La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio 1 LA DIRETTIVA SUL RISPARMIO: IL RECEPIMENTO INTERNO E LE NOVITA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio 1 LA DIRETTIVA SUL RISPARMIO: IL RECEPIMENTO INTERNO E LE NOVITA."— Transcript della presentazione:

1 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio 1 LA DIRETTIVA SUL RISPARMIO: IL RECEPIMENTO INTERNO E LE NOVITA NEI RAPPORTI TRANSFRONTALIERI Gli strumenti finanziari tra applicazione della direttiva e delle norme interne: ipotesi di contrasto

2 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio2 NOZIONE DI INTERESSE Per interesse si intende il pagamento derivante da crediti di ogni tipo (assistiti o meno da garanzie reali o personali) portanti o meno diritti di partecipazione agli utili del debitore La nozione deve essere intesa in modo corrispondente a quella prevista dal modello OCSE contro le doppie imposizioni (Relazione Commissione). Il commentario al modello OCSE chiarisce che la perifrasi utilizzata è esaustiva e deve essere mantenuta il più possibile indipendente dalle legislazioni locali.

3 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio3 NOZIONE DI INTERESSE la direttiva va interpretata alla luce del commentario OCSE le norme convenzionali potrebbero derogare rispetto alle previsioni del modello OCSE (come accade nel caso italiano che tanto per i dividendi quanto per gli interessi prevede di attenersi alle disposizioni interne del Paese della fonte) la direttiva 48 è vincolante per il legislatore interno al contrario della direttiva 49

4 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio4 NOZIONE DI INTERESSE Per lOCSE la distinzione tra interessi e dividendi si fonda sulla partecipazione al rischio del capitale messo a disposizione. Il commentario al modello OCSE propone di analizzare i seguenti punti per distinguere gli interessi e i dividendi: se trattasi o meno di un redeemable asset; se il creditore partecipa ad ogni tipo di profitto aziendale; se la restituzione dellapporto è o meno subordinata al pagamento degli altri debiti o/e dei dividendi; se il livello della remunerazione dipende dal livello dei profitti della società; se non vi sono previsione sui tempi di restituzione dellapporto.

5 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio5 DEFINIZIONE DI STRUMENTO FINANZIARIO Codice civile: Art. 2346: strumenti finanziari il cui apporto è costituito da beni o servizi forniti di diritti patrimoniali o anche di diritti amministrativi, escluso il voto nell'assemblea generale degli azionistiArt. 2346: strumenti finanziari il cui apporto è costituito da beni o servizi forniti di diritti patrimoniali o anche di diritti amministrativi, escluso il voto nell'assemblea generale degli azionisti. TUIF (art. 1, comma 2 D. Lgs 58/98): Per "strumenti finanziari" si intendono: a) …titoli rappresentativi di capitale di rischio ….; b) … titoli di debito negoziabili …..; b bis) gli strumenti finanziari … previsti dal codice civile; I derivati ("futures, swaps, options, pct su strumenti finanziari, su tassi di interesse, su valute, su merci e sui relativi indici, anche quando l'esecuzione avvenga attraverso il pagamento di differenziali in contanti; j) le combinazioni di contratti o di titoli indicati nelle precedenti lettere Art. 2411: strumenti finanziari, comunque denominati, che condizionano i tempi e l'entità del rimborso del capitale all'andamento economico della società Art. 2349: strumenti finanziari assegnati ai prestatori di lavoro dipendenti della società o di società controllate forniti di diritti patrimoniali o anche di diritti amministrativi, escluso il voto nell'assemblea generale degli azionisti Art ter: strumenti finanziari di partecipazione all'affare (patrimonio destinato) Art decies: finanziamento destinato ad uno specifico affare (?) Lo IAS 32 definisce lo strumento finanziario come qualsiasi contratto che dia origine a unattività finanziaria per una entità e una correlativa passività finanziaria o uno strumento rappresentativo di capitale per unaltra entità Una attività finanziaria è qualsiasi attività che sia (b) uno strumento rappresentativo di capitale per unaltra entità (c) un diritto contrattuale: …

6 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio6 DEFINIZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NEL TUIR NEL TUIR Ai fini delle imposte sui redditi (art. 44 comma 2 lett a): Ai fini delle imposte sui redditi (art. 44 comma 2 lett a): a) si considerano similari alle azioni, i titoli e gli strumenti finanziari la cui remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente o di altre società appartenenti allo stesso gruppo o dell'affare in relazione al quale i titoli e gli strumenti finanziari sono stati emessi; a) si considerano similari alle azioni, i titoli e gli strumenti finanziari la cui remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente o di altre società appartenenti allo stesso gruppo o dell'affare in relazione al quale i titoli e gli strumenti finanziari sono stati emessi;

