La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laboratorio di Brand aziendale Macerata Anno Accademico 2008/2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laboratorio di Brand aziendale Macerata Anno Accademico 2008/2009."— Transcript della presentazione:

1 Laboratorio di Brand aziendale Macerata Anno Accademico 2008/2009

2 Trustmarks Tra i brands ed i lovemarks: i trustmarks La fedeltà oltre la ragione

3 Trustmarks Detersivo: Tide, per una pulizia su cui puoi contare La fiducia come passo successivo alla razionalità

4 Trustmarks I trustmarks oltre i brands I lovemarks oltre i trustmarks Meglio una storia damore a lungo termine che un rapporto di fiducia

5 5 cose da fare domani seconda puntata 1Parlate con i consumatori almeno tre volte alla settimana. Lunico modo per scoprire quello che i consumatori pensano è parlare con loro e ascoltare quello che hanno da dire. Non vi diranno tutto al primo incontro. Quindi rifatelo.

6 5 cose da fare domani seconda puntata 2 Nella lista delle aziende di lovemark che trovate più avanti, prendetene due che vi piacciono e scoprite come usano Mistero, Sensualità ed Intimità per accrescere il loro business.

7 5 cose da fare domani seconda puntata 3 Trovate tre business che ammirate nella categoria di vostro interesse (o in cui vi troverete a lavorare) e studiate come creano relazioni emotive con i propri clienti.

8 5 cose da fare domani seconda puntata 4 Meritatevi la Lealtà. Fate dei piccoli gesti spontanei per coloro che vi sono stati vicini. Fatelo domani, subito.

9 5 cose da fare domani seconda puntata 5 Trovate qualcuno che sia leale oltre la ragione verso qualunque cosa: unauto, un hobby, un amico. Scoprite cosa determina ciò e applicatelo agli affari.

10 Il Mistero 1 Quante relazioni vanno alla deriva perché la scintilla si spegne? E quanti esperti e consulenti prescrivono più mistero e sorpresa per ravvivare un rapporto che si è appannato?

11 Il Mistero 2 Dopo una predica sulla Creazione, un sacerdote si stupì di sentire unanziana parrocchiana affermare che luniverso si reggeva sulle spalle di una tartaruga. Per dissuaderla con gentilezza le chiese su cosa, secondo lei, poggiasse la tartaruga. La vecchia signora, un po perplessa, rispose: Su unaltra tartaruga, naturalmente. Il parroco insistette: Va bene ma su cosa si regge la seconda tartaruga?. Su unaltra tartaruga disse lei, e non silluda, giovanotto. Sono solo tartarughe fino alla fine.

12 Il Mistero 3 Finché le persone avranno aspirazioni, obiettivi e sogni, saranno sempre attratte dal mistero. Nessuno è affascinato dalle statistiche.

13 Il Mistero 4 Il mistero va oltre la razionalità, oltre il calcolo. Creare il mistero è unarte, Il mistero è un paradosso, più scavi più misteri saltano fuori. Il parere di neurologi, biologi, cosmologi, etc. è che il processo di conoscenza va avanti allinfinito – proprio come le tartarughe!

14 Il Mistero 5 Il potere del mistero Marilyn Monroe aveva mistero. Ce lha ancora. Non solo la sua morte, ma la sua vita è mistero. Il mistero non è la cosa che non si conosce; il mistero è lalone che la circonda.

15 Il Mistero 6 Il mistero è fondamentale per creare fedeltà oltre la ragione. Il mistero ci costringe a trovare nuovi significati. Spesso li troviamo come in una rivelazione, in un attimo, quello che i francesi chiamano coup de foudre.

16 I magnifici 5 del mistero 1)Raccontare storie. 2)Usare il passato, il presente, il futuro. 3)Attingere ai sogni. 4)Coltivare miti ed icone. 5)Costruire sullispirazione.

17 I magnifici 5 del mistero 1)Raccontare storie. Le storie alimentano i lovemarks. Una grande storia al momento giusto può indurci a cambiare idea o farci comprendere appieno un valore. Gli All Blacks neozelandesi scendono in campo portandosi appresso il valore della loro storia: Kia Kaha (siate forti).

18 I magnifici 5 del mistero raccontare storie Nel mondo della comunicazione / informazione è difficile stimolare un mutamento di emozione e/o di azione. Attraverso le storie si cattura lemozione. Unimmagine può valere più di mille parole, ma lo stesso può dirsi di una storia eccezionale.

