La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Visita studio Delegazione CNA Bruxelles - Martedì 20 settembre 2005 Lorenza Badiello Servizio di Bruxelles Cooperazione fra Regioni dEuropa: strumento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Visita studio Delegazione CNA Bruxelles - Martedì 20 settembre 2005 Lorenza Badiello Servizio di Bruxelles Cooperazione fra Regioni dEuropa: strumento."— Transcript della presentazione:

1 Visita studio Delegazione CNA Bruxelles - Martedì 20 settembre 2005 Lorenza Badiello Servizio di Bruxelles Cooperazione fra Regioni dEuropa: strumento di crescita e sviluppo

2 Servizio di Bruxelles LEuropa delle regioni / con le regioni NellEuropa a 25 le regioni sono 254 NellEuropa a 25 le regioni sono 254

3 Servizio di Bruxelles Rappresentanze regionali a Bruxelles Numero di regioni ufficialmente rappresentate a Bruxelles ( )

4 Servizio di Bruxelles Attività delle regioni a Bruxelles Rappresentanza istituzionale presso lUE Rappresentanza istituzionale presso lUE Informazione – formazione Informazione – formazione Assistenza tecnica Assistenza tecnica Networking Networking Promozione in ambito UE Promozione in ambito UE

5 Servizio di Bruxelles La cooperazione interregionale Condizione per un ruolo forte degli enti locali in Europea e per un efficace processo di costruzione europea è la cooperazione interregionale. Valore politico: c.i. come fattore di promozione del concetto di Europa – non solo economica – ma anche politica; come strumento per il trasferimento di competenze ed esperienze in ambito istituzionale ed amministrativo. Valore politico: c.i. come fattore di promozione del concetto di Europa – non solo economica – ma anche politica; come strumento per il trasferimento di competenze ed esperienze in ambito istituzionale ed amministrativo. Valore economico: creazione di alleanze fra imprese e tra imprese e università; consolidamento del potenziale economico regionale; riduzione del gap tra regioni forti e meno avanzate; scambio di esperienze e buone pratiche. Valore economico: creazione di alleanze fra imprese e tra imprese e università; consolidamento del potenziale economico regionale; riduzione del gap tra regioni forti e meno avanzate; scambio di esperienze e buone pratiche. Valore sociale e culturale: mutua conoscenza fra realtà territoriali differenti; stimolo alla creazione e allinterscambio culturale, diffusione dei valori dintegrazione, solidarietà e unione nella diversità. Valore sociale e culturale: mutua conoscenza fra realtà territoriali differenti; stimolo alla creazione e allinterscambio culturale, diffusione dei valori dintegrazione, solidarietà e unione nella diversità.

6 Servizio di Bruxelles Tipologie degli attuali strumenti per la cooperazione interregionale Gli strumenti comunitari per la cooperazione fra enti locali appartenenti allo spazio europeo si possono suddividere in tre categorie: Programmi e iniziative settoriali: impresa, ricerca, innovazione, ambiente…. Programmi e iniziative settoriali: impresa, ricerca, innovazione, ambiente…. Iniziative comunitarie: fondi destinati agli Stati Membri allinterno della politica di coesione socio-economica. Iniziative comunitarie: fondi destinati agli Stati Membri allinterno della politica di coesione socio-economica. Strumenti di cooperazione economica e sociale: programmi di pre-adesione alla UE, programmi specificamente destinati a paesi terzi Strumenti di cooperazione economica e sociale: programmi di pre-adesione alla UE, programmi specificamente destinati a paesi terzi

7 Servizio di Bruxelles Esempio di Programmi settoriali: il VI Programma Quadro RST Ricerca ed innovazione sono priorità assolute per lUnione Europea, per il rilancio economico dell Europa. Nel contesto del VI PQ ( : dotazione di 17,5 miliardi) si prevedono numerose azioni che coinvolgono le regioni e i sistemi produttivi territoriali: Azioni dincentivazione allinnovazione (319 mln) Azioni dincentivazione allinnovazione (319 mln) Sviluppo di coerenti politiche di ricerca e innovazione (55 mln) Sviluppo di coerenti politiche di ricerca e innovazione (55 mln) Coordinamento delle attività di ricerca (ER-NET) (160 mln) Coordinamento delle attività di ricerca (ER-NET) (160 mln) Mobilità e formazione di ricercatori (1.580 mln) Mobilità e formazione di ricercatori (1.580 mln) Programmi specifici per PMI (CRAFT, Ricerca collettiva, ETI, per un totale di mln) Programmi specifici per PMI (CRAFT, Ricerca collettiva, ETI, per un totale di mln) Creazione di reti di eccellenza interregionali e progetti integrati Creazione di reti di eccellenza interregionali e progetti integrati

8 Servizio di Bruxelles Strumenti per la cooperazione interregionale Politica di coesione ( ) Tra le iniziative comunitarie, INTERREG è specificamente pensata per la cooperazione interregionale. Nome programma Area geografica dintervento Azioni dirette a favore dellimprenditorialità INTERREG IIIA Cooperazione transfrontaliera (territori a cavallo fra le frontiere terrestri e marittime) sviluppo dello spirito imprenditoriale e delle (PMI),sviluppo dello spirito imprenditoriale e delle (PMI), turismo e iniziative locali di sviluppo e occupazioneturismo e iniziative locali di sviluppo e occupazione RST, comunicazioni, formazioneRST, comunicazioni, formazione Ambiente ed enegriaAmbiente ed enegria INTERREG IIIB Cooperazione transnazionale (suddivisione in 13 aeree geograficamente contigue) Reti di trasportoReti di trasporto Protezione e gestioe ambientaleProtezione e gestioe ambientale Sviluppo sostenibileSviluppo sostenibile INTERREG IIIC Cooperazione interregionale (divisione in quattro macro-aree geograficamente contigue) Scambi di esperienze, creazione di alleanze e retiScambi di esperienze, creazione di alleanze e reti

