La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TRASFORMATORE Versione aggiornata al 23 maggio 2013.

Copie: 1
TRASFORMATORE Versione aggiornata al 13 maggio 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TRASFORMATORE Versione aggiornata al 23 maggio 2013."— Transcript della presentazione:

1 TRASFORMATORE Versione aggiornata al 23 maggio 2013

2 RICHIAMI PRELIMINARI Proprietà di solenoidalità del vettore induzione magnetica e flusso concatenato con una linea chiusa

3 Solenoidalità di S superficie chiusa

4 Flusso concatenato con una linea chiusa orientata γ Per la solenoidalità del vettore induzione magnetica i due integrali di superficie estesi a S1 e S2 sono indipendenti dalla superficie purché questa sia orlata da γ. Dati il vettore induzione magnetica ed una linea chiusa orientata γ si definisce pertanto flusso di tale vettore concatenato con γ la quantità: in cui Sγ è una qualsiasi superficie orlata da γ e la normale a Sγ è orientata in maniera congruente allorientazione di γ.

5 Flusso concatenato con una linea chiusa orientata γ; congruenza del verso della normale alla superficie S rispetto a quello della linea γ

6 Legge di Faraday Data la f.e.m. (forza elettromotrice), associata al campo elettrico non conservativo e alla linea chiusa orientata γ:

7 Legge di Faraday Tale f.e.m. è legata al flusso di concatenato con γ dalla relazione: e = - d /dt in cui vale il segno – se il flusso concatenato con γ è calcolato con la stessa orientazione di γ con cui è definita la f.e.m e.

8 Legge di Ampére Dati il campo magnetico, una linea chiusa orientata λ e la corrente i concatenata con questa, si ha: assumendo il segno + se il verso della corrente i è congruente con quello di λ ed il segno – nel caso contrario

9 Legge di Ampére; congruenza del verso di i rispetto a quello di λ

10 Legge di Ampére Nel caso di N spire in serie di un avvolgimento attraversate dalla corrente i e concatenate con λ, la stessa legge assume la forma:

11 Legge di Ampére Se conferiamo un carattere algebrico al numero di spire, attribuendo un segno ad N, corrispondente al verso con cui sono avvolte le N spire intorno a λ, possiamo esprimere la legge di Ampere nella forma:

12 Legge di Ampére Ovviamente il segno di N non è una caratteristica intrinseca dellavvolgimento poiché riferito alla congruenza tra il verso delle N spire attraversate dalla corrente i con il verso di λ.

13 Legge di Ampére In analogia con la f.e.m e associata al campo elettrico : la quantità Ni associata al campo magnetico : è denotata come forza magneto motrice (f.m.m.).

14 Riluttanza di un tubo di flusso del vettore induzione magnetica Sia S la sezione retta del tubo di flusso sufficientemente piccola rispetto alla sua lunghezza Il flusso di si può esprimere come φ=B·S Sia λ la linea media del tubo di flusso %

15

16 Configurazione schematica di un trasformatore Se lavvolgimento primario è alimentato con v(t) e lavvolgimento secondario è connesso ad un utilizzatore si ha un trasferimento di potenza dal circuito primario a quello secondario, attraverso laccoppiamento magnetico dei 2 avvolgimenti.

17 Simbolo circuitale del doppio bipolo trasformatore

18 Simbolo circuitale del trasformatore negli schemi degli impianti

19 Andamento del campo di induzione magnetica

20 Distinguiamo tre tubi di flusso le cui linee medie sono p (tubo di flusso principale che si sviluppa prevalentemente nel ferro concatenato con entrambi gli avvolgimenti) e σ1 e σ2 (tubi di flusso disperso con un consistente sviluppo in aria e concatenati con uno solo dei due avvolgimenti)

21 Tubo di flusso principale Tale flusso determina laccoppiamento magnetico dei due avvolgimenti e contribuisce al trasferimento di potenza dal primario al secondario

22 F.e.m. indotta dal flusso principale La f.e.m. indotta in ciascuno degli avvolgimenti dal flusso principale è dato dalla somma delle f.e.m. indotte delle singole spire in serie Al fine di calcolare la f.e.m. indotta nella singola spira, dobbiamo tener conto che il singolo avvolgimento sarà orientato e che pertanto lorientamento della singola spira visto dallalto potrà essere antiorario oppure orario

23 F.e.m. indotta dal flusso principale A N 1 e N 2 è convenzionalmente attribuito un segno algebrico, connesso al verso (concorde o discorde) dei due avvolgimenti rispetto a quello assunto positivo per le linee di flusso di B nel tubo di flusso principale.

