La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE GLOMERULONEFRITI LE GLOMERULONEFRITI Università di Bologna Dott.ssa Rosalba Bergamaschi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE GLOMERULONEFRITI LE GLOMERULONEFRITI Università di Bologna Dott.ssa Rosalba Bergamaschi."— Transcript della presentazione:

1 LE GLOMERULONEFRITI LE GLOMERULONEFRITI Università di Bologna Dott.ssa Rosalba Bergamaschi

2 LE GLOMERULONEFRITI Definizione: processi infiammatori a carico dei glomeruli renali su base immunologica, idiopatica o infettiva, con uno spettro di manifestazioni cliniche estremamente vario, che va da forme asintomatiche a forme letali, evolventi in modo acuto o cronico verso linsufficienza renale.

3 CLASSIFICAZIONE Classificazione clinicaClassificazione clinica: Acuta: - post-streptococcica - glom. rapidamente progressiva Cronica: glom. membrano-proliferativa Forme particolari: 1.Glom. a depositi mesangiali di IgA 2.Glom. in corso di peliosi reumatica 3.Glom. in corso di LES 4.Sindrome di Goodpasture

4 CLASSIFICAZIONE Classificazione morfologicaClassificazione morfologica: 1.Diffusa ( tutti i glomeruli sono coinvolti) 2.Focale (solo alcuni glomeruli sono coinvolti) 3.Globale (è interessato dalla malattia tutto il glomerulo) 4.Segmentale (solo alcune porzioni del glomerulo sono interessate, alcune anse sono normali)

5 GLOMERULONEFRITI ACUTE EZIOLOGIA: La grande maggioranza di glomerulonefriti conseguono a infezioni acute da ceppi nefritogeni di Streptococco beta emolitico di gruppo A (soprattutto il tipo 12) Le glomerulonefriti possono anche conseguire a infezioni di altri batteri (Stafilococco, Pneumococco, Salmonella), di virus (ECHO, Coxsakie, EBV, CMV) e di parassiti (malaria, toxoplasmosi).

6 EZIOLOGIA Fattori costituzionali e genetici svolgono un ruolo di primo piano sia nel determinare la suscettibilità alla malattia sia nel condizionarne levoluzione.

7 EPIDEMIOLOGIA La glomerulonefrite post-streptococcica predilige il sesso maschile (rapporto M/F di 2/1) Età di insorgenza: 3-10 anni Rara ma molto grave la forma che colpisce i lattanti

8 PATOGENESI Nella maggioranza dei casi la patogenesi è di tipo immunologico. Il danno glomerulare si può produrre attraverso 2 meccanismi: 1.Formazione di Immunocomplessi che si formano direttamente in loco oppure provengono dal circolo e si depositano sui glomeruli 2.Formazione di AutoAc diretti contro alcuni costituenti della membrana basale del glomerulo

9 PATOGENESI Gli Ic provocano un danno glomerulare attraverso lattivazione di: I.Leucociti, che liberano enzimi proteolitici lisosomiali II.Piastrine e fattori della coagulazione, che portano alla formazione di depositi di fibrina con conseguente proliferazione mesangiale III.Complemento, che favorisce la lisi delle membrane cellulari del glomerulo

10 CLINICA Sintomi principali: 1.Edema (soprattutto palpebrali) 2.Ematuria (spesso macroscopica) 3.Oliguria 4.Ipertensione arteriosa Compaiono dopo giorni da uninfezione acuta (vie respiratorie, otite, scarlattina)

11 CLINICA Sintomi secondari: 1.Febbre elevata 2.Diarrea, dolore addominale 3.Sintomi neurologici legati alledema cerebrale (cefalea, torpore, vomito, convulsioni) 4.Sintomi cardiocircolatori (scompenso cardiaco congestizio)

12 DIAGNOSI Segni urinari: oliguria, ematuria, cilindruria, proteinuria Iperazotemia, ipercreatininemia (per ridotta funzione escretrice) Aumento di P, Cl, K Aumento di VES e TASL Diminuzione di C3, aumento IgG Aumento di antistreptolisina O (nella glomerulonefrite post-streptococcica)

13 DIAGNOSI ECG, EEG e FOO per il controllo dellipertensione Rx torace: rivela il polmone nefritico caratterizzato da congestione ilare e marezzature sfumate diffuse

14 DECORSO E PROGNOSI Nella maggior parte dei casi si ha guarigione clinica spontanea in gg Raramente linsufficienza renale o ledema portano a morte nella fase acuta Ancora più rara è levoluzione verso la cronicità (più frequente invece nelladulto)

15 TERAPIA Non esiste una terapia specifica. La glomerulonefrite post-streptococcica viene trattata, nelle fasi iniziali, con penicillina o eritromicina. Consigliato il riposo a letto in fase acuta Attenzione alle complicanze (misurare ogni giorno la Pa, valutare la diuresi ogni 8 ore)

16 TERAPIA Nelle forme più gravi (glomerulonefrite acuta rapidamente progressiva) sono indicati: 1.Plasmaferesi 2.Corticosteroidi 3.Ciclofosfamide


Scaricare ppt "LE GLOMERULONEFRITI LE GLOMERULONEFRITI Università di Bologna Dott.ssa Rosalba Bergamaschi."

Presentazioni simili


Annunci Google