La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Seminario Sulla Febbre Termoregolazione Febbre Ipertermia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Seminario Sulla Febbre Termoregolazione Febbre Ipertermia."— Transcript della presentazione:

1 Seminario Sulla Febbre Termoregolazione Febbre Ipertermia

2 Importanza Omeostasi Termica Mantenimento della costanza dellambiente interno Bilanciamento dellenergia calorica prodotta durante la respirazione cellulare

3 Termoregolazione Normale Temperatura corporea normale: 36,7 ± 0,6°C

4 Termogenesi: SNC, fegato, cuore, visceri addominali, reni, muscoli

5 Tendenza a mantenere costante la temperatura del core al variare della temperatura ambientale Distribuzione temperatura corporea e gradienti termici Esposizione al caldo Esposizione al freddo

6 Meccanismi di controllo della temperatura corporea ProduzioneDissipazione Calore

7 Produzione di calore Grado di attività metabolica basale cellulare Attività muscolare isometrica (brivido) o meno (movimento) Incremento del metabolismo causato da tiroxina, ormone della crescita, testosterone Incremento del metabolismo causato dalleffetto di adrenalina, noradrenalina e attivazione del sistema ortosimpatico (vasocostrizione) Incremento del metabolismo in conseguenza di un aumento della temperatura a livello cellulare

8 Perdita di calore Velocità di conduzione del calore dalla sede di produzione alla pelle –Scambio controcorrente tra vene e arterie –Vasodilatazione e vasocostrizione –Sistema termoisolante del corpo Sudorazione Tachipnea

9 Perdita di calore Velocità di trasferimento del calore dalla pelle allambiente circostante Conduzione diretta Capacità calorica Sudorazione Perspiratio insensibilis Da molecola a molecola Processo autolimitato Per spostamento di molecole Wind chill Raggi infrarossi Abbigliamento (zona privata) Fluidi a maggior conducibilità

10 Regolazione ipotalamica della temperatura

11 Rilevazione della temperatura : –Neuroni termosensibili Ipotalamo preottico e nuclei anteriori (temperatura sanguigna regionale) Midollo spinale –Recettori periferici Cute Visceri Integrazione e confronto col punto di regolazione (set-point) –Ipotalamo posteriore

12 Meccanismi effettori di regolazione –Riduzione della temperatura Vasodilatazione (inibizione centri ortosimpatici dellipotalamo posteriore, vasocostrittori) Sudorazione (livello critico: 37°C) Diminuzione della produzione di calore (termogenesi chimica) Regolazione comportamentale –Aumento della temperatura Vasocostrizione (attivazione centri ortosimpatici ipotalamo anteriore) Piloerezione Brivido (centro motorio del brivido -ipotalamo posteriore-; aumento tono della muscolatura scheletrica) Secrezione di tiroxina (TRH> TSH> T 4 > metab) Incremento ortosimpatico della termogenesi (disaccoppiamento della fosforilazione ossidativa) Regolazione comportamentale

13 Febbre La febbre è un innalzamento della temperatura corporea conseguente ad unelevazione del punto di regolazione del termostato ipotalamico. Il rialzo della temperatura corporea durante un attacco febbrile supera le normali variazioni circadiane. Utilità della febbre Uccisione dei batteri Aumento movimento leucocitario IL-1 e TNF sono più efficaci

14 Malattie febbrili Infezioni (es.: da Gram negativi), setticemie Infestazioni Malattie infiammatorie asettiche (es.: gotta) Necrosi ischemiche (es.: infarti) Malattie immunitarie (es.: artrite reumatoide) Tumori (es.: leucemie acute, m. Hodgkin) Crisi emolitiche Grandi traumi (es.: crush injury)