24 Orientamento dellavvolgimento eliminare

25 F.e.m. indotta nellavvolgimento di sinistra (verso congruente con ) è orientata verso lalto; ϒ è congruente con p. eliminare

26 F.e.m. indotta nellavvolgim. di sinistra (verso non congruente con ) è orientata verso lalto; ϒ non è congruente con p. eliminare

27 F.e.m. nellavvolgimento di sinistra Linduzione è orientata verso lalto; i casi dei due possibili versi dellavvolgim. si sintetizzano con: eliminare

28 F.e.m. nellavvolgimento di destra Linduzione è orientata verso il basso; i casi dei due possibili versi dellavvolgim. si sintetizzano analogamente con: eliminare

29 F.e.m. indotte dai flussi dispersi I flussi dispersi (primario) e (secondario) sono proporzionali ad i 1 ed i 2. Le f.e.m. indotte da tali flussi sono: l σ1 e l σ2 sono le induttanze di dispersione dei 2 avvolgimenti

30 Induttanze di dispersione Le induttanze di dispersione e sono legate ai flussi dispersi e dalle relazioni: eliminare

31 Accoppiamento magnetico perfetto Se i flussi dispersi e e le induttanze di dispersione e sono nulli, laccoppiamento magnetico dei due avvolgimenti si dice perfetto

32 Equazioni di base del trasformatore nel dominio del tempo Leggi di Kirchhoff delle tensioni (LKT) per i due avvolgimenti v 1 + e p1 + e σ1 = r 1 i 1 v 2 + e p2 + e σ2 = r 2 i 2. Legge di Ampére

33 Equazioni di base del trasformatore nel dominio del tempo LKT per i due avvolgimenti Legge di Ampére

34 Trasformatore ideale Ipotesi semplificative: Avvolgimenti perfettamente conduttori r 1 =r 2 =0 Accoppiamento magnetico perfetto tra i due avvolgimenti l σ1 = l σ2 =0 Riluttanza trascurabile del tubo di flusso principale R=0

35 Trasformatore ideale Equazioni nel dominio del tempo

36 Trasformatore ideale in regime sinusoidale Equazioni nel dominio dei fasori:

37 Trasformatore ideale in regime sinusoidale Posto: (rapporto di trasformazione) le equazioni del trasformatore ideale si riducono a:

38 Doppio bipolo Trasformatore ideale: rappresentazione grafica Equazioni

39 Doppio bipolo Trasformatore ideale

40 Trasformatore ideale: proprietà di trasparenza alle potenze

41 potenza assorbita dal primario (avvolgim. 1) potenza erogata dal secondario (avvolgim. 2) e trasferita allutilizzatore. Pot. attiva assorbita = Pot. attiva erogata Rendimento unitario

42 Applicazioni del trasformatore Abbassatore di tensione Elevatore di tensione Piccolissime potenze di pochi W Grandi trasformatori di diverse centinaia di MVA (reti di produzione, trasmissione e distribuzione dellenergia elettrica)

43 Struttura della rete elettrica nazionale (produzione, trasmissione e distribuzione)

44 Traliccio ad alta tensione

45 Isolatori

46 Doppio bipolo Trasformatore ideale

47 Trasformatore ideale: proprietà di trasformazione delle impedenze Essendo

48 Diversi modelli del trasformatore reale di crescente complessità Modello 1:,, ferro ideale, privo di perdite con riluttanza R finita e costante; Modello 2:,, ferro reale con perdite; Modello 3: avvolgimenti reali ( ), loro accoppiamento magnetico non perfetto ( ), ferro reale con perdite, rete equivalente a T.

49 Equazioni di base del trasformatore nel dominio del tempo LKT per i due avvolgimenti Legge di Ampére

50 Modello 1 del trasformatore reale Avvolgimenti ideali ( ) Accoppiamento perfetto ( ) Ferro ideale, privo di perdite con riluttanza R finita e costante.

