La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet Chiara Carlucci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet Chiara Carlucci."— Transcript della presentazione:

1 Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet Chiara Carlucci

2 Chiara Carlucci - ISFOL2 POR e Piani di comunicazione delle regioni ob. 3 eleggono i siti web a strumenti privilegiati da utilizzare per la comunicazione dei contenuti della programmazione di FSE Italia Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

3 Chiara Carlucci - ISFOL3 Scelta di Internet conforta ma lascia anche perplessi Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

4 Chiara Carlucci - ISFOL4 Il web non si offre indistintamente a chiunque: esistono specificità nella richiesta informativa per le quali si deve essere preparati con altrettanta attenzione redazionale, progettuale, multimediale Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

5 Chiara Carlucci - ISFOL5

6 6

7 7 La rete rappresenta una consuetudine solo per una minoranza della popolazione ed assume un peso rilevante solo tra le persone che entrano in contatto con almeno sei diverse tipologie di media Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

8 Chiara Carlucci - ISFOL8 Conoscere il contesto di riferimento perché linvestimento su Internet per attivare comunicazione non deve essere sovradimensionato rispetto alle reali possibilità di ricezione da parte del target Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

9 Chiara Carlucci - ISFOL9 Cosa chiede lutente? Servizi essenziali (svolgimento a distanza di pratiche amministrative, pagamenti, informazioni su procedure) che fanno parte del tradizionale rapporto già esistente con la PA senza che ci sia ancora la prefigurazione dell attivazione di un dialogo on line, indiscriminato e bidirezionale Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

10 Chiara Carlucci - ISFOL10 Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

11 Chiara Carlucci - ISFOL11 I dati sul comportamento degli italiani nella ricerca di informazione sulle politiche dellUE evidenziano che in primo luogo ci si rivolge a fonti nazionali emanate cioè direttamente dal proprio paese facendo così accrescere il ruolo che deve svolgere il singolo stato membro. I servizi informativi sullUE sono completamente ignorati dal 75% degli italiani (fonte: Eurobarometro) Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

12 Chiara Carlucci - ISFOL12 Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet Fonte: Eurobarometro, Rapporto Italia, Brussels, 2002

13 Chiara Carlucci - ISFOL13 Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet Fonte: Eurobarometro, Rapporto Italia, Brussels, 2002

14 Chiara Carlucci - ISFOL14 Metodo della ricerca ISFOL: ripercorrere il percorso che il cittadino effettua al momento del collegamento al sito della propria regione qualora volesse conoscere le iniziative promosse dal FSE Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

15 Chiara Carlucci - ISFOL15 Lanalisi ha interessato il sito regionale nella sezione specifica dedicata al FSE o il sito della regione interamente dedicato al FSE Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

16 Chiara Carlucci - ISFOL16 Classi indicatori - Trasparenza amministrativa Indicatori esemplificativi del rapporto con i cittadini che le istituzioni pubbliche vogliono attivare - Disponibilità di servizi Indicatori che concretizzano linterazione cittadino-amministrazione pubblica - Caratterizzazione istituzionale Indicatori connessi alla credibilità delle informazioni offerte Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

17 Chiara Carlucci - ISFOL17 Classi indicatoriTrend siti regioni ob. 3 Trasparenza amministrativa Buona disponibilità di testi completi delle direttive e dei documenti FSE con riferimenti ai responsabili politici ed agli uffici ed ai soggetti di riferimento. Assenti i contenuti ed i servizi in altra lingua per la sezione FSE mentre e livello di home page diverse regioni offrono contenuti in altre lingue ufficiali. Totale assenza di keywords Disponibilità di servizi È quasi sempre presente, accanto ai bandi gara, la modulistica e/o i formulari in modalità download; a volte sono anche presenti indicazioni relative alla loro compilazione, mentre in un solo caso è stato rilevato lutilizzo della modulistica on line nellaccezione accolta in questa ricerca. La possibilità di inviare un feedback allamministrazione è sempre presente. Caratterizzazione istituzionale La propensione allutilizzo dei loghi nella metodologia corretta e secondo le direttive vigenti, risulta scarsa. In particolare la presenza del logo FSE nelle relative sezioni non è costante la sequenza non è rispettata. Diffusa è invece la presenza di link al Ministero del lavoro ed altre istituzioni nazionali ed europee, ma anche in questi casi i loghi non sono riportati nella loro forma corretta.

