La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GOTICO Larte dei barbari. Il termine Gotico (da Goti popolazione germanica quindi barbara) fu utilizzato nel XVI sec., con intento spregiativo per indicare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GOTICO Larte dei barbari. Il termine Gotico (da Goti popolazione germanica quindi barbara) fu utilizzato nel XVI sec., con intento spregiativo per indicare."— Transcript della presentazione:

1 GOTICO Larte dei barbari

2 Il termine Gotico (da Goti popolazione germanica quindi barbara) fu utilizzato nel XVI sec., con intento spregiativo per indicare la produzione artistica occidentale che va dalla tarda antichità fino al rinascimento. Solo allinizio dell800 si è cominciato a rivalutare larte gotica con i primi giudizi positivi. G OTICO : COSA E QUANDO Produzione artistica sviluppatasi tra il XII e il XV sec., con caratteri e stilemi comuni. Mentre tutti gli studiosi concordano sulla data di inizio del gotico, maggiori perplessità si hanno rispetto alla fine di tale produzione artistica. (In Italia a cavallo tra 300 e 400; al di là delle alpi perdurò fino allinizio del XVI sec. con le manifestazioni artistiche del Gotico Internazionale G OTICO : DOVE E COME SI SVILUPPA Nasce nella zona dellIle-de-France (tra Parigi e Orléans) e si diffonde con tempi e modalità diverse nel resto della Francia e poi nelle altre nazioni europee. Giunge con qualche ritardo in Italia. G OTICO : PERCHÉ NELL ILE. DE - FRANCE ? Favorevoli condizioni socio-economiche e politiche Prosperità economica (area ricca e commercialmente ben organizzata) Esplosione demografica Stabilità politica (potere della dinastia capetingia) Sviluppo di importanti centri culturali (Chartres e Parigi)

3 I LINGUAGGI DELL ARTE A RCHITETTURA A RTE GOTICA Lo sviluppo dellarchitettura è strettamente connesso al rifiorire delle città e al fermento religioso che interessò il Basso Medioevo. Allinterno delle attività legate allo sviluppo delle città tra XIII e XV sec. si costruiscono edifici religiosi e civili. Larchitettura religiosa è lambito artistico nel quale lo stile gotico conobbe le manifestazioni più significative. Gli edifici civili sedi delle istituzioni politico- amministrative hanno caratteristiche diverse a seconda della regione (nord Broletto; centro edifici con torre; sud castelli ) Si riprendono elementi già presenti nellarchitettura romanica ma vengono utilizzati in maniera completamente nuova. Strutture diventano esili e gli edifici si slanciano verso il cielo. La luce diventa un elemento importantissimo nella definizione dello spazio architettonico gotico.

4 C ATTEDRALE La cattedrale, simbolo indiscusso dellarchitettura gotica e centro fondamentale della vita cittadina, era lespressione massima della chiesa trionfante. Modello di partenza per tutte le cattedrali gotiche e la chiesa di Saint-Denis (Parigi) Pianta longitudinale, con tre o cinque navate, divise da esili pilastri a fascio uniti da archi a sesto acuto. Presenza del transetto (spostato verso lingresso), Labside è quasi sempre caratterizzato dalla presenza di numerose cappelle. La copertura è ottenuta da volte a crociera ogivali, rinforzate da contrafforti, archi rampanti e pinnacoli.

5 Elementi innovativi Accentuato verticalismo Uso dellarco a sesto acuto Uso della volta a crociera ogivale. Chiusura perimetrale con grandi vetrate e pareti sottili Presenza di guglie Torri campanarie addossate alla facciata Elementi ripresi dallarchitettura romanica Pilastri a fascio e cruciformi Contrafforti Archi rampanti Sculture utilizzate per la decorazione interna ed esterna C ATTEDRALE

6 I L GOTICO IN E UROPA E IN I TALIA Larchitettura gotica si è sviluppata nei diversi paesi europei in modo diverso essendo ogni paese caratterizzato da tradizioni e uso di materiali diversi. Nel nord Europa linfluenza francese è stata significativa in Italia la presenza di una tradizione troppo radicata ha determinato una rielaborazione del nuovo linguaggio ottenendo forme più temperate, composte ed equilibrate. La diffusione del nuovo stile in Italia si deve allopera dei monaci cistercensi (Abbazia di Fossanova) ma anche dei francescani (San Francesco ad Assisi) e dei domenicani.

