La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Napoli, 13 maggio 2005 Viaggio della Ricerca in Italia Il ruolo di Banca Intesa a sostegno della Ricerca e dellInnovazione International and European Affairs.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Napoli, 13 maggio 2005 Viaggio della Ricerca in Italia Il ruolo di Banca Intesa a sostegno della Ricerca e dellInnovazione International and European Affairs."— Transcript della presentazione:

1 Napoli, 13 maggio 2005 Viaggio della Ricerca in Italia Il ruolo di Banca Intesa a sostegno della Ricerca e dellInnovazione International and European Affairs Napoli, 13 maggio 2005 CRUI – Università degli Studi di Napoli Federico II Avv. Alessandra Perrazzelli Head of International and European Affairs

2 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs2 Agenda Banca Intesa: il maggiore Gruppo Bancario italiano Un nuovo ruolo nelleconomia della conoscenza Una Banca per il Paese Il progetto IntesaNova Il progetto IntesaBridge Banca Intesa in Europa per la valorizzazione della R&S - da IntesaNova a IntesaEuropa - collaborazione con BEI e Commissione Europea - in Europa al servizio del Gruppo e dei suoi clienti - missione dellInternational and European Affairs - i servizi dellInternational and European Affairs Riferimenti

3 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs3 Banca Intesa Il maggiore Gruppo Bancario italiano Banca Intesa è il maggiore Gruppo Bancario italiano*: Totale attivo 275 miliardi Prestiti alla clientela 158 mld Massa amministrata della clientela 473 mld 11 milioni di clienti, di cui 3 mln allestero Utile netto consolidato mln (aumento 55,2% rispetto al 2003) Utile attività ordinarie mln (aumento 56,8% rispetto al 2003) *Dati consolidati al 31/12/2004 (bilancio approvato il 14/04/2005)

4 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs4 Per sostenere il processo di crescita del nostro Sistema- Paese, le banche devono oggi passare dallofferta di prodotti allofferta di soluzioni. In un numero sempre maggiore di settori, infatti, sono oramai le componenti intangibili (valore delle risorse umane, proprietà di brevetti, capacità di Ricerca e Sviluppo) ad offrire il maggiore contributo al valore aggiunto generato a livello sistemico. Il sistema bancario è dunque chiamato a finanziare non solo gli investimenti tangibili, quanto piuttosto i cosiddetti intangibles, ovvero a sostenere le scelte strategiche con profili di rischio, forme contrattuali e meccanismi di monitoring diversi da quelli tradizionali. Banca Intesa Un nuovo ruolo nelleconomia della conoscenza

5 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs5 Banca Intesa Una Banca per il Paese Il nostro sostegno alla ricerca, allinnovazione ed al capitale umano: IntesaNova Risorse per le imprese che innovano IntesaBridge Per investire sul futuro degli studenti universitari Da IntesaNova a IntesaEuropa Per accedere alle opportunità di finanziamento del 6° e 7° Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico dellUE

6 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs6 Banca Intesa Il progetto IntesaNova Grazie alla collaborazione con i grandi centri universitari italiani, Banca Intesa è in grado di definire la capacità innovativa di unimpresa o di un progetto. Nel progetto IntesaNova il ruolo dei partner accademici (Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Politecnico di Bari, Università degli Studi di Trento) consiste nel valutare, allinterno dei propri laboratori di R&S, i progetti presentati dalle imprese analizzandone il grado di innovatività, il posizionamento competitivo, i costi, i tempi di realizzazione e la capacità dimplementazione da parte delle imprese. Sulla base della valutazione accademica e del merito di credito, Banca Intesa eroga infine dei finanziamenti senza garanzie reali ed a condizioni vantaggiose per le imprese.

7 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs7 Il progetto IntesaNova Il ruolo dei partner universitari –Valutazione della congruità dei costi di progetto rispetto ai prezzi di mercato ed alle caratteristiche tecniche dellinnovazione: -realizzazione interna vs acquisizione; -capacità realizzativa -allineamento dei costi al progetto –Valutazione della soluzione tecnologica (architettura) del progetto rispetto allo stato dellarte: -scouting internazionale -tutelabilità -valore assoluto -valore relativo –Supporto tecnologico nel processo di implementazione: -Auditing nello sviluppo prodotto/processo -Realizzazione prototipi -Sperimentazione presso laboratori -Consulenza al processo brevettuale -Marketing delle tecnologie Componente qualitativa integrata nel processo decisionale creditizio Componente di servizi erogati dai partner universitari