51 Modello 1 Equazioni di base:

52 Riluttanza nel modello 1 (finita e costante) La riluttanza è somma del contributo del ferro e dei traferri Il ferro ha permeablità cost.caratterist. B-H linearearea nulla del ciclo disteresi perdite per isteresi nulle; analogamente nulle le perdite per correnti di Foucault

53 Funzionamento a vuoto avvolgim. second. aperto Il sistema può essere considerato come un bipolo, la cui caratteristica è:

54 Modello 1: funzionamento a vuoto avvolgim. second. aperto Equazioni

55 Funzionamento a vuoto, confronto con il trasformatore ideale La legge di Ampére nel trasformatore ideale fornisce: A vuoto anche Il trasformatore ideale a vuoto costituisce un aperto ideale.

56 Funzionamento a vuoto, confronto con il trasformatore ideale Il valore del flusso è imposto dalla tensione applicata: Il valore finito del flusso, pur in assenza di correnti e finite è spiegabile con il fatto che si è supposta nulla la riluttanza R

57 Modello 1 del trasformatore reale; funzionamento sottocarico Il flusso non varia rispetto al funzionamento a vuoto essendo sempre imposto dalla tensione : Il flusso è pertanto costante al variare del carico del trasformatore

58 Modello 1 del trasformatore reale; funzionamento sottocarico Legge di Ampére

59 Modello 1, rete equivalente del trasformat. reale sotto carico

60 Se si divide I e II membro della legge di Ampere per si ottiene unaltra rete equiv. La corrente rappresenta la corrente vista dal lato 2

61 Modello 2 del trasformatore reale Avvolgimenti ideali ( ) Accoppiamento perfetto ( ) Ferro reale con perdite

62 Comportamento reale del ferro B è sinusoidale, le correnti no. Infatti:

63 Comportamento reale del ferro Larea del ciclo rappresenta lenergia di magnetizzazione per unità di volume dissipata in calore. Una relazione empirica fornisce la potenza dissipata: K cost del materiale proporzionale alla frequenza ed al volume.

64 Comportamento reale del ferro Perdite per correnti parassite nel ferro (o correnti di Foucault) in una lastra piana indefinita di spessore Δ: C cost. opportuna, resistività del ferro Il fenomeno non è portato in conto dalle eq. di base precedenti.

65 Comportamento reale del ferro La potenza complessiva dissipata nel ferro è fornita dalla somma delle perdite per isteresi e di quelle per correnti parassite: e conseguentemente:

66 Confronto del model. 2 con il model. 1 nel funzionam. a vuoto La potenza assorbita dal trasformatore è nulla. Tale modello non è quindi in grado di rappresentare i fenomeni dissipativi nel ferro. La potenza trasformata in calore nel ferro deve essere fornita dalla rete di alimentazione

67 Modello 2 (ferro reale): funzionamento a vuoto Si possono trattare in maniera separata i problema della non linearità e della dissipazione di potenza nel ferro, riducendo il ciclo alla sua linea media e considerando a parte le perdite nel ferro.

68 Modello 2 (ferro reale): funzionamento a vuoto Si può linearizzare la linea media del ciclo, considerando cost. la riluttanza. Le perdite nel ferro possono essere rappresentate da una resist. in parall. a tale che:

69 Modello 2 (ferro reale): rete equival. nel funzionam. a vuoto

70 Modello 2 (ferro reale): funzionamento a vuoto La corrente a vuoto risulta pari alla somma:

71 Modello 2 (ferro reale con perdite): funzionamento sotto carico

72

73 Nel trasformatore ideale Nel trasformatore reale Il rapporto tra le correnti è diverso da 1/a. Lo scostamento è prodotto da I 10

74 Modello 2 (ferro reale con perdite): funzionamento sotto carico Il trasformat. non è più trasparente né alla pot. attiva, né a quella reattiva. La pot. attiva assorbita dal primario è la somma di quella trasferita al second. e delle predite nel ferro. Il rendimento è diverso da 1.