7 I LINGUAGGI DELL ARTE S CULTURA A RTE GOTICA Strettamente dipendente dallarchitettura, come nel romanico, anche se le sculture e le decorazioni del gotico tendono a non far più corpo unico con larchitettura ma ad avere una forma autonoma. Come per larchitetture le maggiori novità vengono dalla Francia. Gli esempi più significativi si trovano allesterno delle cattedrali (Chartes, Reims) dove vengono decorati portali, rosoni e torri, e dove si afferma il tipo della statua colonna, molto allungata, caratterizzata da panneggi e da una maggiore espressività. In Italia la scultura riprende alcuni elementi stilistici francesi allungando le figure e utilizzando il linearismo dei panneggi per dare movimento ai corpi. Tuttavia, come succede in architettura, gli artisti italiani danno maggiore compostezza ed equilibrio alle figure come da tradizione classica. Utilizza una rappresentazione realistica della figura umana La tecnica usata è quella dellalto rilievo, ma si trovano anche statue a tutto tondo I soggetti sono essenzialmente religiosi (Antico e Nuovo Testamento) Maggiori scultori sono Benedetto Antelami, considerato lo scultore di passaggio tra romanico e gotico, attivo soprattutto al nord e Nicola Pisano e i suoi allievi al Sud. Pag ,

8 I LINGUAGGI DELL ARTE P ITTURA A RTE GOTICA La pittura Gotica si esprime con due diverse manifestazioni: Vetrate, in Francia e nel nord Europa Affreschi e pittura su tavola soprattutto in Italia Con la pittura Gotica si assiste al definitivo superamento dei modi bizantini per passare ad unarte che si fa interprete della realtà. La pittura Gotica come quella Romanica continua ad avere una funzione didattica. Le immagini, tratte da temi sacri, si distaccano dalla stilizzazione e dallappiattimento di derivazione bizantina per acquistare maggiore espressività e volume. Le figure diventano realistiche assumendo atteggiamenti e movimenti sciolti e naturali. Le scene hanno come sfondo il paesaggio e la natura pertanto richiamano ambientazioni realistiche e riconoscibili. Il maggiore pittore italiano di questo periodo è sicuramente Giotto, ma non bisogna dimenticare altri artisti, che operano soprattutto a Siena, come Duccio di Buoninsegna, Simone Martini, Pietro e Ambrogio Lorenzetti. Pag , ,

9 G IOTTO ( ): IL PITTORE DELLA MODERNITÀ Uomo con cui la storia dellarte comincia un capitolo nuovo cioè quella fatta di grandi artisti. Pittore della modernità che rinnova la pittura, ancora legata agli schemi greco - bizantini, in senso realistico e che rappresenta il punto di riferimento per la grande evoluzione artistica toscana che porta al Rinascimento. Pare che la sua formazione sia avvenuta a Firenze, dove arriva intorno al 1280, a contatto con il grande Cimabue. La sua attività a Firenze coincide con il grande fervore economico e culturale della città e con lascesa della ricca borghesia. … Intorno al 1285 è a Roma e qui apprende la monumentalità tipica dellarte classica Tra il 1290 e il 1300 è ad Assisi dove dipinge prima alcune scene con storie di Isacco e poi le Storie di San Francesco, uno dei capolavori dellarte italiana in cui si trovano gli elementi più importanti dellopera di Giotto: Luce utilizzata con effetti chiaroscuri Corpi solidamente costruiti Resa della realtà che pone attenzione alle espressioni dei volti e allaspetto psicologico Nuovo rapporto tra figure e spazio.

10 G IOTTO ( ): IL PITTORE DELLA MODERNITÀ Dopo i lavori di Assisi Giotto fu nuovamente a Roma invitato da papa Bonifacio VIII in occasione del Giubileo del 1300, di questo soggiorno non restano opere autografe. Oramai famoso viene chiamato a lavorare nellItalia del Nord: Rimini _ Croce dipinta del tempio Malatestiano _ Padova _ Ciclo di Affreschi della Cappella Scrovegni, opera massima della pittura trecentesca. La cappella è dedicata alla Madonna della Carità e fu costruita per volere di Enrico Scrovegni affianco al palazzo di famiglia per espiare le colpe del padre usuraio. Il tema trattato è quello della Redenzione dellumanità dal peccato che viene narrato con le storie di vita di San Gioacchino e SantAnna, della Vergine e di Gesù. Da sottolineare che in questi affreschi Giotto mette a punto la progettazione di uno spazio pittorico strettamente connesso allarchitettura e alla decorazione, precorrendo le ricerche prospettiche del 400. Altra opera emblematica è la tavola con la grande Maestà della Chiesa di Ognissanti a Firenze. Il tema e tradizionale ma anche qui si leggono grandi innovazioni già anticipate da Cimabue.


Scaricare ppt "GOTICO Larte dei barbari. Il termine Gotico (da Goti popolazione germanica quindi barbara) fu utilizzato nel XVI sec., con intento spregiativo per indicare."

Presentazioni simili


Annunci Google