La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio."— Transcript della presentazione:

1 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DI IVREA, PINEROLO E TORINO A cura di: Lorenzo Ferreri Andrea Gippone Riccardo Petrignani componenti del gruppo di Studio Enti No Profit Volontariato e disabilità: Ideali, solidarietà, sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Torino, 24 febbraio 2010

2 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Enti non commerciali destinatari di agevolazioni O.N.L.U.S. ai sensi del D.Lgs. 460/97 Analisi di un caso pratico A cura del Dottor Lorenzo Ferreri A cura del Dottor Andrea Gippone A cura del Dottor Riccardo Petrignani Trattandosi di un argomento vasto e complesso i Relatori si concentreranno sui seguenti Enti Non Commerciali ed alla disamina di un case study:

3 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Premessa Il Codice Civile individua tre figure giuridiche qualificabili come enti no profit: Associazioni Fondazioni Comitati

4 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Panoramica del mondo no profit FONDAZIONI: Fondazioni ordinarie Fondazioni enti lirici (D.lgs. n. 367 del 1996) Fondazioni bancarie ( L. n. 218 del 1990 legge Amato) Fondazioni assistenziali (L. n del 1890) Fondazioni di istruzione agraria (L. n. 770 del 1913) Fondazioni scolastiche (R.D.M. n del 1928) Fondazioni universitarie (R.D. n del 1933; art. 59 co. 3 Legge n. 388 del 2000 e D.P.R. 254 del 2001) Fondazioni culturali (D.lgs. n. 368 del 1998)

5 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Panoramica del mondo no profit ASSOCIAZIONI: Associazioni generiche riconosciute o non riconosciute - Vi sono inoltre le associazioni strutturalmente qualificate per beneficiare delle agevolazioni fiscali:

6 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Panoramica del mondo no profit Associazioni sportive dilettantistiche (L. n. 398/1991) Pro loco (L. 398/1991) Associazioni di promozione sociale (L. n. 383/2000) Organizzazioni di volontariato (L. n. 266/1991) Organizzazioni di volontariato di protezione civile (L. n. 225/1992) Istituzioni culturali (L. n. 534/1996) Associazioni di consumatori (L. n. 281/1998) Associazioni e circoli di cultura cinematografica (L. n. 1213/1965 e D.Lgs. n. 28/2004)

7 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Panoramica del mondo no profit Altre figure: ONLUS (D.Lgs. n. 460/1997) Impresa sociale (D.Lgs. n. 155/2006) Società di mutuo soccorso (art. 11 della L. n. 3818/1886) Organizzazioni non governative riconosciute dal Ministero degli Esteri (L. n. 49 del 1987) Ipab - istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza – vecchio e nuovo ordinamento (L. n del 1890 e D.Lgs. n. 207/2001) Cooperative sociali (L. 381/1991)

8 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Interessano in questa sede: Fondazioni universitarie (R.D. n. 1592/1933; art. 59 co. 3 della L. 388/2000; D.P.R. n. 254/2001) Enti di ricerca pubblici o vigilati dal Miur (L. n. 137/2002; D.Lgs. n. 128/2003)) Associazioni di promozione sociale (L. n. 383/2001) ONLUS: Organizzazioni di volontariato (L. n. 266/1991) Cooperative sociali (L. n. 381/1991)

9 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit DEDUZIONI: -Presuppone lesistenza di un reddito -Da diritto a un eventuale credito dimposta DETRAZIONI: -Detrazione dimposta dallimposta lorda Tipologie di agevolazioni per il donante:

10 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit PIU DAI MENO VERSI (L. 80/2005): -Possono donare: persone fisiche, giuridiche e enti non commerciali -Possono ricevere: ONLUS, Associazioni di promozione sociale, le fondazioni e le associazioni riconosciute aventi per oggetto statutario la tutela, promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico, e paesaggistico (art. 14 comma 1) Tipologie di agevolazioni per il donante: Deduzioni

11 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Come può avvenire la donazione? Denaro Prestito di personale Prodotti alimentari e farmaci Altri beni, non di lusso, non commercializzabili

12 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit LE MODALITA DI VERSAMENTO A VOLTE SONO REGOLAMENTATE: -Tramite banca o ufficio postale o altre modalità tassative (previsti dall'art. 23 del D.L. 241/97 e della L. 400/1988 art. 15 comma 1 lettera i-bis e i-ter).

