La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corsi di Laurea Triennali per le Professioni Sanitarie CORSO di Patologia Generale anno 2012-2013, 2° semestre Corsi di Laurea Triennali per le Professioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corsi di Laurea Triennali per le Professioni Sanitarie CORSO di Patologia Generale anno 2012-2013, 2° semestre Corsi di Laurea Triennali per le Professioni."— Transcript della presentazione:

1 Corsi di Laurea Triennali per le Professioni Sanitarie CORSO di Patologia Generale anno , 2° semestre Corsi di Laurea Triennali per le Professioni Sanitarie CORSO di Patologia Generale anno , 2° semestre Renato Prediletto Istituto di Fisiologia Clinica, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Fondazione CNR-Regione Toscana Gabriele Monasterio, Area Ricerca Pisa Via Moruzzi 1 San Cataldo Tel Febbraio 2013

2 TESTI CONSIGLIATI : SOLO PER CONSULTAZIONE : ROBBINS Le Basi Patologiche delle Malattie Piccin Edit A.K. Abbas Immunologia cellulare e molecolare Elsevier Edit D.L. Nelson Principi di biochimica di Lehninger Zanichelli Edit G.M. PONTIERI Patologia Generale & Fisiopatologia Generale Piccin Edit, Per corsi di laurea in Professioni Sanitarie Jeanette Anne Marie Maier, Massimo Mariotti Patologia Generale e Fisiopatologia. ED McGraw-Hill Companies

3 Patologia Generale Scopo del corso: acquisire le nozioni fondamentali per la comprensione della natura dei principali processi patologici cause meccanismi effetti e conseguenze locali e generali esiti

4 Scopi della Patologia Generale

5

6 Definizione Letteralmente Patologia significa studio (logos) della sofferenza (pathos). Più precisamente, è una disciplina di connessione che coinvolge sia la biologia di base che la pratica clinica e si occupa dello studio delle modificazioni morfologiche e funzionali che sono alla base della malattia.

7 Definizioni EZIOLOGIA = studio delle cause delle malattie PATOGENESI = studio dei meccanismi mediante i quali le varie cause conducono alle malattie.

8 Ambiti Disciplinari La patologia si può suddividere in: eziologia patogenesi modificazioni morfologiche alterazioni funzionali significato clinico

9 Definizioni La patologia generale studia le cause e i meccanismi delle malattie: la parte che studia le cause è detta eziologia la parte che studia i meccanismi è detta patogenesi La fisiopatologia generale studia a livello integrato di organismo gli adattamenti a condizioni di stress o di danno.

10 Discipline cliniche Discipline di base

11 Definizioni OMEOSTASI: capacità di autoregolazione degli esseri viventi, tendente a mantenere costanti le condizioni del loro ambiente interno verso le variazioni dellambiente esterno MALATTIA: risultato di squilibri di meccanismi omeostatici, unalterazione strutturale e funzionale di una cellula, tessuto od organo capace di ripercuotersi sulleconomia generale dellorganismo.

12 Concetto di normalità Tutti i valori riscontrati con unanalisi clinica, strumentale o chimico-clinica devono essere rapportati e paragonati a valori di riferimento considerati normali. Concetto di normalità ancora molto generico comunque soggetto giovane, anglosassone, maschio di anni. In relazione alla razza od appartenenza etnica, al sesso, ai dati antropometrici.

13 Curva della distribuzione normale

14 Omeostasi Condizione in cui esiste unarmonia di rapporti tra le varie funzioni dellorganismo.

15 Omeostasi Considerando una sostanza aa qualunque si deve sempre considerare da quale biocompartimento proviene: es.: nel plasma ci devono essere anticorpi mentre nel liquido cefalo-rachidiano questi devono essere totalmente assenti Si deve misurare la sua concentrazione e la velocità del suo ricambio (t1/2), nonché le variazioni cicliche della sua concentrazione es.: ormoni femminili La concentrazione istantanea a prescindere da un contesto temporale raramente è significativa

16 Omeostasi La stessa concentrazione si può raggiungere con un ricambio lento o veloce: es.: una anemia con ricambio dei globuli rossi lento o normale sarà da diminuita produzione midollare, mentre un'anemia con accelerato ricambio dei globuli rossi sarà da aumentata perdita o distruzione degli stessi. Va da sé che il significato clinico e l'approccio terapeutico sono completamente diversi nei due casi sopra elencati, anche in presenza della stessa concentrazione di emoglobina.

