La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Business Plan per il passaporto informativo Marzo 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Business Plan per il passaporto informativo Marzo 2012."— Transcript della presentazione:

1 1 Business Plan per il passaporto informativo Marzo 2012

2 2 Il modello economico (key value driver della gestione caratteristica) L Action Plan e larticolazione del BP Condizioni e vincoli allimplementazione del BP Problemi ricorrenti nella redazione del Piano Aspetti problematici nella rappresentazione dei dati finanziari attesi Business Plan Aspetti applicativi

3 3 Da Guida al Piano industriale Aspetti applicativi Da Guida al Piano industriale …Borsa italiana Il modello economico

4 4 da Guida al piano industriale … Borsa Italiana

5 5 Il modello economico (key value driver della gestione caratteristica) L Action Plan e larticolazione del BP Condizioni e vincoli allimplementazione Problemi ricorrenti nella redazione del Piano Aspetti problematici nella rappresentazione dei dati finanziari attesi Business Plan Aspetti applicativi

6 6 LAction Plan deve enunciare in termini sintetici le principali direttive tramite cui dare attuazione al progetto strategico. Deve enunciare linsieme di azioni che consentono la realizzazione delle intenzioni strategiche, con la specifica dellimpatto in termini economico-finanziari e della tempistica stimata per limplementazione la descrizione degli investimenti che saranno realizzati, evidenziandone lammontare, la tipologia, gli esercizi di riferimento e le voci patrimoniali su cui andranno ad impattare; limpatto organizzativo delle singole azioni in termini di Business Model, struttura manageriale, organico aziendale, aree geografiche da coprire, canali distributivi e struttura commerciale; Business Plan Action plan /1

7 7 gli eventuali interventi sul portafoglio prodotti/servizi/brand offerti alla clientela; le azioni con le quali si intende realizzare un eventuale mutamento del target di clientela da servire; il sistema di responsabilità ovvero lindicazione dei manager responsabili delle azioni programmate; le condizioni/vincoli che possono influenzare la realizzabilità delle azioni. Business Plan Action plan /2

8 8 Business Plan Action plan /3

9 9 Il modello economico (key value driver della gestione caratteristica) L Action Plan e larticolazione del BP Condizioni e vincoli allimplementazione Condizioni e vincoli allimplementazione Problemi ricorrenti nella redazione del Piano Aspetti problematici nella rappresentazione dei dati finanziari attesi Business Plan Condizioni e vincoli

10 10 Il modello economico (key value driver della gestione caratteristica) L Action Plan e larticolazione del BP Condizioni e vincoli allimplementazione Problemi ricorrenti nella redazione del Piano Problemi ricorrenti nella redazione del Piano Aspetti problematici nella rappresentazione dei dati finanziari attesi Business Plan Condizioni e vincoli

11 11 La remunerazione dei promotori Il coordinamento temporale Il principio di attendibilità Fattori critici carenti Coordinamento tra rappresentazione economico/patrimoniale e finanziaria Business Plan Problemi ricorrenti

12 12 Area economica Area patrimoniale Business Plan Le variabili correlate

13 13 Il modello economico (key value driver della gestione caratteristica) L Action Plan e larticolazione del BP Condizioni e vincoli allimplementazione Problemi ricorrenti nella redazione del Piano Aspetti problematici nella rappresentazione dei dati finanziari attesi Aspetti problematici nella rappresentazione dei dati finanziari attesi Business Plan I dati finanziari

14 14 Articolazione temporale della rappresentazione e i picchi stagionali Metodo indiretto o diretto? Onerosità flussi di tesoreria Articolazione tipologia avanzi/disavanzi Pre o post money? Business Plan I dati finanziari

15 15 Art cc: portata innovativa Art. 161 R.D. 267/1942 L.F. – Domanda concordato: Art. 182 bis R.D. 267/1942 L.F. – Accordo ristrutturazione Art. 67 R.D. 267/1942 L.F. – Azione revocatoria …….. Business Plan e le previsione di legge

16 16 Business Plan E i terzi

17 17 Business Plan …. E budget

18 18 Business Plan Passo dopo passo

19 19 Nella prassi si rileva un limite: questo è la differenza tra la strategia e la scelta delle iniziative rivolta a realizzarla I piani di azioni hanno bisogno di una sorta di mappa che evidenzi il percorso logico con le determinanti di successo e i nessi causale Business Plan Strategia e azioni

20 20 Le azioni (o programmi o progetti si identificano per: Contenuti: cosa fare per dare attuazione alla strategia Tempi (quando avviare e condurre a termine un programma) Responsabili (chi se ne occupa, responsabile e organizzazione) Risorse ( risorse finanziarie richieste, effetto su costi /ricavi e dinamica flussi) Business Plan Strategia e azioni

21 21 Limpresa è Acquirente o Conferitaria? Acquisto o leasing? Autofinanziamento o finanziamento di scopo? Efficienza o sviluppo? Contratto di rete ……? Business Plan E.. Scelte industriali

22 22 Nuovi strumenti finanziari per le PMI Ristrutturazione,sviluppo o gestione ? Politica di capitalizzazione e rating Business Plan E.. fonti

23 23 Freno allo sviluppo dallinefficienza fiscale? (ad esempio, deducibilità interessi Variazioni strutturali allimponibile? Agevolazioni fiscali connesse a singole operazioni Federalismo fiscale Pianificazione di gruppo, trasparenza, contratti di rete …. Scegliere opzioni fiscali con simulazione di scenari evolutivi Business Plan E pianificazione fiscale

24 24 Verifica della fattibilità operativa/organizzativa Verifica della fattibilità economica Verifica della fattibilità finanziaria Business Plan Cosa chiedere a un bp


Scaricare ppt "1 Business Plan per il passaporto informativo Marzo 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google