La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Impotenza maschile Definizione della disfunzione erettile, cause, prevalenza, fattori di rischio Fisiologia dellerezione Approccio diagnostico Terapia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Impotenza maschile Definizione della disfunzione erettile, cause, prevalenza, fattori di rischio Fisiologia dellerezione Approccio diagnostico Terapia."— Transcript della presentazione:

1

2 Impotenza maschile

3 Definizione della disfunzione erettile, cause, prevalenza, fattori di rischio Fisiologia dellerezione Approccio diagnostico Terapia Effetti collaterali e controindicazioni

4 Incapacità di raggiungere e mantenere un'erezione del pene tale da portare a termine un rapporto sessuale soddisfacente Chiamata anche disfunzione erettile (DE) Organica o psicogena/relazionale

5 Cause di disfunzione erettile Psicogene/relazionali 20-30% Organiche Endocrine 1-3% Vascolari 50-60% arteriopatie disfunzione del meccanismo veno-occlusivo Neurogene 10-20% Miste

6 Disorders with increased risk of erectile dysfunction OR (95% CI) Cardiac diseases 2.43 ( ) Hypertension1.60 ( ) Stroke4.27 ( ) Peripheral arteriopathy2.27 ( ) Diabetes3.62 ( ) Renal insufficiency1.29 ( ) Neuropathy3.21 ( ) Pelvic/medullary trauma ( ) Pelvic surgery or radiation3.68 (1.88-7,20) (Parazzini et al. Eur Urol, 37,43, 2000)

7 prevalenza 52% degli uomini tra i 40 e i 70 anni va incontro a gradi diversi di DE Si stima che qualche forma di DE si verifichi in più di 100 milioni di uomini in tutto il mondo In Italia circa tre milioni di uomini ne sono affetti Insorge in qualsiasi età frequente a partire di anni

8 Prevalenza della disfunzione erettile in Italia in funzione delletà Età% con DE > (Parazzini et al. Eur Urol, 37,43, 2000)

9 Definizione della disfunzione erettile, cause, prevalenza, fattori di rischio Fisiologia dellerezione Approccio diagnostico Terapia Effetti collaterali e controindicazioni

10 Controllo centrale Controllo spinale Controllo locale

11

12 Tono della muscolatura liscia peniena Aumento Riduzione (detumescenza) (erezione) NoradrenalinaOssido nitroso Acetilcolina

13 Flaccidità = contrazione m. liscia dei corpi cavernosi Erezione = rilasciamento m. liscia dei corpi cavernosi

14 Definizione della disfunzione erettile, cause, prevalenza, fattori di rischio Fisiologia dellerezione Approccio diagnostico Terapia Effetti collaterali e controindicazioni

15 Anamnesi generale Anamnesi sessuale Esame obiettivo Esami di primo livello Esami di secondo livello

16 Anamnesi generale e sessuale Esame obiettivo + esami di primo livello DIAGNOSI: forma psicogeno/relazionale forma organica pura forma mista

17 Esami di primo livello routine (glicemia, colesterolo) testosterone totale e Prolattina valutazione della risposta erettile dopo iniezione intracavernosa di PGE1

18 Esami di secondo livello eco-color doppler vasi penieni valutazione erezioni notturne

19 Definizione della disfunzione erettile, cause, prevalenza, fattori di rischio Fisiologia dellerezione Approccio diagnostico Terapia Effetti collaterali e controindicazioni

20 Terapia della disfunzione erettile (I) Mettere il paziente (o la coppia) a proprio agio, farlo parlare, dedicargli il tempo necessario Far capire al paziente limportanza della relazione di coppia Rassicurare il paziente

21 Terapia della disfunzione erettile (II) Modificare lo stile di vita: abolire fumo ridurre alcool abolire droghe controllo peso corporeo attività fisica

22 Ottimizzare la terapia di malattie concomitanti: Malattie cardiovascolari Ipertensione Diabete Malattie endocrine (ipogonadismo…) Terapia della disfunzione erettile (III)

23 Farmaci sintomatici disponibili per la disfunzione erettile Per uso orale: Per uso intracavernoso: Prostaglandina E1 Papaverina Fentolamina Per uso intrauretrale: Prostaglandina E1 (disponibile allestero) Per uso orale: inibitori selettivi della fosfodiesterasi tipo V (Sildenafil, Tadalafil e Vardenafil )

24 La terapia farmacologica più utilizzata è costituita dagli inibitori della PDE-5 (5- fosfodiesterasi). Scoperta recente Sono: sildenafil; tadalafil; verdenafil

25 Relative selectivity of phosphodiesterase type V inhibitors (IC 50, nmoles) __________________________________________________________________ FamilyTadalafil*Sildenafil°Vardenafil^ __________________________________________________________________ PDE1a PDE3a PDE4a PDE PDE ,8 2,9 PDE7a PDE8a PDE9a PDE10a PDE11a __________________________________________________________________ * Data from Lilly Icos ° Data from Pfizer ^ Data from Bayer

26 Sildenafil, Vardenafil, Tadalafil Papaverine (Lue, 2000)

27 Efficacia del sildenafil Correlazione con la entità della DE: DE lieve > DE moderata > DE grave Correlazione con leziologia: De psicogena = 89% DE vascolare = 86% DE in diabetici = 58% DE da cause neurogene = 56% DE da prostatectomia = 35% (Marks et al. Urol. 1999; Jarow et al. J Urol 1999)

28 Effetti collaterali - Sildenafil Cefalea (16%) Vampate (10%) Dispepsia (7%) Congestione nasale (4%) Infezioni urinarie (3%) Diarrea (2%) Vertigini (2%) Eruzioni cutanee (2%)

29 Controindicazioni pazienti che assumono nitrati sotto qualsiasi formulazione pazienti con problemi cardiaci per i quali è sconsigliata lattività sessuale.


Scaricare ppt "Impotenza maschile Definizione della disfunzione erettile, cause, prevalenza, fattori di rischio Fisiologia dellerezione Approccio diagnostico Terapia."

Presentazioni simili


Annunci Google