19 I magnifici 5 del mistero raccontare storie La pubblicità è cultura popolare, come la musica, il cinema, la TV. Lo spot di 30 secondi rimane uno strumento di comunicazione unico; a patto che racconti una bella storia; altrimenti sono 30 secondi che sembrano non finire mai, di pura noia. Di spot si parla nei bar, al lavoro, in famiglia; raramente si parla di statistiche.

20 I magnifici 5 del mistero raccontare storie Una buona storia non va raccontata troppo spesso. Però alcune storie diventano miti e leggende; cè sempre una persona pronta ad ascoltarle per la prima volta. Un film di James Bond narra sempre la stessa storia. I lovemarks si adattano a nuove generazioni di consumatori conservando la propria storia; il cuore della propria storia.

21 I magnifici 5 del mistero raccontare storie La storia che diventa leggenda è sempre semplice ed essenziale. Samuel Goldwin: se non puoi scrivere il tuo soggetto per un film sul retro di un biglietto da visita, non hai un film.

22 I magnifici 5 del mistero raccontare storie Lazienda spagnola Camper è nata a Majorca nelle Baleari nel Ha fatto risalire indietro nel tempo la sua storia fino a includere il mestiere e le tecniche di generazioni di calzolai vissuti molti anni prima. Le solide radici di un passato ispirato alle tradizioni più antiche, hanno portato a produrre alcune tra le scarpe più trendy sul mercato.

23 I magnifici 5 del mistero 2) Usare il passato, il presente, il futuro. Walt Disney creò la Disney Corporation partendo da un breve cartone animato su un topo. A tutti coloro che giungono in questo luogo felice: Benvenuti. Disenyland è la vostra terra. Qui i vecchi ritrovano i bei ricordi del passato ed i giovani saggiano la sfida e la promessa del futuro. Disenyland è dedicata agli ideali, ai sogni e ai fatti che che hanno creato lAmerica… con la speranza di essere fonte di gioia e di ispirazione per il mondo. (Monumento a Walt Disney ai cancelli di Disneyland in California)

24 I magnifici 5 del mistero Usare il passato, il presente, il futuro Quando sperimentate qualcosa che vi sembra possa essere un lovermark, controllate il modo in cui fa tesoro del passato mentre punta al futuro. Se non cè un legame, non è un lovemark. Non si parla di nostalgia, ma della incrollabile convinzione che il passato dia forma al presente.

25 I magnifici 5 del mistero Usare il passato, il presente, il futuro Il centro visitatori Guinness Storehouse di Dublino ha trasformato la vecchia birreria di St. James Gate in casa, cuore e anima della Guinness. Costruita per diventare unattrazione turistica, la Storehouse lega profondamente il brand Guinness alla storia nazionale irlandese.

26 I magnifici 5 del mistero Usare il passato, il presente, il futuro Il classico logo della Audi incarna lidea che passato, presente e futuro sono inestricabilmente intrecciati. I quattro anelli di acciaio rappresentano le aziende (Wanderer, DKW, Horch e Audi) che nel 1932 si unirono formando la Auto Union, divenuta poi Audi. Leredità emotiva di un marchio può ispirare passione per i progetti attuali; ispirare fedeltà oltre la ragione.

27 I magnifici 5 del mistero Usare il passato, il presente, il futuro Per vedere passato, presente e futuro lavorare bene insieme, guardate lo sport. E costante lesaltazione del passato, proiettata verso il futuro. Tornando agli All Blacks, un loro motto dice. Non pensare mai a proteggere il tuo corpo. Pensa sempre a proteggere la tua storia.

28 I magnifici 5 del mistero 3) Attingere ai sogni. I brands si sono concentrati per anni sullinformazione, annoiando la gente con cose che non voleva sapere. Attingere ai sogni è un mezzo potente per dimostrare alla gente che capiamo i loro desideri e li sappiamo trasformare in piaceri.

29 I magnifici 5 del mistero Attingere ai sogni Walt Disney: se puoi sognarlo, puoi farlo J.F. Kennedy (1961): Credo che questa nazione debba impegnarsi a raggiungere, entro la fine di questo decennio, lobiettivo di portare un uomo sulla luna e riportarlo sano e salvo sulla terra (20 luglio 1969) Microsoft: un computer su ogni scrivania ed in ogni casa Harley-Davidson: buttar via la cartina e viaggiare

30 I magnifici 5 del mistero Attingere ai sogni The Body Shop: Anita Roddik dal minuscolo spaccio di Brighton, in Inghilterra, nel 1976, è arrivata ad avere negozi in quasi 50 paesi. La filosofia personale di Anita Roddik ha dato vita ad un impero economico basato sulla responsabilità sociale dellazienda. Se pensi di essere piccolo per farti sentire, prova ad andare a letto con una zanzara (da una campagna pubblicitaria The Body Shop)

31 I magnifici 5 del mistero 4) Coltivare miti ed icone. Niente emerge dalla confusione quotidiana più dei miti e delle icone. Perché? Perché sono memorabili e la memoria è la sorgente del cuore. Molti grandi lovemarks sono anche grandi icone.

