La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistemi di Coordinate Astronomiche Luigi A. Smaldone Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Planetario di Caserta ovvero Orizzontarsi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistemi di Coordinate Astronomiche Luigi A. Smaldone Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Planetario di Caserta ovvero Orizzontarsi."— Transcript della presentazione:

1 Sistemi di Coordinate Astronomiche Luigi A. Smaldone Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Planetario di Caserta ovvero Orizzontarsi con la Trottola Terrestre

2 Obiettivi Ritrovare oggetti nel cielo Definire orientamenti sulla Terra Soluzione: Sistemi di riferimento

3 Fatto sperimentale Il cielo appare sempre diverso! Posizioni e moti dei corpi cambiano -ogni dì, nello stesso luogo - ogni notte, nello stesso luogo - luoghi diversi, cieli diversi!

4 Problema Fissare sistema di riferimento: - per seguire fenomeni - organizzare misure - costruire modelli esplicativi

5 La Trottola terrestre è la causa

6 Il Sistema Orizzontale Piano Principale: Orizzonte (del luogo) Asse Principale: Verticale (del luogo)

7 Il Sistema Orizzontale ( Schema ) h = altezza (in o, + e -) A = azimut (in o, da S verso W o E) h

8 Il Sistema Orizzontale ( Schema ) Cerchi verticali: cerchi massimi per Zenit Meridiano locale: cerchio verticale per Nord h

9 Sistema Orizzontale: pregi / difetti h = altezza (in o, + e -) A = azimut (in o, da S verso W o E) - molto intuitivo da capire - facile da usare - inutile! Perché….. ……. ogni notte lo stesso astro ha un posto diverso alla stessa ora

10 Il moto diurno (o notturno ?)

11 Il moto diurno (le scie) La traccia delle stelle

12 Il moto annuo

13 Moto diurno e Sistema Orizzontale

14 Il Sistema Equatoriale Piano Principale: Equatore (del luogo) Asse Principale: Parallelo asse rotazione

15 Il Sistema Equatoriale ( Schema ) δ=declinazione (in o, + e -) t=angolo orario (in hms, da M verso W)

16 Il Sistema Equatoriale ( Schema ) δ=declinazione t=angolo orario Cerchi orari: cerchi massimi per poli Meridiano locale: cerchio orario passante per Zenit Mezzocielo: intersezione meridiano locale con equatore

17 Latitudine astronomica:

18 Le stelle circumpolari: 90 o -δ φ Non sorgono mai: δ φ- 90 o Sorgono e tramontano: φ- 90 o <δ <90 o - φ

19 Il Sistema Equatoriale Locale δ=declinazione (in o, + e -) α=ascensione retta (in h m s, da verso E) t varia col luogo e col tempo! Occorre riferirsi ad un punto solidale con la sfera celeste: il punto !!

20 Come si vede il cielo al Polo ? Osservatore al Polo: si parla di Sfera Parallela Perché ?

21 Osservatore allequatore: si parla di Sfera Retta Perché ? Come si vede il cielo allEquatore ?

22 Il Sole strano: o δ o Dove e quando non tramonta mai ? Dove e quando si trova allo Zenit ? Vi dicono qualcosa: Circolo Polare Artico ed Antartico ? e Tropico del Cancro e Tropico del Capricorno ?

23 allequinozio di primavera Sole in Italia: allequinozio di primavera

24 al solstizio estivo Sole in Italia: al solstizio estivo

25 al solstizio invernale Sole in Italia: al solstizio invernale

26 allequinozio di primavera Sole allequatore: allequinozio di primavera

27 al solstizio estivo Sole allequatore: al solstizio estivo

28 al solstizio invernale Sole allequatore: al solstizio invernale

29 allequinozio di primavera Sole al Polo: allequinozio di primavera

30 il 30 marzo Sole al Polo: il 30 marzo

31 al solstizio estivo Sole al Polo: al solstizio estivo


Scaricare ppt "Sistemi di Coordinate Astronomiche Luigi A. Smaldone Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Planetario di Caserta ovvero Orizzontarsi."

Presentazioni simili


Annunci Google