17 Omeostasi La concentrazione di determinate sostanze viene mantenuta costante utilizzando dei depositi che funzionano datampone es.: il glucoso viene assorbito in modo assai discontinuo con la dieta, mentre la sua concentrazione ematica deve rimanere il più possibile costante e non scendere mai al di sotto di determinati livelli. Questo si ottiene con la rimozione del glucoso assorbito dall'intestino da parte del fegato che viene raggiunto attraverso il circolo portale prima che il glucoso possa raggiungere direttamente il circolo generale; il fegato poi provvede ad immagazzinare sotto forma di deposito (glicogeno) il glucoso in eccesso e a rilasciarlo quando la concentrazione ematica dello stesso scende.

18 OMEOSTASI

19

20

21

22

23

24 Definizioni SALUTE: costanza parametri vitali (temperatura, composizione chimica, funzionamento organi e apparati) raggiunta e mantenuta per mezzo di continui aggiustamenti metabolici (omeostatici) e con spesa di energia.

25 Definizioni Fenomeno morboso: deviazione più semplice dalla norma di un carattere morfologico, biochimico o funzionale di una cellula/tessuto/organo, alla quale può anche non conseguire alcuna sintomatologia. Quindi rispetto alla malattia non è in grado di fare risentire i suoi effetti sulla economia generale dellorganismo.

26 Definizioni Fenomeno morboso: Alterazione congenita od acquisita di un arto come la fusione di parti molle delle dita (sindattilia), o presenza di dita soprannumerarie (polidattilia), o la mancanza di un dito (oligodattilia).

27 Definizioni Fenomeno morboso: esempi Abrasione: perdita di strati superficiali dellepidermide, causata da trauma tale da non interessare i vasi del derma Ipertrofia rigenerativa dellepitelio che subentra allabrasione per sostituire le cellule epidermiche distrutte Arrossamento e pallore della cute da dilatazione e contrazione della parete muscolare dei vasi del derma da elevate o basse temperature.

28 Definizioni Processo morboso: correlazione tra più fenomeni morbosi che compaiono in regolare successione con caratteristiche che contraddistinguono levento comedegenerativo, reattivo, riparativo ecc. associata a comparsa di una sintomatologia ben definita (es. processo infiammatorio, febbre…). Fenomeno indicativo di maggiore gravità.

29 Definizioni Processo morboso: esempi Infiammazione (vasodilatazione, iperemia, diapedesi dei leucociti, leucocitosi) Febbre (ipertermia, tachicardia, oliguria, etc)

30 Definizioni Stato morboso: condizione patologica stazionaria, spesso asintomatica, ben definita, risultante da un equilibrio che si instaura nellorganismo tra la noxa eziologica e la reattività di questo. Comunque lo stato morboso spesso non ha alcuna influenza sullintero organismo perché subentrano fenomeni di adattamento.

31 Definizioni Stato morboso: esempi: Mancanza di un arto Alterazione congenita od acquisita di un arto come la fusione di parti molle delle dita (sindattilia), o presenza di dita soprannumerarie (polidattilia), o la mancanza di un dito (oligodattilia).

32 Definizioni Stato morboso: esempi: Mancanza di un occhio Presbiopia Miopia Mancanza di un rene seguita da ipetrofia compensatoria del rene superstite. Presenza di cicatrici.

33 Definizioni di Malattia Qualsiasi condizioni del corpo e della mente che diminuisce la probabilità di sopravvivenza dellindividuo o della specie. Assenza dello stato di salute. Deviazione rilevabile della condizione omeostatica. Comporta un aumento dellentropia. E una condizione dinamica.

