i sopralluoghi congiuntamente al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Il medico competente collabora alla programmazione delle indagini ambientali per la valutazione dellesposizione, mentre sul datore di lavoro ricade lobbligo di fornirgli tempestivamente i risultati, anche ai fini dellannotazione nelle cartelle sanitarie e di rischio (Art. 25 Comma 1 Lettera m). Collabora inoltre allorganizzazione del Primo Soccorso, adattando le misure generiche previste dalla normativa alla tipologia dei rischi, con particolare rigurado alla definizione dei presidi medico-chirurgici. Partecipa allattività di informazione e formazione dei lavoratori.

79 I compiti del medico competente Una novità di rilievo è rappresentata dal ruolo del medico competente nellattuazione di programmi volontari di promozione della salute. non vi può essere sicurezza sul lavoro se non nel contesto di una sicurezza globale e della prevenzione di tutti i fattori di rischio, lavorativi ed extralavorativi Questa indicazione prefigura un modello diverso e più vicino e più vicino a quello di altri paesi europei, nei quali la sorveglianza sanitaria in azienda non è più solo il controllo periodico dellidoneità lavorativa, ma unoccasione di prevenzione a tutto campo, che affronta anche tematiche legate agli stili di vita, secondo unidea, ancora poco radicata nel nostro paese, che non vi può essere sicurezza sul lavoro se non nel contesto di una sicurezza globale e della prevenzione di tutti i fattori di rischio, lavorativi ed extralavorativi.

80 NELLAMBITO DELLA PREVENZIONE, LORGANISMO PARITETICO (UNIONE INDUSTRIALE PRATESE - C.G.I.L. - C.I.S.L. - U.I.L.) HA COMMISSIONATO UNO STRUMENTO INFORMATIVO SUI RISCHI TRASVERSALI. IL LAVORO E COORDINATO DALLA F.I.L. (FORMAZIONE INNOVAZIONE LAVORO). FINANZIATO DALLA PROVINCIA DI PRATO. E COSTITUITO DA PAGINE MOBILI DA INSERIRE NEI MANUALI PER LA SICUREZZA DEGLI OPERATORI IN AZIENDA. MI E STATA AFFIDATA LA PARTE CHE TRATTA I PROBLEMI ALCOL-CORRELATI E I PROBLEMI LEGATI A ERRORI NELLALIMENTAZIONE.

81 I compiti del medico competente la promozione dellasalute del lavoratore Il medico del lavoro deve pertanto profondere un maggior impegno e ricoprire un ruolo preminente allinterno dellazienda per perseguire lo scopo prefissato: la promozione della salute del lavoratore. ruolo pubblicistico Dovrà essere valorizzata ulteriormente la sua figura nel ruolo pubblicistico che gli compete. salute del cittadino Questa mancanza di delimitazione fra problematica occupazionale e vita extralavorativa deve prospettare un nuovo atteggiamento culturale verso il problema, non confinando più il lavoratore unicamente nel suo ambito aziendale, passando così dal concetto di salute del lavoratore a quello più ampio di salute del cittadino E auspicabile a tal fine una maggiore collaborazione tra medici del lavoro e medici di base, che oggi presenta spesso eccessiva criticità.

82 Obblighi del datore di lavoro nei riguardi del medico competente A questo punto può essere utile un riepilogo sullargomento

83 Obblighi del datore di lavoro nei riguardi del medico competente ObblighiRiferimento normativo Nominare il medico competente, previa consultazione del RLS nei casi in cui vige lobbligo della sorveglianza sanitaria Art. 18 Comma 1 Lettera a) Assicurare al medico competente le condizioni necessarie per lo svolgimento dei compiti garantendone lautonomia Art. 39 Comma 4 Fornire al medico competente informazioni su natura dei rischi, risultati della valutazione dellesposizione dei lavoratori, organizzazione del lavoro, programmazione e attuazione delle misure preventive e protettive, impianti e processi produttivi, infortuni e malattie professionali, provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza Art. 18 Comma 2

84 Obblighi del datore di lavoro nei riguardi del medico competente ObblighiRiferimento normativo Richiedere al medico competente losservanza degli obblighi a lui demandati Art. 18 Comma 1 Lettera g) Inviare a visita medica i lavoratori entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria Art. 18 Comma 1 Lettera g) Vigilare affinché i lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità Art. 18 Comma 1 Lettera bb) Attuare le misure indicate dal medico competente e, nel caso di inidoneità alla mansione specifica, adibire il lavoratore, ove possibile, ad altra mansione compatibile con il suo stato di salute Art. 42 Comma 1

85 Obblighi del datore di lavoro nei riguardi del medico competente ObblighiRiferimento normativo Comunicare tempestivamente la cessazione del rapporto di lavoro dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria Art. 18 Comma 1 Lettera g-bis) In caso di effetti sanitari imputabili allesposizione segnalati dal medico competente rivedere il documento di valutazione dei rischi e le misure di prevenzione Art. 29 Comma 3 Garantire a propria cura e spese lesecuzione delle visite mediche, degli esami clinici e biologici e degli accertamenti diagnostici mirati al rischio, ritenuti necessari dal medico competente Art. 41 Comma 4

86 Obblighi del datore di lavoro

87

88 Obblighi del datore di lavoro OBBLIGHI del medico OBBLIGHI BUROCRATICI Sono finiti i bei tempi della 303 in cui bastava fare la prevenzione delle malattie professionali

89 bibliografia 1 - Il Testo Unico della Salute e Sicurezza sul Lavoro dopo il Correttivo (D.Lgs. N. 106/2009) a cura di Michele Tiraboschi e Lorenzo Fantini – Edizioni Giuffrè Editore 2009 (Riferimento prevalente) 2 - La figura del medico competente nel Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro: un collaboratore indispensabile per il datore di lavoro – intervento dellIng. Gherardo Porreca Tecnopatie Emergenti: Le patologie dellarto superiore1° Convegno dellAssociazione Medici del Lavoro della Provincia di Prato (2007) 3 – Tecnopatie Emergenti: Le patologie dellarto superiore - 1° Convegno dellAssociazione Medici del Lavoro della Provincia di Prato (2007) 4 – Inserimento lavorativo del soggetto disabile – intervento del Prof. Piero Sartorelli – Volterra – Assunzione degli invalidi civili – intervento Dr. T. Cassina – Congresso Nazionale ANMA – Manuale per linserimento dei disabili nel mondo del lavoro – Carlo Ponzecchi, Fabio Filippi – F.I.L. S.p.a. Prato e Regione Toscana – Inserimento dei disabili nel modo del lavoro – lezione Dr. Fabio Filippi - F.I.L. S.p.a. Prato – Decreto legislativo numero 8 – Decreto legislativo numero 81/2008 coordinato con L.88/09 e D.L. 106/ Compiti e responsabilità del medico competente - Marzo 2011

90 NELLA SPERANZA DI NON AVERVI UBRIACATI DI NORME E NOTIZIE GRAZIE PER LATTENZIONE

91 La lezione è scaricabile dal sito:


Scaricare ppt "Il medico competente La sorveglianza sanitaria Dottor Fabio Filippi 05/06/2012."

Presentazioni simili


Annunci Google