7 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio7 STRUMENTI FINANZIARI In particolare la normativa interna dovrebbe essere interpretata nel senso che se la partecipazione agli utili è determinata in funzione di un rapporto ad una misura dei ricavi (o altro indice non direttamente collegato agli utili) la remunerazione è deducibile, altrimenti non lo è e si applicano le norme sui dividendi. In particolare la normativa interna dovrebbe essere interpretata nel senso che se la partecipazione agli utili è determinata in funzione di un rapporto ad una misura dei ricavi (o altro indice non direttamente collegato agli utili) la remunerazione è deducibile, altrimenti non lo è e si applicano le norme sui dividendi. le norme comunitarie dovrebbero essere interpretate nel senso che si tratta sempre di interessi (se il credito da cui nasce linteresse non partecipa al rischio aziendale). le norme comunitarie dovrebbero essere interpretate nel senso che si tratta sempre di interessi (se il credito da cui nasce linteresse non partecipa al rischio aziendale). Si applicano le norme comunitarie. Si applicano le norme comunitarie.

8 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio8 DEFINIZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NEL TUIR Siccome la definizione di strumento finanziario similare alle azioni non è legato al rischio aziendale si può verificare che la norma interna consideri similare ai dividendi la remunerazione di uno strumento finanziario soggetto alla direttiva Siccome la definizione di strumento finanziario similare alle azioni non è legato al rischio aziendale si può verificare che la norma interna consideri similare ai dividendi la remunerazione di uno strumento finanziario soggetto alla direttiva Ciò capita se la remunerazione è legata ai risultati aziendali e non vi è partecipazione al rischio aziendale Ciò capita se la remunerazione è legata ai risultati aziendali e non vi è partecipazione al rischio aziendale

9 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio9 DEFINIZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NEL TUIR Decreto correttivo: si considerano similari alle azioni gli strumenti finanziari la cui remunerazione è indeducibile per lemittente non residente Decreto correttivo: si considerano similari alle azioni gli strumenti finanziari la cui remunerazione è indeducibile per lemittente non residente

10 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio10 Imposizione redditi da strumenti finanziari Remunerazione strumenti finanziari similari alle azioni (per i quali si applica la direttiva risparmio): Remunerazione strumenti finanziari similari alle azioni (per i quali si applica la direttiva risparmio): Residenti: tassazione sostitutiva del 12,5% (art. 27 DPR 600/73) Residenti: tassazione sostitutiva del 12,5% (art. 27 DPR 600/73) Non residenti: astrattamente applicabile lart. 27 DPR 600/73 ma trova applicazione la direttiva risparmio Non residenti: astrattamente applicabile lart. 27 DPR 600/73 ma trova applicazione la direttiva risparmio

11 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio11 DEFINIZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NEL TUIR Si considerano similari alle obbligazioni (art. 44 comma 2 lett c, n°2): Si considerano similari alle obbligazioni (art. 44 comma 2 lett c, n°2): 2) i titoli di massa che contengono l'obbligazione incondizionata di pagare alla scadenza una somma non inferiore a quella in essi indicata, con o senza la corresponsione di proventi periodici, e che non attribuiscono ai possessori alcun diritto di partecipazione diretta o indiretta alla gestione dell'impresa emittente o dell'affare in relazione al quale siano stati emessi, né di controllo sulla gestione stessa. 2) i titoli di massa che contengono l'obbligazione incondizionata di pagare alla scadenza una somma non inferiore a quella in essi indicata, con o senza la corresponsione di proventi periodici, e che non attribuiscono ai possessori alcun diritto di partecipazione diretta o indiretta alla gestione dell'impresa emittente o dell'affare in relazione al quale siano stati emessi, né di controllo sulla gestione stessa.

12 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio12 Imposizione redditi da strumenti finanziari Remunerazione strumenti finanziari similari alle obbligazioni (per i quali si applica la direttiva risparmio): Remunerazione strumenti finanziari similari alle obbligazioni (per i quali si applica la direttiva risparmio): Residenti: tassazione sostitutiva del 12,5% ovvero del 27% (art. 26, primo comma, DPR 600/73) Residenti: tassazione sostitutiva del 12,5% ovvero del 27% (art. 26, primo comma, DPR 600/73) Non residenti: astrattamente applicabile lart. 26, primo comma, DPR 600/73 ma trova applicazione la direttiva risparmio Non residenti: astrattamente applicabile lart. 26, primo comma, DPR 600/73 ma trova applicazione la direttiva risparmio

