La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo ecosistema comunicativo Sistemi tecnologici e informazione on line Proff. ssa Elena Valentini Roma, 18, 19, 25 e 26 marzo 2010 Stato dellarte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo ecosistema comunicativo Sistemi tecnologici e informazione on line Proff. ssa Elena Valentini Roma, 18, 19, 25 e 26 marzo 2010 Stato dellarte."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo ecosistema comunicativo Sistemi tecnologici e informazione on line Proff. ssa Elena Valentini Roma, 18, 19, 25 e 26 marzo 2010 Stato dellarte e prospettive di sviluppo per linformazione

2 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 2 Segnalazione di incontri Lezione del Prof. Felipe Julián Hernández Lorca dell'Università di Murcia, su "Il valore della fotografia nel messaggio informativo, venerdì 26 marzo, ore 9-12, Aula 10 Caserma Sani (corso di Formati e stili del giornalismo radiotv) Lezione evento di sabato 20 marzo (corso di Formati e stili del giornalismo radiotv e Teoria, etica e regolamentazione del giornalismo) –Centro Congressi –Ore –dalle ore alle ore presso il Centro Congressi della Facoltà di Scienze della Comunicazione, al piano terra di via Salaria 113. –Interverranno Mario Morcellini, Alberto Ferrigolo, direttore di "VivaVerdi, il giornale degli Autori e degli Editori" e Alessandro Barbano, giornalista de "Il Messaggero" e docente di Retorica Linguaggi e Stili del Giornalismo e dell'Informazione.

3 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 3 Il nuovo ecosistema comunicativo Mentre un nuovo medium si affianca o si contrappone a quelli esistenti, un ecosistema comunicativo è qualcosa in grado di contenere vari media Lipotesi su cui si basa il testo è che il nuovo ecosistema comunicativo caratterizzato dalla centralità del web modifichi tutti i distinti piani della ricostruzione della realtà compiuta dal giornalismo Fonte: C. Sorrentino, 2008 Perché il libro di Sorrentino? Tre filoni: -Impatto dellinnovazione tecnologica sul giornalismo -Impatto sulle pratiche organizzative e professionali e potenzialità effettivamente sfruttate -Conseguenze già visibili o ipotizzabili Quali temi? -Disintermediazione, abitudini del pubblico, giornalismo partecipativo, nuovi formati e competenze, processi di costruzione della realtà Introduzione alla seconda parte e rapporto con Prima parte Lezioni prof. Medaglia e Ventriglia Lezioni prof. Mallozzi Altri corsi della magistrale

4 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 4 –La ridefinizione dellecosistema comunicativo Il caso Google –Il giornalismo nel nuovo ecosistema informativo Crisi del giornalismo? Monomedialità, multimedialità e crossmedialità –Impatto della crossmedialità Come cambia il lavoro del giornalista Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico I modelli di business il dibattito sullinformazione free vs pay –Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali Agenda

5 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 5 –La ridefinizione dellecosistema comunicativo Il caso Google –Il giornalismo nel nuovo ecosistema informativo Crisi del giornalismo? Monomedialità, multimedialità e crossmedialità –Impatto della crossmedialità Come cambia il lavoro del giornalista Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico I modelli di business il dibattito sullinformazione free vs pay –Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali Agenda

6 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 6 Il caso Google Google come ecosistema? Quale ruolo nellecosistema comunicativo? Google è un editore? >>> Esercitazione

7 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 7 Google come ecosistema informativo? Quali sono le funzioni prevalenti? e i bisogni sociali e individuali che intercetta? Segnalazioni fatte dagli studenti: - estensione dei servizi di Google e rapporto con FB ano_i_social_network_le_ricerche_diventano_in_tempo_reale / - intervista a giornalista americano round_sar_sui_telefonini / Il caso Google

8 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 8 Il caso Google Google è un editore?