18 Chiara Carlucci - ISFOL18 I siti delle istituzioni pubbliche dovrebbero essere riconoscibili per infondere fiducia nel cittadino e rendere credibile linterlocutore. La riconoscibilità si traduce in autorevolezza delle fonti ufficiali, requisito indispensabile considerata la situazione che caratterizza Internet ed il rapporto che con la rete ha lutente medio nel momento in cui si trova, privo di qualsiasi forma di mediazione, a selezionare le fonti informative. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

19 Chiara Carlucci - ISFOL Riconoscibilità dellURL e uniformità rispetto alle URL delle altre istituzioni. La URL di un sito è un elemento importante non solo perché identifica in maniera univoca la posizione presso la quale si trova il sito stesso (inteso come linsieme delle pagine web tra loro correlate aventi un unico autore), ma anche perché, nella misura in cui riesce ad essere intuitiva ed immediatamente associabile, crea la possibilità concreta per lutente di reperire il sito corrispondente, non passando necessariamente attraverso motori di ricerca o altri strumenti di reperimento dellinformazione in rete Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

20 Chiara Carlucci - ISFOL20 Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

21 Chiara Carlucci - ISFOL21 Per quanto riguarda i siti regionali le sezioni che ospitano le informazioni sul FSE sono sempre allinterno del sito della regione e quindi la URL, se riconoscibile, lo è nella sua lettura integrale e mai immediatamente Nella maggioranza delle situazioni, la sezione presso la quale è ospitata una pagina o singole informazioni relative al FSE è alternativamente o quella del lavoro o quella della formazione (nella minoranza dei casi risulta presente una sottodirectory dedicata al FSE) Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

22 Chiara Carlucci - ISFOL22 Scarsa riconoscibilità della URL relativa alla sezione FSE. Sarebbe preferibile prevedere sempre una sottodirectory esplicitamente ed esclusivamente dedicata, alla quale in fase di navigazione dovrebbe corrispondere un collegamento attivo a partire dalla home page, per sollevare lutente dallincertezza in merito al posizionamento delle notizie nella sezione Lavoro o nella sezione Formazione, secondo la tendenza prevalente Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

23 Chiara Carlucci - ISFOL23 6. Disponibilità contenuti e servizi in altre lingue: le sezioni FSE dei siti delle regioni sono in lingua italiana ad eccezione di due regioni (che hanno una realtà di bilinguismo, quindi il dato non è rilevante) mentre sarebbe auspicabile che, vista la caratterizzazione europea del Fondo, fossero previste almeno delle pagine introduttive in una lingua comunitaria, come ad esempio linglese, anche in considerazione del principio della mobilità sul territorio dellUnione dei cittadini europei, che renderebbe necessaria una trasparenza linguistica delle informazioni Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

24 Chiara Carlucci - ISFOL24 7. Accesso allinformazione: il percorso per accedere alla sezione dedicata al FSE parte dalla home page del sito ufficiale delle regioni, in prevalenza la sezione dedicata al FSE è ospitata in macro contenitori che hanno come elemento caratterizzante la formazione e/o il lavoro. Si presuppone una conoscenza dellarea di intervento del FSE e continua a risultare carente la dimensione pubblicitaria, che dovrebbe avvicinare il Fondo proprio al cittadino che ignora lesistenza di iniziative europee di questa dimensione e portata Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

25 Chiara Carlucci - ISFOL25 Quanto più risulta nascosta la sezione FSE tanto più è bene prevedere un motore di ricerca interno ben costruito ed implementato quindi prestare attenzione alla corretta indicizzazione delle pagine, alla predisposizione di uninterfaccia ad elevata comprensibilità, presentazione efficace e logica dei risultati della ricerca Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

26 Chiara Carlucci - ISFOL26 8. Keywords nella pagina principale della sezione: nullo lutilizzo delle keywords allinterno della pagina principale dedicata al FSE 9. Presenza di una mappa: la mappa è un elemento in genere presente a livello di sito in generale; si tratta di uno specchio dellarchitettura complessiva del sito (al di là di quello che suggeriscono i link principali) e quindi da prevedere sempre. Come indicatore, è legato alla facilità di reperimento delle informazioni e dovrebbe essere letto in maniera complementare rispetto allindicatore n. 7; inoltre, come il motore di ricerca, richiede anche essa laggiornamento costante ed organizzazione ragionata dei contenuti Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

27 Chiara Carlucci - ISFOL Presenza del logo FSE in ogni pagina in cui si parla del Fondo: i loghi sono poco presenti e non sempre nella forma corretta; spesso ci si affida a quelli dei singoli documenti programmatori presenti sul sito, piuttosto che ad una cornice di autorevolezza complessiva. Quando se ne è rilevata la presenza, si è verificata anche forma e successione corretta e, rispetto alla regola generale, le situazioni sono risultate largamente difformi. Il logo potrebbe svolgere comodamente una funzione unificante e costituire un puntatore, univoco a livello nazionale, a partire dal quale si attivi il percorso che conduce allinformazione relativa al FSE Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

28 Chiara Carlucci - ISFOL28 La presenza di una sezione specificamente preposta al FSE è, in effetti, una condizione necessaria - ma non sufficiente - per una buona informazione e pubblicità sul FSE, poiché consente: 1. facilità di accesso; 2. Possibilità di trovare raggruppate allinterno di una stessa sezione tutte le informazioni e le specificità del FSE in maniera chiara e riconoscibile. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

29 Chiara Carlucci - ISFOL29 Lesistenza di una sezione strutturata, infatti, implica: - che si sia stabilito lobiettivo della sezione; - che si sia creato il tipo corretto di sezione a seconda degli obiettivi prefissati; - che si sia definita lutenza; - che si sia impostata lhome page o la pagina principale della sezione come fosse una carta didentità della sezione stessa. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

