La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il patrimonio delle aa.pp. territoriali 1. Gli inventari dellente locale La predisposizione degli inventari rappresenta la prima fase preliminare alla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il patrimonio delle aa.pp. territoriali 1. Gli inventari dellente locale La predisposizione degli inventari rappresenta la prima fase preliminare alla."— Transcript della presentazione:

1 Il patrimonio delle aa.pp. territoriali 1

2 Gli inventari dellente locale La predisposizione degli inventari rappresenta la prima fase preliminare alla introduzione della contabilità economica negli enti locali. Senza inventari aggiornati non è possibile infatti determinare il valore di: –ammortamenti –rimanenze 2

3 Principali contenuti degli inventari descrizione e valutazione del patrimonio a prescindere dalla appartenenza o meno dei fatti registrati ad un determinato esercizio amministrativo; nel conto del patrimonio sono riportati gli effetti delle operazioni gestionali che hanno implicato una modificazione del valore del bene nel periodo di competenza economica. 3

4 Tipologia dei beni da inventariare Beni demaniali (arrt. 822 e 824 Codice civile):hanno nella loro natura la destinazione alluso pubblico, inoltre essendo res extra commercium mancano di un valore di mercato. Tutti i componenti della collettività sono ammessi al loro godimento. Beni patrimoniali (art.826 C.C.): sono soggetti alle norme dettate a tutela della proprietà, pur restando soggetti al regime giuridico degli enti pubblici. Potendo essere oggetto di scambio hanno un valore di mercato. 4

5 Articolazione dei beni pubblici in funzione della loro natura Beni demaniali (immobili e universalità di beni) –demanio necessario –demanio legale o accidentale Beni patrimoniali (immobili e mobili) –indisponibile –disponibile 5

6 Beni del demanio... > (beni del demanio necessario art.822 C.C.) Fanno parimenti parte del demanio legale o accidentale, (artt. 822 e 824 C.C.) se appartengono alo Stato: strade, autostrade, strade ferrate, aerodromi, acquedotti, immobili riconosciuti di interesse storico, archeologico e artistico a norma delle leggi in materia; raccolte dei musei, pinacoteche, archivi, biblioteche e altri beni assoggettati dalla legge al regime proprio del demanio pubblico 6

7 … Beni del demanio I beni del demanio necessario sono immobili; I beni del demanio accidentale possono essere anche mobili (es. raccolte di musei) Le norme relative ai beni demaniali si estendono ai beni demaniali delle province e dei comuni I cimiteri e i mercati comunali in base allart.824 C.C. sono comunque beni del demanio comunale 7

8 Beni patrimoniali In via residuale tutti i beni che non sono della specie del demanio costituiscono il patrimonio dello Stato o rispettivamente delle province e dei comuni 8 Patrimonio indisponibile – beni immobili – beni mobili disponibile – beni immobili – beni mobili

9 Beni patrimoniali indisponibili art.826 C.C.: >. 9

10 Perdita dellindisponibilità del bene Un bene patrimoniale può perdere la propria indisponibilità qualora ne venga mutata la destinazione nei modi previsti dalla legge che lo riguarda Es. Nel caso un comune voglia procedere allalienazione di un plesso scolastico ospitante bambini, è necessario che il consiglio comunale deliberi la modifica nella destinazione duso dello stabile 10

11 Beni patrimoniali disponibili In via residuale tutti gli altri beni di proprietà degli enti locali appartengono al patrimonio disponibile e, salvo particolari aspetti, sono soggetti al regime giuridico di diritto privato 11

12 Le fasi di inventariazione Ricognizione –ricerca dei beni dellente locale –ricerca dei documenti comprovanti la proprietà Classificazione –classi (es. edifici, automezzi, …) –categorie (es. demanio necessario, …) –sottocategorie (es. ulteriore dettaglio informativo) Descrizione –dati identificativi la quantità, la qualità e la qualifica degli elementi patrimoniali –valutazione 12

13 Contenuto di scheda di inventario di beni mobili codice dinventario classe/categoria/sottocategoria descrizione del bene caratteristiche tecniche e dimensionali collocazione consegnatario valutazione inventariale stato di conservazione titolo di acquisizione matricola 13

14 Consegnatario dei beni responsabilità connesse alla custodia ed alla conservazione dei bei ricevuti (ex art. 233, D.l.vo n. 267/2000) –possono affidare i beni o una parte a subconsegnatari –i beni mobili in ambienti comuni sono affidati alleconomo, al provveditore o ad altro agente redazione di un conto formalizzato nei modelli n. 22 (per i titoli azionari) e n. 24 (per i beni mobili) del D.P.R. n.194/96. 14

15 Allegati al conto del consegnatario dei beni provvedimento di legittimazione del contabile alla gestione; lista per tipologie di beni; copia degli inventari tenuti dagli agenti contabili; documentazione giustificativa della gestione; verbali di passaggio di gestione; verifiche e discarichi amministrativi; eventuali altri documenti richiesti dalla Corte dei Conti. 15

16 Criteri di valutazione ante d.l.vo n.77/95 la norma richiedeva la valutazione solamente dei beni patrimoniali senza peraltro stabilire previsti criteri di valutazione, mentre per i beni demaniali la relativa natura di res extra commercium imponeva la sola descrizione degli stessi. con lart. 230 (ex-art. 72 D.lvo n. 77/1995), comma 4, il legislatore ha fissato i criteri di valutazione dei beni del demanio e del patrimonio. 16

17 Criteri di valutazione previsti per i seguenti beni Beni demaniali (misura pari allammontare del residuo debito dei mutui ancora in estinzione per lo stesso titolo ovvero costo di acquisto); Terreni (valore catastale rivalutato secondo le norme fiscali o residuo debito per mutui o costo di acquisto); Fabbricati (valore catastale rivalutato secondo le norme fiscali o costo di acquisto); Mobili (costo); Crediti (valore nominale); Censi, livelli, ed enfiteusi (capitalizzazione delle rendita al tasso legale); Rimanenze, ratei e risconti (art. 2426, 9 c. e art 2424 bis, C.C.); Debiti (valore residuo). 17

18 18

19 Casi particolari Inventariazione facoltativa dei beni di facile consumo o di modico valore (da prevedersi nellambito del regolamento di contabilità) Possibilità di considerare totalmente ammortizzati i beni mobili non registrati acquisiti da più di cinque anni (da prevedersi nellambito del regolamento di contabilità) 19

20 20

21 21

22 22

23 23

24 24

25 25

26 26


Scaricare ppt "Il patrimonio delle aa.pp. territoriali 1. Gli inventari dellente locale La predisposizione degli inventari rappresenta la prima fase preliminare alla."

Presentazioni simili


Annunci Google