La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Una tabella di marcia per la parità tra donne e uomini 2006 - 2010 Comunicazione della Commissione al Consiglio, al parlamento europeo, al Comitato Economico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Una tabella di marcia per la parità tra donne e uomini 2006 - 2010 Comunicazione della Commissione al Consiglio, al parlamento europeo, al Comitato Economico."— Transcript della presentazione:

1 Una tabella di marcia per la parità tra donne e uomini Comunicazione della Commissione al Consiglio, al parlamento europeo, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni del

2 La tabella di marcia rappresenta limpegno della Commissione di portare avanti la parità tra donne e uomini rafforzando la collaborazione con gli Stati membri e con gli altri soggetti interessati. La tabella di marcia si basa sullesperienza della strategia quadro in tema di parità tra donne e uomini relativa al periodo e combina lavvio di nuovi interventi con il potenziamento delle attività che hanno avuto risultati positivi. Viene riaffermato il doppio approccio della parità tra i generi, basato sullintegrazione della dimensione di genere (la promozione della parità tra donne e uomini in tutte le politiche e le attività), e su provvedimenti specifici.

3 Sei ambiti prioritari dellazione dellUE in tema di parità tra i generi per il periodo Una pari indipendenza economica per le donne e gli uomini. Lequilibrio tra attività professionale e vita privata. La pari rappresentanza nel processo decisionale. Leliminazione di tutte le forme di violenza fondate sul genere. Leliminazione di stereotipi sessisti. La promozione della parità tra i generi nelle politiche esterne e di sviluppo. Per ciascun settore vengono indicati gli obiettivi e gli interventi prioritari.

4 Il contesto Numerose donne hanno raggiunto i più alti livelli distruzione, sono entrate nel mercato del lavoro e hanno svolto ruoli importanti nella vita pubblica. Tuttavia, le disuguaglianze rimangono e possono aggravarsi, poiché lincremento della concorrenza economica su scala mondiale richiede una forza lavoro più mobile e flessibile. Tali esigenze possono pregiudicare maggiormente le donne, spesso costrette a scegliere tra figli e carriera a causa della scarsa flessibilità degli orari di lavoro e dei servizi di custodia dei bambini, del persistere degli stereotipi di genere nonché dellineguale carico di responsabilità familiari rispetto agli uomini. I progressi compiuti dalle donne in settori chiave della strategia di Lisbona come listruzione e la ricerca, non si riflettono pienamente nella posizione delle donne nel mercato del lavoro. Si tratta di uno spreco di capitale umano che lUE non può permettersi. Nel contempo i tassi di natalità ridotti e lassottigliarsi della manodopera costituiscono una minaccia per il ruolo economico e politico dellUE.

5 1) Realizzare una pari indipendenza economica per le donne e gli uomini Obiettivi : Conseguire gli obiettivi di Lisbona in tema di occupazione Eliminare la disparità retributiva Le donne imprenditrici Parità tra donne e uomini nella protezione sociale e lotta contro la povertà Riconoscere la dimensione di genere nel settore sanitario Combattere la discriminazione multipla, in particolare nei confronti delle donne migranti e appartenenti a minoranze etniche

6 Interventi prioritari Monitorare e rafforzare lintegrazione della dimensione di genere: negli orientamenti integrati per la crescita e l'occupazione, nelle politiche sanitarie, attualizzando lanalisi della dimensione di genere nel settore sanitario; nelle attività relative allanno europeo delle pari opportunità per tutti (2007) e allanno europeo della lotta all'esclusione e alla povertà (2010); promuovendo lintegrazione della dimensione di genere e di provvedimenti specifici nella programmazione e nellattuazione dei nuovi Fondi strutturali il FEP e il FEASR ( ), controllare ed assicurare risorse adeguate al conseguimento della parità tra donne e uomini; nel quadro dellintegrazione dei cittadini di paesi terzi nellUnione europea e del piano dazione sullimmigrazione legale (FSE e progetto di Fondo europeo per lintegrazione dei cittadini di paesi terzi).

7 Promuovere limprenditorialità femminile e un contesto imprenditoriale favorevole alla creazione e allo sviluppo di imprese guidate da donne, nonché incoraggiare le iniziative di responsabilità sociale delle imprese in tema di parità tra donne e uomini.