9 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 9 Chi è e che ruolo svolge leditore? Editore … da editor -oris: chi dà fuori, chi pubblica, chi organizza, ovvero chi fa stampare - o, prima dellinvenzione della stampa, chi faceva trascrivere - e pubblicare, in tutto o in parte a proprie spese, opere altrui, curandone la divulgazione e la distribuzione (Diz. Enc. Ital.) … multimediale (o elettronica o digitale o ipermediale) off line, on line, dispositivi mobili nuovi strumenti per il trasferimento e la gestione delle informazioni e della conoscenza Fonte: V. Eletti Il caso Google

10 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 10 Google è un editore? Le tesi a favore policefalo e multidirezionale editore Le tesi contro è unautostrada è un distributore è un aggregatore di informazioni e contenuti Problemi di regolamentazione La proposta della Carta dei diritti dei cittadini digitali (Fonte: V. Zambardino, M. Russo, 2009) Il caso Google

11 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 11 Fonte: B. Iyer e T. H. Davenport, 2008 Il caso Google Da cosa trae vantaggio Google?

12 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 12 Google news è cambiato alla radice il rapporto con linformazione La cultura google e il pezzo di informazione Fonte: V. Zambardino, M. Russo, 2009 Il caso Google

13 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 13 Google news e il ruolo di ricerca e selezione di notizie Information overload e crisi dei modi di filtrare i messaggi L'informazione consuma attenzione. Quindi l'abbondanza di informazione genera una povertà di attenzione e induce il bisogno di allocare quell'attenzione efficientemente tra le molte fonti di informazione che la possono consumare (Herbert Simon citato in L. De Biase, 2009) Economia dellabbondanza delle informazioni e della scarsità di attenzione (L. De Biase, 2009) Il caso Google

14 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 14 Il ruolo degli aggregatori di notizie nellecosistema dellinformazione e il rapporto con le fonti Alcuni esempi di aggregatori di notizie –DiggitaDiggita –OKNOtizieOKNOtizie –WikioWikio Nuove abitudini di uso del web? Perché molti editori sono contro? Il caso Google

15 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 15 Google e gli editori tradizionali: quale rapporto e quali reazioni? –Sulla strada della rottura? –Prospettive di collaborazione? Il caso Google

16 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 16 Google e gli editori tradizionali: quale rapporto e quali reazioni? –Sulla strada della rottura? –Prospettive di collaborazione? Il caso Google

17 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 17 Polemiche su google news Ogni giorno spendiamo centinaia e centinaia di milioni per cercare e raccontare notizie in tutto il mondo e non è accettabile che questo lavoro venga rubato dai motori di ricerca come Google, Yahoo e gli altri che fanno fortuna sfruttando il nostro materiale senza pagare niente. Una legge in Francia prevede che chi scarica materiale violando il copyright venga ammonito e poi punito, sono certo che lidea avrà un seguito in America Rupert Murdoch, dicembre 2009 Il caso Google

18 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 18 Hamburg Declaration, giugno 2009 Numerosi operatori di Internet usano il lavoro degli autori, degli editori e dei broadcaster senza pagare alcunché. A lungo termine, questo mette a rischio la produzione di contenuti di alta qualità e lesistenza del giornalismo indipendente. Per questa ragione, noi chiediamo con forza che sia rafforzata la protezione della proprietà intellettuale su Internet. (…) Laccesso per tutti ai siti web non significa accesso gratuito. Non siamo daccordo con quanti sostengono che la libertà dinformazione è assicurata solo se tutto è disponibile online gratuitamente. Devessere mantenuto laccesso per tutti ai nostri servizi, ma non possiamo essere forzati a lasciar distribuire i nostri contenuti se non dopo aver dato il nostro permesso. (…) Non ci devono essere parti di Internet dove la legge non viene applicata. I legislatori e i governi devono proteggere più efficacemente, a livello nazionale e internazionale, la creazione intellettuale di valore da parte di autori, editori e broadcaster citato in C. Giua, 2009 Il caso Google

