La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Infermiere di famiglia Reggio Emilia 21 e 22 novembre Inf Cristina Pedroni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Infermiere di famiglia Reggio Emilia 21 e 22 novembre Inf Cristina Pedroni."— Transcript della presentazione:

1 1 Infermiere di famiglia Reggio Emilia 21 e 22 novembre Inf Cristina Pedroni

2 2 Infermiere: - di sanità pubblica - di comunità - di famiglia

3 3 Perchè un infermiere per la famiglia? Cambiamento del quadro epidemiologico delle malattie Approccio concettualle allilness e non al disease Modello di cura bio-psico-sociale

4 4 epidemiologia 80% persone con malattia cronica a gestione extra-ospedaliera 50% compliante alla cura

5 5 ….. condizione cronica le condizioni croniche includono secondo la classificazione dellOMS: - malattie non trasmissibili per contagio - malattie trasmissibili - malattie psichiatriche - menomazioni fisiche Quindi malattie croniche e altri stati di perdita della salute..ovvero le disabilità da danni di funzioni e strutture corporee OMS 2001

6 6 CONCETTO DI SALUTE ASSENZA DI MALATTIA Salute Malattia STATO DI COMPLETO BENESSERE PSICO-FISICO E SOCIALE… Sano Ammalato IL MIGLIOR ADATTAMENTO POSSIBILE……..AI CAMBIAMENTI DI SALUTE CONCETTO DI SALUTE POSSIBILE

7 7 CRONICITA E DOMANDA DI SALUTE MALATTIA ACUTA RESTITUZIO AD INTEGRUM MALATTIA CRONICA/DISABILITA SALUTE POSSIBILE

8 8 LA VITA SOTTO IL SEGNO DELLA MALATTIA CRONICA/DISABILITA, COME PUO ESSERE VIVIBILE? Qualità della vita Soggettività

9 9 Ilness/disease ilness come espressione della centralità del malato e della sua rete sociale di riferimento e delle modalità con cui essi percepiscono, definiscono, spiegano, valutano ed agiscono la malattia Giarelli 1998

10 10..la cultura della cronicità…. modelli culturali del curare (pensieri guida e prodotti attesi, destinatari, relazioni, comportamenti operativi e suddivisione del lavoro) paradigma bio-medico vs bio-psico-sociale Curare, prendersi cura, educare

11 11 Chi è linfermiere di famiglia? Un professionista che aiuterà gli individui ad adattarsi alla malattia/disabilità cronica o ai momenti di stress, trascorrendo buona parte del tempo a lavorare a domicilio dei pazienti e con le loro famiglie… OMS doc EUR/00/ /13

12 12 Chi è linfermiere di famiglia? Un professionista che esercita il suo ruolo di prevenzione, cura, riabilitazione e palliazione in base: - al suo profilo professionale - alladesione al patto infermiere-cittadino quindi allapproccio deontologico proposto dal codice

13 13 Linfermiere e la famiglia Accettare/sviluppare il cambio di prospettiva Sistema utente/famiglia Attuale modifica della famiglia Complessità della persona e delle relazioni fra questa ed il suo contesto Valorizzazione caregiver

14 14 Normativa di riferimento Dichiarazione di Alma Ata (ruolo degli operatori sanitari nelle famiglie e per le..) Carta di Ottawa (ruolo dellinf per perseguire salute per tutti PSN ed ultimo.. Salute 21 documento di politica sanitaria della regione europea dellOMS del 99

15 15 Linfermiere di famiglia nel contesto di salute 21 Scopi principali: - promuovere e proteggere la salute delle persone durante tutto larco della loro vita - ridurre lincidenza e la sofferenza causata dalle principali malattie e lesioni Valori etici: - la salute come diritto fondamentale - equità in salute - partecipazione e responsabilità dei singoli, dei gruppi e delle comunità..nello sviluppo della salute

16 16 Scenari assistenziali Per la specificità di intervento e delle garanzie importanti da fornire ai cittadini con le politiche sanitarie la figura dellinfermiere di famiglia si colloca allinterno del servizio pubblico oltre che in libera professione Svolge un ruolo fondamentale: costituisce la via dingresso per la famiglia verso lassistenza primaria

17 17 Competenze…. Identificare /valutare lo stato di salute degli individui e delle famiglie Prendere decisioni basate sui principi etici Progettare e fornire assistenza, nonché coordinarla se delegata Promuovere la salute Utilizzare e valutare diversi metodi di comunicazione-relazione Documentare la propria pratica

18 18 Competenze…. Gestire ed utilizzare informazioni basate sulla ricerca…e sullEBN Definire indicatori e standard per valutare lefficacia professionale Lavorare in autonomia-equipè-rete …….

19 19 Le competenze…. Assistenziali EDUCATIVE RELAZIONALI ETICHE GESTIONALI Care manager con orientamento allautocura

20 20 In italia….. Se ne parla da tempo, da quando lOMS incluse linfermiere di famiglia nei 21 obiettivi per la salute Inizia ad essere disponibile letteratura specifica In atto qualche sperimentazione in alcune città (Toscana, Romagna, Friuli) oltre al progetto TENN (programma Socrates/Erasmus)

21 21..verso unesperienza concreta Sviluppo del percorso formativo professionale Organizzazione del SSN ed aziendale Sviluppo percorsi di cura

22 22 Sviluppo del percorso formativo professionale Laurea in infermieristica 3 anni Laurea specialistica in scienze infermieristiche 2 anni Dottorato di ricerca 3 anni Master di primo livello 1 anno Master di secondo livello 1 anno

23 23

24 24 Organizzazione delle Cure Primarie DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Assistenza medica di base Assistenza pediatrica di base Assistenza pedatrica di comunità Assistenza specialistica extra-ospedaliera Assistenza domiciliare Assistenza consultoriale Assistenza sanitaria in regime residenziale o semiresidenziale per anziani o disabili Assistenza farmaceutica, secondo un processo integrato con il Dipartimento farmaceutico che assicura:

25 25 I NUCLEI CURE PRIMARIE Luoghi: dellintegrazione professionale e organizzativa dove possibile recuperare la storia della persona di progettualità integrata di ridefinizione e finalizzazione delle competenze individuali/professionali Medico ed infermiere perno della rete dei servizi

26 26 Assistenza Infermieristica allinterno dei dipartimenti cure primarie in ogni Distretto Servizio Infermieristico Domiciliare Residenze e Semiresidenze Gestite con personale infermieristico dipendente AUSL che afferisce al Responsabile Infermieristico Dipartimento Cure Primarie Distrettuale

27 27 Progetto: Percorsi di cura centrati sulla persona con problemi di cronicità

28 28 Questioni aperte…. Quale autonomia al di fuori della prescrizione medica? Esiste un ambito di autonomia? dove non è più possibile la clinica è ancora possibile lassistenza Allinfermiere viene attribuita una capacità diagnostica? La legittimazione professionale…da parte di altri professionisti e/o dei cittadini oppure interna alla professione?

29 29 Considerazioni finali La costituzione dellinfermiere di famiglia prende le mosse dalle modifiche attuali del sistema sanitario Valorizza gli aspetti di care direttamente collegati al miglioramento della QdV della persona Potrebbe rappresentare un elemento di connessione fra il sistema dellindividuo che vive lesperienza fenomenologica della malattia ed il sistema sanitario


Scaricare ppt "1 Infermiere di famiglia Reggio Emilia 21 e 22 novembre Inf Cristina Pedroni."

Presentazioni simili


Annunci Google