15 Meccanismo di induzione della febbre Pirogeni esogeni Pirogeni endogeni

16 Episodio febbrile Fase del freddo Ascesa Fase del caldo Fastigio Fase della sudorazione Defervescenza

17 Ascesa Sensazione di freddo Pallore (vasocostrizione) Brividi Diminuzione della perdita e aumento della produzione di calore Aumento della pressione sanguigna Tachicardia Modificazioni comportamentali

18 Fastigio Vasocostrizione periferica pallore Sensazione del pz. di essere caldo e asciutto Continua stimolazione del metabolismo per mantenere alta la temperatura –Proteolisi muscolare perdita di azoto aumentata diuresi + astenia – Ormoni anti-insulinici iperglicemia – Ossidazione grassi del sottocutaneo tendenza alla chetosi alito acetonico

19 Defervescenza Calo della temperatura –Rapido= crisi –Lento= lisi Sensazione di caldo del pz. Sudorazione Vasodilatazione Alterazioni comportamentali –Rimozione di indumenti e delle coperte

20 Tipi di febbre Febbre continua: la temperatura si mantiene costantemente sopra la norma (es.: febbre tifoide) Febbre remittente: ci sono notevoli oscillazioni giornaliere senza però mai scendere fino al livello normale –Febbre settica: con oscillazioni marcate e brusche Febbre intermittente: alternanza di periodi di febbre e apiressia (es.: malaria quotidiana, terzana o quartana) Febbre ricorrente: periodi febbrili di alcuni giorni intervallati da periodi di apiressia (es.: brucellosi) –Febbre ondulante: passaggio graduale tra i periodi di piressia a quelli di apiressia

21 Ipertermie non febbrili Aumento della temperatura corporea per: a. alterazioni dei meccanismi centrali della termoregolazione b. incremento della temperatura che eccede la capacità di disperdere calore.

22 Cause di ipertermia Termogenesi aumentata –Notevole esercizio muscolare –Tireotossicosi (es.: Basedow-Graves) –Feocromocitoma –Ipertermia maligna da anestetici inalatori (es.: alotano) Ostacolata termodispersione –Colpo di calore (correlato o meno ad attività fisica) –Tossici e farmaci (es.: atropina) –Disfunzioni del SN autonomo –Disidratazione –Grandi ustioni Disturbi ipotalamici –Encefaliti o processi infiammatori del cervello –Tumori del SNC o traumi o insulti vascolari –Effetto centrale di farmaci (es.: fenotiazine) = sdr. maligna da neurolettici Tumore dei surreni Produzione di catecolamine Anomalia ereditaria del RS del muscolo scheletrico che causa un rapido aumento del Ca 2+ intracellulare: metabolismo Rigidità Rabdomiolisi Spesso è fatale Perdita coibentazione Perdita liquidi Infezioni ricorrenti Perdita persistente gh. sudoripare Medicazioni occlusive Ambienti con temperatura e umidità elevate

23 Cause di ipertermia Termogenesi aumentata –Notevole esercizio muscolare –Tireotossicosi (es.: Basedow-Graves) –Feocromocitoma –Ipertermia maligna da anestetici inalatori (es.: alotano) Ostacolata termodispersione –Colpo di calore (correlato o meno ad attività fisica) –Tossici e farmaci (es.: atropina) –Disfunzioni del SN autonomo –Disidratazione –Grandi ustioni Disturbi ipotalamici –Encefaliti o processi infiammatori del cervello –Tumori del SNC o traumi o insulti vascolari –Effetto centrale di farmaci (es.: fenotiazine) = sdr. maligna da neurolettici

24 Distinzione tra febbre e ipertermia Risposta agli antipiretici (febbre ) Eventi precedenti allelevazione della temperatura (esposizione al caldo; trattamento con farmaci interferenti con la termoregolazione) Aspetti obiettivi di ipertermia (rigidità muscolare e/o creatinfosfochinasi)


Scaricare ppt "Seminario Sulla Febbre Termoregolazione Febbre Ipertermia."

Presentazioni simili


Annunci Google