13 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio13 strumenti finanziari similari alle obbligazioni dei grandi emittenti In base al D.Lgs 239/96 non si applicano ritenute ed imposte sostitutive per non residenti In base al D.Lgs 239/96 non si applicano ritenute ed imposte sostitutive per non residenti sugli interessi ed altri proventi delle obbligazioni e titoli similari, emessi da enti pubblici, banche, da società per azioni con azioni negoziate in mercati regolamentati italiani e da enti pubblici economici trasformati in società per azioni in base a disposizione di legge, con esclusione delle cambiali finanziarie, se il paese di destinazione è inserito nella white list Le comunicazioni previste dalla direttiva si applicano? Le comunicazioni previste dalla direttiva si applicano? Le norme comunitarie prevalgono su quelle interne perché il paese della residenza ha diritto alla comunicazione? Le norme comunitarie prevalgono su quelle interne perché il paese della residenza ha diritto alla comunicazione? Attenzione ai soggetti destinatari delle due disposizioni Attenzione ai soggetti destinatari delle due disposizioni

14 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio14 DEFINIZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NEL TUIR Siccome la definizione di strumento finanziario similare alle obbligazioni non è legato al rischio aziendale si può verificare che la norma interna consideri similare alle obbligazioni la remunerazione di uno strumento finanziario non soggetto alla direttiva Siccome la definizione di strumento finanziario similare alle obbligazioni non è legato al rischio aziendale si può verificare che la norma interna consideri similare alle obbligazioni la remunerazione di uno strumento finanziario non soggetto alla direttiva Ciò capita se esiste una clausola di postergazione della restituzione del capitale Ciò capita se esiste una clausola di postergazione della restituzione del capitale

15 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio15 DEFINIZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NEL TUIR Esiste però un terzium genus di strumento finanziario: quello non similare alle azioni e alle obbligazioni come nel caso in cui: Esiste però un terzium genus di strumento finanziario: quello non similare alle azioni e alle obbligazioni come nel caso in cui: il titolo non sia di massa il titolo non sia di massa il titolo consente la partecipazione alla gestione o al controllo dellazienda (nomina di un amministratore ovvero di un revisore o sindaco o internal auditor) il titolo consente la partecipazione alla gestione o al controllo dellazienda (nomina di un amministratore ovvero di un revisore o sindaco o internal auditor) Lo strumento non sia cartolarizzato (se si accetta questa ipotesi) Lo strumento non sia cartolarizzato (se si accetta questa ipotesi)

16 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio16 DEFINIZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI NEL TUIR Siccome la categoria residuale di strumento finanziario non similare alle obbligazioni e alle azioni è tassata come reddito di capitale senza essere legata al rischio aziendale si può verificare che la norma interna tratti alla stregua di interessi la remunerazione di tali strumenti pur non soggetti alla direttiva Siccome la categoria residuale di strumento finanziario non similare alle obbligazioni e alle azioni è tassata come reddito di capitale senza essere legata al rischio aziendale si può verificare che la norma interna tratti alla stregua di interessi la remunerazione di tali strumenti pur non soggetti alla direttiva Ciò capita se esiste una clausola di postergazione della restituzione del capitale Ciò capita se esiste una clausola di postergazione della restituzione del capitale

17 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio17 Imposizione redditi da altri strumenti finanziari Titoli di massa Titoli di massa Residenti: tassazione sostitutiva del 27% (art. 5, del DL 512/83 conv. L 649/83) Residenti: tassazione sostitutiva del 27% (art. 5, del DL 512/83 conv. L 649/83) Non residenti: astrattamente applicabile tassazione sostitutiva del 27% (art. 5, del DL 512/83 conv. L 649/83) ma trova applicazione la direttiva risparmio Non residenti: astrattamente applicabile tassazione sostitutiva del 27% (art. 5, del DL 512/83 conv. L 649/83) ma trova applicazione la direttiva risparmio

18 ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio18 Imposizione redditi da altri strumenti finanziari Titoli individuali (diversi dalle accettazioni bancarie e cambiali finanziarie di cui allart. 11 del DL 512/83 conv. L 649/83) Titoli individuali (diversi dalle accettazioni bancarie e cambiali finanziarie di cui allart. 11 del DL 512/83 conv. L 649/83) Strumenti non cartolarizzati Strumenti non cartolarizzati Residenti: tassazione in dichiarazione con ritenuta dacconto del 12,5% (art. 26, comma 5, del DPR 600/73) Residenti: tassazione in dichiarazione con ritenuta dacconto del 12,5% (art. 26, comma 5, del DPR 600/73) Non residenti: astrattamente applicabile ritenuta dimposta del 12,5% (art. 26, comma 5, del DPR 600/73) ma trova applicazione la direttiva risparmio Non residenti: astrattamente applicabile ritenuta dimposta del 12,5% (art. 26, comma 5, del DPR 600/73) ma trova applicazione la direttiva risparmio


Scaricare ppt "ODC 23/11/05: la direttiva risparmio Gli strumenti finanziari e la direttiva risparmio 1 LA DIRETTIVA SUL RISPARMIO: IL RECEPIMENTO INTERNO E LE NOVITA."

Presentazioni simili


Annunci Google