75 Riduzione della potenza reattiva Q e delle perdite nel ferro P fe Per ridurre Q occorre ridurre la riluttanza R, riducendo i traferri e aumentando la permeabilità. Per ridurre P fe si usano lamierini isolati laminati a freddo di ferro silicio. Tali lamierini sono anisotropi.

76 Nucleo magnetico

77 Modello 3 del trasformatore reale Avvolgimenti reali Accoppiamento non perfetto Ferro reale con perdite

78 Modello 3 (avvolgim. + accoppiam. magnet. reali, ferro senza perdite) Eq. di base nel dominio del tempo:

79 Modello 3 (avvolgim. + accoppiam. magnet. reali, ferro senza perdite) Eq. di base nel dominio dei fasori

80 Modello 3 (avvolgim. + accoppiam. magnet. reali, ferro senza perdite) LKT

81 Modello 1, rete equivalente del trasformat. reale sotto carico

82 Modello 3: rete equivalente (ferro senza perdite)

83 Modello 3: rete equivalente (ferro reale con perdite)

84 Modello 2: rete equivalente

85 Modello 3: rete equivalente (ferro reale con perdite)

86 Modello 3: rete equivalente a T Nel trasformatore ideale

87 Modello 3: rete equivalente a T

88 dove

89 Modello 3: rete equivalente a T Impedenze

90 Modello 3: deduzione rete equivalente a L LKT LKC

91 Modello 3: deduzione rete equivalente a L LKT dove

92 Modello 3: deduzione rete equivalente a L Trascurando

93 Bilancio delle potenze

94 Potenze Potenza assorbita Potenza utile

95 Invarianza delle potenze rispetto al lato del trasformatore Pot. Utile essendo

96 Funzionamenti a rendimento nullo Rendimento= = 0 se. se (funzionamento a vuoto) o se (funzionamento in corto circuito)

97 Prova a vuoto Schema di misura

98 Prova a vuoto; determinazione parametri verticali circuito ad L

99 Prova in corto circuito Schema di misura

100 Prova in corto circuito

101

102 Rendimento del trasformatore, determinazione diretta Inconvenienti Notevole influenza degli errori di misura dei wattmetri Difficile determinare la variabilità del rendimento con il carico

103 Rendimento convenzionale e sua determinazione indiretta Diversa formulazione del rendimento: La sua traduzione operativa comporta la determinazione di P ut, P fe e P cu. P utile ipotizzata e non misurata P fe e P cu misurate nelle prove a vuoto ed in corto circuito

104 Andamento del rendimento in funzione del carico Rendimento convenz. Se V 2 è supposta costante, trascurando le cadute di tensione, si ottiene il diagr. dove per I 2 = I 2p le perdite nel ferro e nel rame sono eguali

105 Rendimento in energia Ci si riferisce alle energie invece che alle potenze: essendo lenergia data da Ci riferisce ad un prefissato intervallo : si ha così il rendim. giornaliero, mensile, etc.

106 Rendimento in energia Se in il carico è costante ( e costanti): e i rendimenti in potenza ed energia sono eguali.

107 Rendimento giornaliero Se si esprime lenergia in Wh si ha:

108 Andamento del rendim. in energia in funzione del carico Landamento è analogo a quello del rendim. in potenza. Si ha il massimo quando len. persa nel ferro è eguale allen. persa nel rame per dato da:

109 Caduta di tensione Si definisce caduta di tensione la quantità:

110 Caduta di tensione: funzionamento a vuoto, trascurando la caduta di tensione dovuta a

111 Calcolo della caduta di tensione dove (conv.gener.) Dividendo per a dove

112 Calcolo approssimato della caduta di tensione FG perpendicolare a BG ΔV=BK, trascurando CK, ΔV=BC=BH+HC

113 Strutture Trasformatore monofase

114 Trasformatore monofase; nucleo magnetico a mantello

115

116 Trasformatore trifase, banco tri-monofase

117 Trasformatore trifase, connessione magnetica a stella

118 Trasformatore trifase, connessione magnetica a stella complanare

119

120 Trasformatore trifase

121 Trasformatore trifase, connessione magnetica a triangolo

122 Trasformatore trifase a cinque colonne


Scaricare ppt "TRASFORMATORE Versione aggiornata al 23 maggio 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google