13 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit OBBLIGHI E FORMALITA IN CAPO AL BENEFICIARIO -Redazione rendiconti -Tenuta scritture contabili

14 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit FONDAZIONI UNIVERSITARIE PERSONA FISICA - Deduzione integrale (art. 10, co. 1,lett. l-quater),Tuir) IMPRESA - Deduzione integrale (art. 1, co. 353 L. 266/2005)

15 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit UNIVERSITA PERSONA FISICA - Deduzione integrale (art. 10, co. 1,lett. l-quater),Tuir) IMPRESA - Deduzione integrale (art. 1, co. 353 L. 266/2005)

16 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit ENTI DI RICERCA PERSONA FISICA - Deduzione integrale (art. 10, co. 1,lett. l-quater),Tuir) IMPRESA - Deduzione integrale (art. 1, co. 353 L. 266/2005)

17 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit PERSONE GIURIDICHE CON FINALITA ESCLUSIVE DI ASSISTENZA SOCIALE E SANITARIA E RICERCA SCIENTIFICA IMPRESA - Deduzione 2% dal reddito dimpresa (art. 100, co. 2, lett. a), Tuir)

18 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE CON SCOPO STATUTARIO LO SVOLGIMENTO O LA PROMOZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA IMPRESA - Deduzione integrale (art. 1, comma 353 L. 266/2005)

19 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit FONDAZIONI E ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE DI RICERCA SCIENTIFICA NEL SETTORE DELLA SANITA AUTORIZZATA DAL MINISTERO DELLA SALUTE IMPRESA - Deduzione integrale (art. 100, comma 2, lett. o), Tuir)

20 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE PERSONA FISICA -Detrazione del 19% per importo non superiore a 2.065,82 euro (art. 15, co. 1, lett. i-quater), - Deduzione 10% del reddito nella misura massima di euro annui (art. 14 L. 80/2005) IMPRESA - Deduzione 2% del reddito nella misura massima di euro (art. 100, co 2 lett. l), Tuir) - Deduzione 10% del reddito nella misura massima di euro annui (art. 14 L. 80/2005)

21 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit ONLUS (ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO) (COOPERATIVE SOCIALI) PERSONA FISICA - Detrazione del 19% per importo non superiore a 2.065,83 euro (art. 15, co. 1, lett. i-bis), - Deduzione 10% del reddito nella misura massima di euro annui (art. 14 L. 80/2005)

22 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit ONLUS (ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO) (COOPERATIVE SOCIALI) IMPRESA - Deduzione non superiore a 2.065,83 euro o al 2% del reddito (art. 100, co. 2 lett. h), Tuir) -Deduzione nel limite del 5 per mille delle spese di lavoro dipendente, del personale assunto a tempo indeterminato (art. 100, co. 2, lett. i),Tuir) - Deduzione 10% del reddito con un limite massimo di annui (art. 14 Legge 80/2005) - Cessione gratuita alimentari e farmaci e altri beni non commerciabili (art. 13, comma 2 e 3, D.lgs. 460/1997)

23 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit IL TERMINE ONLUS E STATO INTRODOTTO DAL D.LGS. 460/1997 E QUALIFICA DETERMINATI ENTI QUALI ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE LE ONLUS DEVONO POSSEDERE CONTEMPORANEAMENTE I SEGUENTI REQUISITI: REQUISITI SOGGETTIVI REQUISITI OGGETTIVI REQUISITI STATUTARI CIRCA I REQUISITI SOGGETTIVI, LA NORMA INDIVIDUA QUATTRO TIPOLOGIE DI ENTI: 1.ENTI CHE POSSONO DIVENTARE ONLUS; 2.ENTI CONSIDERATI ONLUS DI DIRITTO; 3.ONLUS PARZIALI; 4.ENTI IN OGNI CASO ESCLUSI

24 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit 1. ENTI CHE POSSONO DIVENTARE ONLUS: LE ASSOCIAZIONI; I COMITATI; LE FONDAZIONI; LE SOCIETA COOPERATIVE; ALTRI ENTI DI CARATTERE PRIVATO 2. ENTI CONSIDERATI ONLUS DI DIRITTO: ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE; COOPERATIVE SOCIALI DI CUI ALLA L.381/91; CONSORZI DI COOPERATIVE SOCIALI

25 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit 3. ENTI CONSIDERATI ONLUS PARZIALI: GLI ENTI ECCLESIASTICI DELLE CONFESSIONI RELIGIOSE CON LE QUALI LO STATO HA STIPULATO PATTI, ACCORDI O INTESE; LE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE REGOLARMENTE ISCRITTE AL REGISTRO O CON IL RICONOSCIMENTO DAL MINISTERO 4. ENTI CHE NON POSSONO ESSERE ONLUS: GLI ENTI PUBBLICI; LE SOCIETA COMMERCIALI; PARTITI E MOVIMENTI POLITICI; LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI; LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

