La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO LOfertorio del Requiem di Marcel.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO LOfertorio del Requiem di Marcel."— Transcript della presentazione:

1

2 Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO LOfertorio del Requiem di Marcel Olm ci invita ad offrire il nostro morire quotidiano

3 2ª parte del Cammino: Il REGNO verso dove andiamo Lc 13,22 a 19,27 Introduzione -Bisogna entrarvi per la porta stretta (Dom 21) Gli invitati -Siamo invitati al Banchetto del Regno (Dom 22) -Portare la CROCE, condizione per entrarvi (Dom 23) -I PECCATORI vi entrano (Dom 24) Nuovi valori del regno - Valore del denaro in rapporto col Regno (Dom ) -Siamo servi inutili (Dom 27)

4 Via dolorosa Calvario Gesù continua a portare la Croce per le strade del mondo Portiamo la Croce con Lui? Non cliccare Síria

5 Lc 14,25-33 In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro: «Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo Ciascuno deve portare la propria croce (Via Dolorosa)

6 Egli è presente in ciascuno di noi Amare Gesù più che la propria famiglia è trovarlo in tutti loro

7 Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.

8 Ogni vita è segnata dallAMORE con il quale portiamo la croce I discepoli di Gesù la portano con eleganza (Cassià Just)

9 Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine?

10 Se calcoliamo le spese e le morti, non possiamo cadere in una altra guerra Oggi Gesù cadrebbe di nuovo (VII stazione, Gesù cade per 2a volta )

11 Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro.

12 Chi non sa soffrire, portando la croce, non serve per la costruzione (Torras i Bages) Per finire la costruzione del Regno bisogna AMORE incondizionato IX stazione

13 Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre laltro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.

14 Ogni angolo della vita ha le sue difficoltà Bisogna prevenirle, prima che sia tardi

15 Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».

16 Per essere discepoli suoi abbandonia- mo la nostra sorte nelle mani di Dio Nel Regno, perdere è GUADAGNARE Gioco della sorte dei soldati contro Gesù

17 Signore Gesù, vogliamo seguirti per la VIA dellAmore che perde la vita per ritrovarla

18


Scaricare ppt "Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO LOfertorio del Requiem di Marcel."

Presentazioni simili


Annunci Google