La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Varallo Pombia (NO) 23-24-25 aprile 2005 Milano, Corso di Formazione ADO per Tecnici Insegnanti Educatori, anno sportivo 2006-2007 Milano, Corso di Formazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Varallo Pombia (NO) 23-24-25 aprile 2005 Milano, Corso di Formazione ADO per Tecnici Insegnanti Educatori, anno sportivo 2006-2007 Milano, Corso di Formazione."— Transcript della presentazione:

1 Varallo Pombia (NO) aprile 2005 Milano, Corso di Formazione ADO per Tecnici Insegnanti Educatori, anno sportivo Milano, Corso di Formazione ADO per Tecnici Insegnanti Educatori, anno sportivo Bresso, Il Laboratorio delle Autonomie – Progetto Amico, 14 novembre 2009 Milano, Corso di Formazione ADO per Tecnici Insegnanti Educatori, anno sportivo lino bellodi, responsabile Formazione A.D.O. nazionale, presidente ADO Lombardia Attività sportive-educative-ricreative per Soggetti disabili o in difficoltà (ANZIANI, IMMIGRATI, CARCERATI, in DISAGIO SOCIALE, PSICHICO) Nuove opportunità, per le Associazioni del Terzo Settore, di partecipare alla programmazione e gestione dei Servizi Socio Educativi a domanda individuale offerti dagli Enti Pubblici

2 La Legge 328/2000 Legge Quadro per la realizzazione del sistema integrato degli Interventi e dei Servizi Socio Assistenziali Sanitari fissano tre aree di intervento: Prima area Servizi con prevalente valenza sanitaria per Utenti Molto Gravi e Gravissimi Seconda area Servizi con valenza assistenziale prevalente su quella sanitaria per Utenti Gravi Terza area Servizi a sola valenza assistenziale e di sostegno (sono escluse le azioni sanitarie) per Utenti di media gravità e lievi Gli Operatori delle prime due Aree devono essere Professionali, le Strutture devono corrispondere a Standards definiti dalle A.S.L. POSSONOsolo Gli Operatori del Terzo Settore POSSONO fornire solo azioni di supporto nellambito della terza Area. La Legge 266/1991 Definisce il ruolo del volontariato La legge 383/2000 Definisce le forme di promozione sociale

3 La scala gerarchica della struttura Socio Assistenziale Sanitaria LA REGIONE LA.S.L. PROVINCIALE LA ZONA (CIRCOSCRIZIONE)= EX DISTRETTO SANITARIO IL COORDINAMENTO DEI COMUNI DEL PIANO DI ZONA LUFFICIO DI PIANO TAVOLO POLITICOTAVOLO TECNICO

4 La legislazione di riferimento Legge 328/2000 Leggi di settore devono essere aggiuntivi I servizi del P. di Z. devono essere aggiuntivi rispetto a quelli istituzionali : Scuola, Assistenza Sanitaria, Assistenza Sociale. Gli Enti Locali sono i Registi del Sistema di programmazione ed indirizzo fra utenti committenti gestori Le aree di intervento Area Anziani Area Minori e Famiglia Area delle Disabilità (fisica, psichica, psicofisica,psichiatrica) Area del disagio ed emarginazione Immigrazione

5 spiritoobiettivi I Piani di Zona : spirito ed obiettivi solidarietà integrazione sviluppo sociale Salvaguardia sfera della salute fisica e mentale Conservazione di solide relazioni famigliari e sociali Potenziamento delle attività educative Offerta di attività ricreative, sportive, culturali Lotta alle situazioni di disagio, allemarginazione Creazione della Comunità Educante Forte azione di prevenzione

6 gli interventi sul territorio (operatività e gestione economica) Tavolo politicoTavolo tecnico Programmano e coordinano Attivano i servizi dove la domanda è forte ed esistono le strutture Attivano i trasporti dove la domanda è debole o mancano le strutture Si usano BONUS e VOUCHER per garantire il diritto di accesso ai servizi anche per Utenti con basso reddito I progetti devono essere condivisi da una rete di soggetti Per la realizzazione dei progetti i proponenti devono investire anche fondi propri NEL PIANO DI ZONA

7 Gradi, qualifiche, competenze Negli Enti Pubblici e Privati Per poter svolgere mansioni Direttive Amministrative Scientifiche Tecniche Assunzione per Titoli ed Esami Nelle Federazioni sportive, negli Enti di Promozione, nell altra Medicina, nelle Discipline Alternative Per identiche mansioni Direttive Amministrative Scientifiche Tecniche ( Qualifiche ) Autorizzazione allesercizio a ½ conseguimento di abilitazioni ( Qualifiche ) rilasciate dalle Associazioni di appartenenza

8 ATTIVITA SPORTIVA Per lofferta del servizio ATTIVITA SPORTIVA possono bastare i gradi e la qualifica interna di ISTRUTTORE ATTIVITA SPORTIVA EDUCATIVA Per lofferta del servizio ATTIVITA SPORTIVA EDUCATIVA lArea delle Discipline Orientali UISP ha deciso di attivare appositi percorsi formativi per Tecnici Insegnanti Educatori una Commissione desame validerà le competenze acquisite, lADO UISP garantirà il valore della Qualifica EDUCATIVA ogni anno, ma solo in presenza di aggiornamenti periodici obbligatori. Tecnico-Insegnante-Educatore La nuova Qualifica di Tecnico-Insegnante-Educatore tutelerà i Soggetti dellAzione Educativa (Utenti, Gestori e Committenti). garantirà la qualità delle prestazioni e dei servizi. al termine dei quali:

9 Il percorso per entrare nella lista dei Soggetti Erogatori di servizi : Individuare quale A.S.L. è competente nel territorio, Individuare quale Ente (Comune, Circoscrizione, ecc.) è competente nel territorio, Accreditare Accreditare la propria Associazione presso i tavoli Politico e Tecnico del locale Piano di Zona, Predisporre il progetto da realizzare in ottica di RETE, Chiedere allAssessore ai Servizi Sociali competente per territorio di condividere il progetto ed inserirlo nella programmazione e nel bilancio dellanno successivo dellEnte, Inserire il progetto nella programmazione del Piano di Zona, Inserire il progetto nel Piano dellOfferta Formativa delle Scuole entro maggio per ladozione nellanno successivo, Presentare il progetto anche a Fondazioni e Sponsor, Il progetto deve contenere momenti di formazione per i propri Operatori, I Soggetti Erogatori devono proporre esperienze documentate, Il Soggetto Erogatore deve indicare, nelle fonti di finanziamento, anche la presenza di fondi propri.

10 La collaborazione con lEnte Locale mediatore (in funzione di mediatore con il Piano di Zona) è indispensabile se manca deve essere COSTRUITA …CONTRIBUISCE A CREARE LA CULTURA DELLA SOLIDARIETA Essere attivi nei Movimenti e nelle Associazioni del Terzo Settore contribuendo ad orientare, dallinterno, le scelte di chi amministra… Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Varallo Pombia (NO) 23-24-25 aprile 2005 Milano, Corso di Formazione ADO per Tecnici Insegnanti Educatori, anno sportivo 2006-2007 Milano, Corso di Formazione."

Presentazioni simili


Annunci Google