26 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit IL REQUISITO OGGETTIVO E RISPETTATO QUANDO LENTE PERSEGUE UN FINE DI SOLIDARIETA SOCIALE. IN PARTICOLARE DEVE OPERARE ESPRESSAMENTE IN UNO DEI SETTORI INDICATI DALLA NORMA I SETTORI DI ATTIVITA SI SUDDIVIDONO IN DUE RAGGRUPPAMENTI: ATTIVITA A SOLIDARIETA PRESUNTA; ATTIVITA A SOLIDARIETA CONDIZIONATA. RIENTRANO FRA LE ATTIVITA A SOLIDARIETA PRESUNTA: ASSISTENZA SOCIALE SOCIO SANITARIA; BENEFICENZA; TUTELA, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE COSE DI INTERESSE ARTISTICO E STORICO; PROMOZIONE DELLA CULTURA E DELLARTE

27 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit RIENTRANO FRA LE ATTIVITA A SOLIDARIETA CONDIZIONATA: ASSISTENZA SANITARIA; ISTRUZIONE; FORMAZIONE; SPORT DILETTANTISTICO; PROMOZIONE DELLA CULTURA E DELLARTE; TUTELA DEI DIRITTI CIVILI AFFINCHE UNA ONLUS CHE OPERA IN UN SETTORE A SOLIDARIETA CONDIZIONATA MANTENGA IL PROPRIO STATUS, E NECESSARIO CHE INDIRIZZI LA PROPRIA ATTIVITA NEI CONFRONTI DI SOGGETTI BISOGNOSI, COSI COME INDICATO DALLA CIRCOLARE 168/E DEL 1998 EMANATA DAL MINISTERO

28 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit I REQUISITI STATUTARI VENGONO RISPETTATI PREVEDENDO NELLO STATUTO: PERSEGUIMENTO DI FINALITA DI SOLIDARIETA SOCIALE; IL DIVIETO DI SVOLGERE ATTIVITA DIVERSE AD ECCEZIONE DI QUELLE CONNESSE; IL DIVIETO DI DISTRIBUZIONE, ANCHE INDIRETTA, DI UTILI; OBBLIGO DI DEVOLUZIONE DEL PATRIMONIO IN CASO DI SCIOGLIMENTO; OBBLIGO DI REDAZIONE DEL BILANCIO; OBBLIGO DI RISPETTO DEL PRINCIPIO DI DEMOCRATICITA DELLA STRUTTURA; IMPIEGO DI UTILI O AVANZI SOLO PER ATTIVITA ISTITUZIONALI.

29 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit PER ATTIVITA CONNESSE A QUELLE ISTITUZIONALI SI INTENDONO: QUELLE ANALOGHE, SVOLTE NEI SETTORI A SOLIDARIETA CONDIZIONATA, NEI CONFRONTI DI SOGGETTI NON SVANTAGGIATI; LE ATTIVITA ACCESSORIE PER NATURA, IN QUANTO INTEGRATIVE DELLE STESSE. LO SVOLGIMENTO DI TALI ATTIVITA SONO AMMESSE A CONDIZIONE CHE: NON SIANO PREVALENTI RISPETTO A QUELLE ISTITUZIONALI; I RELATIVI PROVENTI NON SUPERINO IL 66% DELLE SPESE COMPLESSIVE DELLORGANIZZAZIONE.

30 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISERVATE ALLE ONLUS SONO LE SEGUENTI: NON RILEVANZA FISCALE DELLE ATTIVITA ISTITUZIONALI; ATTIVITA CONNESSE COMUNQUE DECOMMERCIALIZZATE; SUI CONTRIBUTI EROGATI DA ENTI PUBBLICI NON SI APPLICA LA RITENUTA DEL 4%; IMPOSTA DI REGISTRO IN MISURA FISSA SU ATTI TRASLATIVI DI BENI IMMOBILI. ALLE ONLUS CHE SVOLGONO ESCLUSIVAMENTE ATTIVITA ISTITUZIONALE E CONNESSA (E PERTANTO DECOMMERCIALIZZATA) RIMANE COMUNQUE LA SOGGETTIVITA IRAP PER CIO CHE CONCERNE LE RETRIBUZIONI CORRISPOSTE A DIPENDENTI E COLLABORATORI (CALCOLATA CON IL CSD. METODO RETRIBURTIVO)

31 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit LE ONLUS CHE HANNO FATTO RICHIESTA E RICEVUTO IL CONTRIBUTO DEL 5 PER MILLE, SONO TENUTE A TENERE SEPARATA RENDICONTAZIONE DEL CONTRIBUTO RICEVUTO E DEL SUO IMPIEGO.

