La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Linee guida, progetto pedagogico e strumento di valutazione dei servizi. Piacenza, 22 settembre 2012 Secondo incontro del percorso di formativo rivolto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Linee guida, progetto pedagogico e strumento di valutazione dei servizi. Piacenza, 22 settembre 2012 Secondo incontro del percorso di formativo rivolto."— Transcript della presentazione:

1 Linee guida, progetto pedagogico e strumento di valutazione dei servizi. Piacenza, 22 settembre 2012 Secondo incontro del percorso di formativo rivolto agli operatori dei servizi per la prima infanzia Anno educativo 2012/2013 Provincia di Piacenza Settore sistema scolastico ed educativo.

2 La valutazione La valutazione rappresenta unattività strettamente legata alla progettazione, in quanto sostiene la revisione critica delloperatività educativa, lesplicitazione e la condivisione sociale dei significati e lapprendimento riflessivo dalle pratiche.

3 La valutazione In questo senso la valutazione, qui intesa soprattutto come valutazione dei processi educativi, si caratterizza essenzialmente per la sua funzione formativa e per il suo carattere sistematico e continuativo; è volta ad alimentare una costante azione di ricerca allinterno del servizio promuovendo lincremento dei livelli di consapevolezza pedagogica, la coerenza delle azioni educative e il miglioramento concordato e progressivo delle stesse

4 La valutazione E importante definire le modalità, i tempi e gli strumenti di valutazione, nonché la documentazione e la condivisione del processo valutativo.

5 Qualità e valutazione La valutazione è una operazione concreta, ha finalità pratiche non intellettuali né di indagine teorica, il suo scopo fondamentale è lanalisi dello scarto tra ciò che ci si propone e ciò che si riesce a realizzare. Da questo scarto parte il processo di ripensamento, di riorganizzazione e di riprogettazione.

6 A cosa serve Da un lato serve a rendere trasparente, leggibile, prevedibile il servizio stesso, fornendo agli utenti ed alla comunità gli elementi per poterlo conoscere e scegliere. Dallaltro ha lo scopo di fornire indicazioni, riflessioni al personale per comprendere i processi e gli sviluppi professionali e pertanto ha valenza altamente formativa.

7 La valutazione come formazione La valutazione ha lintento di svelare, rendere espliciti, dichiarare i significati / i valori educativi di fondo perché possano essere chiaramente e consapevolmente letti, riconosciuti e condivisi, mettendo in relazione congruente ciò che ci si prefigge di fare con ciò che concretamente si riesce a realizzare. La valutazione è il frutto del confronto, dello scarto tra questi due piani, che induce il ripensamento ed il riposizionamento per incrementare la consapevolezza del gruppo di lavoro.

8 Autovalutazione ed eterovalutazione Per autovalutazione si intende il processo di riflessione interna al gruppo di lavoro definendo essenzialmente le funzioni formative e la promozione del decentramento ed autoregolamentazione della valutazione in unottica di responsabilità interna. Coinvolge pertanto il personale ed il coordinatore pedagogico del servizio ( 2012/13) Per eterovalutazione si intende lattribuzione a figure professionali esterne al gruppo di lavoro il processo di valutazione del servizio e dei suoi assi di qualità. Coinvolge i genitori ed i coordinatori pedagogici del CPP esterni al servizio.(2013/14)

9 Come si fa lautovalutazione Il Progetto Pedagogico del servizio deve individuare gli elementi di qualità che si intendono portare avanti e gli aspetti di miglioramento che si vogliono raggiungere, dichiarati al momento dellavvio del progetto, e con essi gli aspetti che sono oggetto di valutazione.

10 Passaggi indispensabili Gli scopi, le finalità ed i valori di riferimento sono chiaramente declinati e condivisi; È necessario che vengano scelti ed individuati in modo preciso e non troppo numerosi; La scelta dei valori deve essere congruente e compatibile con la struttura organizzativa del servizio e sostenibile nella pratica quotidiana; Occorre che vi sia un accordo ed un impegno di fondo di tutte le figure che concorrono allelaborazione del PP; È necessario che i traguardi auspicabili ed i risultati attesi vengano preventivamente concordati e definiti in modo chiaro ed univoco; Serve la definizione preventiva di strumenti di osservazione e valutazione; Il processo di valutazione non può essere una tantum o solamente conclusivo ma deve procedere costantemente con il lavoro di progettazione.

11 Cosa si valuta Non si valutano i Valori ma lo scarto tra le dichiarazioni valoriali e le pratiche educative. La valutazione si concentra sulla coerenza tra quanto detto nelle finalità del PP e la sua realizzazione concreta. Dai valori si desumono i criteri di qualità e dai criteri i descrittori di valutazione.