19 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 19 Esposto della FIEG Google è un operatore verticalmente ed orizzontalmente integrato, presente in tutte le fasi produttive e in tutti i segmenti del mercato della pubblicità online, compresa la raccolta pubblicitaria e i servizi di intermediazione. Grazie alla sua posizione dominante nel mercato dei motori di ricerca, esso dispone di un patrimonio informativo immenso, inaccessibile agli altri operatori del mercato e da costoro non replicabile. Ciò costituisce un vantaggio competitivo non eguagliabile dai concorrenti, attuali o potenziali [… ] Google abusa della propria posizione dominante, sfruttando informazioni commerciali privilegiate, con effetti escludenti in danno dei concorrenti effettivi e potenziali nel mercato della raccolta pubblicitaria online e dellintermediazione pubblicitaria. Fonte: C. Giua, 2009 Il caso Google

20 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 20 Il caso Google Perché Google deve pagare –Intervento di Carlo De Benedetti 09/commenti-sole-24-ore/9-dicembre-2009/de-benedetti- google-deve-pagare-giornali.shtml

21 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 21 Google e gli editori tradizionali: quale rapporto e quali reazioni? –Sulla strada della rottura? –Prospettive di collaborazione? Il caso Google

22 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 22 Strategie di sviluppo di Google Il caso Google

23 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 23 Google news –Disintermediazione –Negoziazione 2.0 Il caso Google

24 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 24 –La ridefinizione dellecosistema comunicativo Il caso Google –Il giornalismo nel nuovo ecosistema informativo Crisi del giornalismo? Monomedialità, multimedialità e crossmedialità –Impatto della crossmedialità Come cambia il lavoro del giornalista Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico I modelli di business il dibattito sullinformazione free vs pay –Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali Agenda

25 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 25 Il giornalismo nel nuovo ecosistema informativo Produzione dellevento Trattazione giornalistica Consumo delle notizie Produzione dellevento Trattazione giornalistica Consumo delle notizie Produzione dellevento Trattazione giornalistica Fonti Giornalisti Pubblico Dalla scansione lineare della negoziazione classica alla circolarità della negoziazione 2.0 Fonte: C. Sorrentino, 2008

26 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 26 I media sono una presenza costante, quotidiana, che modifica totalmente lambiente comunicativo in cui ogni individuo si muove e agisce, si relazione agli altri e a se stesso Fonte: C. Sorrentino, 2008 Il giornalismo nel nuovo ecosistema comunicativo

27 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 27 Il giornalismo nel nuovo ecosistema comunicativo: crisi del giornalismo? Fine del giornalismo? Era postgiornalistica? Multigiornalismi?

28 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 28 Il cambiamento (non solo tecnologico) riguarda diversi livelli Mezzi Formati Generi Argomenti trattati Attori sociali rappresentati Professionalità richieste Pubblico di riferimento Tempo e spazio Allargamento della produzione giornalistica Fonte: C. Sorrentino, 2007 Il giornalismo nel nuovo ecosistema comunicativo

29 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 29 Caratteristiche del nuovo ecosistema comunicativo Convergenza nei cervelli dei consumatori e tra gli attori sociali (Fonte: H. Jenkins citato in Sorrentino, 2008) Sovrapposizione e convivenza dei tre attori Interazione circolare Disintermediazione Cambia la forma della negoziazione, cambia la forma della notizia Overload informativo e consumo prensile Impatto sul lavoro del giornalista e della redazione Giornalismo partecipativo Fonte: C. Sorrentino, 2008 Il giornalismo nel nuovo ecosistema comunicativo

30 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 30 Giornalismo monomediale Giornalismo multimediale Giornalismo crossmediale Dalla monomedialità alla crossmedialità

31 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 31 Giornalismo monomediale Giornalismo multimediale Giornalismo crossmediale Dalla monomedialità alla crossmedialità