9 Servizio di Bruxelles Nome progr. Area geografica dintervento Azioni dirette a favore dellimprenditorialità TACIS Nuovi Stati Indipendenti (ex repubbliche Sovietiche) Riconversione industriale, industria agricola e alimentare, infrastrutture, formazione PHARE Paesi dellEuropa Centro-orientale Riforme istituzionali ed economiche, investimenti, accesso al credito CARDS Balcani occidentali (ex-Jugoslavia e Albania) Riforma amministrativa ed economica, educazione e formazione, ricostruzione, stabilizzazione. MEDA 12 paesi del Mediterraneo meridionale e orientale Transizione economica e creazione zona libero scambio, infrastrutture, sistema finanziario, promozione investimenti Strumenti per la cooperazione interregionale Cooperazione internazionale

10 Servizio di Bruxelles La cooperazione interregionale: il futuro Programmi e iniziative settoriali: nel 2007 sarà varata una nuova generazione di programmi, come VII Programma Quadro, Lifeplus, Cittadini per lEuropa, Cultura 2007, Gemellaggi ( ) Politica di coesione: i programmi Interreg confluiranno auspicabilmente nel nuovo Obiettivo 3 (Cooperazione territoriale europea) dei Fondi strutturali, programmazione Politiche di preadesione: questa politica si indirizza al futuri allargamenti dellUE e predisporrà strumenti di cooperazione economica e sociale con gli Stati Candidati: questa politica si indirizza al futuri allargamenti dellUE e potenziali Candidati. Politica di prossimità: con essa lUE vuole creare un solido partenariato, su basi di eguaglianza, con tutto larco paesi che circondano lUnione allargata, dalla Russia al Marocco, per il commercio e gli investimenti, per gli scambi nel settore dellistruzione, per il dialogo culturale politico.

11 Servizio di Bruxelles Il futuro: regioni ed imprese insieme verso Lisbona Nel luglio 2005 (COM ) la Commissione Europea ha delineato le azioni necessarie per il rilancio economico dellUnione, nel contesto della Strategia di Lisbona. La Commissione ha definito otto campi di azione: Ricerca e innovazione Aiuti di stato Semplificaz.Amministr. Mercato dei servizi Accordo commerc. (Doha) Libertà di mobilità Emigrazione economica Politiche sociali

12 Servizio di Bruxelles La politica regionale dell UE deve essere funzionale al completamento dellagenda di Lisbona. La Commissione Europea ha definito nel luglio 2005 (COM ) le tre linee guida per la politica regionale durante il periodo Il futuro : Lisbona e la politica regionale Attrarre investimenti Potenziare i trasportiPotenziare i trasporti Combinare tutela ambientale e crescita (ecoinnovazione)Combinare tutela ambientale e crescita (ecoinnovazione) Razionalizzare luso dellenergiaRazionalizzare luso dellenergia Promuovere RST Migliorare investimentiMigliorare investimenti Combinare RST e imprenditoriaCombinare RST e imprenditoria Accesso alla società dellinformazioneAccesso alla società dellinformazione Accesso ai finanziamentiAccesso ai finanziamenti Nuovi e migliori posti di lavoro Accesso al Mercato del lav.Accesso al Mercato del lav. Protezione sociale sostenibileProtezione sociale sostenibile Istruzione e formazioneIstruzione e formazione Migliorare lamministrazione dei FondiMigliorare lamministrazione dei Fondi

13 Servizio di Bruxelles Il futuro : Sfide comuni a regioni e imprese Ricerca e innovazio- ne Occupazion e Emigrazione economica Mercato interno Concorrenza internazional e Brain drain e brain waste Società multietnic a

14 Servizio di Bruxelles Il futuro : risposte comuni … sfide che richiedono soluzioni comuni Cluster territoriali capitale umano e conoscenza T Partenariato pubblico - privato Governance territoriale Accesso al credito Apertura/ tolleranza T Tecnologia, innovazione T Qualità della vita Coesione socio- economica

15 Servizio di Bruxelles Regioni e imprese attori protagonisti di un sistema policentrico Il modello policentrico dellUE (cfr. J. Rifkin) è caratterizzato dal dialogo e dalla negoziazione continua tra diversi attori e reti. Solo attraverso la competitività e la cooperazione di tali attori e reti si possono mobilitare le risorse necessarie per il raggiungimento dei grandi obiettivi comunitari (Lisbona e Goteborg) Il modello policentrico dellUE (cfr. J. Rifkin) è caratterizzato dal dialogo e dalla negoziazione continua tra diversi attori e reti. Solo attraverso la competitività e la cooperazione di tali attori e reti si possono mobilitare le risorse necessarie per il raggiungimento dei grandi obiettivi comunitari (Lisbona e Goteborg)

16 Servizio di Bruxelles Lorenza Badiello Regione Emilia-Romanga Servizio di collegamento con gli organi dellUE a Bruxelles Avenue de lYser Bruxelles Tel Fax romagna.it/web_gest/bruxelles/index.htm Riferimenti


Scaricare ppt "Visita studio Delegazione CNA Bruxelles - Martedì 20 settembre 2005 Lorenza Badiello Servizio di Bruxelles Cooperazione fra Regioni dEuropa: strumento."

Presentazioni simili


Annunci Google