La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Comportamentismo A cura di Eleonora Bilotta. La scuola comportamentista I dubbi e le incongruenze metodologiche ravvisate dagli allievi di Wundt, furono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Comportamentismo A cura di Eleonora Bilotta. La scuola comportamentista I dubbi e le incongruenze metodologiche ravvisate dagli allievi di Wundt, furono."— Transcript della presentazione:

1 Il Comportamentismo A cura di Eleonora Bilotta

2 La scuola comportamentista I dubbi e le incongruenze metodologiche ravvisate dagli allievi di Wundt, furono condivisi anche da altri studiosi, in paesi diversi, che diedero origine ad una nuova scuola che si contrappose in modo feroce allo strutturalismo wundtiano, il comportamentismo. Gli iniziatori di questa nuova scuola sono il fisiologo russo I.P. Pavlov e lo psicologo statunitense J.B Watson. Questi autori sostennero che lo studio della coscienza era troppo legato alle impressioni soggettive e non suscettibile di verifica intersoggettiva. – Per cui era necessario abbandonare la metodologia dellintrospezione e cercare spiegazioni soltanto sui dati effettivamente osservati.

3 Pavlov Pavlov, che studiava infatti i riflessi dellapparato digerente, valutava soltanto i dati obiettivi, ovvero gli stimoli forniti dallo sperimentatore e le risposte manifeste del soggetto sottoposto allesperimento, non considerando affatto le impressioni soggettive dello stesso. Si consolidò in tal modo un modo di fare psicologia valutando soltanto i dati oggettivi, o psicologia senzanima, che, influenzata anche dalle idee evoluzionistiche di Darwin, si proponeva di individuare gli aspetti materiali del fenomeno psichico.

4 Ivan Pavlov

5 Il condizionamento classico

6 Cane di Pavlov

7 Esperimento di condizionamento

8 Oggetto di studio del comportamentismo Tale indirizzo di ricerca, detto comportamentismo o behaviorismo, fiorì soprattutto in America, grazie allopera di J.B Watson. Oggetto di studio del comportamentismo sono soltanto gli aspetti osservabili della psiche, ovvero i comportamenti: vengono tralasciati completamente gli aspetti introspettivi che sfuggono allosservatore e che non possono essere riprodotti e valutati obiettivamente.

9 Setting di condizionamento

10 Watson

11 Esperimenti di Watson

12 Conseguenze In tal modo un ampio settore della psicologia si avviò verso lo studio del comportamento manifesto e in particolare dellapprendimento, tralasciando gli stati intrapsichici e i tratti originali individuali, considerando che lindividuo fosse soltanto il prodotto dei condizionamenti ambientali.

13 Tavola riassuntiva del comportamentismo I postulati principali del comportamentismo sono: a)oggetto di osservazione e di studio deve essere il comportamento manifesto, essendo lesperienza conscia imprecisa e difficile da delimitare e descrivere in termini esatti; b)lintrospezione non è un metodo valido perché deve essere lo psicologo ad osservare e misurare le risposte del soggetto; c)lo studio dei fenomeni mentali (sensazioni, immagini, atti mentali) va rimpiazzato con lo studio del comportamento, che è osservabile in termini di connessioni fra stimoli (S) e risposte (R); d)ne deriva che sensazione, percezione e apprendimento vanno studiati analizzando le risposte specifiche a stimoli dati.

14 Skinner

15 Elementi della Skinner box

16 Skinner box

17 Topo nella Skinner box


Scaricare ppt "Il Comportamentismo A cura di Eleonora Bilotta. La scuola comportamentista I dubbi e le incongruenze metodologiche ravvisate dagli allievi di Wundt, furono."

Presentazioni simili


Annunci Google