34 Definizioni Malattia: Evento che non passa inosservato dal resto dellorganismo: ad esempio la gangrena od un processo infiammatoriuo di un arto, processi in evoluzione.

35 Definizioni Malattia: allapice della piramide delle varie condizioni patologiche, è una condizione dinamica, evolutiva che si estrinseca con una successione temporale di eventi che interessa tutto lorganismo. La malattia è il turbamento della funzione di uno o più organi che si riflette in un modificazione della condizione omeostatica originaria ed induce contemporaneamente uno stato di reattività dellorganismo.

36 Definizioni Malattia Le possibilità evolutive sono: restitutio ad integrum ovvero tutto torna come prima (non sempre è possibile!) malattia persistente (cronicizzazione) soprattutto quando non è possibile rimuovere la causa morte: quando, nonostante la messa in opera di vari meccanismi, lorganismo non riesce a ripristinare le condizioni indispensabili per la sopravvivenza.

37 Definizioni La malattia provoca quasi sempre fenomeni soggettivi avvertiti dal paziente ed obiettivi, individuabili allesterno che vanno sotto il nome di sintomi. Il riscontro e lanalisi critica di questi consente di porre diagnosi. La diagnosi di malattia consente di formulare una prognosi, cioè di predire esito e durata della malattia, in base alla terapia.

38 Definizione di Salute (OMS) Stato di tenesse fisico, mentale e sociale completo e non semplice assenza di malattia. Lomeostasi è un disequilibrio controllato. Lazione di fattori patogeni intrinseci o estrinseci possono portare a: adattamento/risposta difensiva malattia mancato adattamento, malattia, morte. Il mancato adattamento è anche una possibile descrizione dellinvecchiamento.

39 Criteri di classificazione delle malattie

40 Le Malattie possono essere studiate a diversi livelli Intere popolazioni: EPIDEMIOLOGIA tesa a dimostrare la maggiore incidenza in determinate categorie od in determinati periodi dellanno

41 Le Malattie possono essere studiate a diversi livelli Singoli pazienti: Medicina Clinica

42 Le Malattie possono essere studiate a diversi livelli Singoli Organi: Fisiopatologia

43 Le Malattie possono essere studiate a diversi livelli Tessuti:Istopatologia

44 Cellule:Citologia

45 Organi endocellulari: Biochimica

46 Le Malattie possono essere studiate a diversi livelli Strutture molecolari: Biofisica

47 Le Malattie possono essere studiate a diversi livelli Cromosomi e Geni Citogenetica Biologia Molecolare:

48 Campi di Interesse della Patologia generale Studio delleziologia: le cause o fattori eziologici suddivisi in Intrinseci o genetici o endogeni Estrinseci o acquisiti o esogeni Per quanto riguarda gli effetti da essi indotti nellorganismo: Determinanti cioè da sole producono una netta relazione con gli effetti Coadiuvanti se facilitano lazione di altre cause o concause

49 Campi di Interesse della Patologia generale Lorganismo, nei confronti dellagente eziologico può essere: Recettivo, se ne subisce le conseguenze Refrattario, se non subisce alcuna conseguenza, perché geneticamente incapace di contrarre una determinata malattia (cimurro-cane) Resistente, seppur essendo potenzialmente recettivo, ha poteri di difesa, capaci di bloccare gli agenti patogeni dallinizio Reattivo, se i suddetti meccanismi di difesa sono molto efficienti

50 Campi di Interesse della Patologia generale Patogenesi: meccanismi responsabili della comparsa delle malattie. I meccansimi spesso sono molto numerosi e complessi. Sequenza di eventi che si verificano nella risposta cellulare o tissutale ad un agente eziologico, dallo stimolo iniziale allespressione finale della malattia. Utile perché se non si può intervenire sullagente eziologico responsabile, si può agire sui meccanismi (esotossine batteriche, vaccinazioni, immunoterapia).