8 2) Favorire lequilibrio tra attività professionale e vita familiare Obiettivi: Orari di lavoro flessibili per donne e uomini Aumentare i sevizi di custodia Migliori politiche di conciliazione tra lavoro e vita familiare per donne e uomini

9 Interventi prioritari Sostenere la realizzazione degli obiettivi di Barcellona relativi ai servizi di custodia per linfanzia e lo sviluppo di altri servizi di assistenza attraverso i Fondi strutturali e lo scambio di pratiche ottimali. Sostenere la ricerca sulle professioni del settore sanitario e sociale e collaborare con organizzazioni internazionali al fine di una migliore classificazione di tali professioni.

10 3) Promuovere la pari partecipazione delle donne e degli uomini al processo decisionale La partecipazione delle donne alla politica Le donne nel processo decisionale economico Le donne nella scienza e nella tecnologia

11 Interventi prioritari Monitorare e promuovere lintegrazione di genere: nella politica europea di ricerca, nel programma Istruzione e formazione 2010, promuovendo laccesso delle donne a carriere tecniche e scientifiche, conformemente allobiettivo europeo di stabilire lequilibrio tra i generi in questo settore, includendo la parità tra i generi come uno dei temi prioritari nellambito della cittadinanza attiva e mobilitando le reti esistenti, sostenendo attività di sensibilizzazione, lo scambio di pratiche ottimali, la ricerca e le reti.

12 4) Eliminare la violenza basata sul genere e la tratta di esseri umani Interventi prioritari: sistema di statistiche comparabili sul crimine, le vittime e la giustizia penale e controllo dei progressi, campagne di sensibilizzazione, sostegno alla formazione di reti, allo scambio di pratiche ottimali ed alla ricerca, attuazione di programmi desinati alle vittime, così come ai colpevoli (piani d'azione nazionali), reintegrazione nella società civile delle vittime della violenza e della tratta di esseri umani.

13 5) Eliminare gli stereotipi di genere nella società Obiettivi: Eliminare gli stereotipi di genere nellistruzione, nella formazione e nella cultura. Eliminazione degli stereotipi di genere nel mercato del lavoro (segregazione sia verticale che orizzontale). Eliminazione degli stereotipi di genere nei mezzi di comunicazione

14 Interventi prioritari Eliminare gli stereotipi di genere nellistruzione, nella cultura e nel mercato del lavoro promuovendo lintegrazione della dimensione di genere e interventi specifici in materia nel FSE, nei programmi sulle TIC e nei programmi educativi e culturali. Sostenere campagne di sensibilizzazione e scambi di pratiche ottimali su ruoli di genere non stereotipati presso scuole ed imprese e sviluppare il dialogo con i rappresentanti dei mezzi di comunicazione per promuovere unimmagine delle donne e degli uomini non stereotipata.

15 6) Promuovere la parità tra donne e uomini allesterno dellUE Applicazione della legislazione dellUE nei paesi in via di adesione, nei paesi candidati e potenzialmente candidati Promozione della parità tra i generi nella politica europea di buon vicinato (PEV) nonché nelle politiche esterne e di sviluppo

16 MIGLIORARE LA GOVERNANCE SULLA PARITÀ TRA I GENERI Per favorire i progressi indicati nella tabella di marcia occorre una goverrnance migliore a tutti i livelli: istituzionale, le parti sociali e società civile. Il patto europeo per la parità tra i generi dimostra limpegno degli Stati membri al più alto livello politico per intensificare gli sforzi volti allattuazione della parità tra donne e uomini in collaborazione con la Commissione. Il futuro Istituto europeo per luguaglianza di genere metterà a disposizione competenze per migliorare le conoscenze ed accrescere la visibilità nel settore della parità tra i generi. I Fondi strutturali, i programmi finanziari dei diversi ambiti politici e il futuro programma PROGRESS sosterranno lattuazione della presente tabella di marcia. Lapplicazione di metodologie in tema di parità tra donne e uomini, quali la valutazione dellimpatto rispetto al genere e il bilancio di genere (lintegrazione della prospettiva di genere nella procedura di bilancio) favorirà la parità tra donne e uomini e apporterà maggiori trasparenza e affidabilità.

17 Interventi prioritari Rafforzare le strutture. Potenziare la connessione in rete e il sostegno al dialogo sociale. Sostenere la valutazione dellimpatto rispetto al genere e il bilancio di genere. Potenziare lefficacia della legislazione. Controllo dei progressi.


Scaricare ppt "Una tabella di marcia per la parità tra donne e uomini 2006 - 2010 Comunicazione della Commissione al Consiglio, al parlamento europeo, al Comitato Economico."

Presentazioni simili


Annunci Google