12 Indicatori e descrittori Indicatore – è una variabile che, misurata, dà informazioni su un particolare fenomeno o situazione. Il termine "indicatore" fa riferimento ad un dato numerico che possiede un alto contenuto informativo e che ha la funzione di mettere in evidenza ("dare indicazioni") in forma estremamente sintetica una determinata situazione; ad esempio, in relazione alla qualità del nido, un indicatore potrebbe essere il numero medio di bambini per educatore. Gli indicatori devono rispettare alcuni requisiti di ordine metodologico e di natura concettuale, in particolare devono essere rilevanti, cioè misurare una caratteristica importante della situazione che si vuole esaminare. Descrittore – quando la dimensione dellindagine è qualitativa, al termine indicatore è più opportuno sostituire quello di descrittore. In questo caso ci si riferisce, infatti, ad una descrizione (basata sulluso del codice alfabetico) di caratteristiche o di proprietà che hanno la capacità di rappresentare una determinata situazione (Cecconi, 2001); esempi di descrittori sono le diverse voci che compongono le scale di valutazione della qualità educativa del nido.

13 Dimensioni e Criteri Dimensioni: scansione analitica per individuare gli elementi significativi delloggetto da valutare. Criteri: rappresentano le idee, gli aspetti di qualità ritenuti irrinunciabili e centrali per il servizio.

14 Dimensioni e sottodimensioni Organizzazione del contesto educativo. Relazioni e partecipazione delle famiglie e col territorio Funzionamento del gruppo di lavoro Spazi, tempi, relazioni, proposte educative.

15 Un esempio di criteri e descrittori CRITERIO Partecipazione delle famiglie DESCRITTORI Si realizzano occasioni di incontro formali ed informali tra bambini, genitori e personale. I momenti di partecipazione sono organizzati secondo tempi e modalità che favoriscano la partecipazione delle famiglie. Il personale dedica specifici momenti di presentazione del Progetto Pedagogico del Servizio.

16 Un esempio di criteri e descrittori CRITERI PREVEDIBILITA \ RICONOSCIBILITA DEI TEMPI DESCRITTORI I tempi, in particolare durante il periodo dellinserimento, vengono organizzati per facilitare ladeguamento lento e personalizzato dei ritmi dei bambini a quelli dellistituzione. Si informano i genitori sui significati delle ritualità e sulla scansione della giornata al nido. Il personale per scandire i tempi della giornata utilizza ritualità che si evolvono con i bisogni e le competenze dei bambini.

17 Strumento di rilevazione del giudizio La valutazione della qualità viene elaborata a partire dalle dimensioni e dai criteri scelti dal gruppo di lavoro, declinati operativamente con i descrittori di qualità. Tuttavia occorre definire anche le modalità di assegnazione del giudizio in riferimento ai descrittori individuati. Ad ogni descrittore deve infatti corrispondere una valutazione in termini di riscontro di grado di qualità della realtà osservata.

18 Ipotesi strumento Nella fase di sperimentazione il CPP sceglie di proporre un modello semplificato al fine di verificare lefficacia e la pertinenza dello strumento utilizzato, andando in particolare a leggere le fonti disponibili per supportare lattribuzione del giudizio. PER NIENTE POCO ABBASTANZA MOLTO

19 Le fonti Occorre inoltre indicare quali siano le fonti da cui si desumono le informazioni per attribuire il giudizio, es: Osservazioni, Documenti e verbali, Contesto ecc

20 Report di valutazione del servizio realizzato dal C.P. sintesi storia e descrizione di contesto del servizio, descrizione dell articolazione del processo di autovalutazione, messa in evidenza delle convergenze e divergenze di valutazione del personale, messa in evidenza degli aspetti motivazionali sollevati dal processo di autovalutazione, resistenze, problematiche emerse,coinvolgimento e discussione del gruppo, individuazione dei rilanci e delle priorità di intervento individuate per i progetti di miglioramento descrizione tempi, personale coinvolto, fonti ecc osservazioni di ogni educatore, osservazioni del coordinatore, momenti di lettura e discussione dei dati con il gruppo di lavoro, incontri di sintesi per trovare interpretazioni comuni ed individuazione di direzioni di sviluppo

21 Report di valutazione del CPP Finalizzato a raccogliere i rapporti di valutazione dei singoli servizi Resoconto dei processi di analisi dei dati per individuare aspetti di miglioramento da riprogettare e sostenere ulteriormente. Individua le priorità di intervento ed il piano formativo necessario per il miglioramento degli aspetti di qualità.

22 Conclusioni Nel corso dellanno dovremo sperimentare la fattibilità e la sostenibilità del nostro PP e dello strumento di valutazione, Individuare gli aspetti da modificare e convalidare in CPP le modifiche, Ipotizzare un sistema di eterovalutazione da sperimentare nel 2013\14, Realizzare un nuovo piano formativo per supportare questi obiettivi.


Scaricare ppt "Linee guida, progetto pedagogico e strumento di valutazione dei servizi. Piacenza, 22 settembre 2012 Secondo incontro del percorso di formativo rivolto."

Presentazioni simili


Annunci Google