8 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs8 Il progetto IntesaNova Struttura dellofferta Innovazione Finale di Processo e di Prodotto è specifica di ogni settore merceologico è sviluppata in azienda non è standardizzabile presso le PMI è spesso innovazione incrementale e non discontinua Innovazione strumentale legata alla diffusione dellICT interviene sulla gestione dellinformazione tra le strutture aziendali: si applica alle imprese di qualunque settore produttivo è standardizzabile Prodotto: finanziamento chirografario a medio termine, durata 3-5 anni a tasso variabile Euribor + range 1% - 2% a seconda del livello di rating (rating ammessi al programma 1-6) Due le famiglie di prodotto già disponibili Questionario descrittivo delle tecnologie in essere Documentazione richiesta Indice tecnologico (confronto con il settore)Assessment del progetto Scheda descrittiva del progetto

9 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs9 - Sulla via della realizzazione del modello di Banca Universale, la valutazione del livello tecnologico é fondamentale per comprendere la realtà dellimpresa. - La valutazione dellinnovazione rende più facile integrare lintervento bancario con le politiche pubbliche locali e nazionali. Il progetto IntesaNova Il valore per Banca, Imprese e Università Banca - Limpresa ha lopportunità di essere valutata dalla Banca sulla base di elementi mai considerati prima. - Laccesso alle consulenze delluniversità è assicurato da un accordo quadro che assicura velocità ed economicità di risposta. - Imprese ammesse a finanziamenti pubblici, ma poi escluse per mancanza di fondi, possono accedere a nuove risorse. Imprese - Linterazione con il tessuto industriale valorizza il complesso di conoscenze scientifiche e tecnologiche prodotte nei laboratori accademici. - Le Università trovano nellalleanza con la Banca lopportunità di far conoscere i propri servizi a migliaia di imprese. - La complementarità delle specializzazioni dei partner universitari realizza un piccolo sistema interuniversitario destinato a espandersi. Università

10 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs10 IntesaBridge è il primo prestito ponte tra lUniversità ed il mondo del lavoro, pensato da Banca Intesa insieme ai piú prestigiosi atenei italiani per dare la possibilità ai giovani studenti universitari di investire con tranquillità sul proprio futuro, e di farlo a condizioni particolarmente vantaggiose. IntesaBridge è, tecnicamente, unapertura di credito in conto corrente. Allo studente che attiva IntesaBridge viene aperto un conto corrente Banca Intesa da cui può prelevare fino a lanno (in due tranche da ogni sei mesi). Su questo importo pagherà un interesse a tasso fisso del 5,6%. Questo prestito non richiede alcuna garanzia né dello studente né dei genitori. Limporto messo a disposizione dello studente può arrivare ad un massimo di e il periodo di finanziamento varia da 10 a 12 anni: 1-3 anni in cui si riceve il denaro, 1 anno- ponte per cercare lavoro e 8 anni per restituire in rate mensili. Banca Intesa Il progetto IntesaBridge

11 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs11 Banca Intesa In Europa per la valorizzazione della R&S Costituzione di una piattaforma europea di interscambio tecnologico e di coordinamento di azioni di R&S a valere sul 7°PQ Offerta di R&S (Centri di ricerca, Università, aziende innovative) Domanda di R&S (Aziende acquirenti di tecnologie) Coordinamento strategico delle attività e implementazione delle sinergie Possibili Partnership Istituzionali: -CRUI -CNR -Camere di Commercio -Regioni AZIONI

12 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs12 Da IntesaNova a IntesaEuropa Il ruolo nelle politiche europee per la crescita Il ruolo di Banca Intesa nel 7°PQ della Commissione Europea sarà quello di collaborare con gli attori coinvolti (centri di ricerca, università e industria), sostenendo la partecipazione delle aziende italiane anche attraverso partnership tecnologiche con i più importanti centri di ricerca/università. Industria: –Fornire servizi per il supporto dei progetti lungo tutto il percorso della partecipazione ai programmi comunitari; –Veicolare linformazione politica che la Commissione vuole trasmettere ad un target di aziende selezionato dal più grande gruppo bancario italiano; –Sostenere la partecipazione dei nuovi Stati Membri attraverso le banche partecipate in Ungheria (CIB), in Slovacchia (VUB) e in Croazia (PBZ). Università e centri di ricerca: –Valorizzare la collaborazione iniziata con i Politecnici di Milano, Torino e Bari e con lUniversità di Trento, estendendo grazie ai finanziamenti comunitari il progetto Intesa Nova anche alla R&S in collaborazione con altri centri di eccellenza. –Contribuire a realizzare il trait dunion tra ricerca e mercato, assumendo il ruolo cruciale di coordinamento e propulsione dei processi di trasferimento di tecnologie e conoscenze scientifiche.