32 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 32 Giornalismo monomediale –Contenuti, professionalità e processi iniziano e finiscono allinterno di un solo medium Dalla monomedialità alla crossmedialità

33 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 33 Dalla monomedialità alla crossmedialità Produzione monomediale Fonte: C. Sorrentino, 2008

34 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 34 Giornalismo monomediale Giornalismo multimediale Giornalismo crossmediale Dalla monomedialità alla crossmedialità

35 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 35 Giornalismo multimediale moltiplicazione di forme e formati comunicativi che sono entrati a far parte della dotazione narrativa del giornalismo Fonte: C. Sorrentino, 2008 Multimedialità a diversi livelli Iniziale logica del repurposing Dalla monomedialità alla crossmedialità

36 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 36 Dalla monomedialità alla crossmedialità Produzione multimediale Fonte: C. Sorrentino, 2008

37 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 37 Giornalismo monomediale Giornalismo multimediale Giornalismo crossmediale Dalla monomedialità alla crossmedialità

38 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 38 Giornalismo monomediale Giornalismo multimediale Giornalismo crossmediale Dalla monomedialità alla crossmedialità

39 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 39 Giornalismo crossmediale proprietà/capacità di una narrazione mediale di essere ideata, realizzata, promossa e distribuita su più media e canali comunicativi Fonte: C. Sorrentino, 2008 Il giornale non è la sua carta, la sua onda radio o tv cambiano i mezzi, i linguaggi, la velocità e l'ampiezza delle selezioni, non la sostanza della ricerca giornalistica Fonte: L. de Biase, 2009 Dalla monomedialità alla crossmedialità

40 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 40 Produzione crossmediale Dalla monomedialità alla crossmedialità TV/radio Stampa Web Mobile Fonte: C. Sorrentino, 2008

41 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 41 Multimedialità e crossmedialità a confronto Dalla monomedialità alla crossmedialità Multimedialità Giustapposizione Divergenza Enfasi sui media Crossmedialità Contaminazione Convergenza Enfasi sul contenuto Passaggio dalla multimedialità alla crossmedialità: tuttaltro che indolore e compiuto Fonte: C. Sorrentino, 2008

42 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 42 Convergenza nei cervelli dei consumatori e tra gli attori sociali (H. Jenkins citato in C. Sorrentino, 2008) Dalla monomedialità alla crossmedialità

43 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 43 Convergenza crossmediale Dalla monomedialità alla crossmedialità Fonte: C. Sorrentino, 2008

44 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 44 Agenda –La ridefinizione dellecosistema comunicativo Il caso Google –Il giornalismo nel nuovo ecosistema informativo Crisi del giornalismo? Monomedialità, multimedialità e crossmedialità –Impatto della crossmedialità Come cambia il lavoro del giornalista Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico/i pubblici I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay –Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali

45 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 45 Come cambia il lavoro del giornalista? Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico/i pubblici I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay Impatto della crossmedialità

46 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 46 Come cambia il lavoro del giornalista? Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico/i pubblici I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay Impatto della crossmedialità

47 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 47 Come cambia il lavoro del giornalista? Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico/i pubblici I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay Impatto della crossmedialità

48 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 48 Nuove forme di negoziazione e interazione con il pubblico/i pubblici Conversazione Produzione di contenuti notiziabili da parte di altri soggetti: giornalismo partecipativo e citizen journalism (la Riforma agraria dellinformazione, G. Carotenuto, 2009) Networked Journalim (Jeff Jervis) Co-journalism –iReport della CNN Un caso da approfondire: i blog La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

49 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 49 La crossmedialità e il rapporto con il pubblico il giornalismo che conversa Fonte:C. Sorrentino, 2008

50 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 50 We have two great assets. One is the quality of the material we produce; the other is the quality of our readers, some of the most curious, intelligent and sophisticated people on earth J. Landman, citato in C. Sorrentino, 2008 La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