51 Campi di Interesse della Patologia generale Patogenesi (i meccanismi). Sequenza di eventi che si verificano nella risposta cellulare o tissutale ad un agente eziologico, dallo stimolo iniziale allespressione finale della malattia

52 Campi di Interesse della Patologia generale Alterazioni morfologiche: alterazioni strutturali delle cellule o dei tessuti che sono caratteristiche della malattia e diagnostiche dellagente eziologico

53 Campi di Interesse della Patologia generale Alterazioni funzionali e significato clinico. La natura delle modificazioni funzionali e la loro distribuzione in diversi organi e tessuti influenza il funzionamento normale e determina le caratteristiche cliniche (sintomi e segni), decorso e prognosi della malattia

54 Reazioni dei tessuti sani: processi infiammatori Ambito della Patologia Generale Ambito della Patologia Generale Agenti patogeni Meccanismi Stress cellulare Risposte cellulari: alterazioni di crescita, danno, morte

55 Reazioni dei tessuti sani: difesa e riparazione del danno PROCESSI INFIAMMATORI ACUTI E CRONICI Reazioni dei tessuti sani: difesa e riparazione del danno PROCESSI INFIAMMATORI ACUTI E CRONICI Ambito della Patologia Generale Ambito della Patologia Generale Agenti patogeni: Meccanismi molecolari Stress cellulare Alterazioni di crescita: apoptosi atrofia ipertrofia, iperplasia METAPLASIA DISPLASIA, ANAPLASIA NEOPLASIA Alterazioni di crescita: apoptosi atrofia ipertrofia, iperplasia METAPLASIA DISPLASIA, ANAPLASIA NEOPLASIA Danno cellulare e tissutale; morte cellulare per Necrosi Danno cellulare e tissutale; morte cellulare per Necrosi eventi cellulari e tissutali eventi cellulari e tissutali - CAUSE INTRINSECHE - CAUSE ESTRINSECHE - CAUSE INTRINSECHE - CAUSE ESTRINSECHE

56 Reazioni dei tessuti sani: processi infiammatori Ambito della Patologia Generale Ambito della Patologia Generale Agenti patogeni Meccanismi Stress cellulare Risposte cellulari: alterazioni di crescita, danno, morte

57 Scopi della Patologia Generale

58

59

60 Riserva Funzionale, insufficienza, compenso, scompenso Riserva funzionale: la capacità morfo-funzionale in eccesso rispetto alle necessità basali. La sua diminuizione non si riflette immediatamente in un difetto funzionale, perciò il soggetto portatore di questa differenza può avere i parametri fisiologici, biochimici di riferimento perfettamente in ordine: tuttavia egli non è paragonabile ad un soggetto con riserva intatta (monorene, polmone vicario dello pneumonectomizzato).

61 Riserva Funzionale, insufficienza, compenso, scompenso Insufficienza funzionale: incapacità di fare fronte alle richieste basali per la funzione di riferimento. Compenso: la capacità di fare fronte alla insufficienza funzionale con adattamenti morfo- funzionali (Altitudine). Scompenso: situazione di insufficienza che non viene compensata anche quando sono stati allertati i mecccanismi di compenso.

62 Emorragia: esempio di riserva funzionale, insufficienza, compenso, scompenso

63 Salute: costanza di parametri vitali raggiunta e mantenuta per mezzo di continui aggiustamenti metabolici (omesostatici) e con spesa energetica Omeostasi: capacità di autoregolazione degli esseri viventi, tendente a mantenere costanti le condizioni del loro ambiente interno verso le variazioni dellambiente esterno. Malattia: risultato di squilibri di meccanismi omeostatici.


Scaricare ppt "Corsi di Laurea Triennali per le Professioni Sanitarie CORSO di Patologia Generale anno 2012-2013, 2° semestre Corsi di Laurea Triennali per le Professioni."

Presentazioni simili


Annunci Google