13 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs13 Banca Intesa partecipa con BEI e la Commissione alla definizione del nuovo meccanismo di finanziamento di condivisione dei rischi del 7° Programma Quadro. Obiettivo: costituire una riserva nel budget della Comunità per condividere i rischi finanziari della BEI nellambito del 7° PQ. Funzionamento: il meccanismo permetterà il finanziamento da parte della BEI e delle banche accreditate di progetti di ricerca e sviluppo e di infrastrutture, in particolare progetti europei di ampia portata e con elevati rischi. Beneficiari: grandi e piccole imprese, organizzazioni di ricerca, università incluse in consorzi transnazionali di R&S. Banca Intesa Collaborazione con BEI e Commissione Europea

14 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs14 Banca Intesa In Europa al servizio del Gruppo e dei suoi clienti LUfficio International and European Affairs di Banca Intesa è al servizio del Gruppo Intesa, delle sue partecipate e dei suoi clienti per trovare nuove opportunità di crescita e di sviluppo grazie alle numerose occasioni offerte dai Programmi Comunitari e per assicurare tutta lassistenza necessaria nel tempo; Focalizzazione strategica sullindividuazione delle opportunità di finanziamento nel settore della Ricerca e Sviluppo Tecnologico, attraverso il Sesto e il Settimo Programma Quadro dellUE; Consulenza dedicata nellapproccio con le Istituzioni Comunitarie e coordinamento delle relazioni con tutti gli attori istituzionali.

15 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs15 Missione: rappresentanza nei confronti degli organismi europei ed internazionali delle istanze operative del Gruppo Intesa. Due ambiti di attività: A) Opportunità di affari per il Gruppo e per i clienti in seno allUnione Europea nel settore R&S; B) Supporto su questioni di diritto della concorrenza, della proprietà intellettuale e tributario, in relazione alla partecipazione ai bandi europei. Banca Intesa Missione dellInternational and European Affairs

16 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs16 PROFILI FINANZIARI DEL SUPPORTO AI PROGETTI PER I FONDI EUROPEI Valutazione economico- finanziaria Co-finanziamento Garanzie bancarie EUROPEAN STRATEGIC CONSULTING FOR R&D Consulenza strategica nei contatti con le Istituzioni europee Ricerca partner a livello europeo Presentazione dei progetti presso la Commissione Europea Accompagnamento nella fase di negoziazione dei progetti Organizzazione degli eventi di sponsorizzazione Attività di monitoraggio e lobbying sul 6° e 7° PQ Banca Intesa I servizi dellInternational and European Affairs

17 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs17 RUOLO DEL GRUPPO INTESA SERVIZI CENTRALI E INTERNATIONAL AND EUROPEAN AFFAIRS CLIENTI RICERCA E CONSOLIDAMENTO PARTENARIATI ATTIVITÀ DI LOBBYING SULLA COMMISSIONE EUROPEA FORNITURA DI SERVIZI CONNESSI AI PROGETTI EUROPEI SUPPORTO ALLA PARTECIPAZIONE A PROGETTI EUROPEI (Assistenza tecnica e finanziaria) SELEZIONE E QUALIFICAZIONE DELLA MASSA CRITICA Contatti con i diversi livelli istituzionali in Commissione, Parlamento europeo e BEI; Concertazione con gli altri attori finanziari nazionali ed internazionali; Tavoli permanenti di dialogo con i rappresentanti degli enti locali italiani ed europei di stanza a Bruxelles. ATTIVITÀ Supportare le attività di R&S delle aziende altamente innovative presso le istituzioni comunitarie e promuoverle in ambito europeo; Strategie operative comuni verso gli istituti di ricerca italiani per favorire percorsi di accesso e commercializzazione dellinnovazione tecnologica (spin-off, start-up). CONCORSO ALLA DEFINIZIONE DELLA POLITICA EUROPEA DELLA RICERCA (7°PQ)

18 Napoli, 13 maggio 2005International and European Affairs18 Riferimenti International and European Affairs Brussels Representative Office Square de Meeûs Brussels Phone: +32 (0) Fax: +32 (0)


Scaricare ppt "Napoli, 13 maggio 2005 Viaggio della Ricerca in Italia Il ruolo di Banca Intesa a sostegno della Ricerca e dellInnovazione International and European Affairs."

Presentazioni simili


Annunci Google