51 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 51 Nuove forme di negoziazione e interazione con il pubblico/i pubblici Conversazione Produzione di contenuti notiziabili da parte di altri soggetti: giornalismo partecipativo e citizen journalism (la Riforma agraria dellinformazione, G. Carotenuto, 2009) Networked Journalim (Jeff Jervis) Co-journalism –iReport della CNN Un caso da approfondire: i blog La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

52 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 52 Nuove forme di negoziazione e interazione con il pubblico/i pubblici Conversazione Produzione di contenuti notiziabili da parte di altri soggetti: giornalismo partecipativo e citizen journalism (la Riforma agraria dellinformazione, G. Carotenuto, 2009) Networked Journalim (Jeff Jervis) Co-journalism –iReport della CNN Un caso da approfondire: i blog La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

53 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 53 iReport della CNN iReport invites you to take part in the news with CNN. Your voice, together with other iReporters, can help shape what CNN covers and how. Everything you see on iReport starts with someone in the CNN audience. The stories here are not edited fact-checked or screened before they post. CNN's producers will check out some of the most compelling, important and urgent iReports and, once they're cleared for CNN, make them a part of CNN's news coverage. Together, CNN and iReport can paint a more complete picture of the news. We'd love for you to join us. Jump on in, tell your story and see how it connects with someone on the other side of the world La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

54 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 54 le nuove tecnologie di rete hanno di fatto contribuito a disegnare un campo (da gioco) giornalistico differente dal passato, più grande, con più giocatori e con regole dingaggio in parte diverse. Per di più non cè una netta distinzione tra chi gioca e chi guarda sugli spalti: il pubblico silenzioso e distante di una volta ora può condividere quello stesso spazio informativo in cui, continuando con la metafora calcistica, la squadra dei giornalisti gioca con la squadra delle fonti. Tutti gli attori delle negoziazione giornalistica sono costretti a ripensare competenze, professionalità e processi di lavoro, adattandole a una situazione in cui non esiste più esclusività di pubblicazione Fonte: C. Sorrentino, 2008 La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

55 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 55 Blog e giornalismo –Tipologie di blog in base agli usi sociali Identitario Relazionale Politico Narrativo/letterario Giornalistico (Vedi A. Sofi, 2006 e A. Totaro, 2007) –Il blog è una forma di giornalismo? Vediamo alcuni casi La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

56 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 56 Limiti e potenzialità dei blog –Fonti, attendibilità, pericolo delle bufale Quali funzioni informative svolgono? A quali bisogni sentiti nel mondo dellinformazione rispondono? Quale rapporto tra blog e giornalismo tradizionale? Il ruolo del blog nellecosistema dellinformazione –I giornalisti blogger –Possibile rapporto simbiotico? La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

57 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 57 Alcuni rischi per il lettore cittadino effetto Babele effetto copia e incolla effetto rassicurazione Fonte: C. Giua, 2009 La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

58 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 58 Quale ruolo per il giornalismo? La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

59 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 59 Gli ambiti su cui deve puntare il giornalismo professionale: Brand Organizzazione del lavoro Piattaforme di distribuzione (vedi nuovi dispositivi e digital magazine) –Il press divide (Censis, 2009) Valorizzazione del prodotto Fonte: C. Giuia, 2009 La crossmedialità e il rapporto con il pubblico

60 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 60 –La ridefinizione dellecosistema comunicativo Il caso Google –Il giornalismo nel nuovo ecosistema informativo Crisi del giornalismo? Monomedialità, multimedialità e crossmedialità –Impatto della crossmedialità Come cambia il lavoro del giornalista Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay –Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali Agenda

61 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 61 Come cambia il lavoro del giornalista? Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay Impatto della crossmedialità