30 Chiara Carlucci - ISFOL30 Se, al contrario, le informazioni relative al FSE si trovano su pagine sparse e sotto sezioni, occorre tenere presente che i link attraverso cui si accede a queste informazioni non rispettano percorsi lineari o sequenziali, per cui viene a mancare quella necessaria struttura logica che consente di collocare le informazioni in un insieme organico. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

31 Chiara Carlucci - ISFOL31 Si tratta innanzitutto di soffermarsi sulla qualità dellinterazione comunicativa, senza la quale non può esserci buona informazione e pubblicità, attraverso: – predisposizione di una sezione strutturata dedicata al FSE, con una pagina principale introduttiva delle aree tematiche che rende più semplice e chiara la navigazione – struttura architettonica della sezione che rifletta lidentificazione delle diverse tipologie di utenza - operatori della formazione, studenti, disoccupati, famiglie - anche, possibilmente, attraverso luso di una molteplicità di linguaggi – accessibilità delle informazioni presenti nella sezione, anche attraverso sintesi o spiegazioni che ne chiariscano i contenuti. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

32 Chiara Carlucci - ISFOL32 – presenza sulla home page del sito regionale dei loghi corretti del FSE, che consentano un accesso immediato alla sezione; – presenza del logo FSE nella sezione principale dedicata e in tutte le pagine ad essa collegate; – offerta di aiuto on-line alla compilazione della modulistica; – maggiore spazio alla interattività e alla multimedialità che caratterizzano lo strumento Internet come veicolo delle informazioni. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

33 Chiara Carlucci - ISFOL33 Il FSE non si è dimostrato immediatamente fruibile: il reperimento di informazioni si basa su un insieme di preconoscenze - circoscritto ma strutturato - che lutente deve possedere Al contrario, per lutente che sia già in possesso di determinate preconoscenze, i siti considerati dalla presente indagine offrono sicuramente ampie possibilità di approfondimento e completamento dellinformazione. Rimane un problema generale relativo ai documenti di riferimento (che sono comunque documenti ufficiali), e la tentazione di riempire senza criterio una non meglio definibile sezione Documentazione. Invece dovrebbe essere più diffuso latteggiamento di collocare la documentazione di settore nella relativa sezione, altrimenti il problema di come organizzarla si riproporrebbe allinterno del macrocontenitore Documentazione. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

34 Chiara Carlucci - ISFOL34 Questo riscontro, nei fatti, riconferma le posizioni di quanti ritengono che su alcuni temi il canale comunicativo Internet sia sempre complementare - mai sostitutivo - rispetto ad altri canali informativi (stampa, radio, televisione) e comunque attivo ad un livello diverso rispetto a quello di prima informazione ed impatto (cosè), un livello di approfondimento (di cosa si occupa), agevolato e favorito anche dalla capacità di offrire documenti relazionandoli tra loro attraverso la struttura ipertestuale. Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

35 Chiara Carlucci - ISFOL35 Per quanto riguarda la competizione/coesistenza che viene chiamata in causa ogni qual volta si ragiona in termini di multimedialità (intesa come multicanalità) nel caso specifico della nostra indagine (come e quanto le regioni ob. 3 comunicano il FSE utilizzando il WEB), il dato positivo che si ricava è che le regioni sfruttano le potenzialità delle rete, ma, più che per aspetti relazionali, come strumento per promuovere documenti cartacei (quindi è preferita la versione in.pdf della modulistica inerente il FSE che non la possibilità reale di attivare comunicazione). Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

36 Chiara Carlucci - ISFOL36 Si propongono come spunti di riflessione: - nella maggior parte dei siti non esiste una sezione dedicata al FSE; essa spesso è subordinata ad un link Formazione professionale o Lavoro, oppure a link ancora più generici come Sezioni tematiche o Sportello informativo - il percorso non risulta lineare, le informazioni devono spesso essere ricercate allinterno di un contenitore più vasto non sempre visibile direttamente dallhome page - non è nessario che su ogni sito vengano riproposti tutti i documenti di programmazione (sarebbero sufficienti quelli di interesse locale, delegando i restanti a dei link autorevoli) Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

37 Chiara Carlucci - ISFOL37 - i testi risultano troppo lunghi, evidentemente non progettati per una fruizione via web, che in genere è una fruizione a schermo - i loghi non sempre sono presenti (soprattutto in mancanza di una sezione preposta) e, a volte, in modo non corretto; altre volte ancora sono assenti nella parte dedicata al FSE, ma non allinterno dei documenti (perché di derivazione ufficiale) - spesso la modulistica si trova allinterno di un elenco più vasto di testi e direttive, senza prevedere aiuti o servizi particolari Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet

38 Chiara Carlucci - ISFOL38 Tutte queste indicazioni si spera risultino utili per la costruzione di un ponte fra le istituzioni e i cittadini, per semplificare gli appuntamenti, pubblicizzare gli eventi, facilitare, in ultima analisi, le connessioni a livello di micro-comunità Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet


Scaricare ppt "Il FSE nel WEB: analisi della comunicazione attraverso Internet Chiara Carlucci."

Presentazioni simili


Annunci Google