32 I magnifici 5 del mistero Coltivare miti ed icone La Sydney Opera House. Progettata dal grande architetto danese Jorn Utzon, esprime con le sue vele dispiegate la sicurezza australiana ed il legame emotivo di Sydney con loceano. Lispirazione nacque affettando una piccola sfera di legno come unarancia.

33 I magnifici 5 del mistero Coltivare miti ed icone Lo Swoosh Nike. Un grande segno per una delle più straordinarie campagne del XX° secolo. Il marchio dello Swoosh Nike fu realizzato da Carolyn Davidson; il briefing ricevuto parlava di unidea di movimento. Ha influenzato gran parte dellabbigliamento sportivo ed ha rivoluzionato il design dei logo.

34 I magnifici 5 del mistero Coltivare miti ed icone Croce Rossa Internazionale. Mezzaluna Rossa. Movimento fondato nel 1863, sono per antonomasia simbolo di protezione vera ed aiuto concreto. Mantengono la loro promessa di alleviare la sofferenza umana in ogni luogo.

35 I magnifici 5 del mistero Coltivare miti ed icone Hello Kitty. Nata dallidea lovemark che un piccolo dono può regalare un grande sorriso a un bimbo, il famoso gatto giapponese senza bocca è amato dai bambini e teenagers di tutto il mondo.

36 I magnifici 5 del mistero Coltivare miti ed icone Nelson Mandela. Un uomo diventato il simbolo di comportamento giusto e della coerenza rispetto ai propri principi.

37 I magnifici 5 del mistero Coltivare miti ed icone Starbucks. Il logo a medaglione che, in tutto il mondo, segnala laroma del caffè appena fatto. Idea geniale per questa società con sede a Seattle, prendere il nome da un mitico personaggio di Moby Dick.

38 I magnifici 5 del mistero Coltivare miti ed icone Smiley. Unicona entrata nel linguaggio quotidiano.

39 I magnifici 5 del mistero 5) Costruire sullispirazione. Ispirazione: unidea improvvisa, brillante o tempestiva. Lispirazione ha il potere di trasformare una vita. Se un brand è fonte dispirazione è un lovemark. Dal 1896 le Olimpiadi sono un lovemark fonte di ispirazione.

40 5 sensi Fatevi guidare dai vostri sensi. Accostatevi a tutto quel che fate con tutti e cinque i sensi allerta. Se non si risvegliano almeno due o tre dei vostri sensi, chiedetevi il perché.

41 5 sensi Arrivate con unidea su come ognuno dei cinque sensi si connette con il marchio di cui vi occupate. Cinque sensi, cinque idee! Verificatele con i colleghi e con i primi dieci consumatori che incontrate.

42 5 sensi Stabilite le priorità sensoriali del brand di cui vi occupate. Dove è forte? Dove, invece, cè da lavorare? Fate una presentazione visiva del vostro progetto.

43 5 sensi Fate della musica una priorità. Sorprendete il gruppo del vostro prossimo incontro con suoni inattesi. Modificate il sistema sonoro dellascensore, dei telefoni, della porta dingresso.

44 5 sensi Rispettate il grande design. Condividete i vostri esempi preferiti: dalle copertine dei CD alla cancelleria, allultimo telefono cellulare, qualsiasi esempio, anche frutta e ortaggi!

45 Conclusione 1/2 Nel 1985 la Coca Cola ha testato la New Coke spendendo 4 milioni di dollari in ricerche ed in oltre test ciechi sul sapore. In linea di principio (o anche di fatto) la New Coke poteva anche essere migliore, ma agli amanti della Coca Cola questo non importava. Una valanga di telefonate e lettere pretese il ritorno alla bevanda originale.

46 Conclusione 2/2 Il brand è del consumatore Il lovemark è del consumatore Il prodotto è del consumatore


Scaricare ppt "Laboratorio di Brand aziendale Macerata Anno Accademico 2008/2009."

Presentazioni simili


Annunci Google