62 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 62 Modelli di business e crossmedialità la crossmedialità apre scenari diversi per quanto riguarda i modelli di business editoriale e di remunerazione del lavoro giornalistico Fonte: L. De Biase, 2009 Il caso Spot.usSpot.us Potenzialità Dubbi e rischi I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay

63 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 63 Giornali a pagamento e attacco a google news Il problema più generale della remunerazione delle notizie –Anche per la carta stampata (caso francese) I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay

64 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 64 Da un lato … Murdoch e la scelta del Wall Strett Journal –A breve estesa a Sun e Times –Annuncio di Bloomberg Dallaltro lato … Tutto free, pagato da fondazioni, comunità o altro … I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay

65 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 65 Global Survey Nielsen (27000 persone in 52 paesi mondo, 2009) Chi sono gli utenti più disponibili a pagare contenuti on line? I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay

66 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 66 I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay

67 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 67 I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay

68 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 68 Quali strade per il pagamento delle notizie e quali prospettive di sviluppo? –Proposta di De Benedetti I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay

69 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 69 –La ridefinizione dellecosistema comunicativo Il caso Google –Il giornalismo nel nuovo ecosistema informativo Crisi del giornalismo? Monomedialità, multimedialità e crossmedialità –Impatto della crossmedialità Come cambia il lavoro del giornalista Nuove forme di negoziazione e relazione con il pubblico I modelli di business e il dibattito sullinformazione free vs pay –Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali Agenda

70 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 70 Cosè le-book? Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali

71 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 71 E-book reader Kindle di Amazon (video)video iPad di Apple Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali

72 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 72 Le diverse forme di fruizione di un testo digitale –Fruizione su carta: il print-on-demand –Fruizione diretta on line Il caso Google Books –Fruizione wireless su dispositivi mobili Fonte: V. Eletti, A. Cecconi, 2008 Quale ruolo giocano gli editori? Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali

73 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 73 Potenzialità Nodi critici –Sostenibilità dei nuovi modelli di business –Rapporto tra produttori di tecnologie e editori/produttori di contenuti –Illegalità e diritto dautore Le nuove piattaforme di distribuzione e i nuovi formati digitali

74 18, 19, 25 e 26 marzo 2010Il nuovo ecosistema comunicativoPagina 74 Bibliografia G. Carotenuto, Il giornalismo partecipativo. Storia del Giornalismo come bene comune, Macerata, Nuovi Mondi, 2009 L. De Biase, Il giornale non è la sua carta, in Problemi dellInformazione, numero 3, dicembre 2009 V. Eletti, A. Cecconi, Che cosa sono gli e-book, Carocci, 2008 C. Giua, Il giornalismo sulla scena digitale, in Problemi dellInformazione, numero 3, dicembre 2009 B. Iyer e T. H. Davenport, Reverse Engineering Googles Innovation Machine, Harvard business review, april 2008 M. Morcellini, G. Roberti, Multigiornalismi, Guerini e Associati, 2003 A. Sofi, Il campo giornalistico: linformazione nellera dei blog, in C. Sorrentino, Il campo giornalistico, Carocci, Roma, 2006 C. Sorrentino (a cura di), Il campo giornalistico, Carocci, Roma, 2006 C. Sorrentino, Tutto fa notizia, Carocci, Roma, 2007 C. Sorrentino (a cura di), Attraverso la rete. Dal giornalismo monomediale alla convergenza crossmediale, RAI-ERI, 2008 A. Totaro, Personal vs. social. Unanalisi del blog tra individualismo e relazioni sociali, in Quaderni di Sociologia, Giovani e nuovi media, n. 44/2007 V. Zambardino, M. Russo, Eretici digitali, Apogeo, 2009


Scaricare ppt "Il nuovo ecosistema comunicativo Sistemi tecnologici e informazione on line Proff. ssa Elena Valentini Roma, 18, 19, 25 e 26 marzo 2010 Stato dellarte."

Presentazioni simili


Annunci Google