32 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Analisi di un caso pratico Una organizzazione di volontariato, regolarmente iscritta nel Registro del Volontariato Piemonte, opera da quindici anni in un piccolo Comune della Provincia di Torino, occupandosi di persone diversamente abili per le quali organizza iniziative di assistenza anche psicologica nei confronti delle famiglie. Dopo tanti anni di operatività sul territorio alcuni aderenti capiscono che lOdV non è lo strumento giuridico più adatto a garantire la continuità dellassistenza a favore dei beneficiari e loro stessi intendono promuovere una iniziativa che possa garantire unazione che prosegua oltre la loro vita terrena. Come agire? Liniziativa è la realizzazione di un Centro polivalente per il recupero fisico di persone diversamente abili

33 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Premesso che non tutte le azioni di volontariato e di beneficienza sono sostenibili dal punto di vista economico, occorre quindi elaborare un piano di fattibilità delliniziativa che si vuole promuovere e conseguentemente scegliere la veste giuridica dellente no profit. Ciò significa INDIVIDUARE i punti di forza e di debolezza delliniziativa che si vuole porre in essere, consentendo in modo distaccato ed obiettivo leffettiva validità del progetto e di ottimizzare luso delle risorse. Gli elementi chiave sono: VISIONE : lideale a cui tende liniziativa MISSIONE : i reali fini delliniziativa OBIETTIVI : come farlo STRATEGIA : con quali mezzi

34 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Elementi alla base delliniziativa VISIONE: lideale a cui tende liniziativa È condivisa da tutti i partecipanti? Vi sono iniziative simili e più forti sul territorio? Risponde ai reali bisogni dei destinatari? E troppo generica o indeterminata? MISSIONE: i reali fini delliniziativa E la scelta migliore? Ci sono altre esigenze ugualmente o maggiormente importanti che ricevono minore attenzione? Ci sono le capacità e le risorse per soddisfarla? OBIETTIVI: come farlo? Ci sono strade alternative per soddisfare liniziativa proposta? E un obiettivo troppo ambizioso? In quanto tempo potrà essere raggiunto? STRATEGIA: attraverso quali mezzi E la migliore possibile? Cosa fanno gli altri operatori presenti? Le prime domande da porsi

35 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Piano di fattibilità delliniziativa Che cosa offrire Identificare le esigenze degli utenti potenziali Definire i servizi da offrire Definire le caratteristiche tecniche dei servizi da offrire Valutare la struttura organizzativa necessaria Identificare gli elementi distintivi rispetto a servizi già presenti A chi e dove Identificare i possibili utenti Definire larea su cui operare Valutare il mercato complessivo Valutare il mercato già occupato da altri players. Come organizzarsi Definire le competenze necessarie Definire le strutture Definire gli spazi necessari Definire le attrezzature necessarie Con quali fondi Erogazioni liberali Raccolta fondi Cinque per mille Il piano in sintesi

36 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Dopo lanalisi del piano di fattibilità i soggetti interessati alliniziativa hanno verificato che sul territorio non esisteva una struttura simile alla loro iniziativa e coinvolgendo in un tavolo di lavoro sia il Comune che lA.S.L. di competenza nonché la popolazione attraverso indagini a campione, sono arrivati a: Ottenere dal Comune un terreno in diritto duso di superficie per costruire il Centro Ottenere un parere scritto dallA.S.L. al fine di stipulare una convenzione per i servizi offerti una volta realizzata la struttura I soggetti interessati alliniziativa quindi hanno scelto di essere soci Fondatori di una Fondazione, che operando a favore di disabili è stata costituita sotto forma di O.N.L.U.S. conferendo la liquidità necessaria al riconoscimento della personalità giuridica da parte della Regione Piemonte.

37 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit dal Comune il permesso a costruire il Centro sul terreno sopra citato da una banca operante nel terzo settore una pre-delibera per accensione di mutuo ipotecario A seguito del riconoscimento della personalità giuridica e quindi della piena operatività dellente, la Fondazione ha ottenuto: dal territorio lintervento della popolazione che ha elargito erogazioni liberali e sostenuto le raccolte fondi la Fondazione essendo ONLUS è entrata negli elenchi degli enti ai quali riconoscere il cinque per mille

38 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ONLUS Effettuati da : Privati o da enti non commerciali Imprese (vedi tabella successiva) Detrazione del 19% in dichiarazione Fino a 2.065, 82 euro

39 Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio Enti No Profit Gruppo di Studio Enti No Profit Natura dellerogazioneBenefici fiscaliLimiti Erogazione liberale in denaroDeduzione dal reddito dimpresa 10% reddito di impresa e comunque fino a =euro Prestito del personale ad Onlus Deduzione del costo del lavoro Fino al 5 per mille del costo totale dei dipendenti


Scaricare ppt "Volontariato e disabilità: ideali, solidarietà sostegno, opportunità legali e fiscali Enti non commerciali destinatari di agevolazioni Gruppo di Studio."

Presentazioni simili


Annunci Google